Apre il Festival di Venezia e invita a sognare libertà e uguaglianza

Pubblicato il 30 agosto 2017 da ansa

Festival Venezia 2017

VENEZIA. – “Quando le luci si spengono, il buio in sala ti avvolge e ti lasci andare, non importa se sei italiano o americano, presidente o commessa, uomo o donna, in quel momento perdiamo noi stessi nel miglior modo possibile e diventiamo liberi, come bambini e tutti uguali”, la magia del cinema, l’unicità di questa arte la spiega con passione una grande attrice americana, Annette Bening, presidente della giuria di Venezia 74 che il 9 settembre assegnerà il Leone d’oro ad uno dei 21 film in concorso, il primo con Downsizing di Alexander Payne con Matt Damon protagonista.

La Bening, attillata in abito lungo nero, sorridente, emozionata parla alla Sala Grande del Palazzo del cinema, dove siede tra gli altri il presidente della Repubblica Sergio Mattarella accompagnato dalla figlia Laura, in visita alla Biennale. E poi tre ministri – Dario Franceschini, Claudio De Vincenti, Pier Carlo Padoan – il sottosegretario Maria Elena Boschi e un parterre tra cui si notavano Valentina Pitzalis sopravvissuta ad un tentativo di femminicidio, Renato Brunetta, Miss Italia Rachele Risaliti, l’immancabile Maria Ripa di Meana, le modelle Eva Riccobono, gli angeli di Victoria’s Secret Isabeli Fontana e Izabel Goulart, e Bianca Balti (in abito low cost Ovs) e molte personalità istituzionali locali.

Tra i look degni di nota il gonnellino nero e gli anfibi del giurato nord irlandese di Orizzonti Mark Cousins. “Il cinema ci rende aperti, curiosi, disponibili, ci commuove, ci diverte, ci fa disperare, ci rende partecipe dei dolori del mondo, il cinema è magia e con i miei entusiasti giurati ci lasceremo ispirare”, aggiunge la Bening con accanto i suoi colleghi tra cui la nostra Jasmine Trinca in beige dorato.

Il compito della giuria di Venezia 74 come quello di tutte le giurie non è mai facile, ogni opera riuscita o no è frutto di fatica, passione, lavoro. Lo ricorda salendo sul palco Gianni Amelio che presiede la giuria di Orizzonti, “i film non sono cavalli che corrono uno dietro l’altro, bisogna avere sguardo limpido. Non sarà il nostro mestiere di cineasti ad aiutarci nel giudizio, ma piuttosto l’amore e la passione per il cinema”.

Il presidente Paolo Baratta si rivolge a Mattarella per raccontare come la ‘nuova cittadella del cinema’ qui al Lido si è arricchita quest’anno di nuovi arredi urbani, nuova sistemazione e persino di un’isola, quella del Lazzaretto Vecchio, sede della sezione Realtà Virtuale vanto di quest’edizione della Mostra. Alessandro Borghi, maestro cerimoniere in smoking smilzo e scarpe stringate lucide, parla di “celebrazione di un’arte indispensabile, una delle più grandi risorse: amiamola, proteggiamola, andiamone fieri”.

Il cinema, che fa sognare, che consente “il teletrasporto”, che ci porta in altre epoche e ambienti – e dimensioni visto l’oggetto di Downsizing, una favola su un mondo ridotto a lillipuziani per combattere la sovrappopolazione e l’inquinamento globale – “è un mezzo che ci mette in contatto con il diverso da noi, ci fa sognare, riflettere e ci fa da padre, ci fornisce la chiave per capire meglio noi stessi, parlando una lingua universale che unisce tutti senza distinzioni di classi, sesso, etnia, provenienza”. Mentre il mondo va a rotoli, almeno da Venezia concediamoci il sogno.

(dell’inviata Alessandra Magliaro/ANSA)

Ultima ora

05:05Curry, ‘giornata surreale, Trump non si comporta da leader’

NEW YORK - ''Una giornata surreale'': cosi' la stella della Nba Stephen Curry commenta l'affondo del presidente americano Donald Trump che gli ha ritirato l'invito alla Casa Bianca. ''Non so perche' sente la necessita' di prendere di mira certe persone piuttosto che altre. Io un'idea ce l'ho, ma questo non e' quello che fa un leader''.

