L’Italia al Bernabeu, tabù Spagna sulla strada dei Mondiali

Pubblicato il 01 settembre 2017 da ansa

MADRID. – Trentacinque anni dopo, ecco di nuovo il Santiago Bernabeu. Quasi ogni italiano, anche quelli che all’epoca nemmeno erano nati, sa che quello è lo stadio dell’urlo di Marco Tardelli e dell’Italia campione del mondo nel 1982. Erano gli azzurri del Presidente-tifoso Sandro Pertini, che batterono la Germania in finale ma che prima, a Barcellona, avevano superato l’Argentina di Maradona e il Brasile di Telè Santana, una delle Selecao più belle di sempre ma che non vinse per colpa di Paolo Rossi.

Forse un Pablito ci vorrebbe anche adesso, e Gian Piero Ventura, il Bearzot di oggi, si augura che lo diventi un Belotti o un Immobile, perché nella prima apparizione azzurra al Bernabeu dopo quella notte magica di tanti anni fa ci vorrebbe una nuova impresa, questa volta a spese della squadra di casa, la fortissima Spagna del tiki taka con vecchi e nuovi protagonisti.

Forse batterla non avrebbe lo stesso significato di quei giorni dei primi anni ’80, perché un match delle qualificazioni, seppure decisivo, non ha lo stesso appeal di una finale, ma sarebbe un ottimo viatico per ciò che accadrà l’anno prossimo in Russia.

Intanto però a Mosca bisogna arrivarci, e serve una vittoria nello stadio del Real Madrid, scelto non solo per via del suo pubblico esigente e caldissimo, ma anche perché dall’inizio di questo secolo la Spagna ha sempre vinto tutte le volte, sei in totale, che ha giocato nel ‘coliseo madridista’.

Per Spagna-Italia c’è il tutto esaurito da un mese e mezzo, ed è facile prevedere, come dice Sergio Ramos, che domani il Bernabeu sarà una marea rossa. Ma gli azzurri non dovranno farsi impressionare, come sostiene anche Gian Piero Ventura quando dice che lui oggi, andando a ispezionare il campo “non ho visto né coccodrilli né serpenti. Il vero problema saranno i tanti avversari di qualità che ci troveremo davanti e che giocheranno un calcio d’attacco, visto che sono capaci di tutto. Però possiamo far bene, questa per noi è una tappa importantissima”. ”

Ma non è anche – aggiunge subito – la fine del giro”. Come dire che ci sarà comunque un’altra possibilità, e che lui comunque è convinto di poterne uscire indenne, al punto che “l’infortunio di Chiellini non ha cambiato ciò che avevamo deciso”.

Il ct fa catenaccio solo quando gli si chiede di Insigne (che per gli spagnoli, amanti del calcio spettacolo, non può non giocare) e del 4-2-4: “non posso parlare di ipotesi proprio adesso”, glissa a proposito del modulo. Di sicuro c’è che l’Italia che secondo Buffon “ha lavorato bene nelle due fasi, difesa e attacco” dopo che “in mezzo a questo anno c’è stata quasi una rifondazione” dovrà essere quella dei giorni migliori, e trovare “coraggio e spregiudicatezza” per mettere in pratica gli insegnamenti.

Come dice il capitano azzurro bisognerà anche che “la sana follia che ho visto nei miei compagni non sia annullata dalla pressione c’è per una partita così importante”. Domani ci vuole una vittoria, come l’Italia è riuscita a fare in Spagna solo nel 1949, perché poi è probabile che solo con i tre punti di Madrid Azzurra riuscirà ad avere la meglio sulle furie rosse nella corsa al primo posto nel girone G delle eliminatorie, che assicura la qualificazione diretta.

Se invece il successo va alla Spagna per lei sarà praticamente fatta, nonostante il suo ct Lopetegui si affanni a ripetere che “poi mancheranno altre tre partite”. Il pari all’Italia servirebbe a poco: in caso di arrivo alla pari fa testo la differenza reti generale, che attualmente è favorevole agli spagnoli (+4). Ma giova ricordare anche che l’Italia ha un record di imbattibilità nelle qualificazioni, tra mondiali ed europei, arrivato a 56 risultati utili, compreso il pari di Torino contro gli spagnoli dell’ottobre scorso.

Italia e Spagna si erano affrontate anche ad Euro 2016, e a St. Denis avevano vinto 2-0 gli azzurri di Conte, “e quella è stata l’unica volta che, da quando ci sono io, li abbiamo battuti nettamente – commenta Buffon -. Però quella era una Spagna in fase di riflessione”. E allora bisogna sperare che l’interruttore del ct Lopetegui si spenga di nuovo.

(dell’inviato Alessandro Castellani/ANSA)

Ultima ora

16:05Zimbabwe: Mugabe espulso dal partito di governo

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Il presidente dello Zimbabwe Robert Mugabe è stato espulso dal suo partito Zanu-PF ed è stato sostituito dal vicepresidente Emmerson Mnangagwa. Lo riporta la Bbc. Il partito ha intimato a Mugabe di dimettersi "entro domani a mezzogiorno, altrimenti si darà il via all'impeachment".

