Boldrini: “Leader responsabili dell’odio, stanno toccando il fondo”

Pubblicato il 29 agosto 2017 da ansa

Laura Boldrini (Ansa)

ROMA. – “I leader politici che aprono la strada all’odio ne sono responsabili. Il livello del dibattito di questi giorni e agghiacciante. Stanno toccando il fondo”. Laura Boldrini rompe il silenzio. La Presidente della Camera da giorni è nel mirino della destra per non essere intervenuta a condanna degli stupri di Rimini. Ma, intervistata da Repubblica.it, reagisce con vigore e accusa a sua volta, seppure implicitamente, Grillo e Salvini, di dare spazio, in rete ma anche nei comizi di piazza, alle peggiori pulsioni del proprio elettorato. Lo fa nel giorno in cui Giorgia Meloni, parlando di “vermi magrebini”, scatena l’ennesima polemica.

Da anni in prima linea contro il fenomeno dell’odio sul web, Boldrini non si limita a denunciare gli “haters”, chi da anni, quotidianamente, la insulta e la minaccia su Facebook. Stavolta va oltre, indicando chi si sta assumendo la responsabilità politica di questo clima insostenibile.

“Sui miei profili social – sottolinea – ci sono commenti pieni di minacce e volgarità, di inviti alla violenza. Spesso queste persone hanno chiari orientamenti politici. Se semini odio questo è il risultato. Se la politica sdogana le peggiori pulsioni c’è da aspettarsi solo il peggio”.

Boldrini non cita esplicitamente i nomi di Beppe Grillo, Matteo Salvini o Giorgia Meloni, tuttavia è evidente che pensa a loro come i “cattivi maestri” che fomentano gli aggressori sui social. Del resto fu Grillo a chiedere ai suoi fans “che fareste con la Boldrini in macchina” e Salvini a portare sul palco una bambola gonfiabile con le sue sembianze. Infine, la leader di Fdi arriva a sospettare che dietro il suo silenzio su Rimini ci sia “una difesa ideologica dell’immigrazione di massa e del multiculturalismo”.

Ricordando le minacce ai suoi danni dell’esponente leghista pugliese, poi espulso, la Presidente della Camera lancia un drammatico allarme: “Evocare lo stupro nei confronti delle avversarie politiche non è tollerato in altri paesi democratici. Sciaguratamente l’ho visto praticato solo in teatri di guerra, con conseguenze devastanti”. Chiarisce che “non è il suo lavoro” esprimere condanna sulle cose che accadono ogni giorno. Ma ricorda il suo impegno costante contro ogni violenza, in particolare quelle contro le donne.

“La mia condanna è ovviamente incondizionata. Se qualcuno dubita sul mio impegno in questo ambito – avverte – è sicuramente in malafede”. Non transige sulle parole, definite “oscene”, del mediatore culturale riminese: “Rimuoverlo dal suo incarico mi pare il minimo”. Intervista che non piace a Maurizio Gasparri, bollata come “tardiva ed elusiva”. “Boldrini – polemizza l’esponente Fi – si arrampica sui vetri”.

Solidarietà invece da parte del capogruppo di Mdp, Francesco Laforgia: “Contro di lei attacchi ripugnanti. Se aggiungi odio a odio, per strappare l’applauso della parte più arrabbiata e impaurita del Paese – aggiunge – avrai contribuito al degrado definitivo del dibattito pubblico, senza rimuovere un solo grammo di quella rabbia e di quella paura”. Contro Meloni, Barbara Pollastrini, vicepresidente Pd: “Ha offeso stupidamente la Presidente della Camera che ha fatto del contrasto alla violenza alle donne una ragione di vita”.