04:56James ancora contro Trump, usa sport per dividere Paese

NEW YORK - LeBron James torna ad attaccare Donald Trump, stavolta con un video: ''Mi sento frustrato, perche' questa persona che abbiamo messo al potere dopo quello che e' successo dopo Charlottesville sta tentando di usare lo sport per dividere ancor di piu' il popolo americano. E non e' una cosa che posso tollerare, non e' una cosa su cui posso tacere''. Oltre al caso del suo collega della Nba Stephen Curry, James critica Trump anche per aver chiesto di licenziare i giocatori di football americano che non cantano l'inno in segno di protesta.

04:41Londra: 6 feriti in attacchi con acido, no terrorismo

LONDRA - Sei persone sono state ferite ieri sera in diversi attacchi con acido in un centro commerciale a Stratford, nella zona orientale di Londra. La polizia ha arrestato un uomo, sospettato di lesioni personali gravi e ne sta cercando altri. Un portavoce ha dichiarato che la polizia esclude il movente terroristico e ha aggiunto che le persone ferite non sono in pericolo di vita.

04:36Trump, test dimostra accordo Iran non e’ un granche’

NEW YORK - "L'Iran ha appena testato un missile balistico capace di raggiungere Israele. E stanno anche lavorando con la Corea del Nord. Non e' un granche' di accordo quello che abbiamo": cosi' il presidente americano, Donald Trump, commenta il test su un nuovo missile balistico eseguito da Teheran.

23:38Calcio: Udinese in ritiro da lunedì

(ANSA) - UDINE, 23 SET - L'Udinese andrà in ritiro da lunedì. Lo ha deciso la società dopo la sconfitta di questo pomeriggio con la Roma, la quinta in sei gare da inizio campionato. Il ritiro, annunciato in serata dal club con una breve nota, è stato deciso "per preparare al meglio l'importante sfida di sabato prossimo con la Sampdoria". Una partita dal risultato che appare obbligato per i bianconeri, ancora fermi a 3 punti in classifica.

23:30Calcio: Baselli si scusa, ‘troppa voglia derby,ho sbagliato’

(ANSA) - TORINO, 23 SET - "Avevo troppo voglia di derby, tenevo troppo a questa partita. Ho sbagliato". Daniele Baselli commenta così, su Twitter, l'espulsione che ha condizionato la prestazione del Torino, battuto 4-0 dalla Juventus. "Chiedo scusa ai miei compagni, ai nostri tifosi, alla società", aggiunge il giocatore granata, che posta la foto in cui esce dal campo. "Superfluo aggiunge altro. Momento durissimo - scrive il centrocampista -. Mi assumo tutte le responsabilità. Sempre e comunque forza Toro".

23:18Serie A: Juve padrona, demolisce Toro 4-0 e fa suo il derby

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Una Juve padrona all'Allianz Stadium fa suo il derby della Mole, cancellando il Torino 4-0. Primo tempo sontuoso degli uomini di Allegri che prima a passano in vantaggio grazie al 9/o gol stagionale di Dybala e poi approfittano di uno sciagurato fallo di Baselli che costa al centrocampista granata il doppio giallo e l'inevitabile espulsione. Era il 25' e da lì la partita è corsa su un unico binario: il raddoppio di Pjanic al 40', il tris firmato da Alex Sandro al 12' st e il sigillo ancora del n.10 argentino allo scadere. Il punteggio sarebbe addirittura potuto essere ancora più severo per i granata, ma i pali, le parate di Sirigu e l'imprecisione degli attaccanti bianconeri hanno limitato i danni. Higuain ha iniziato in panchina per poi entrare negli ultimi dieci minuti. La squadra di Mihajlovic paga caro l'errore di Baselli ma già l'approccio alla gara non era stato dei migliori, sentendo forse troppo il match a cui per la prima volta dopo anni erano arrivata senza i panni dell'eterna sconfitta.

Archivio Ultima ora