Odebrecht, il Parlamento indaga i casi di corruzione

Il palazzo del quartier generale della Odebrecht:
Odebrecht: da collaboratori giustizia nuove rivelazioni su rete corruzione
Odebrecht, il Parlamento indaga

CARACAS. – Odebrecht nel mirino del Parlamento. La Commissione dell’Assemblea Nazionale incaricata di indagare sui casi di corruzione legati all’azienda brasiliana Odebrecht ha presentato i primi risultati preliminari. Nel dossier si segnalano le irregolarità presenti nell’assegnazione degli appalti e le anomalie nelle relazioni tra amministrazione pubblica e la multinazionale.
La Commissione Mista presieduta dai deputati Juan Guaidò e Melva Paredes ha ammesso che l’indagine che svolge è resa complessa e difficile dall’assenza di informazioni inerenti le opere che dal 2011, cioè da circa 6 anni, realizza Odebrecht.
– Sono stati rubati circa 22 miliardi di dollari mentre i venezuelani muoiono di fame e per mancanza di medicine – ha denunciato il deputato Guaidò -. Il 76 per cento delle opere assegnate a Odebrecht sono rimaste inconcluse.
Il deputato, poi, ha fatto notare che non c’è traccia dell’aziende denunciate dalla Procuratrice Luisa Ortega Dìaz.
– Ogni possibile registro è stato cancellato dai funzionari – ha aggiunto – per eliminare qualunque traccia di malversazione di fondi.
Da parte sua, la deputata Melva Paredes ha commentato che esistono almeno 11 opere pubbliche con grossi ritardi, il cui appalto è stato assegnato a Odebrecht senza alcun controllo. Lo Stato, per la realizzazione dei lavori, avrebbe pagato prezzi esageratamente al di sopra del loro costo reale.
Gli appalti indagati dalla Commissione mista sono: “Línea cinco del Metro de Caracas”, l’opera doveva essere consegnata nel 2010; “Metro Guarenas – Guarenas”, doveva essere consegnata nel 2015; “Metro Cable La Dolorita”, doveva essere consegnata nel 2015; “Metro Cable de Mariche”, doveva essere consegnata nel 2014; “Línea dos del Metro Los Teques”; “Cable Tren Bolivariano”; “Tercer puente sobre el Orinoco”; “Segundo puente del lago de Maracaibo”; “Ampliación del Aeropuerto Nacional de Maiquetía”; l’opera dovrebbe essere consegnata nel 2019; “Central hidroeléctrica Tacoma”; dovrebbe essere consegnata nel 2018; “Proyecto agrario José Abreu de Lima”. Tutte le opere presentano evidenti ritardi nella realizzazione e sono state assegnate con prezzi esageratamente alti.