Gentiloni: “Minaccia Isis anche su Italia, ma non cederemo”

Pubblicato il 21 agosto 2017 da ansa

Il premier Paolo Gentiloni al meeting di Comunione e Liberazione. ANSA/ FABRIZIO PETRANGELI

RIMINI. – L’Isis è stato sconfitto, ma nessun Paese, “neanche l’Italia”, può sentirsi al riparo dalla minaccia dei terroristi di matrice islamica. Al Meeting di Rimini, sua prima uscita dopo qualche giorno di ferie, Paolo Gentiloni invita a non abbassare la guardia e a stringersi attorno a chi ogni giorno e a tutti i livelli lavora per garantire al Paese quella sicurezza che consenta di non rinunciare alla nostra libertà ed al nostro modo di vivere. Poi promette una legge di Bilancio con incentivi stabili per la crescita ed i giovani che consenta una chiusura “ordinata” della legislatura.

Davanti ad oltre seimila militanti di Comunione e liberazione, il movimento ecclesiale fondato da don Giussani, che gli ha affidato l’apertura del 38/mo Meeting dell’Amicizia tra i popoli, il presidente del Consiglio rinnova la solidarietà da lui già manifestata, a Barcellona, “città splendida e amica”, “straziata” dal recente attacco terroristico. E ribadisce che sebbene Daesh “ha perso la sua partita fondamentale, quella di far diventare uno Stato la propria presenza terroristica”, “la sua minaccia continua e riguarda tutti”. Anche l’Italia, malgrado il premier sostenga di non credere “alla propaganda di alcuni siti islamici”.

A Rimini Gentiloni sceglie il linguaggio della chiarezza, e della concretezza. Non cerca l’applauso della platea, che pure arriva in segno di apprezzamento per l’atteggiamento scelto dal premier che piace a un gruppo il quale, sottolinea una dirigente, guarda alla politica con rispetto ed è alla ricerca di punti di riferimento in vista delle prossime elezioni.

E tiene il punto sui temi caldi, dall’immigrazione allo ius soli passando per le misure per la crescita concentrate soprattutto sui giovani (“con incentivi permanenti, stabili”), che caratterizzeranno i mesi da qui fino alla fine della legislatura, e rispetto a cui “la prossima legge di Bilancio sarà un passaggio chiave. Concluderla “in modo ordinato”, sottolinea, “è il compito che mi pongo e sul quale impegnerò tutto il governo”.

Restano, poi, i ‘temi caldi’, che caratterizzeranno la ripresa dopo la pausa estiva, su cui Gentiloni non molla. A partire dallo ius soli: “Il Governo non deve avere paura di riconoscere diritti e di chiedere rispetto dei doveri anche a chi in Italia è nato e studia nelle nostre scuole”, puntualizza. E poi, l’immigrazione: un fenomeno con cui “bisognerà fare i conti a lungo” e rispetto al quale, aggiunge, “chi semina odio e facili illusioni non farà un buon raccolto in un contesto di lunga durata”.

Sia chiaro poi che “il Governo italiano non accetta lezioni da nessuno in campo umanitario. Ha fatto bene Juncker a dire che l’Italia ha salvato l’onore dell’Ue, ma questo stesso Governo è anche quello che promuove le regole attraverso il codice di condotta delle Ong e contribuisce alla stabilizzazione della Libia. Si incominciano a intravedere risultati”.

Ma bisogna pensare al dopo rispetto all’approccio ad un fenomeno come quello delle migrazioni di cui, ricorda il premier, parlava persino Seneca: l’unica strada percorribile per Gentiloni è un multilateralismo che consenta al Mediterraneo ed all’Africa quello sviluppo auspicato da Paolo VI nella ‘Populorun Progressio’.

(dell’inviato Francesco Bongarrà/ANSA)

Ultima ora

18:13Elezioni: Katainen, spero in governo stabile filo Europa

(ANSA) - STRASBURGO, 16 GEN - "Vorrei evitare di interferire nella campagna elettorale italiana. E' una situazione molto delicata. Spero che l'Italia sia guidata da un governo stabile pro-europeo, e che questo tipo di idee siano sostenute dalla maggioranza degli italiani". Lo ha detto il commissario per il lavoro Jyrki Katainen rispondendo alle domande dei giornalisti sulle prossime elezioni in Italia oggi a Strasburgo. "Spetta agli italiani decidere che direzione prendere", ha aggiunto.