Ma è bufera contro la leader di Fratelli d’Italia che ha definito “vermi magrebini” i presunti colpevoli degli stupri riminesi. Arturo Scotto (Mdp) si dice “schifato”, Valeria Valente (Pd) accusa meloni di “sciacallaggio sulle vittime e l’istigazione dei più bassi istinti razzisti del Paese per ottenere qualche voto in più”. “Uno stupratore – sottolinea Valente – va condannato a prescindere dalla sua nazionalità, per noi è un concetto scontato ma per altri evidentemente non lo è”.

Netto Stefano Fassina (Si): “Chi compie tali violenze è inumano. Punto. Non vi sono nazionalità da stigmatizzare. A meno di non rievocare i principi razziali degli antenati dell’on. Meloni”. Duro anche il centrista Maurizio Lupi: “Vermi magrebini? Ma la Meloni si rende conto di che cosa dice?”.

(Di Marcello Campo/ANSA)

Ultima ora

21:56Consiglio Liguria unito nel dire sì all’autonomia

(ANSA) - GENOVA, 23 GEN - Il Consiglio regionale della Liguria ha approvato all'unanimità dei votanti (Rete a sinistra /LiberaMente Liguria, gruppo di opposizione, non ha partecipato al voto) una risoluzione per chiedere una maggiore autonomia della Liguria dallo Stato. Il documento, sottoscritto da maggioranza e opposizione, impegna la Giunta Toti a "proseguire il confronto con il Governo per definire i contenuti di un'intesa, con il coinvolgimento del Consiglio regionale". "Abbiamo approvato all'unanimità il documento sull'autonomia - dice il governatore Giovanni Toti - Siamo in marcia, tutti insieme, verso un futuro di maggiore efficienza, libertà e vicinanza della politica ai cittadini". "Prendiamo atto della mancanza di volontà da parte di Toti a dare la parola ai cittadini attraverso un referendum sull'autonomia", commenta il M5S. Il Pd ha espresso soddisfazione per "l'approvazione all'unanimità di una sua mozione sull'autonomia finanziaria dei porti liguri che consentirà di finanziare opere infrastrutturali strategiche".

21:48Strage bus ungherese su A4:presentata denuncia contro ignoti

(ANSA) - VERONA, 23 GEN - Una piastra di ferro in disuso, con pezzi sporgenti, che sarebbe stata presente sull'autostrada al di la' del guardrail, è l'elemento che ha portato l'Associazione Italiana familiari vittime della strada a presentare in Procura a Verona una denuncia contro ignoti, per disastro colposo, in relazione all'incidente del 20 gennaio 2017 che vide 16 studenti ungheresi morire nel rogo del loro pullman. Basandosi su un documento redatto da esperti ungheresi, sarebbero state individuate - sostiene l'Aifvs - presunte responsabilità "da parte del gestore del tratto autostradale, dei progettisti e dei manutentori". Stando a questa ipotesi, la piastra di ferro in disuso, presente sul luogo dell'incidente, potrebbe aver causato l'esplosione degli pneumatici del bus, che contribuì a modificarne la traiettoria in uscita di strada, portandolo a schiantarsi contro il pilone della A4 e incendiandosi. Per quel disastro è indagato per omicidio stradale l'autista del pullman, un 52enne ungherese, che sopravvisse all'incidente.

21:42Tramvia: Firenze, tratto nuove linee da rifare, già smontato

(ANSA) - FIRENZE, 23 GEN - Un tratto dei binari delle nuove linee tramviarie in corso di realizzazione a Firenze nell'area vicina alla stazione, dovrà essere smontato e ricostruito da capo: ne dà notizia Tram spa, la società che sta curando i lavori, spiegando che lo "smontaggio, iniziato oggi, si è reso necessario perché le procedure di qualità hanno verificato difformità rispetto al progetto nell'esecuzione dei lavori". Si tratta di un segmento di circa 25 metri tra via Valfonda, Villa Vittoria e piazza Bambine e Bambini di Beslan. La difformità riscontrata, informa Tram spa, "consiste in un dislivello di circa 10 centimetri che dovrà essere riportato alla quota di progetto. In concreto i binari saranno smontati, si procederà alla demolizione puntuale della soletta che poi sarà rifatta alla giusta quota". Le operazioni dureranno due settimane. Per l'assessore alla mobilità Stefano Giorgetti: "ci preoccupa molto. Ma abbiamo chiesto e ricevuto rassicurazione sul rispetto dei tempi dei lavori".

