Trump caccia Bannon, via lo stratega di estrema destra

Pubblicato il 18 agosto 2017 da ansa

Trump caccia Bannon, via lo stratega di estrema destra/ (Photo credit should read MANDEL NGAN/AFP/Getty Images)

NEW YORK. – Donald Trump ha cacciato Steve Bannon dalla Casa Bianca. La clamorosa decisione di allontanare uno dei suoi più fidati consiglieri, il controverso stratega legato agli ambienti dell’estrema destra, è arrivata nel bel mezzo della bufera che sta travolgendo il presidente americano, accusato di un atteggiamento troppo accondiscendente verso gruppi razzisti e anti-semiti come il KKK, i neo-nazisti e i suprematisti bianchi.

Ma a far infuriare il tycoon – secondo i retroscena dei media – sarebbe stata in realtà l’intervista in cui due giorni fa Bannon lo ha palesemente contraddetto sulla Corea del Nord, affermando che “non esiste nessuna soluzione militare alla crisi”. Grande imbarazzo, con il segretario di stato Rex Tillerson e il capo del Pentagono James Mattis costretti a correggere il tiro, e a ribadire con forza come gli Usa siano più che pronti ad un’azione di forza se il regime di Pyongyang dovesse insistere con le sue provocazioni.

Ma le urla rabbiose di Trump, nella sua residenza estiva in New Jersey, avevano già fatto capire a tutti che le ore di Bannon erano contate. Si chiude così una parabola che ha visto il responsabile della rivista ultraconservatrice Breitbart catapultato nello Studio Ovale come uno dei principali consiglieri del presidente americano. Il tutto in virtù di un forte legame di amicizia e di complicità col tycoon.

Una scelta però mai digerita dal partito repubblicano e all’interno dello stesso staff presidenziale, dove in molti (anche Ivanka Trump e il marito Jared Kushner) hanno sempre temuto l’eccessiva e negativa influenza di Bannon sul Commander in chief. L’ultimo braccio di ferro è stato quello con il consigliere economico della Casa Bianca Gary Cohn, l’ex di Goldman Sachs che i mercati temono possa abbandonare per sganciarsi da un presidente troppo ingombrante.

Per Wall Street è Cohn l’unica garanzia che l’agenda economica di Trump possa fare davvero dei passi concreti: dal taglio delle tasse, alla deregulation, al rilancio delle infrastrutture. Tutte promesse a cui la comunità economica e finanziaria americana ha creduto, con la Borsa di New York che dall’8 novembre scorso (la data dell’elezione del tycoon) è stata protagonista di una corsa da record.

Ora l’effetto Trump sembra svanire. Wall Street da giorni non vola più, e sembra aver voltato le spalle al presidente. Non si fida più di lui ed è spaventata dalla bufera che lo sta travolgendo e isolando sempre più: nel suo partito, nel mondo delle imprese e nell’opinione pubblica, anche tra molti di quelli che lo hanno votato.

L’uscita di Bannon fa tirare un piccolo sospiro di sollievo ai mercati, e Wall Street chiude la settimana recuperando una parte delle perdite subite col tonfo dei giorni scorsi. Lo spettro di un addio di Cohn sembra per ora allontanarsi. Anche perché – osservano alcuni commentatori – non è un segreto che Trump gli abbia promesso la presidenza della Bce dopo Janet Yellen, in uscita nel 2018.

Ma Cohn vuole lavorare senza più ostacoli provocati da una presidenza finora improntata sull’improvvisazione. Con l’obiettivo di portare a casa nel 2018 almeno l’annunciata ‘rivoluzione’ fiscale. Difficile che in vista delle elezioni di metà mandato qualcuno in Congresso si opponga a un massiccio taglio delle tasse. Ma oramai i repubblicani che vorrebbero staccare la spina al presidente non si contano più.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

19:11M5S: in programma governo manca il referendum sull’ euro

(ANSA) - PESCARA, 21 GEN - Manca il referendum sull'euro tra i 20 punti del programma di governo M5S. Luigi Di Maio, parlando del punto sull'Europa precisa invece che il M5S "non vuole rompere con l'Ue" ma, sul deficit, "vuole andare ai tavoli europei per chiedere ciò che altri Paesi hanno avuto" e poter fare "investimenti in deficit in settori ad alto moltiplicatore". "Ridurremo di 40 punti il rapporto tra debito pubblico e Pil", sottolinea Di Maio.

