“J’accuse” di Ortega Díaz. Governo con le spalle al muro

Pubblicato il 23 agosto 2017 da Mauro Bafile

La Procuratrice Generale, Luisa Ortega Diaz

La Procuratrice Generale, Luisa Ortega Diaz

Un colpo maestro. Una mossa che colpisce con la violenza di uno tsunami la credibilità del “chavismo” che l’estinto presidente Chávez, a livello internazionale, era riuscito a costruire tassello su tassello con impegno e straordinaria abilità. La Procuratrice destituita dall’Assemblea Nazionale Costituente, Luisa Ortega Díaz, non ha perso tempo. E, fuggita all’estero per non essere arrestata e quindi azzittita, ha immediatamente ventilato pubblicamente casi di corruzione che coinvolgono il governo e alcuni personaggi di spicco del “chavismo”. Un assaggio, stando agli esperti in materia, poiché, se in una semplice polemica non si “sparano” mai tutte le cartucce d’un solo colpo, meno ancora si fa in una contesa in cui ci si gioca la propria libertà.
Pochi dubitano della veridicità delle denunce fatte dall’ex Procuratrice molto legata all’estinto Presidente Hugo Chávez. D’altronde, non ha mai rinnegato la sua fedeltà al “chavismo” e per anni è stata a capo dell’ufficio preposto a indagare su ogni denuncia. Fino all’ultimo giorno, quale responsabile del Ministero Pubblico, ha avuto tutti gli strumenti per svolgere indagini e raccogliere prove; prove che in alcuni casi ha tenuto gelosamente in cassaforte in attesa di usarle in sua difesa. Per i prossimi giorni, quindi, si attendono altri colpi di scena; centellinati, amministrati attentamente così da logorare la resistenza del governo del presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, e distruggere la popolarità di una “rivoluzione” nella quale la stragrande maggioranza dei venezuelani ha creduto e riposto speranze e illusioni.

Nicolás Maduro, presidente della Repubblica

La Procuratrice destituita Ortega Díaz, con le sue dichiarazioni al vetriolo, ha messo il governo con le spalle al muro. Ed è stata probabilmente costretta a giocare d’attacco dal governo stesso che, nel sollecitarne all’Interpol la cattura dopo averla accusata di corruzione, ha forse fatto precipitare gli avvenimenti. Gli analisti considerano che il governo lo avrebbe fatto per cercare di minimizzare i danni e forse nella speranza di riuscire a disattivare la “mina vagante” in cui si era trasformata la Procuratrice. Ma non pare esserci riuscito.
Forte delle offerte di asilo politico da parte di Colombia, Brasile e Stati Uniti, e spinta appunto dalle gestioni del governo presso l’Interpol, Luisa Ortega Díaz, fuggita dal Venezuela, si suppone che con un nutrito dossier sulle attività dei principali esponenti del “chavismo” e del “madurismo”, ha offerto un piccolo assaggio di quello che si potrebbe degustare nelle prossime settimane.
Stando a quanto denunciato per il momento, il presidente Maduro, il deputato e costituente Diosdado Cabello e il Procuratore “ad interim” designato dalla Costituente, sarebbero presumibilmente colpevoli ognuno di corruzione per milioni e milioni di dollari. Del presidente della Repubblica, l’ex Procuratrice ha sostenuto che sarebbe proprietario di un’azienda, la “Group Grand Limited” registrata a Hong Hong nel 2013, vincolata alla vendita di alimenti ai Clap. Per quel che riguarda invece il costituente Diosdado Cabello, la Procuratrice lo accusa di implicazioni nel caso Odebrecht, l’azienda brasiliana al centro di uno scandalo internazionale per corruzione. Tareck William Saab, attuale Procuratore “ad interim”, poi, – sempre stando a Luisa Ortega Díaz – sarebbe al centro di casi di corruzioni che coinvolgono la holding petrolifera nazionale. Insomma, le nubi all’orizzonte potrebbero trasformarsi in tempesta e la tempesta in un uragano forza 10.

