Un viaggio nell’estate siciliana sulle orme del grande fisico teorico Ettore Majorana.

Pubblicato il 29 agosto 2017 da redazione

Ettore Majorana,pare sia vissuto nei pressi di Valencia, negli anni fra il 1955 e il 1960, sotto il falso nome di Sig. Bini.

E’ sera quando l’aereo da Bologna a Palermo atterra all’aeroporto Falcone-Borsellino. Il caldo crea non pochi problemi ma, più tardi, si leva un leggero venticello che rende più vivibile la sera. Questa è la città di cui tanto noi italiani e tutto il mondo sentono parlare, nel bene e nel male: Palermo. Il pensiero va alla sera del 25 marzo del 1938, quando Ettore Majorana partì da Napoli, sul traghetto della Tirrenia, diretto al porto di Palermo. Il traghetto doveva essere maestoso come quello che si vede oggi: esteso in dimensione, penetrante le acque che portano fino alle banchine. Secondo le biografie più accreditate Ettore Majorana, il giorno dopo dovrebbe essere ripartito da Palermo alla volta di Napoli. Qui realisticamente si perdono le sue tracce e con esse le nostre speranze di saperne di più sulla sua vita e sulle sue opere scientifiche postume. La tesi più accreditata sembra essere quella del suicidio, ma il mare, a differenza di molti altri casi, non restituì mai il suo corpo.
Saliamo a bordo di un traghetto e durante la attraversata osserviamo il mare e le dimensioni e l’altezza dai ponti della nave delle acque rigurgitanti dal mare sottostante. Pensando al carattere e all’educazione, nonché all’intelligenza del personaggio, concludiamo che è assai dubbia la tesi del suicidio. E allora, che fine avrebbe fatto Ettore Majorana? Ebbe una crisi mistica? Si allontanò dalla sua famiglia, dalla passione per la fisica o dagli amici e colleghi, per discordanze di vedute o per quel che abbia potuto prevedere circa le scoperte di fisica atomica in itinere, in parte iniziate con lui e portate avanti dal gruppo di Fermi, i ragazzi di via Panisperna?
Una recente sentenza della Procura della Repubblica di Latina vuole che Ettore Majorana sia vissuto nei pressi di Valencia (Venezuela), negli anni fra il 1955 e il 1960, sotto il falso nome di Sig. Bini. Del Sig. Bini si conosce solo una fotografia e alcune ricerche avrebbero scoperto il modello di macchina da lui posseduta e chi frequentava: è poco… bisognerebbe scoprirne di più. Trascorriamo la notte in un residence alla periferia di Palermo dal quale, tra l’altro, ascoltiamo il concerto di Francesco Gabbani in tournè nell’isola. Il giorno dopo continuiamo il nostro giro e ci dirigiamo verso Cefalù, una deliziosa e apprezzata località di mare.

Nel tragitto tra Palermo e Cefalù, delimitata dal mare Tirreno da una parte e dalla superstrada Palermo-Cefalù dall’altra, si scorge una imponente centrale elettrica, dedicata dai siciliani a Ettore Majorana: “Centrale elettrica Ettore Majorana”. Un tributo al grande scienziato siciliano. Essa sorge sul mare maestosa, quasi a volere sfidare quel mare che forse detiene molti interrogativi e ricordi del giovane fisico. Questa dedica indica i tratti essenziali dei siciliani: orgogliosi delle loro origini e consapevoli delle loro potenzialità. Con tanto piacere per il tempo vissuto a Cefalù e alla gita in barca effettuata, ci dirigiamo ancora verso Palermo dove la notte avremmo pernottato in via Vittorio Emanuele. Per la cena ci viene consigliata una trattoria in una piazzetta attigua a via Vittorio Emanuele, nei pressi della cattedrale. Ci sediamo e dopo pochi minuti arriva Leoluca Orlando, sindaco di Palermo, che cena con alcune persone.
Il giorno dopo, dopo avere fatto una puntatina a San Vito lo Capo, per un bagno, ci dirigiamo verso Erice, che sorge vicino a Trapani. La strada per accedervi è piuttosto tortuosa e questo è dovuto al fatto che Erice sorge su una altura che volge da su a parte verso il mare e da un’altra prospiciente a Trapani da cui è collegata anche attraverso una utile ovovia. Il centro storico di Erice è fatto di piccole stradine in cui si snoda l’isola pedonale; percorrendo le quali a piedi si giunge al Castello che si trova in una posizione dominante da cui si ammira il mare e la vegetazione mediterranea e cupole di edifici che fanno pensare a paesaggi arabeggianti o simili a Santorini, nell’arcipelago greco. Poi ci dirigiamo verso il “Centro di cultura scientifica Ettore Majorana”, in via Guarnotta.
Il centro è diretto dallo scienziato siciliano Antonino Zichichi, professore emerito di Fisica dell’università di Bologna, autore di innumerevoli articoli scientifici, pubblicazioni e libri di fisica, astrofisica e astronomia, nonché insignito di numerosi premi scientifici. Ricordo di avere visto il professore nella cattedrale di Cesena, molti anni fa, quando il Papa lo invitava a portare la scienza alla gente. Apro la porta e un ragazzo mi fa cenno col capo e poi mi dice che il Centro è privato e non si può accedervi. Osservo, nei pochi istanti di permanenza nella saletta di ingresso, alcune bacheche piene di libri. Sapevo e mi viene data conferma che a Erice si organizzano convegni scientifici tutto l’anno. Merito del Prof. Zichichi. Ma poi penso: “perché questo Centro così importante non è aperto al pubblico? Forse non ci sono finanziamenti pubblici?”. Decido di non soffermarmi oltre. All’esterno del Centro vi sono due bacheche, a destra e a sinistra della porta di ingresso, che contengono alcune pubblicazioni del Prof. Zichichi. Tra queste non mi sfugge la seguente: “Ettore Majorana His Genius And Long-Lasting Lagacy-Società Italiana di Fisica”. Anche Erice ci parla di Ettore Majorana.

