Tutti d’accordo contro l’opzione militare, Pence abbassa i toni

Pubblicato il 14 agosto 2017 da redazione

 

Il presidente Usa, Donald Trump

 

CARACAS – Per una volta, tutti d’accordo. Governo e Opposizione hanno condannato senza pero e senza ma l’opzione militare, suggerita come una possibilità dal presidente nordamericano Donald Trump. La reazione alle dichiarazioni del presidente degli Stati Uniti è stata immediata.

Il ministro della Difesa, Vladimir Padrino Lòpez, a nome delle Forze Armate, ha dichiarato che quelle del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, sono “minacce grossolane”. E ha accusato il governo statunitense di voler appropriarsi delle ricchezze naturali del paese.

Il ministro ha assicurato che il presidente Trump agisce in combutta con il Segretario Generale dell’Organizzazione di Stati Americani, Luis Almagro; con i governi della regione che obiettano la leadership del presidente Maduro e con l’Opposizione venezuelana.

 

Cardinale Urosa Savino

 

Il Cardinale Jorge Urosa Savino è intervenuto nella polemica durante la messa celebrata per commemorare i 150 anni della Cattedrale di Caracas.

– Sono sicuro – ha detto dopo aver sottolineato una volta ancora quanto sia grave la crisi che vive il Paese – che tutti i vescovi del Venezuela sono d’accordo nel condannare ogni ingerenza militare straniera, come ad esempio la cubana che da anni è presente nel Paese. Non sono d’accordo con la minaccia di un intervento militare. E’ comunque necessario rilevare che la crisi del Paese è così grave che c’è chi pensa in una soluzione militare straniera. Siamo tutti noi, i venezuelani e in particolare il governo che l’ha creata, che dobbiamo risolvere la crisi.

Il governo del presidente Maduro, la cui popolarità è ai minimi storici e continua nella sua parabola discendente, ha colto l’occasione per promuovere una nuova manifestazione di piazza antimperialista. Il corteo si è snodato dall’Avenida Libertador all’Avenida Urdaneda, fino ad arrivare nei pressi di Miraflores, palazzo del Governo. Il presidente Maduro, da un palco improvvisato, si è rivolto ai presenti e ha sottolineato che il “Venezuela non obbedisce gli ordini dell’imperialismo”.

– Il Venezuela – ha tuonato cercando di far leva sui sentimenti nazionalisti dei venezuelani – è un popolo libero.

Diosdado Cabello, membro dell’Anc e vicepresidente del Psuv

Poco prima, quando ancora il corteo era nell’Avenida Libertador, Diosdado Cabello, membro della Assemblea Nazionale Costituente e vicepresidente del partito di governo, aveva dichiarato:

– Le minacce degli Stati Uniti non sono nuove. Sono 18 anni di complotti e cospirazioni per distruggere la rivoluzione. Noi esigiamo rispetto.

 

Anche il Tavolo dell’Unità Democratica, con il linguagio sobrio che gli è caratteristico ma che non lascia spazio a dubbi, si è manifestato contro qualunque possibile azione militare in territorio venezuelano. E ha accusato il presidente della Repubblica, Nicolàs Maduro, d’aver trasformato il Paese in una reale minaccia per la regione.

In un comunicato consegnato ai mass media e diffuso attraverso la rete, il Tavolo dell’Unità ha sottolineato che in Venezuela “l’unico cammino alla pace è la restituzione della democrazia” e ha condannato la svendita di attivi venezuelani.

“Non si può condannare una minaccia mentre si impoverisce il Paese con politiche orientate a svendere pezzi di attivi e ad abbandonare le frontiere come fatto con l’Esequibo” sottolinea l’alleanza eterogenea dell’Opposizione.

Quindi, niente “opzione militare” per affrontare il presidente Maduro. Lo chiedono anche i governi dell’America Latina che considerano un intervento armato un pericolo per la stabilità della regione. E Mike Pence, vicepresidente degli Stati Uniti, recepisce il messaggio e abbassa subito i toni.