Tareck William Saab, Procuratore Generale “ad interim”

Il blitz della Procuratrice destituita, pare fosse atteso dal governo che ha cercato di porvi rimedio, ma non dall’Opposizione. Questa, preoccupata dalle divisioni interne, distratta dalle prossime “primarie” per le regionali, pare sia stata colta impreparata. La prima reazione immediata, assai timida è arrivata, infatti, da Henrique Capriles Radonski, che ha applaudito l’intervento della Fiscale. Tutto qua. Poco per un’opposizione che si propone come alternativa al governo.
Si attendono, ora, le reazioni a livello internazionale. Il Paese non è nuovo alle denunce di corruzione o a casi eclatanti come quello dei “container” di alimenti abbandonati, di quintali e quintali di carne andati a male o di scorte di medicine distribuite con data di scadenza ormai superata. Ma erano fatti circoscritti al Paese. Le denunce della Procuratrice Ortega Díaz avranno senz’altro ripercussione a livello internazionale.
Il silenzio dei mass-media filo-governativi, l’autocensura cui si sono abituati i mezzi di comunicazione privati e ora la possibilità che l’Assemblea Nazionale Costituente, con la figura del “delitto di odio”, imponga provvedimenti orientati a controllare la rete, sicuramente minimizzeranno le ripercussioni e i danni che potrebbero arrecare le denunce della Procuratrice. Ma, oltre i confini, la credibilità del “chavismo” pare definitivamente incrinata e, con essa, scompare un’illusione.
Mauro Bafile

Ultima ora

13:50Banche: governo chiede più tempo, slitta voto mozioni

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Il governo, con il sottosegretario Pier Paolo Baretta, chiede nell'Aula del Senato più tempo per tentare di arrivare ad "una soluzione più unitaria possibile" sulle banche. I presentatori delle mozioni che si sarebbero dovute votare oggi accolgono la richiesta, se è per arrivare, come dice Loredana De Petris, "ad uno sforzo di sintesi" e se si arriverà comunque al voto "entro la prossima settimana", come chiede uno dei firmatari, Andrea Augello. MdP che aveva annunciato il suo no alla mozione del Pd dice sì al rinvio, ma "a patto", sottolinea Cecilia Guerra, "che si arrivi ad una calendarizzazione della decisione per martedì prossimo". In Aula si è fatta sentire l'assenza dei senatori della Lega che hanno anche rinunciato ad illustrare la loro mozione.

13:44Migranti: Maroni, sindaci hanno ragione governo dia risposte

(ANSA) - MILANO, 19 SET - "Penso che abbiano ragione i sindaci, loro pongono il problema poi è il governo che deve dare una risposta". Così il governatore lombardo, Roberto Maroni, ha commentato la bocciatura da parte del prefetto di Milano Luciana Lamorgese delle ordinanze anti profughi emesse da alcuni sindaci del centrodestra e della Lega Nord in provincia di Milano. "Credo il governo dovrebbe dare ascolto ai sindaci che non protestano per partito preso ma perché è un problema grave che cade sulle loro spalle - ha aggiunto - senza che ci sia qualcuno che il problema glielo risolve". "Non si tratta spesso di profughi ma di clandestini che vengono messi lì così, senza una soluzione - ha concluso a margine dell'inaugurazione del primo flagship store Lavazza a Milano - È di questi giorni la notizia che sono ripresi gli sbarchi, l'idea che si fossero fermati era un'illusione".

13:42Juve:Allegri “scudetto a 90 punti,vincere con medio-piccole”

(ANSA) - TORINO, 19 SET - "Sicuramente serviranno 90 punti per vincere lo scudetto". E' la previsione di Massimiliano Allegri che invita la Juventus a non sottovalutare la Fiorentina. "Sarà importante vincere contro le cosiddette medio-piccole - osserva l'allenatore dei bianconeri, alla vigilia della sfida contro i viola -. E' la prima di tre partite che non possiamo e non dobbiamo sbagliare".

