Tutti d’accordo contro l’opzione militare, Pence abbassa i toni

Pubblicato il 14 agosto 2017 da redazione

 

Il presidente Usa, Donald Trump

 

CARACAS – Per una volta, tutti d’accordo. Governo e Opposizione hanno condannato senza pero e senza ma l’opzione militare, suggerita come una possibilità dal presidente nordamericano Donald Trump. La reazione alle dichiarazioni del presidente degli Stati Uniti è stata immediata.

Il ministro della Difesa, Vladimir Padrino Lòpez, a nome delle Forze Armate, ha dichiarato che quelle del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, sono “minacce grossolane”. E ha accusato il governo statunitense di voler appropriarsi delle ricchezze naturali del paese.

Il ministro ha assicurato che il presidente Trump agisce in combutta con il Segretario Generale dell’Organizzazione di Stati Americani, Luis Almagro; con i governi della regione che obiettano la leadership del presidente Maduro e con l’Opposizione venezuelana.

 

Cardinale Urosa Savino

 

Il Cardinale Jorge Urosa Savino è intervenuto nella polemica durante la messa celebrata per commemorare i 150 anni della Cattedrale di Caracas.

– Sono sicuro – ha detto dopo aver sottolineato una volta ancora quanto sia grave la crisi che vive il Paese – che tutti i vescovi del Venezuela sono d’accordo nel condannare ogni ingerenza militare straniera, come ad esempio la cubana che da anni è presente nel Paese. Non sono d’accordo con la minaccia di un intervento militare. E’ comunque necessario rilevare che la crisi del Paese è così grave che c’è chi pensa in una soluzione militare straniera. Siamo tutti noi, i venezuelani e in particolare il governo che l’ha creata, che dobbiamo risolvere la crisi.

Il governo del presidente Maduro, la cui popolarità è ai minimi storici e continua nella sua parabola discendente, ha colto l’occasione per promuovere una nuova manifestazione di piazza antimperialista. Il corteo si è snodato dall’Avenida Libertador all’Avenida Urdaneda, fino ad arrivare nei pressi di Miraflores, palazzo del Governo. Il presidente Maduro, da un palco improvvisato, si è rivolto ai presenti e ha sottolineato che il “Venezuela non obbedisce gli ordini dell’imperialismo”.

– Il Venezuela – ha tuonato cercando di far leva sui sentimenti nazionalisti dei venezuelani – è un popolo libero.

Diosdado Cabello, membro dell’Anc e vicepresidente del Psuv

Poco prima, quando ancora il corteo era nell’Avenida Libertador, Diosdado Cabello, membro della Assemblea Nazionale Costituente e vicepresidente del partito di governo, aveva dichiarato:

– Le minacce degli Stati Uniti non sono nuove. Sono 18 anni di complotti e cospirazioni per distruggere la rivoluzione. Noi esigiamo rispetto.

 

Anche il Tavolo dell’Unità Democratica, con il linguagio sobrio che gli è caratteristico ma che non lascia spazio a dubbi, si è manifestato contro qualunque possibile azione militare in territorio venezuelano. E ha accusato il presidente della Repubblica, Nicolàs Maduro, d’aver trasformato il Paese in una reale minaccia per la regione.

In un comunicato consegnato ai mass media e diffuso attraverso la rete, il Tavolo dell’Unità ha sottolineato che in Venezuela “l’unico cammino alla pace è la restituzione della democrazia” e ha condannato la svendita di attivi venezuelani.

“Non si può condannare una minaccia mentre si impoverisce il Paese con politiche orientate a svendere pezzi di attivi e ad abbandonare le frontiere come fatto con l’Esequibo” sottolinea l’alleanza eterogenea dell’Opposizione.

Quindi, niente “opzione militare” per affrontare il presidente Maduro. Lo chiedono anche i governi dell’America Latina che considerano un intervento armato un pericolo per la stabilità della regione. E Mike Pence, vicepresidente degli Stati Uniti, recepisce il messaggio e abbassa subito i toni.