21:29Uccide moglie e si spara: giorno dopo paese sotto choc

(ANSA) - CASERTA, 23 GEN - Conflitti in famiglia con radici lontane, ma anche un lavoro che non c'era più e che rendeva il futuro sempre più grigio. Questo avrebbe spinto il 48enne Davide Mango, ex attivista di Forza Nuova, a rendersi protagonista ieri di un pomeriggio di terrore a Bellona, nel Casertano. L'uomo, una ex guardia giurata, ha ucciso la moglie Anna Carusone e ferito alcune persone sparando dal balcone della sua abitazione; si è poi barricato in casa e dopo 4 ore di trattative con i carabinieri si è sparato un colpo alla testa ed è morto. Oggi la comunità del piccolo paesino ubicato nella campagna attorno a Capua, mai toccato da vicende di cronaca così clamorose e poco coinvolto anche in episodi di microcriminalità, è sotto choc. "E' una tragedia di cui nessuno sa spiegare i motivi - dice il sindaco Filippo Abbate - anche perché non c'è nessuna denuncia penale a carico di Mango, né segnalazioni ai servizi sociali del nostro Comune per quanto riguarda l'unica figlia minore della coppia che è riuscita a salvarsi".

21:25Sparatoria in scuola Kentucky, 2 morti e 19 feriti

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Due morti e 19 feriti, di cui 14 per colpi d'arma da fuoco: è l'ultimo bilancio fornito dal governatore del Kentucky Matt Bevin sulla sparatoria in una scuola superiore di Benton. La persona arrestata è uno studente di 15 anni.

21:19Calcio: Carnevali, battuta Sarri su Politano mi fa sorridere

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - Le parole di Sarri su Politano "mi fanno sorridere. Era una battuta su cose che non esistono. Noi non cediamo giocatori a gennaio: lo abbiamo fatto in passato, anche con Zaza alla Juventus e Defrel alla Roma". Così Giovanni Carnevali, ad del Sassuolo, risponde all'allenatore del Napoli che domenica aveva punzecchiato la Juventus ("Marotta lo ha dichiarato incedibile, così abbiamo dovuto fare un passo indietro"), in merito alla trattativa sfumata tra Napoli e Politano. "Politano - aggiunge Carnevali, a margine della visita riservata al mondo del calcio al Memoriale della Shoah, a Milano - deve rendere al meglio; se ne riparlerà a giugno, ma non faccio nessuna promessa. Lui è un professionista, può avere per pochi giorni le idee confuse ma avrà occasioni per rifarsi". In uscita c'è invece Alessandro Matri. "È in scadenza - ricorda Carnevali - e noi gli abbiamo proposto il rinnovo di contratto. Ora tocca a lui decidere".

21:06Calcio: Juve, Sturaro “con Genoa non era scontato vincere”

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Abbiamo lavorato tanto dopo la sosta, eravamo appesantiti: non era scontato vincere". Così Stefano Sturaro, il giorno dopo la vittoria della Juventus contro il Genoa, nell'intervista a JTv. "Siamo molto soddisfatti - ha spiegato -, abbiamo saputo soffrire insieme, come ci chiede il mister, lavorando da squadra". Subentrato a partita in corso, Sturaro, ex Genoa, ha compiuto un intervento provvidenziale nella propria area, sventando il pericolo: "E' la mia principale caratteristica, mettermi a disposizione del gruppo e dell'allenatore, che crede che io possa sperimentarmi in qualche ruolo in più. Non è facile farlo alla mia età - ha concluso ma sono contento di dare il massimo dare la mia disponibilità per ripagare la fiducia".

Archivio Ultima ora