“J’accuse” di Ortega Díaz. Governo con le spalle al muro

Pubblicato il 23 agosto 2017 da Mauro Bafile

La Procuratrice Generale, Luisa Ortega Diaz

La Procuratrice Generale, Luisa Ortega Diaz

Un colpo maestro. Una mossa che colpisce con la violenza di uno tsunami la credibilità del “chavismo” che l’estinto presidente Chávez, a livello internazionale, era riuscito a costruire tassello su tassello con impegno e straordinaria abilità. La Procuratrice destituita dall’Assemblea Nazionale Costituente, Luisa Ortega Díaz, non ha perso tempo. E, fuggita all’estero per non essere arrestata e quindi azzittita, ha immediatamente ventilato pubblicamente casi di corruzione che coinvolgono il governo e alcuni personaggi di spicco del “chavismo”. Un assaggio, stando agli esperti in materia, poiché, se in una semplice polemica non si “sparano” mai tutte le cartucce d’un solo colpo, meno ancora si fa in una contesa in cui ci si gioca la propria libertà.
Pochi dubitano della veridicità delle denunce fatte dall’ex Procuratrice molto legata all’estinto Presidente Hugo Chávez. D’altronde, non ha mai rinnegato la sua fedeltà al “chavismo” e per anni è stata a capo dell’ufficio preposto a indagare su ogni denuncia. Fino all’ultimo giorno, quale responsabile del Ministero Pubblico, ha avuto tutti gli strumenti per svolgere indagini e raccogliere prove; prove che in alcuni casi ha tenuto gelosamente in cassaforte in attesa di usarle in sua difesa. Per i prossimi giorni, quindi, si attendono altri colpi di scena; centellinati, amministrati attentamente così da logorare la resistenza del governo del presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, e distruggere la popolarità di una “rivoluzione” nella quale la stragrande maggioranza dei venezuelani ha creduto e riposto speranze e illusioni.

Nicolás Maduro, presidente della Repubblica

La Procuratrice destituita Ortega Díaz, con le sue dichiarazioni al vetriolo, ha messo il governo con le spalle al muro. Ed è stata probabilmente costretta a giocare d’attacco dal governo stesso che, nel sollecitarne all’Interpol la cattura dopo averla accusata di corruzione, ha forse fatto precipitare gli avvenimenti. Gli analisti considerano che il governo lo avrebbe fatto per cercare di minimizzare i danni e forse nella speranza di riuscire a disattivare la “mina vagante” in cui si era trasformata la Procuratrice. Ma non pare esserci riuscito.
Forte delle offerte di asilo politico da parte di Colombia, Brasile e Stati Uniti, e spinta appunto dalle gestioni del governo presso l’Interpol, Luisa Ortega Díaz, fuggita dal Venezuela, si suppone che con un nutrito dossier sulle attività dei principali esponenti del “chavismo” e del “madurismo”, ha offerto un piccolo assaggio di quello che si potrebbe degustare nelle prossime settimane.
Stando a quanto denunciato per il momento, il presidente Maduro, il deputato e costituente Diosdado Cabello e il Procuratore “ad interim” designato dalla Costituente, sarebbero presumibilmente colpevoli ognuno di corruzione per milioni e milioni di dollari. Del presidente della Repubblica, l’ex Procuratrice ha sostenuto che sarebbe proprietario di un’azienda, la “Group Grand Limited” registrata a Hong Hong nel 2013, vincolata alla vendita di alimenti ai Clap. Per quel che riguarda invece il costituente Diosdado Cabello, la Procuratrice lo accusa di implicazioni nel caso Odebrecht, l’azienda brasiliana al centro di uno scandalo internazionale per corruzione. Tareck William Saab, attuale Procuratore “ad interim”, poi, – sempre stando a Luisa Ortega Díaz – sarebbe al centro di casi di corruzioni che coinvolgono la holding petrolifera nazionale. Insomma, le nubi all’orizzonte potrebbero trasformarsi in tempesta e la tempesta in un uragano forza 10.