19:05Calcio: vento forte a Cagliari, ma gara col Milan si gioca

(ANSA) - CAGLIARI, 21 GEN - Fortissime raffiche di maestrale a Cagliari, ma la partita tra rossoblù e Milan si gioca lo stesso. Il primo ok è arrivato dopo il sopralluogo della questura per verificare la sussistenza delle condizioni di sicurezza per il pubblico della Sardegna Arena. Pochi minuti fa è arrivato anche il benestare tecnico della terna arbitrale. Anche perché il vento, che stamattina ha spazzato la città buttando giù anche diversi alberi, sta diminuendo di intensità.

19:05Di Maio, intercettazioni informatiche contro corruzione

(ANSA) - PESCARA, 21 GEN - "Riformiamo la prescrizione, con la sospensione dal primo grado di giudizio o dal rinvio a giudizio. Istituiamo il Daspo per corrotti: se sei corrotto non devi più avere a che fare con la Pubblica Amministrazione" e il M5S vuole inserire "agenti sotto copertura per i reati di corruzione e le intercettazioni informatiche con i virus trojan nei Pc e negli smartphone sempre per i reati di corruzione". Lo afferma il candidato premier M5S Luigi Di Maio parlando del programma di governo del movimento a Pescara.

18:58Di Maio, via Irap per Pmi, calo Irpef per ceto medio

(ANSA) - PESCARA, 21 GEN - "Eliminiamo i finanziamenti a pioggia alle Pmi che vanno sempre agli stessi e aboliamo l'Irap per loro". Lo afferma Luigi Di Maio presentando il punto sul fisco del programma del M5S. "Riduzione aliquote Irpef per ceto medio, no tax area fino a 10mila, manovra choc per Pmi con la riduzione del cuneo fiscale", sono altre priorità rimarcate da Di Maio che spiega: "il Made in Italy non potrà mai robotizzare i suoi artigiani. Se vogliamo salvare il Made in Italy va reso competitivo".

18:58Gentiloni, sì Spd per governo è passo avanti per futuro Ue

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Passa a maggioranza la proposta di Martin Schulz per concludere un accordo di grande coalizione. Un passo avanti per il futuro dell'Europa". Lo scrive su twitter il premier Paolo Gentiloni commentando il sì della Spd alla grande coalizione con la Merkel.

18:56Calcio: serie B, Brescia Avellino 2-3

(ANSA) - BRESCIA, 21 GEN - Gran colpo dell'Avellino che nel posticipo della 22/a giornata di serie B espugna il campo di Brescia al termine di una gara con cinque gol e continui cambi di scenario: finisce 3-2 per la squadra di Novellino. L'Avellino passa in vantaggio al 16': cross da sinistra di Bidaoui sul secondo palo dove è appostato Molina che non sbaglia. Il Brescia ribalta però la partita in un minuto: tra il 27' e il 28' ecco la doppietta di Torregrossa con il primo gol di testa, il secondo di destro potente. Non è tutto perchè nella ripresa c'è un altro colpo di scena: l'Avellino prima fa il 2-2 (all'8') con Castaldo e poi trova il vantaggio al 15' con Bidaoui. In entrambe le circostanze, pasticci della difesa di casa. L'Avellino sale a quota 28 punti, il Brescia resta a 23.

18:51Shutdown, Trump suggerisce cambio regole voto Senato

(ANSA) - WASHINGTON, 21 GEN - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump suggerisce che si cambino le regole di voto al Senato per superare l'impasse che ha portato allo shutdown dell'amministrazione federale. "Se l'impasse continua i repubblicani dovrebbero puntare al 51% (Opzione Nucleare) e votare per un vero e duraturo testo sul bilancio", ha scritto il presidente in un tweet. Le regole in vigore prevedono una 'supermaggioranza' di 60 voti su 100 al Senato per l'approvazione del provvedimento che finanzia il governo.

Archivio Ultima ora