“J’accuse” di Ortega Díaz. Governo con le spalle al muro

Pubblicato il 23 agosto 2017 da Mauro Bafile

La Procuratrice Generale, Luisa Ortega Diaz

La Procuratrice Generale, Luisa Ortega Diaz

Un colpo maestro. Una mossa che colpisce con la violenza di uno tsunami la credibilità del “chavismo” che l’estinto presidente Chávez, a livello internazionale, era riuscito a costruire tassello su tassello con impegno e straordinaria abilità. La Procuratrice destituita dall’Assemblea Nazionale Costituente, Luisa Ortega Díaz, non ha perso tempo. E, fuggita all’estero per non essere arrestata e quindi azzittita, ha immediatamente ventilato pubblicamente casi di corruzione che coinvolgono il governo e alcuni personaggi di spicco del “chavismo”. Un assaggio, stando agli esperti in materia, poiché, se in una semplice polemica non si “sparano” mai tutte le cartucce d’un solo colpo, meno ancora si fa in una contesa in cui ci si gioca la propria libertà.
Pochi dubitano della veridicità delle denunce fatte dall’ex Procuratrice molto legata all’estinto Presidente Hugo Chávez. D’altronde, non ha mai rinnegato la sua fedeltà al “chavismo” e per anni è stata a capo dell’ufficio preposto a indagare su ogni denuncia. Fino all’ultimo giorno, quale responsabile del Ministero Pubblico, ha avuto tutti gli strumenti per svolgere indagini e raccogliere prove; prove che in alcuni casi ha tenuto gelosamente in cassaforte in attesa di usarle in sua difesa. Per i prossimi giorni, quindi, si attendono altri colpi di scena; centellinati, amministrati attentamente così da logorare la resistenza del governo del presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, e distruggere la popolarità di una “rivoluzione” nella quale la stragrande maggioranza dei venezuelani ha creduto e riposto speranze e illusioni.

Nicolás Maduro, presidente della Repubblica

La Procuratrice destituita Ortega Díaz, con le sue dichiarazioni al vetriolo, ha messo il governo con le spalle al muro. Ed è stata probabilmente costretta a giocare d’attacco dal governo stesso che, nel sollecitarne all’Interpol la cattura dopo averla accusata di corruzione, ha forse fatto precipitare gli avvenimenti. Gli analisti considerano che il governo lo avrebbe fatto per cercare di minimizzare i danni e forse nella speranza di riuscire a disattivare la “mina vagante” in cui si era trasformata la Procuratrice. Ma non pare esserci riuscito.
Forte delle offerte di asilo politico da parte di Colombia, Brasile e Stati Uniti, e spinta appunto dalle gestioni del governo presso l’Interpol, Luisa Ortega Díaz, fuggita dal Venezuela, si suppone che con un nutrito dossier sulle attività dei principali esponenti del “chavismo” e del “madurismo”, ha offerto un piccolo assaggio di quello che si potrebbe degustare nelle prossime settimane.
Stando a quanto denunciato per il momento, il presidente Maduro, il deputato e costituente Diosdado Cabello e il Procuratore “ad interim” designato dalla Costituente, sarebbero presumibilmente colpevoli ognuno di corruzione per milioni e milioni di dollari. Del presidente della Repubblica, l’ex Procuratrice ha sostenuto che sarebbe proprietario di un’azienda, la “Group Grand Limited” registrata a Hong Hong nel 2013, vincolata alla vendita di alimenti ai Clap. Per quel che riguarda invece il costituente Diosdado Cabello, la Procuratrice lo accusa di implicazioni nel caso Odebrecht, l’azienda brasiliana al centro di uno scandalo internazionale per corruzione. Tareck William Saab, attuale Procuratore “ad interim”, poi, – sempre stando a Luisa Ortega Díaz – sarebbe al centro di casi di corruzioni che coinvolgono la holding petrolifera nazionale. Insomma, le nubi all’orizzonte potrebbero trasformarsi in tempesta e la tempesta in un uragano forza 10.