Tareck William Saab, Procuratore Generale “ad interim”

Il blitz della Procuratrice destituita, pare fosse atteso dal governo che ha cercato di porvi rimedio, ma non dall’Opposizione. Questa, preoccupata dalle divisioni interne, distratta dalle prossime “primarie” per le regionali, pare sia stata colta impreparata. La prima reazione immediata, assai timida è arrivata, infatti, da Henrique Capriles Radonski, che ha applaudito l’intervento della Fiscale. Tutto qua. Poco per un’opposizione che si propone come alternativa al governo.
Si attendono, ora, le reazioni a livello internazionale. Il Paese non è nuovo alle denunce di corruzione o a casi eclatanti come quello dei “container” di alimenti abbandonati, di quintali e quintali di carne andati a male o di scorte di medicine distribuite con data di scadenza ormai superata. Ma erano fatti circoscritti al Paese. Le denunce della Procuratrice Ortega Díaz avranno senz’altro ripercussione a livello internazionale.
Il silenzio dei mass-media filo-governativi, l’autocensura cui si sono abituati i mezzi di comunicazione privati e ora la possibilità che l’Assemblea Nazionale Costituente, con la figura del “delitto di odio”, imponga provvedimenti orientati a controllare la rete, sicuramente minimizzeranno le ripercussioni e i danni che potrebbero arrecare le denunce della Procuratrice. Ma, oltre i confini, la credibilità del “chavismo” pare definitivamente incrinata e, con essa, scompare un’illusione.
Mauro Bafile

Ultima ora

01:12E.League: Montella, ora testa a rimonta Milan in campionato

(ANSA) - MILANO, 23 NOV - Conquistata la qualificazione ai sedicesimi di Europa League al primo posto del girone, Vincenzo Montella ora pensa alla rimonta che attende il Milan in Serie A. "E' stata una serata positiva, ora abbiamo più tempo per concentrarci meglio sul campionato dove dobbiamo necessariamente recuperare. La squadra vale più della classifica che ha", ha spiegato l'allenatore rossonero, convinto che la squadra "nelle ultime 4-5 partite abbia dimostrato una crescita". Dopo il 5-1 rifilato all'Austria Vienna, Montella ha sottolineato di avere apprezzato "che la squadra non si è fatta prendere dalla frenesia dopo lo svantaggio". Fra le note positive, la doppietta di André Silva, il primo nella storia rossonera a segnare otto gol in Europa League. "Sono felicissimo e spero di avere più opportunità, vedremo - ha detto il portoghese -. Pesa giocare poco in campionato? Per me è uguale. In Europa League, però, ho più opportunità, sono più concentrato e riesco a dare il meglio di me stesso, ma spero di giocare di più in Serie A".

01:09E.League: Gasperini, importante esserci anche nei 16/i

(ANSA) - LIVERPOOL, 23 NOV - "Sono molto contento per la felicità che ho visto sugli spalti, più di 3 mila a Liverpool e tanti anche a Reggio Emilia, sono contento per la famiglia Percassi: siamo dentro le coppe fino a febbraio, poi vedremo per il primo posto e il sorteggio". Gian Piero Gasperini è raggiante, dopo la cinquina all'Everton, che proietterebbe l'Atalanta al primo posto con un pari casalingo col Lione, ma intanto si gode la qualificazione negli ottavi di Europa League. "Cristante è in grande evoluzione dopo un po' di apprendistato, stavolta è partito forte e ha prospettive notevoli - spiega il tecnico nerazzurro soffermandosi sul migliore in campo -. Cornelius i ha dato tantissimo in un settore dove abbiamo bisogno di crescere. Rooney? Per me rimane un giocatore importante, tornerà sui suoi livelli abituali". Il 'Gasp' elogia i giovani: "Ne abbiamo alcuni che potranno diventare fondamentali anche per la Nazionale, ma non è che sarà per nostro merito che potrà rinascere tutto il calcio italiano".

00:32Calcio: Europa League, Milan e Atalanta a suon di cinquine

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Milan e Atalanta travolgono i rispettivi avversari e si qualificano per i sedicesimi di finale dell'Europa League. I rossoneri sono primi nel proprio girone (D), i bergamaschi devono aspettare l'ultima partita, in casa contro il Lione. Di 5-1 il successo della squadra di Montella in casa sull'Austria Vienna, andata in vantaggio con Monschein al 21'. Il pari è arrivato con 27' grazie a Ricardo Rodriguez, mentre Andrè Silva ha firmato il 2-1 al 36'. Il tris è arrivato al 42', grazie a Cutrone, lo stesso Silva ha calato il poker al 25' della ripresa e Cutrone ha realizzato anche nel finale. Stesso punteggio anche dell'Atalanta, 5-1, a Liverpool contro l'Everton (prima vittoria italiana a Goodison park). La squadra di Gasperini è andata avanti con una doppietta dell'ottimo Cristante (12' pt e 19' st) e, dopo il gol della bandiera di Ramirez al 26' st, è arrivato il tris di Gonens al 41'. Cornelius al 43' e al 49' st ha chiuso i conti. Da segnalare un errore dal dischetto di Gomez.