Le esigenze di chi mi sta accanto ora prendono il sopravvento rispetto alle mie già vissute esigenze di cronaca scientifica, com’è più che giusto, e dopo una notte passata a Trapani in un residence sul mare, il giorno dopo ci dirigiamo verso le isole Egadi. Prendiamo un altro traghetto. Durante il tragitto Trapani-Favignana mi assalgono gli stessi pensieri, gli stessi ricordi.
Marco Guiduzzi

  • ETTORE MAJORANA

    Premesso che la tesi più accreditata non è affatto il suicidio stando anche alle dichiarazioni di familiari dello stesso Majorana, appare inoltre evidente che si sia volutamente o inconsapevolmente (spero) ignorata l’ipotesi del suo ritiro nella Certosa di Serra San Bruno e la sua collaborazione con Rolando Pelizza nella realizzazione della macchina che produce energia annichilendo la materia. Per tutti coloro che intendono scoprire davvero la verità vi invito a visitare il sito http://www.majorana-pelizza.it . Invito l’autore a documentarsi meglio sull’argomento. Grazie

    • redazione

      L’articolo non voleva essere esaustivo della storia e delle vicende che si sono sviluppate attorno alla figura di Ettore Majorana. E’ solamente una riflessione, e come tale deve essere interpretato, attorno alla vita dello scientifico di cui tanto si è detto e tanto si è speculato.

Ultima ora

21:15Forte terremoto nel Messico centrale

(ANSA) - CITTÀ DEL MESSICO, 19 set - Un forte terremoto di magnitudo 7.1 è stato registrato nel Messico centrale. Lo riferisce l'Usgs americano. L'epicentro è nella regione di Puebla, a 10 km di profondità. L'ente geofisico nazionale ha fissato la stima preliminare a 6.8. La scossa è stata avvertita anche a Città del Messico, dove molte persone sono scese in strada.

21:15Bus Catalogna: Orlando a collega spagnolo, chiarezza

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ha scritto al suo omologo spagnolo, il ministro Rafael Català Polo, esprimendo "il rammarico delle famiglie delle vittime dell'incidente stradale in cui hanno perso la vita le studentesse Erasmus italiane e auspicando che ci sia ancora la possibilità di chiarire quali siano state le cause e le circostanze dell'incidente".

20:42Consip: Musti, ‘in che pasticcio ci hanno messo?’

(ANSA) - ROMA, 19 SET - "Ma in che pasticcio ci sono andati a mettere?". Così il procuratore di Modena Lucia Musti - secondo quanto riporta il verbale della sua audizione al Csm dello scorso 17 luglio - si rivolge al procuratore di Roma, Giuseppe Pignatone, dopo che nel luglio del 2015 sul Fatto Quotidiano compare l'intercettazione della telefonata tra Matteo Renzi ed il generale della Gdf, Michele Adinolfi. L'intercettazione faceva parte dell'informativa dell'inchiesta Cpl Concordia che il pm di Napoli, Henry John Woodcock, aveva trasmesso alla collega di Modena.

