Guerra a Colombo in Usa, decapitata una statua a New York

Pubblicato il 01 settembre 2017 da ansa

Guerra a Colombo in Usa, decapitata statua a New York

NEW YORK. – Cristoforo Colombo vittima di una furia iconoclasta senza precedenti negli Stati Uniti. Una furia che rischia di creare una frattura profonda con la comunità italo-americana e di avere conseguenze persino sul piano diplomatico. Con la Farnesina che segue da vicino la vicenda e le città di Genova e Savona che difendono la figura di Colombo definita “simbolo per gli italiani in America e patrimonio dell’umanità”.

Gli episodi di vandalismo oramai non si contano. Il più clamoroso in un parco di Yonkres, sobborgo a nord di New York, dove un busto in bronzo del navigatore più famoso della storia è stato letteralmente decapitato. Poche ore dopo, sempre a New York, nel Queens, un’altra statua che commemora l’uomo che ha scoperto l’America è stata riempita di scritte: “Non si può celebrare il genocidio. Buttiamola giù”, si legge con riferimento allo sterminio dei nativi americani.

Nei giorni scorsi ad essere presa di mira in un parco di Houston (prima dell’arrivo dell’uragano Harvey) era stato un monumento a Colombo imbrattato di vernice color rosso sangue. Andando indietro nel tempo attacchi simili sono accaduti a Detroit, a Baltimora, a Columbus in Ohio e in California. Ma a tenere in apprensione è proprio la situazione nella Grande Mela, dove a rischiare è la statua di Colombo più famosa d’America: quella posta su di un’altissima colonna che si erge a Columbus Circle, nel cuore di Manhattan, e che domina l’ingresso principale del Central Park.

Da settimane alcuni gruppi che si battono per ristabilire la verità sulla strage di nativi seguita alla colonizzazione dell’America ne chiedono la rimozione. E paradossalmente la decisione è nelle mani di un sindaco italo-americano: Bill de Blasio. Fortemente progressista, de Blasio è stretto tra la necessità di dare voce a chi protesta e quella di non aprire una guerra con lo zoccolo duro e tradizionalista della comunità italo-americana nella Grande Mela. Anche perché in ballo c’è la sua rielezione a primo cittadino in novembre. Senza pensare alle sue aspirazioni per le presidenziali del 2020: e Colombo rischia di creargli più di qualche problema.

Così il sindaco ha istituito una commissione ad hoc che dovrà esaminare diversi casi di statue e monumenti controversi in città, per poi decidere come procedere. La decisione è attesa fra poco meno di tre mesi. Intanto de Blasio ha confermato anche quest’anno la sua partecipazione alla parata del Columbus Day lungo la Fifth Avenue.

Quel Columbus Day che invece è stato cancellato dal calendario di un’altra città a guida democratica, Los Angeles, per dare spazio a una festa dedicata ai popoli indigeni. Una decisione che non è stata presa bene alla Farnesina e non solo. “La cancellazione del Columbus Day è un’offesa a tutta la comunità italiana negli Stati Uniti. Scriverò all’ambasciatore americano in Italia per manifestare la profonda delusione su tale decisione e per chiedere, da genovese, che venga trattata con il dovuto rispetto la storia che lega la città di Genova agli Stati Uniti’, ha annunciato il segretario regionale della Lega Nord Liguria e assessore regionale Edoardo Rixi.

Mentre il deputato Pd Filippo Crimì ha anticipato che presenterà un’interrogazione ad Alfano “per chiedere al ministro degli Esteri di intervenire per proteggere la figura di Cristoforo Colombo e quindi contrastare le falsità storiche”.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

16:05Zimbabwe: Mugabe espulso dal partito di governo

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Il presidente dello Zimbabwe Robert Mugabe è stato espulso dal suo partito Zanu-PF ed è stato sostituito dal vicepresidente Emmerson Mnangagwa. Lo riporta la Bbc. Il partito ha intimato a Mugabe di dimettersi "entro domani a mezzogiorno, altrimenti si darà il via all'impeachment".

15:56Gb: 70 anni di matrimonio, foto celebra Elisabetta e Filippo

(ANSA) - LONDRA, 19 NOV - Un ritratto ufficiale e una serie di francobolli per celebrare 70 anni di matrimonio. Nozze di ferro per Elisabetta II e Filippo di Edimburgo, che domani segnano un altro traguardo record nella storia dei reali. Per la regina e il principe consorte - 91 anni lei, 96 lui - si tratta di un anniversario da festeggiare in privato, come già annunciato da Buckingham Palace. Ma la foto - in piedi e sorridenti, la regina in abito chiaro, Filippo con una giacca grigia e una cravatta bordeaux - campeggia comunque oggi su tutti i media britannici come atto di omaggio. L'omaggio a un'unione indistruttibile, suggellata dal solenne matrimonio celebrato il 20 novembre 1947 (26enne lui, 21enne lei), e poi - dal 1952, anno dell'ascesa al trono di Elisabetta - da oltre 6 decenni di regno. Ma anche l'omaggio a una coppia ancora sulla breccia, eppure incamminata verso un lento addio: segnato dal ritiro di Filippo dagli impegni ufficiali e dall'alleggerimento dei doveri della sovrana a beneficio dell'erede al trono Carlo.

