Boldrini: “Leader responsabili dell’odio, stanno toccando il fondo”

Pubblicato il 29 agosto 2017 da ansa

Laura Boldrini (Ansa)

ROMA. – “I leader politici che aprono la strada all’odio ne sono responsabili. Il livello del dibattito di questi giorni e agghiacciante. Stanno toccando il fondo”. Laura Boldrini rompe il silenzio. La Presidente della Camera da giorni è nel mirino della destra per non essere intervenuta a condanna degli stupri di Rimini. Ma, intervistata da Repubblica.it, reagisce con vigore e accusa a sua volta, seppure implicitamente, Grillo e Salvini, di dare spazio, in rete ma anche nei comizi di piazza, alle peggiori pulsioni del proprio elettorato. Lo fa nel giorno in cui Giorgia Meloni, parlando di “vermi magrebini”, scatena l’ennesima polemica.

Da anni in prima linea contro il fenomeno dell’odio sul web, Boldrini non si limita a denunciare gli “haters”, chi da anni, quotidianamente, la insulta e la minaccia su Facebook. Stavolta va oltre, indicando chi si sta assumendo la responsabilità politica di questo clima insostenibile.

“Sui miei profili social – sottolinea – ci sono commenti pieni di minacce e volgarità, di inviti alla violenza. Spesso queste persone hanno chiari orientamenti politici. Se semini odio questo è il risultato. Se la politica sdogana le peggiori pulsioni c’è da aspettarsi solo il peggio”.

Boldrini non cita esplicitamente i nomi di Beppe Grillo, Matteo Salvini o Giorgia Meloni, tuttavia è evidente che pensa a loro come i “cattivi maestri” che fomentano gli aggressori sui social. Del resto fu Grillo a chiedere ai suoi fans “che fareste con la Boldrini in macchina” e Salvini a portare sul palco una bambola gonfiabile con le sue sembianze. Infine, la leader di Fdi arriva a sospettare che dietro il suo silenzio su Rimini ci sia “una difesa ideologica dell’immigrazione di massa e del multiculturalismo”.

Ricordando le minacce ai suoi danni dell’esponente leghista pugliese, poi espulso, la Presidente della Camera lancia un drammatico allarme: “Evocare lo stupro nei confronti delle avversarie politiche non è tollerato in altri paesi democratici. Sciaguratamente l’ho visto praticato solo in teatri di guerra, con conseguenze devastanti”. Chiarisce che “non è il suo lavoro” esprimere condanna sulle cose che accadono ogni giorno. Ma ricorda il suo impegno costante contro ogni violenza, in particolare quelle contro le donne.

“La mia condanna è ovviamente incondizionata. Se qualcuno dubita sul mio impegno in questo ambito – avverte – è sicuramente in malafede”. Non transige sulle parole, definite “oscene”, del mediatore culturale riminese: “Rimuoverlo dal suo incarico mi pare il minimo”. Intervista che non piace a Maurizio Gasparri, bollata come “tardiva ed elusiva”. “Boldrini – polemizza l’esponente Fi – si arrampica sui vetri”.

Solidarietà invece da parte del capogruppo di Mdp, Francesco Laforgia: “Contro di lei attacchi ripugnanti. Se aggiungi odio a odio, per strappare l’applauso della parte più arrabbiata e impaurita del Paese – aggiunge – avrai contribuito al degrado definitivo del dibattito pubblico, senza rimuovere un solo grammo di quella rabbia e di quella paura”. Contro Meloni, Barbara Pollastrini, vicepresidente Pd: “Ha offeso stupidamente la Presidente della Camera che ha fatto del contrasto alla violenza alle donne una ragione di vita”.

Ma è bufera contro la leader di Fratelli d’Italia che ha definito “vermi magrebini” i presunti colpevoli degli stupri riminesi. Arturo Scotto (Mdp) si dice “schifato”, Valeria Valente (Pd) accusa meloni di “sciacallaggio sulle vittime e l’istigazione dei più bassi istinti razzisti del Paese per ottenere qualche voto in più”. “Uno stupratore – sottolinea Valente – va condannato a prescindere dalla sua nazionalità, per noi è un concetto scontato ma per altri evidentemente non lo è”.

Netto Stefano Fassina (Si): “Chi compie tali violenze è inumano. Punto. Non vi sono nazionalità da stigmatizzare. A meno di non rievocare i principi razziali degli antenati dell’on. Meloni”. Duro anche il centrista Maurizio Lupi: “Vermi magrebini? Ma la Meloni si rende conto di che cosa dice?”.

(Di Marcello Campo/ANSA)

Ultima ora

21:15Forte terremoto nel Messico centrale

(ANSA) - CITTÀ DEL MESSICO, 19 set - Un forte terremoto di magnitudo 7.1 è stato registrato nel Messico centrale. Lo riferisce l'Usgs americano. L'epicentro è nella regione di Puebla, a 10 km di profondità. L'ente geofisico nazionale ha fissato la stima preliminare a 6.8. La scossa è stata avvertita anche a Città del Messico, dove molte persone sono scese in strada.

21:15Bus Catalogna: Orlando a collega spagnolo, chiarezza

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ha scritto al suo omologo spagnolo, il ministro Rafael Català Polo, esprimendo "il rammarico delle famiglie delle vittime dell'incidente stradale in cui hanno perso la vita le studentesse Erasmus italiane e auspicando che ci sia ancora la possibilità di chiarire quali siano state le cause e le circostanze dell'incidente".

20:42Consip: Musti, ‘in che pasticcio ci hanno messo?’