23:31Europa League: Lazio, Inzaghi “ko Nani unica nota stonata”

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Dopo la sconfitta nel derby, la Lazio non riesce a invertire la rotta e impatta sul Vitesse. Pareggio indolore, visto che i biancocelesti erano già qualificati da primi del girone: "Stasera con la classifica già raggiunta era più difficile, ma sono contento perché i ragazzi hanno saputo reagire. Ora ci prepariamo per giocare al meglio contro la Fiorentina", ha spiegato a caldo Simone Inzaghi, secondo il quale "l'unica nota stonata è l'infortunio di Nani". Il portoghese ha giocato circa un'ora senza incidere, poi si è arreso per un dolore alla coscia: "Sembrava tutto a posto e invece oggi si è fermato, peccato perché stava per entrare nei meccanismi. Speriamo di non perderlo per molto ma per un paio di settimane non sarà con noi".

22:58Flash mob precari ricerca, non uccideteci, assumeteci

(ANSA) - FIRENZE, 23 NOV - Uomini in abito e maschera bianca, in ginocchio a terra, simbolicamente uccisi con un colpo di pistola alla testa: questo il flash mob 'non sparate alla ricerca', portato 'in scena' nella centralissima piazza della Repubblica a Firenze dai precari di alcuni dei più importanti istituti del settore italiani, come Indire, Cnr, Iss, Ispra, Crea. Obiettivo della manifestazione, chiedere a Governo e Parlamento di avviare subito un percorso certo di stabilizzazione, "perché questa situazione anomala, che riguarda quasi 9000 persone in Italia, si concluda e possa finalmente iniziare un nuovo ciclo che indirizzi il Paese verso una visione più lungimirante per noi e per le generazioni che verranno. Non uccideteci, assumeteci", hanno spiegato oggi alcuni degli organizzatori della protesta. Solo l'Indire, racconta uno dei manifestanti, tra i suoi "400 lavoratori, tra ricercatori, collaboratori tecnici, amministrativi, ha solo il 30% degli addetti a tempo indeterminato. Gli altri collaboratori, ben 230 tra tempi determinati e cococo, nonostante anni di esperienza e idoneità in concorsi pubblici nazionali, sono rimasti fino ad oggi in una situazione di precariato che si fa sempre più instabile e fosca, mese dopo mese". (ANSA).

22:45Aggredita e palpeggiata da ragazzini tra 8 e 12 anni

(ANSA) - PALERMO, 23 NOV - A Palermo una giovane è stata aggredita da una mezza dozzina di ragazzini tra gli 8 e i 12 anni, secondo quanto lei stessa ha riferito alla polizia, mentre si trovava alla fermata del bus in via Basile, nei pressi dell'università. Accerchiata, è stata spintonata, palpeggiata e insultata; ha urlato, ma nessuno è arrivato in suo soccorso. Quando i ragazzini, forse per gli strepiti della giovane, sono fuggiti, la ragazza ha trovato riparo nell'edificio 19 nella cittadella universitaria, da dove ha chiamato gli agenti. L'aggressione è avvenuta quando stava cominciando a fare buio. La giovane, una studentessa, ha detto ai poliziotti che faceva avanti e indietro alla fermata, in attesa dell'autobus, quando i ragazzini (forse 8, secondo quanto la ragazza ha riferito agli agenti), l'hanno accerchiata e molestata. La vittima ha spiegato ai poliziotti di aver saputo di altre ragazze prese di mira dalla banda di ragazzini, sempre nella stessa zona.

22:35Calcio: Mirabelli,dubbi su Milan?Se ne scrive di ogni colore

(ANSA) - MILANO, 23 NOV - "Non è questione di dare una posizione ufficiale: dal pre-closing al closing a oggi se ne sentono e se ne scrivono di tutti i colori". Così il ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, a proposito dei dubbi sulla proprietà cinese sollevati dalla stampa, anche internazionale, e sull'intervista del presidente della Uefa, Aleksander Ceferin, che intervistato da Repubblica a proposito del voluntary agreement chiesto dal club si è detto "preoccupato". "Come ha twittato il presidente Berlusconi - ha continuato Mirabelli, poco prima della partita di Europa League contro l'Austria Vienna -, atteniamoci ai fatti e i fatti dicono che abbiamo una proprietà che fino ad adesso ha rispettato tutte le scadenze. Bando alle chiacchiere, pensiamo alle cose concrete. Abbiamo altro a cui pensare, abbiamo un problema diverso: dobbiamo metterci sul binario e fare cose importanti a livello sportivo".

Archivio Ultima ora