Il presidente Santos con il vicepresidente Pence

Pence, che ha aperto in Colombia la sua prima tournée diplomatica nel continente latino-americano, ha incontrato il presidente colombiano Juan Manuel Santos. Alleato tradizionale di Washington, il capo dello Stato colombiano è stato molto chiaro nell’indicare a Pence che “la possibilità di un intervento militare in Venezuela non deve essere contemplata” perché “né la Colombia né l’America Latina, dal sud del Rio Grande alla Patagonia, la appoggerebbe”.

I governi di Perù, Cile e Messico, nonché i paesi del Mercosur (Argentina, Brasile, Paraguay e Uruguay), malgrado considerino illegittima l’Assamblea Costituente voluta dal presidente Maduro, si sono tutti dichiarati contrari all'”opzione militare” evocata da Donald Trump

Pence ha recepito il messaggio e, nonostante insista sul fatto che “non saremo testimoni di come il Venezuela affonda in una dittatura”, ha addolcito i toni della polemica e assicurato che “Trump è convinto che, lavorando insieme agli alleati in America Latina” si potrà trovare “una soluzione pacifica per la crisi che soffre il popolo venezuelano”.

Mentre il vicepresidente Usa prosegue la sua tournée – prossima tappa è l’Argentina, per poi proseguire verso Cile e Panama- a Caracas il Tavolo dell’Unità Democratica affronta uno dopo l’altro gli ostacoli che pone il governo lungo il suo cammino. Ultimo fra questi, almeno per il momento, il decreto approvato dalla Costituente all’unanimità. L’Assemblea ha infatti deciso di anticipare a ottobre la data delle elezioni regionali, previste per il prossimo dicembre.

L’anticipo del voto rappresenta un duro colpo al precario equilibrio del Tavolo dell’Unità Democratica. E’ un regalo avvelenato poichè si presenta disunita all’appuntamento con le urne. Frange estremiste dell’alleanza non sono d’accordo con l’idea di partecipare alle elezioni poiché non si fidano dell’arbitro. Il Consiglio Nazionale Elettorale, infatti, è stato più volte accusato di obbedire alle “dritte” provenienti da Miraflores.

Ultima ora

13:50Banche: governo chiede più tempo, slitta voto mozioni

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Il governo, con il sottosegretario Pier Paolo Baretta, chiede nell'Aula del Senato più tempo per tentare di arrivare ad "una soluzione più unitaria possibile" sulle banche. I presentatori delle mozioni che si sarebbero dovute votare oggi accolgono la richiesta, se è per arrivare, come dice Loredana De Petris, "ad uno sforzo di sintesi" e se si arriverà comunque al voto "entro la prossima settimana", come chiede uno dei firmatari, Andrea Augello. MdP che aveva annunciato il suo no alla mozione del Pd dice sì al rinvio, ma "a patto", sottolinea Cecilia Guerra, "che si arrivi ad una calendarizzazione della decisione per martedì prossimo". In Aula si è fatta sentire l'assenza dei senatori della Lega che hanno anche rinunciato ad illustrare la loro mozione.

13:44Migranti: Maroni, sindaci hanno ragione governo dia risposte

(ANSA) - MILANO, 19 SET - "Penso che abbiano ragione i sindaci, loro pongono il problema poi è il governo che deve dare una risposta". Così il governatore lombardo, Roberto Maroni, ha commentato la bocciatura da parte del prefetto di Milano Luciana Lamorgese delle ordinanze anti profughi emesse da alcuni sindaci del centrodestra e della Lega Nord in provincia di Milano. "Credo il governo dovrebbe dare ascolto ai sindaci che non protestano per partito preso ma perché è un problema grave che cade sulle loro spalle - ha aggiunto - senza che ci sia qualcuno che il problema glielo risolve". "Non si tratta spesso di profughi ma di clandestini che vengono messi lì così, senza una soluzione - ha concluso a margine dell'inaugurazione del primo flagship store Lavazza a Milano - È di questi giorni la notizia che sono ripresi gli sbarchi, l'idea che si fossero fermati era un'illusione".

13:42Juve:Allegri “scudetto a 90 punti,vincere con medio-piccole”

(ANSA) - TORINO, 19 SET - "Sicuramente serviranno 90 punti per vincere lo scudetto". E' la previsione di Massimiliano Allegri che invita la Juventus a non sottovalutare la Fiorentina. "Sarà importante vincere contro le cosiddette medio-piccole - osserva l'allenatore dei bianconeri, alla vigilia della sfida contro i viola -. E' la prima di tre partite che non possiamo e non dobbiamo sbagliare".