20:39Calcio: a Prato l’ultimo saluto a Bersellini

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Parenti, amici, e tanti campioni del calcio si sono riuniti questo pomeriggio al Duomo di Prato per i funerali di Eugenio Bersellini, l'indimenticato allenatore morto domenica scorsa a 81 anni. Alla cerimonia hanno partecipato, tra gli altri, Giuseppe Bergomi, Evaristo Beccalossi, Alessandro Altobelli e Gabriele Oriali, giocatori dell'Inter con cui il tecnico tra il '77 e l'82 vinse uno scudetto e due Coppe Italia. Bersellini viveva da qualche anno a Prato insieme ad una delle figlie.

20:38Terrorismo: processo Meriem, sentiti primi testimoni

(ANSA) - VENEZIA, 19 SET - E' un processo senza imputata ma soprattutto senza la certezza che sia ancora viva, quello nei confronti di Meriem Rehailly, la studentessa residente nel padovano e fuggita in Siria nel 2015 per combattere con il califfato, che ha registrato oggi al Tribunale a Venezia la seconda udienza. Tra problemi di traduzione e la certezza di familiari e difesa, rappresentata dall'avv. Andrea Niero, che la ragazza sia morta, come avrebbe riferito un'altra simpatizzante dell'Isis, si sono ricostruiti alcuni passaggi della sua fuga. Prima quello che la vede impreparata - come ha raccontato chi le ha venduto i biglietti - tanto da chiedere un tagliando di sola andata per la Turchia, senza sapere che serviva anche quello di ritorno. Dall'altra i militari dei Ros che, rispondendo anche alla Pm Francesca Crupi, hanno ricostruito come la ragazzini si fosse documentata con un 'manuale' del terrorista sul web. Poi è stata la volta del padre di origini marocchine il quale ha ribadito come la figlia sia stata plagiata.

20:38Calcio: Rastelli “Cagliari deve avere sempre fame”

(ANSA) - CAGLIARI, 19 SET - Cagliari a caccia della terza vittoria consecutiva contro il Sassuolo alla Sardegna Arena. Per i rossoblù di Rastelli l'intento è dichiarato: sfruttare il calendario, sulla carta, in discesa per portarsi avanti con il compito salvezza (domenica a Cagliari arriva il Chievo Verona). "Il salto di qualità c'è stato - ha detto Rastelli questa sera nella conferenza stampa della vigilia - vincere ancora sarebbe il massimo. Sta a noi: dobbiamo sempre avere fame". Il tecnico rossoblù invita a fare attenzione al Sassuolo: dopo gli ultimi ko non può sbagliare. E gioca in maniera diversa - questo il rilievo tecnico dell'allenatore - con qualità maggiore rispetto a Crotone e Spal". Tanti gli ex che si incrociano: su tutti Pavoletti, alla ricerca del primo gol con la maglia rossoblù. Emergenza portiere: qualche problema in settimana per Cragno. L'alternativa, considerando che Rafael è ancora out, è il giovane Crosta, una partita in A (e un rigore parato) lo scorso anno con il Milan, proprio la squadra nella quale è cresciuto. Cragno comunque è tra i convocati: stringendo i denti tra i pali dovrebbe esserci lui. Rastelli dovrebbe confermare al centro della difesa Ceppitelli per consentire ad Andreolli (ex Sassuolo, 28 presenze e un gol nel 2008-2009) il pieno recupero magari in vista della gara di domenica con un'altra sua vecchia squadra, il Chievo. Turnover a centrocampo e in attacco? Rastelli è combattuto tra la tentazione di confermare quello che ha funzionato e l'esigenza di tenere caldi i vari Farias, Dessena, Faragò (e magari anche Miangue) concedendo a qualcuno di loro l'ingresso in campo dal primo minuto.

20:31G7: Reggia Venaria sorvegliata speciale in vista vertice

(ANSA) - TORINO, 19 SET - La Reggia di Venaria chiude al pubblico e si prepara ad ospitare i ministri in arrivo a Torino per il G7 Industria e Ict, Scienza e Lavoro. Un appuntamento finito nel mirino dei centri sociali, che hanno annunciato manifestazioni e cortei. Attenzione alta dunque da parte delle forze dell'ordine, che controlleranno la residenza sabauda alle porte di Torino 24 ore su 24. Al momento nessuna 'zona rossa', né aree vietate o appuntamenti annullati. La Regione Piemonte ha predisposto il piano emergenza sanitaria. Preoccupati i negozianti di Venaria, che oggi hanno incontrato il prefetto Saccone. "Abbiamo scelto Torino, che è una grande città industriale d'Italia" per i G7 Ict e industria, scienza e lavoro, "se poi centri sociali torinesi si mettono a buttare manichini decapitati di Poletti e dell'ex premier Renzi vuol dire che qualcosa non funziona. Vorremmo rimanesse grande appuntamento di condivisione anche con uno spirito umanistico", dice Carlo Calenda, ministro dello Sviluppo economico.(ANSA).

Archivio Ultima ora