Il presidente Santos con il vicepresidente Pence

Pence, che ha aperto in Colombia la sua prima tournée diplomatica nel continente latino-americano, ha incontrato il presidente colombiano Juan Manuel Santos. Alleato tradizionale di Washington, il capo dello Stato colombiano è stato molto chiaro nell’indicare a Pence che “la possibilità di un intervento militare in Venezuela non deve essere contemplata” perché “né la Colombia né l’America Latina, dal sud del Rio Grande alla Patagonia, la appoggerebbe”.

I governi di Perù, Cile e Messico, nonché i paesi del Mercosur (Argentina, Brasile, Paraguay e Uruguay), malgrado considerino illegittima l’Assamblea Costituente voluta dal presidente Maduro, si sono tutti dichiarati contrari all'”opzione militare” evocata da Donald Trump

Pence ha recepito il messaggio e, nonostante insista sul fatto che “non saremo testimoni di come il Venezuela affonda in una dittatura”, ha addolcito i toni della polemica e assicurato che “Trump è convinto che, lavorando insieme agli alleati in America Latina” si potrà trovare “una soluzione pacifica per la crisi che soffre il popolo venezuelano”.

Mentre il vicepresidente Usa prosegue la sua tournée – prossima tappa è l’Argentina, per poi proseguire verso Cile e Panama- a Caracas il Tavolo dell’Unità Democratica affronta uno dopo l’altro gli ostacoli che pone il governo lungo il suo cammino. Ultimo fra questi, almeno per il momento, il decreto approvato dalla Costituente all’unanimità. L’Assemblea ha infatti deciso di anticipare a ottobre la data delle elezioni regionali, previste per il prossimo dicembre.

L’anticipo del voto rappresenta un duro colpo al precario equilibrio del Tavolo dell’Unità Democratica. E’ un regalo avvelenato poichè si presenta disunita all’appuntamento con le urne. Frange estremiste dell’alleanza non sono d’accordo con l’idea di partecipare alle elezioni poiché non si fidano dell’arbitro. Il Consiglio Nazionale Elettorale, infatti, è stato più volte accusato di obbedire alle “dritte” provenienti da Miraflores.

Ultima ora

09:59Baby gang: due minori denunciati dalla Polizia a Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 18 GEN - La Polizia di Stato di Napoli ha individuato e denunciato due minori che la sera di domenica scorsa, nei pressi della stazione Policlinico della metropolitana, senza motivo, hanno insultato, aggredito e preso a pugni un sedicenne, Ciro, che riportò la rottura del setto nasale. Il giovane, intorno alle 21.30, insieme ad altri compagni, stava tornando a casa dopo una partita di calcetto. Alle forze dell'ordine riferì di essere stato avvicinato da un gruppo di ragazzi, di età compresa tra 16 e 18 anni, che non conosceva i quali prima hanno iniziato ad insultarlo, poi lo hanno colpito al volto con un pugno, rompendogli il naso. A seguito delle numerose aggressioni che si sono susseguite in città e in provincia il ministro dell'Interno, Marco Minniti, nel corso di una riunione in Prefettura, ha disposto una serie di iniziative per fronteggiare il fenomeno delle baby gang.

08:07Svezia: esplosione a Malmo, arrestati due sospetti

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Due giovani sui 20 anni sono stati arrestati a Malmo perchè sospettati dell'attentato avvenuto ieri sera ai danni di una stazione di polizia della cittadina svedese, che avrebbe avuto come obiettivo proprio le forze dell'ordine. Lo scoppio, fortissimo, sarebbe stato provocato, secondo gli ultimi accertamenti, da un oggetto esplosivo contenente trotile (simile al tritolo) e non da una bomba a mano come riferito in un primo momento. E' stato udito in tutta la città, e ha danneggiato l'ingresso della stazione di polizia di Rosengard, nel quartiere di Helsingborg, e alcune auto parcheggiate nelle vicinanze, senza causare danni alle persone. Gli arresti sono stati confermati da fonti della polizia, ma devono ancora essere convalidati. La polizia ritiene che il gesto intimidatorio fosse "direttamente indirizzato alla polizia e alla sua attività". Sarebbe quindi da far risalire alla criminalità comune e non a un atto terroristico