13:42Terremoto: domani Boschi inaugura nuova scuola Arquata

(ANSA) - ARQUATA DEL TRONTO (ASCOLI PICENO), 19 SET - Sarà il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi a inaugurare domani ad Arquata del Tronto la nuova scuola donata ai ragazzi del centro terremotato dalla Fondazione La Stampa-Specchio dei tempi. Alla cerimonia prenderanno parte anche la commissaria per la Ricostruzione Paola De Mcheli, il presidente della Fondazione Specchio dei Tempi Lodovico Passerin d'Entreves, e il direttore della Protezione civile nazionale Paolo Molinari. Il nuovo plesso scolastico è una struttura antisismica ed ecosostenibile che ospita la scuola di infanzia, le scuole elementari e le scuole medie. Intitolata dal Comune alla Fondazione Specchio dei tempi, è stata costruita in appena 4 mesi. La scuola è completamente cablata e dotata di attrezzature didattiche e tecnologiche avanzate. Sarà uno dei terminali del progetto "Connettiamo i bambini del mondo" lanciato dalla fondazione per favorire lo scambio di esperienze fra gli allievi di scuole italiane, nepalesi, cingalesi e birmane.

13:39Calcio: Allegri, stagione Juve passa da gestione partita

(ANSA) - TORINO, 19 SET - "La nostra stagione, e i nostri risultati, passano dalla gestione della partita". Così Massimiliano Allegri, alla vigilia dell'impegno casalingo della Juventus contro la Fiorentina. "A Reggio Emilia, contro il Sassuolo, abbiamo vissuto momenti simili a quelli di Barcellona - sostiene l'allenatore dei bianconeri -. Dopo 30' la squadra aveva giocato un bel calcio, creato, tirato in porta e segnato. Poi, ci sono anche gli avversari, dobbiamo capire che quando abbiamo perso il comando della partita ci si deve adeguare, gestire la fase difensiva e gli avversari non devono tirare. Questa è la cosa più importante in cui bisogna migliorare. Col Sassuolo può durare 5', col Barcellona 20'". "Da qui - ribadisce il tecnico livornese - passa tutta la stagione".

13:22Droga: madre preoccupata fa arrestare il figlio pusher

(ANSA) - MILANO, 19 SET - Preoccupata per la vita da pusher di suo figlio, una madre lo ha denunciato alla Polizia. E' accaduto a Milano, dove è stato arrestato per spaccio un 18enne trovato con 64 grammi di cocaina pura all'80% e tre ovuli di hashish dal peso di 18 grammi. La donna, ormai stanca della strada intrapresa dal ragazzo (già segnata da precedenti per droga), si è confidata con il dirigente del commissariato del suo quartiere, Quarto Oggiaro. Gli agenti hanno così scoperto la droga nella cantina del loro condominio, in via della Senna, e nella cassetta della posta. "E' una storia triste, per la madre è stato difficilissimo denunciare il proprio figlio - ha commentato il dirigente del commissariato - ma questa vicenda fa capire il dialogo che siamo riusciti a costruire tra la polizia e i cittadini. Un lavoro delicato soprattutto in una zona così difficile".

13:20Parlamento: vuoti i banchi Lega, al via “Aventino” Salvini

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Vuoti i banchi della Lega alla ripresa dei lavori parlamentari nelle Aule di Palazzo Madama e Montecitorio. Prende così il via "l'Aventino" del Carroccio annunciato ieri dal segretario Matteo Salvini per protestare contro la decisione dei magistrati di bloccare i fondi del partito nell'ambito dell'inchiesta sul tesoriere Belsito. "Non si chiama Aventino - dice però il leader del Carroccio Matteo Salvini -. Domani e giovedì avremo due giorni di lavoro nelle zone terremotate a cui parteciperò anche io. Considerato il programma ridicolo dei lavori parlamentari di questa settimana ed il trattamento che è stato fatto alla Lega, andiamo in mezzo alla gente. Speriamo - conclude - che entro la settimana il Tribunale riconsideri una sentenza palesemente ingiusta".

Archivio Ultima ora