Tareck William Saab, Procuratore Generale “ad interim”

Il blitz della Procuratrice destituita, pare fosse atteso dal governo che ha cercato di porvi rimedio, ma non dall’Opposizione. Questa, preoccupata dalle divisioni interne, distratta dalle prossime “primarie” per le regionali, pare sia stata colta impreparata. La prima reazione immediata, assai timida è arrivata, infatti, da Henrique Capriles Radonski, che ha applaudito l’intervento della Fiscale. Tutto qua. Poco per un’opposizione che si propone come alternativa al governo.
Si attendono, ora, le reazioni a livello internazionale. Il Paese non è nuovo alle denunce di corruzione o a casi eclatanti come quello dei “container” di alimenti abbandonati, di quintali e quintali di carne andati a male o di scorte di medicine distribuite con data di scadenza ormai superata. Ma erano fatti circoscritti al Paese. Le denunce della Procuratrice Ortega Díaz avranno senz’altro ripercussione a livello internazionale.
Il silenzio dei mass-media filo-governativi, l’autocensura cui si sono abituati i mezzi di comunicazione privati e ora la possibilità che l’Assemblea Nazionale Costituente, con la figura del “delitto di odio”, imponga provvedimenti orientati a controllare la rete, sicuramente minimizzeranno le ripercussioni e i danni che potrebbero arrecare le denunce della Procuratrice. Ma, oltre i confini, la credibilità del “chavismo” pare definitivamente incrinata e, con essa, scompare un’illusione.
Mauro Bafile

Ultima ora

00:28Calcio: harakiri il Real Madrid, 0-1 in casa contro il Betis

(ANSA) - ROMA, 20 SET - Il Real Madrid fa harakiri e perde al 94' in casa contro il Betis Siviglia, in gol con Sanabria, su servizio di Barragan, nel posticipo 5/a giornata della Liga. La sconfitta del Bernabeu fa sprofondare i 'blancos' a -7 dal Barcellona, che in classifica ha fatto percorso netto (cinque partite, cinque vittorie, 15 punti), e a -3 dai 'cugini' dell'Atletico Madrid, oggi vittoriosi nei Paesi Baschi, sull'Athletic Bilbao per 2-0. Malgrado il rientro di Cristiano Ronaldo, dopo la lunga squalifica, che si è vista infliggere per avere messo le mani addosso a un arbitro, non c'è stato nulla da fare per la formazione di Zidane che colleziona la prima sconfitta nella Liga, contro due vittorie e altrettanti pareggi. Il Real Madrid si trova in classifica alle spalle di Barcellona, Atletico e Siviglia, Valencia e Real Sociedad. Domani tre partite. (ANSA).

00:09Calcio: Lazio, Inzaghi “senza infortuni forse non perdevamo”

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Ho dovuto rinunciare a quattro giocatori durante la partita e probabilmente senza queste defezioni non avremmo perso perché, nel primo tempo, eravamo stati molto bravi e avevamo creato molti problemi al Napoli. Poi, purtroppo, abbiamo avuto questa serie di infortuni che penso non sia mai capitata nella storia della Lazio". Così Simone Inzaghi commenta il ko della Lazio contro il Napoli. "Probabilmente sono troppi questi infortuni muscolari, abbiamo giocato molte partite, ho cercato di cambiare, ma gli infortuni ci sono stati lo stesso - aggiunge -. Ora dovremo cercare di fare il possibile per mettere insieme i giocatori per domenica e dobbiamo andare avanti anche se spiace per questa sconfitta, perché probabilmente non sarebbe arrivata".

00:08Calcio: Pecchia “atteggiamento giusto, punto importante”

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Sono contento, stasera la squadra ha messo in campo l'atteggiamento giusto, si è applicata bene, ha dimostrato i suoi veri valori. Forse potevamo essere più convinti nelle ripartenze, anche se onestamente negli episodi siamo stati fortunati". L'allenatore del Verona, Fabio Pecchia può finalmente sorridere per il punto conquistato con la Samp dopo due ko. "In questo momento non è semplice per la squadra esprimersi. Dobbiamo migliorare nel palleggio, magari con più personalità. Però l'atteggiamento è stato quello giusto, siamo stati più ordinati. E' un punto importante che deve far crescere la nostra autostima e farci lavorare con più voglia", ha proseguito. Marco Giampaolo analizza con serenità il pareggio del Bentegodi. "Nel primo tempo abbiamo avuto difficoltà nel trovare le giuste linee di passaggio, mentre nella ripresa abbiamo creato tanto. Abbiamo trovato comunque un Verona tonico, deciso a fare una buona prestazione. Comunque, la squadra ha finito in crescita e questo è certamente un ottimo aspetto".