15:55Terremoti: scossa di magnitudo 4.4 nel Parmense

(ANSA) - PARMA, 19 NOV - Un terremoto di magnitudo 4.4 è stato registrato dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia alle 13.37 con epicentro nella zona di Fornovo di Taro, in provincia di Parma. La scossa, avvertita in tutto il territorio, ha provocato paura ma nessun danno. I Vigili del fuoco hanno riferito che non ci sono interventi in atto e, al momento, non ci sono segnalazioni di danni a persone o cose.

14:41Papa: Dio non è controllore bus, non basta non fare del male

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 19 NOV - "Non fare nulla di male non basta, perché Dio non è un controllore in cerca di biglietti non timbrati". Lo ha detto il Papa nell'omelia della messa nella basilica vaticana per la Prima Giornata Mondiale dei Poveri. L'omissione è "il grande peccato nei confronti dei poveri. Qui assume un nome preciso: indifferenza". "E' dire: 'Non mi riguarda, non è affar mio, è colpa della società'. È girarsi dall'altra parte quando il fratello è nel bisogno, è cambiare canale appena una questione seria ci infastidisce, è anche sdegnarsi di fronte al male senza far nulla. Dio, però, non ci chiederà se avremo avuto giusto sdegno, ma se avremo fatto del bene". E invece i poveri sono "il nostro passaporto per il paradiso". "Non cerchiamo allora il superfluo per noi ma il bene per gli altri" perché occorre "il coraggio di amare non a parole ma coi fatti". In basilica erano presenti 7mila poveri. Per 1500 di loro pranzo con il Papa nell'Aula Paolo VI. Gli altri sono ospitati in istituti ed enti caritativi di Roma.

14:31Terremoti: scossa magnitudo 6,4 in Nuova Caledonia

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Una scossa di terremoto di magnitudo 6,4 é stata registrata oggi al largo della Nuova Caledonia, 74 chilometri a est di Tandine, ad una profondità di 25,3 chilometri: lo rende noto l'Istituto geofisico americano (Usgs). Per ora non si hanno notizie di un rischio tsunami.

14:27Marzabotto: squadra 65 Futa visita sacrario vittime eccidi

(ANSA) - BOLOGNA, 19 NOV - I dirigenti, gli allenatori e i calciatori della 65 Futa di Loiano-Monghidoro, squadra che milita nella seconda categoria dilettanti bolognese si sono recati in visita al sacrario di Marzabotto per rendere omaggio alle vittime degli eccidi nazisti. Dopo che il presidente della società Fabrizio Santi ha deposto una composizione floreale sul monumento, tutta la squadra ha poi raggiunto la scuola di pace di Monte Sole per ascoltare la testimonianza di Anna Rosa Nannetti, sopravvissuta alla strage del '44. La visita, organizzata in accordo col sindaco di Marzabotto Romano Franchi, è stata la risposta al gesto di Eugenio Luppi, il calciatore della 65 Futa che domenica scorsa, proprio a Marzabotto, ha esultato dopo un gol con un braccio teso a ricordare il saluto romano e mostrando al pubblico una maglia nera con impressi il tricolore e l'aquila imperiale, simboli della Repubblica Sociale Italiana. Luppi, come era stato annunciato, non ha preso parte alla visita col resto dei compagni.(ANSA).

13:55Incendiata auto parroco in Calabria, s’indaga su motivi

(ANSA) - SCANDALE (CROTONE), 19 NOV - L'automobile del parroco della chiesa di San Giuseppe Operaio, della frazione "Corazzo" di Scandale, nel crotonese, é stata incendiata la scorsa notte da persone non identificate. La vettura, una Fiat Punto, malgrado il tempestivo intervento dei vigili del fuoco, é andata distrutta. Le fiamme si sono estese ad un'altra vettura parcheggiata accanto di proprietà anche questa di un altro sacerdote, parroco della Chiesa di San Giovanni Battista di Crotone, e ad una parete laterale della chiesa. Le indagini sull'episodio sono state avviate dai carabinieri della Compagnia di Crotone e del Comando provinciale. Il parroco proprietario dell'auto incendiata, di origini africane e da circa un mese a Scandale, ha riferito ai militari di non sapersi spiegare i motivi dell'intimidazione. Gli investigatori, comunque, escludono il movente razzista. (ANSA).

Archivio Ultima ora