08:04Mo: attentato contro rabbino, uccisi 2 palestinesi

(ANSA) - TEL AVIV, 18 GEN - Al termine di un prolungato scontro a fuoco l'esercito israeliano ha ucciso la scorsa notte a Jenin (Cisgiordania) due palestinesi responsabili, secondo la versione ufficiale, della uccisione di un rabbino avvenuta una settimana fa. Uno di essi era figlio di un dirigente di Hamas. Lo riferisce la radio militare secondo cui altri membri della stessa cellula sono stati arrestati. Feriti due militari israeliani, uno dei quali versa in condizioni gravi.La radio militare ha precisato che nell' operazione un'unità di elite israeliana ha localizzato i ricercati in un edificio ed ha ingaggiato uno scontro a fuoco. Ma presto è stata circondata da centinaia di abitanti del rione che hanno scagliato contro i militari sassi ed altri oggetti. Di conseguenza altre unità dell'esercito hanno fatto ingresso a Jenin. L' operazione si è conclusa con la demolizione dell' edificio dove si nascondevano i ricercati palestinesi.

01:32Calcio: Chelsea soffre, col Norwich passa solo ai rigori

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Soffre il Chelsea di Conte in Fa Cup. Sono serviti i rigori ai Blues per decidere la gara con il Norwich e accedere al quarto turno della Coppa: avanti con Batshuayi a segno al 10' del secondo tempo, il Chelsea si fa acciuffare nel recupero subendo la rete di Lewis. Sull'1-1 anche dopo i tempi supplementari, la squadra di Conte dal dischetto però fa la differenza (5-3) e si guadagna seppure a fatica il passaggio di turno.

00:54Calcio: Messi sbaglia rigore, Barca cade in Coppa del Re

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Il Barcellona non è imbattibile. Con un gol di Melendo all'88' l'Espanyol si aggiudica il derby di Coppa del Re, valido per l'andata dei quarti di finale. Dopo aver dominato il match, i blaugrana si devono arrendere anche di fronte alla serata super del portiere dell'Espanyol, Diego Lopez, che para anche il rigore calciato da Lionel Messi. Tra una settimana al Camp Nou il ritorno che vale l'accesso alla semifinale.

00:30Calcio: Psg a valanga in Ligue1, Ranieri beffato al 95′

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Un Psg senza pietà liquida la pratica Digione (travolto 8-0 con) e mantiene a debita distanza (-11) il Lione da stasera secondo solitario in classifica dopo il successo per 2-0 sul campo del Guingamp e la frenata del Monaco, fermato ieri dal Nizza. Nella 21ma giornata di Ligue1, al Parco dei Principi è stata davvero una formalità per la squadra di Unay Emery, già sul 4-0 dopo il primo tempo, fa altrettanto nella ripresa chiudendo con otto reti: doppio Di Maria, Cavani (che tocca quota 156 ed eguaglia Ibrahimovic come miglior realizzatore nella storia del Psg), poker di Neymar, a segno anche Mbappe. Beffa in peno recupero invece per il Nantes di Claudio Ranieri, raggiunto sull'1-1 a Tolosa da un rigore di Gradel al 95'. In Classifica guida solitario il Psg con 56 punti, davanti a Lione (45), Marsiglia (44), Monaco (43) e Nantes (34).

00:09Parte un colpo di pistola, uccide la fidanzata

(ANSA) - VILLA D'ALME' (BERGAMO), 17 GEN - Una giovane donna è morta questa sera, uccisa da un colpo di pistola, pare sparato accidentalmente dal fidanzato, una guardia giurata. L'episodio nella casa di quest'ultimo, in via dei Mille a Villa d'Almè. In casa c'erano anche i genitori del ragazzo, tra cui il padre che è un carabiniere andato da poco in pensione. L'allarme è stato immediato, ma per la ragazza non c'era più nulla da fare. Le notizie sono ancora frammentarie: all'abitazione sono giunti i carabinieri della Scientifica e il pubblico ministero di turno, Maria Cristina Rota.

Archivio Ultima ora