23:57Calcio: Sarri,Mertens fuoriclasse ma non scomodiamo Maradona

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Il primo tempo non mi ha lasciato nessuna perplessità, perché eravamo pienamente in partita e infatti all'intervallo ho detto ai ragazzi di continuare così, perché l'avremmo messa a posto. Abbiamo incontrato una squadra in salute e abbiamo preso gol su una situazione sporca, ma il primo tempo è stato diverso rispetto a Bologna". Così Maurizio Sarri commenta la vittoria di Roma sulla Lazio. "In testa insieme alla Juventus? Cinque partite sono poche - aggiunge l'allenatore del Napoli -. Faccio i complimenti ai ragazzi, ma finisce lì. Il gol di Mertens come quello di Maradona? Non scomoderei Maradona, perché lì andiamo su livelli memorabili storici e assoluti, però Dries sta dimostrando di essere un fuoriclasse. Continua a cresce". "Fino a questo momento abbiamo fatto meno errori individuali rispetto alla passata stagione - conclude - ma il periodo è talmente limitato da risultare riduttivo: la vera sfida è mantenere questa attenzione per 10 mesi".

23:57Calcio:Milan, Montella “l’inizio campionato che speravamo”

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "La squadra mi è piaciuta, anche se si può e si deve migliorare nella gestione dei vari momenti di gioco. Ma gli aspetti positivi sono molti, siamo sempre stati in partita. Ci auguravamo questo inizio, pur sapendo che era difficile con tanti giocatori nuovi: il Milan è destinato a crescere". Queste le parole dell'allenatore del Milan, Vincenzo Montella, dopo il successo sulla Spal a S.Siro. "Il 3-5-2 in questo momento è il modulo che mi dà più garanzie, a volte con due prime punte e a volte con una seconda punta - ha detto ancora -. André Silva è sempre stato partecipe, sono soddisfatto della sua prova: ha cercato di dare gol fino al 90', questa voglia deve mantenerla perché si toglierà delle soddisfazioni. In campo assieme Suso, Calhanoglu e Bonaventura? Può succedere".

23:54Calcio: Bucchi,felice per vittoria, per Sassuolo è anno zero

(ANSA) - CAGLIARI, 20 SET - Cristian Bucchi, tecnico del Sassuolo, è raggiante dopo la prima vittoria dei suoi, arrivata dopo tre sconfitte di fila. "Ogni giorno mi metto in discussione - dice -, però il lavoro si vede. Abbiamo vinto meritatamente per gioco e per occasioni, abbiamo creato tanto. Se qualcosa dobbiamo rimproverarci è che non dovevamo arrivare alla fine con il risultato aperto, dovevamo chiuderla prima". Ora come vede il futuro? "Questo è un anno zero per il Sassuolo - risponde Bucchi -, stiamo costruendo dopo cinque anni con Di Francesco con il suo gioco. Stiamo cambiando modulo. E penso che anche i ragazzi stanno facendo il massimo per interpretare questi schemi". Per Rastelli invece la sconfitta del suo Cagliari è immeritata. "È stata una partita molto aperta contro una grande squadra - spiega -. Abbiamo dato tutto ciò che potevamo. Nella ripresa abbiamo avuto tante occasioni, il pareggio ci stava: se fossimo stati più fortunati non sarebbe finita così. Abbiamo fatto una prestazione buona e i miei meritavano di più".

23:40Calcio: Allegri “vittoria importante. Higuain? Gol arrivano”

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Questa è una vittoria importante, innanzitutto perché non abbiamo subìto gol. Abbiamo sofferto in alcuni momenti, senza mai rischiare, all'inizio e rischiando qualcosa nel finale, ma in generale devo fare i complimenti ai ragazzi: ci godiamo la vittoria, da domani pensiamo al derby". Così l'allenatore della Juve, Massimiliano Allegri, dopo la vittoria sulla Fiorentina. "Higuain? Si è sacrificato molto: deve solo continuare a giocare, piangersi addosso non serve a niente - ha detto il tecnico -. I gol arriveranno, sono momenti che passano: la prestazione di stasera è stata buona. Come tutta la squadra, deve migliorare la condizione, ma non mi preoccupa. Bentancur? Ha fatto una partita davvero importante, per personalità e tempi di gioco". "Il Napoli è cresciuto molto, gioca bene e lotterà per il titolo, ma i nostri antagonisti sono anche la Roma, l'Inter e il Milan".

Archivio Ultima ora