(ANSA) - ROMA, 19 SET - "Ma in che pasticcio ci sono andati a mettere?". Così il procuratore di Modena Lucia Musti - secondo quanto riporta il verbale della sua audizione al Csm dello scorso 17 luglio - si rivolge al procuratore di Roma, Giuseppe Pignatone, dopo che nel luglio del 2015 sul Fatto Quotidiano compare l'intercettazione della telefonata tra Matteo Renzi ed il generale della Gdf, Michele Adinolfi. L'intercettazione faceva parte dell'informativa dell'inchiesta Cpl Concordia che il pm di Napoli, Henry John Woodcock, aveva trasmesso alla collega di Modena.

20:39Calcio: a Prato l’ultimo saluto a Bersellini

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Parenti, amici, e tanti campioni del calcio si sono riuniti questo pomeriggio al Duomo di Prato per i funerali di Eugenio Bersellini, l'indimenticato allenatore morto domenica scorsa a 81 anni. Alla cerimonia hanno partecipato, tra gli altri, Giuseppe Bergomi, Evaristo Beccalossi, Alessandro Altobelli e Gabriele Oriali, giocatori dell'Inter con cui il tecnico tra il '77 e l'82 vinse uno scudetto e due Coppe Italia. Bersellini viveva da qualche anno a Prato insieme ad una delle figlie.

20:38Terrorismo: processo Meriem, sentiti primi testimoni

(ANSA) - VENEZIA, 19 SET - E' un processo senza imputata ma soprattutto senza la certezza che sia ancora viva, quello nei confronti di Meriem Rehailly, la studentessa residente nel padovano e fuggita in Siria nel 2015 per combattere con il califfato, che ha registrato oggi al Tribunale a Venezia la seconda udienza. Tra problemi di traduzione e la certezza di familiari e difesa, rappresentata dall'avv. Andrea Niero, che la ragazza sia morta, come avrebbe riferito un'altra simpatizzante dell'Isis, si sono ricostruiti alcuni passaggi della sua fuga. Prima quello che la vede impreparata - come ha raccontato chi le ha venduto i biglietti - tanto da chiedere un tagliando di sola andata per la Turchia, senza sapere che serviva anche quello di ritorno. Dall'altra i militari dei Ros che, rispondendo anche alla Pm Francesca Crupi, hanno ricostruito come la ragazzini si fosse documentata con un 'manuale' del terrorista sul web. Poi è stata la volta del padre di origini marocchine il quale ha ribadito come la figlia sia stata plagiata.

20:38Calcio: Rastelli “Cagliari deve avere sempre fame”

(ANSA) - CAGLIARI, 19 SET - Cagliari a caccia della terza vittoria consecutiva contro il Sassuolo alla Sardegna Arena. Per i rossoblù di Rastelli l'intento è dichiarato: sfruttare il calendario, sulla carta, in discesa per portarsi avanti con il compito salvezza (domenica a Cagliari arriva il Chievo Verona). "Il salto di qualità c'è stato - ha detto Rastelli questa sera nella conferenza stampa della vigilia - vincere ancora sarebbe il massimo. Sta a noi: dobbiamo sempre avere fame". Il tecnico rossoblù invita a fare attenzione al Sassuolo: dopo gli ultimi ko non può sbagliare. E gioca in maniera diversa - questo il rilievo tecnico dell'allenatore - con qualità maggiore rispetto a Crotone e Spal". Tanti gli ex che si incrociano: su tutti Pavoletti, alla ricerca del primo gol con la maglia rossoblù. Emergenza portiere: qualche problema in settimana per Cragno. L'alternativa, considerando che Rafael è ancora out, è il giovane Crosta, una partita in A (e un rigore parato) lo scorso anno con il Milan, proprio la squadra nella quale è cresciuto. Cragno comunque è tra i convocati: stringendo i denti tra i pali dovrebbe esserci lui. Rastelli dovrebbe confermare al centro della difesa Ceppitelli per consentire ad Andreolli (ex Sassuolo, 28 presenze e un gol nel 2008-2009) il pieno recupero magari in vista della gara di domenica con un'altra sua vecchia squadra, il Chievo. Turnover a centrocampo e in attacco? Rastelli è combattuto tra la tentazione di confermare quello che ha funzionato e l'esigenza di tenere caldi i vari Farias, Dessena, Faragò (e magari anche Miangue) concedendo a qualcuno di loro l'ingresso in campo dal primo minuto.

20:31G7: Reggia Venaria sorvegliata speciale in vista vertice

(ANSA) - TORINO, 19 SET - La Reggia di Venaria chiude al pubblico e si prepara ad ospitare i ministri in arrivo a Torino per il G7 Industria e Ict, Scienza e Lavoro. Un appuntamento finito nel mirino dei centri sociali, che hanno annunciato manifestazioni e cortei. Attenzione alta dunque da parte delle forze dell'ordine, che controlleranno la residenza sabauda alle porte di Torino 24 ore su 24. Al momento nessuna 'zona rossa', né aree vietate o appuntamenti annullati. La Regione Piemonte ha predisposto il piano emergenza sanitaria. Preoccupati i negozianti di Venaria, che oggi hanno incontrato il prefetto Saccone. "Abbiamo scelto Torino, che è una grande città industriale d'Italia" per i G7 Ict e industria, scienza e lavoro, "se poi centri sociali torinesi si mettono a buttare manichini decapitati di Poletti e dell'ex premier Renzi vuol dire che qualcosa non funziona. Vorremmo rimanesse grande appuntamento di condivisione anche con uno spirito umanistico", dice Carlo Calenda, ministro dello Sviluppo economico.(ANSA).

Archivio Ultima ora