15:56Gb: 70 anni di matrimonio, foto celebra Elisabetta e Filippo

(ANSA) - LONDRA, 19 NOV - Un ritratto ufficiale e una serie di francobolli per celebrare 70 anni di matrimonio. Nozze di ferro per Elisabetta II e Filippo di Edimburgo, che domani segnano un altro traguardo record nella storia dei reali. Per la regina e il principe consorte - 91 anni lei, 96 lui - si tratta di un anniversario da festeggiare in privato, come già annunciato da Buckingham Palace. Ma la foto - in piedi e sorridenti, la regina in abito chiaro, Filippo con una giacca grigia e una cravatta bordeaux - campeggia comunque oggi su tutti i media britannici come atto di omaggio. L'omaggio a un'unione indistruttibile, suggellata dal solenne matrimonio celebrato il 20 novembre 1947 (26enne lui, 21enne lei), e poi - dal 1952, anno dell'ascesa al trono di Elisabetta - da oltre 6 decenni di regno. Ma anche l'omaggio a una coppia ancora sulla breccia, eppure incamminata verso un lento addio: segnato dal ritiro di Filippo dagli impegni ufficiali e dall'alleggerimento dei doveri della sovrana a beneficio dell'erede al trono Carlo.

15:55Terremoti: scossa di magnitudo 4.4 nel Parmense

(ANSA) - PARMA, 19 NOV - Un terremoto di magnitudo 4.4 è stato registrato dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia alle 13.37 con epicentro nella zona di Fornovo di Taro, in provincia di Parma. La scossa, avvertita in tutto il territorio, ha provocato paura ma nessun danno. I Vigili del fuoco hanno riferito che non ci sono interventi in atto e, al momento, non ci sono segnalazioni di danni a persone o cose.

14:41Papa: Dio non è controllore bus, non basta non fare del male

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 19 NOV - "Non fare nulla di male non basta, perché Dio non è un controllore in cerca di biglietti non timbrati". Lo ha detto il Papa nell'omelia della messa nella basilica vaticana per la Prima Giornata Mondiale dei Poveri. L'omissione è "il grande peccato nei confronti dei poveri. Qui assume un nome preciso: indifferenza". "E' dire: 'Non mi riguarda, non è affar mio, è colpa della società'. È girarsi dall'altra parte quando il fratello è nel bisogno, è cambiare canale appena una questione seria ci infastidisce, è anche sdegnarsi di fronte al male senza far nulla. Dio, però, non ci chiederà se avremo avuto giusto sdegno, ma se avremo fatto del bene". E invece i poveri sono "il nostro passaporto per il paradiso". "Non cerchiamo allora il superfluo per noi ma il bene per gli altri" perché occorre "il coraggio di amare non a parole ma coi fatti". In basilica erano presenti 7mila poveri. Per 1500 di loro pranzo con il Papa nell'Aula Paolo VI. Gli altri sono ospitati in istituti ed enti caritativi di Roma.

14:31Terremoti: scossa magnitudo 6,4 in Nuova Caledonia

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Una scossa di terremoto di magnitudo 6,4 é stata registrata oggi al largo della Nuova Caledonia, 74 chilometri a est di Tandine, ad una profondità di 25,3 chilometri: lo rende noto l'Istituto geofisico americano (Usgs). Per ora non si hanno notizie di un rischio tsunami.

14:27Marzabotto: squadra 65 Futa visita sacrario vittime eccidi

(ANSA) - BOLOGNA, 19 NOV - I dirigenti, gli allenatori e i calciatori della 65 Futa di Loiano-Monghidoro, squadra che milita nella seconda categoria dilettanti bolognese si sono recati in visita al sacrario di Marzabotto per rendere omaggio alle vittime degli eccidi nazisti. Dopo che il presidente della società Fabrizio Santi ha deposto una composizione floreale sul monumento, tutta la squadra ha poi raggiunto la scuola di pace di Monte Sole per ascoltare la testimonianza di Anna Rosa Nannetti, sopravvissuta alla strage del '44. La visita, organizzata in accordo col sindaco di Marzabotto Romano Franchi, è stata la risposta al gesto di Eugenio Luppi, il calciatore della 65 Futa che domenica scorsa, proprio a Marzabotto, ha esultato dopo un gol con un braccio teso a ricordare il saluto romano e mostrando al pubblico una maglia nera con impressi il tricolore e l'aquila imperiale, simboli della Repubblica Sociale Italiana. Luppi, come era stato annunciato, non ha preso parte alla visita col resto dei compagni.(ANSA).

13:55Incendiata auto parroco in Calabria, s’indaga su motivi

(ANSA) - SCANDALE (CROTONE), 19 NOV - L'automobile del parroco della chiesa di San Giuseppe Operaio, della frazione "Corazzo" di Scandale, nel crotonese, é stata incendiata la scorsa notte da persone non identificate. La vettura, una Fiat Punto, malgrado il tempestivo intervento dei vigili del fuoco, é andata distrutta. Le fiamme si sono estese ad un'altra vettura parcheggiata accanto di proprietà anche questa di un altro sacerdote, parroco della Chiesa di San Giovanni Battista di Crotone, e ad una parete laterale della chiesa. Le indagini sull'episodio sono state avviate dai carabinieri della Compagnia di Crotone e del Comando provinciale. Il parroco proprietario dell'auto incendiata, di origini africane e da circa un mese a Scandale, ha riferito ai militari di non sapersi spiegare i motivi dell'intimidazione. Gli investigatori, comunque, escludono il movente razzista. (ANSA).

Archivio Ultima ora