18:13Abusa di studentessa minorenne, arrestato

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Per due mesi ha abusato di una sua studentessa minorenne. Per questo oggi è stato arrestato dalla polizia un insegnante romano di 53 anni, in seguito alla denuncia dei genitori della ragazza. Dopo aver intercettato alcuni messaggi sul telefono della giovane, i due - insospettiti dallo strano comportamento a scuola e nei loro confronti - sono riusciti a scoprire che da due mesi loro figlia era vittima di abusi sessuali. Teatro della violenza un'aula dove il professore teneva lezioni private. A mettere fine agli abusi, gli agenti del commissariato Viminale, diretto da Giovanna Petrocca, che raccolta la denuncia di uno dei genitori hanno avviato le indagini insieme con la Procura di Roma. Su delega del sostituto procuratore Stefano Pizza, la giovane è stata ascoltata presso i locali della Procura, in audizione protetta.

18:11Calcio: Interr Ausilio a Barcellona per trattare Rafinha

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - Dopo l'arrivo in nerazzurro del difensore Lisandro Lopez, l'Inter lavora per rinforzare anche il centrocampo. Il direttore sportivo Piero Ausilio, in queste ore, è a colloquio col Barcellona per trattare il trasferimento di Rafinha. La formula sarebbe il prestito con diritto di riscatto e i due club stanno lavorando proprio per trovare un accordo sulla cifra dell'opzione per l'eventuale acquisizione a titolo definitivo a giugno. Il brasiliano, che non gioca dall'aprile 2017 per un infortunio al menisco, sarebbe deciso a vestire la maglia nerazzurra. In caso di fumata bianca, sarebbe il secondo rinforzo per l'Inter nel mercato di gennaio dopo Lisandro Lopez che ieri ha firmato il contratto e svolto il primo allenamento con i nuovi compagni di squadra. Il difensore argentino sarà presentato ai tifosi con una diretta social, come avvenuto anche con gli ultimi acquisti del club nerazzurro, probabilmente nella giornata di giovedì.

18:10Timmermans a Fontana, vero pericolo è esclusione altri

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Dobbiamo proteggere i valori che condividiamo da europei: siamo tutti uguali, non dipende dalla razza o dalla religione. Credo che il pericolo per l'Europa non venga da altri paesi o altre religioni, ma dalla paura che ispira troppo spesso l'esclusione degli altri". Così il vicepresidente della Commissione Ue Frans Timmermans, oggi a Strasburgo commenta le dichiarazioni del leghista Fontana sui migranti.

18:05Moscovici: Di Maio, si confronti con me, spiace ingerenza

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Chiedo un confronto pubblico a Moscovici, in quanto noi pensiamo che la ricetta di stare nei parametri non abbia funzionato, ma io non penso che debba aumentare il debito pubblico. Noi vogliamo fare investimenti in deficit ad alto moltiplicatore per ripagare il debito e, tra l'altro, Moscovici viene da una nazione che ha sforato il 3% per anni". Lo afferma il candidato premier M5S Luigi Di Maio a CorriereLive sottolineando come dall'Ue arrivi "un'ingerenza che un po' dispiace. E' successo sul referendum e non ha portato neanche bene".

18:04Calcio: Zamparini, anche il Napoli voleva Dybala

(ANSA) - PALERMO, 16 GEN - "Anche il Napoli voleva Dybala. I partenopei mi offrirono Jorginho più un'importante contropartita economica, 30 milioni circa. Ci stavo pensando ma la Juve è stata più brava e rapida a chiudere".Così il proprietario del Palermo, Maurizio Zamparini, a Radio Kiss Kiss. "Per Dybala quella di Napoli sarebbe stata la piazza perfetta. Torino non lo è anche perché è difficile che alla Juventus un calciatore diventi un idolo".E sulla lotta scudetto, Zamparini ha detto: "Prego per il Napoli, è arrivato il momento che la Juventus finisca di vincere. Gli azzurri però non devono avere l'ansia di dover vincere sempre". Una battuta anche sulle vicende politiche del calcio italiano. "Chi andrà a capo della Federcalcio - ha spiegato - non potrà cambiare nulla. Il nostro Paese è così, chi occupa la sedia vuole farlo sino alla morte Siamo un Paese senza cultura del calcio, i miglioramenti si fanno solo negli interessi dei grandi club e non abbiamo neanche l'umiltà di imparare da quelli che sono più avanti di noi".

18:01Lazio: Meloni, candidato?Stiamo lavorando,soluzione ad horas

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Ve la regaleremo nelle prossime ore. Stiamo lavorando molto con grande pazienza per avere l'unità della coalizione che per noi è la questione più importante di tutte perché per vincere c'è bisogno di questa unità". Così la leader Fdi Giorgia Meloni a Rtl 102.5.

Archivio Ultima ora