13:42Terremoto: domani Boschi inaugura nuova scuola Arquata

(ANSA) - ARQUATA DEL TRONTO (ASCOLI PICENO), 19 SET - Sarà il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi a inaugurare domani ad Arquata del Tronto la nuova scuola donata ai ragazzi del centro terremotato dalla Fondazione La Stampa-Specchio dei tempi. Alla cerimonia prenderanno parte anche la commissaria per la Ricostruzione Paola De Mcheli, il presidente della Fondazione Specchio dei Tempi Lodovico Passerin d'Entreves, e il direttore della Protezione civile nazionale Paolo Molinari. Il nuovo plesso scolastico è una struttura antisismica ed ecosostenibile che ospita la scuola di infanzia, le scuole elementari e le scuole medie. Intitolata dal Comune alla Fondazione Specchio dei tempi, è stata costruita in appena 4 mesi. La scuola è completamente cablata e dotata di attrezzature didattiche e tecnologiche avanzate. Sarà uno dei terminali del progetto "Connettiamo i bambini del mondo" lanciato dalla fondazione per favorire lo scambio di esperienze fra gli allievi di scuole italiane, nepalesi, cingalesi e birmane.

13:39Calcio: Allegri, stagione Juve passa da gestione partita

(ANSA) - TORINO, 19 SET - "La nostra stagione, e i nostri risultati, passano dalla gestione della partita". Così Massimiliano Allegri, alla vigilia dell'impegno casalingo della Juventus contro la Fiorentina. "A Reggio Emilia, contro il Sassuolo, abbiamo vissuto momenti simili a quelli di Barcellona - sostiene l'allenatore dei bianconeri -. Dopo 30' la squadra aveva giocato un bel calcio, creato, tirato in porta e segnato. Poi, ci sono anche gli avversari, dobbiamo capire che quando abbiamo perso il comando della partita ci si deve adeguare, gestire la fase difensiva e gli avversari non devono tirare. Questa è la cosa più importante in cui bisogna migliorare. Col Sassuolo può durare 5', col Barcellona 20'". "Da qui - ribadisce il tecnico livornese - passa tutta la stagione".

13:22Droga: madre preoccupata fa arrestare il figlio pusher

(ANSA) - MILANO, 19 SET - Preoccupata per la vita da pusher di suo figlio, una madre lo ha denunciato alla Polizia. E' accaduto a Milano, dove è stato arrestato per spaccio un 18enne trovato con 64 grammi di cocaina pura all'80% e tre ovuli di hashish dal peso di 18 grammi. La donna, ormai stanca della strada intrapresa dal ragazzo (già segnata da precedenti per droga), si è confidata con il dirigente del commissariato del suo quartiere, Quarto Oggiaro. Gli agenti hanno così scoperto la droga nella cantina del loro condominio, in via della Senna, e nella cassetta della posta. "E' una storia triste, per la madre è stato difficilissimo denunciare il proprio figlio - ha commentato il dirigente del commissariato - ma questa vicenda fa capire il dialogo che siamo riusciti a costruire tra la polizia e i cittadini. Un lavoro delicato soprattutto in una zona così difficile".

13:20Parlamento: vuoti i banchi Lega, al via “Aventino” Salvini

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Vuoti i banchi della Lega alla ripresa dei lavori parlamentari nelle Aule di Palazzo Madama e Montecitorio. Prende così il via "l'Aventino" del Carroccio annunciato ieri dal segretario Matteo Salvini per protestare contro la decisione dei magistrati di bloccare i fondi del partito nell'ambito dell'inchiesta sul tesoriere Belsito. "Non si chiama Aventino - dice però il leader del Carroccio Matteo Salvini -. Domani e giovedì avremo due giorni di lavoro nelle zone terremotate a cui parteciperò anche io. Considerato il programma ridicolo dei lavori parlamentari di questa settimana ed il trattamento che è stato fatto alla Lega, andiamo in mezzo alla gente. Speriamo - conclude - che entro la settimana il Tribunale riconsideri una sentenza palesemente ingiusta".

Archivio Ultima ora