Lezione Spagna, il Mondiale dell’Italia ora passa per lo spareggio

Pubblicato il 02 settembre 2017 da ansa

Gli azzurri escono dal Bernabeu a testa bassa.
ANSA/DANIEL DAL ZENNARO

MADRID. – Altro che revival del 1982. Il ritorno dell’Italia al Santiago Bernabeu, questa volta contro la squadra di casa, ha avuto il sapore amaro di una disfatta che spinge gli azzurri verso i play off per Russia 2018. E’ una sconfitta per 3-0 senza attenuanti, per la gioia di un pubblico che già al 43′ del primo tempo ha fatto scattare gli ‘olè’ per sottolineare il dominio della Spagna sugli avversari.

Altro che conquista di un titolo mondiale, come accadde 35 anni nel ‘coliseo madridista’: questa volta gli azzurri, oggi umiliati, dovranno rincorrere la qualificazione a Russia 2018 attraverso gli spareggi delle migliori seconde. A favorirli ci sarà il fatto che la Fifa, in base al ranking, li inserirà fra le teste di serie, a meno di tracolli nei restanti impegni con Israele, Macedonia e Albania.

Ma potrebbero trovare comunque rivali insidiosi, come Grecia, Slovacchia e Ucraina. Intanto però la sfida del Bernabeu contro la ‘Roja’ del falso ‘nueve’, con Isco a fare il match winner e Asensio a mostrare tutto il talento di cui è dotato, ha avuto il sapore di una bocciatura pesante. Il 4-2-4 del Ventura – del quale il ct non si e’ pentito, nonostante le evidenti pecche – ha prodotto una sola occasione pericolosa nei primi 45′, un colpo di testa di Belotti su cross di Darmian. Per il resto c’è stata impotenza di fronte al sapiente fraseggio e alla disinvoltura degli spagnoli nel possesso palla, con un Iniesta superlativo nel distribuire il gioco.

Come se non bastasse, Buffon ci ha messo del suo, visto che ha dato l’impressione di essere poco reattivo sulle gambe sulla punizione di Isco per l’1-0, e probabilmente anche sul raddoppio del madridista. In precedenza il talento del Real, osannato dal pubblico quasi quanto Piqué è stato fischiato, aveva realizzato l’1-0 con la perfetta esecuzione di una punizione dal limite dopo che Asensio, lanciato a rete, era stato atterrato da Bonucci.

Da brividi la standing ovation quando Isco è uscito all’89’ pr regalare spiccioli di partita al veterano David Villa, altro beniamino della tifoseria spagnola. Stessa storia, ovvero zero gioco dell’Italia (bloccato Verratti) nella ripresa, con le furie rosse tali di soprannome e di fatto, e Bonucci e soci a fare quasi da spettatori in campo, in preda forse al ‘miedo escenico’ che al Bernabeu è costato pesanti ko a tanti, e da oggi anche a quest’Italia del dopo Conte che secondo Ventura è stata rifondata.

Gli effetti di ciò qui non si sono visti, e dopo il 3-0 del subentrato Morata, al quale è anche stato annullata la rete del poker per un fuorigioco, l’unico lampo azzurro, si fa per dire, è stato un tiro a fuori di Insigne su cui De Gea si è esibito in una parata ‘plastica’ per il pubblico.

Così undici anni dopo lo stop contro la Francia a Parigi, da freschi campioni del mondo, l’Italia incassa la prima sconfitta in un match di qualificazione europea o mondiale: il vero problema è che fa male il modo in cui è successo, pur tenendo conto del valore degli avversari.

Da quando hanno Lopetegui come commissario tecnico gli spagnoli non hanno mai perso: con questa ‘toreada’ a spese di una pessima Italia, è arrivato a 8 vittorie e 3 pareggi lo ‘score’ della gestione del post-Del Bosque, ed è una striscia positiva che promette di continuare, con o senza ‘falso nueve’.

(dell’inviato Alessandro Castellani/ANSA)

Ultima ora

01:34Calcio: Mkhitaryan dice sì all’Arsenal, Sanchez allo United

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Il centrocampista armeno del Manchester United Henrikh Mkhitaryan ha accettato la proposta di trasferirsi all'Arsenal, aprendo la strada allo scambio con il cileno Alexis Sanchez, molto atteso da Jose Mourino. Il 28enne centrocampista, 28 anni, si sottoporrà alle visite mediche tra domani e lunedì dopo aver trovato nella giornata di oggi l'accordo con il club londinese, di cui al momento non si conoscono i termini. Secondo i media inglesi, il trasferimento avverrà 'alla pari', avendo trovato i club un accordo su una valutazione di 35 milioni di sterline per entrambi i giocatori.

01:14Calcio: pari Atletico e Valencia ko, sabato pro-Barcellona

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Il Barcellona domina la Liga anche senza giocare, visto che le rivali fanno a gara per gettare punti e perdere ulteriore terreno sulla capolista. L'Atletico Madrid, impegnato col Girona, si è fatto bloccare sull'1-1 e praticamente può dire addio alle pur flebili speranze di contendere il titolo ai blaugrana. I punti di distacco tra prima e seconda sono ora otto, con il Barca che ha una partita in meno (domani col Betis). Il Valencia, terzo in graduatoria, ha addirittura perso a Las Palmas, sprecando l'occasione di affiancare la squadra di Simeone. Vince invece il Villarreal, 2-1 a Levante, e sale al quarto posto in attesa della partita domenicale del Real Madrid.

01:13Liberia: presidente Weah in campo per partita di beneficenza

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - L'ex fuoriclasse George Weah torna al calcio per un giorno, in occasione degli eventi che precedono il suo insediamento come presidente della Liberia: l'ex milanista è sceso in campo per una partita di beneficenza con una squadra creata per l'occasione - la Weah All Stars Team, con molti ex colleghi calciatori - , sfidata in campo dai militari delle forze armate liberiane. Il match - finito 2 a 1 per la squadra del neo presidente - si è svolto al Barclay Training Center di Monrovia. Weah, 51 anni, giurerà da presidente il 22 gennaio.

00:35Calcio: serie B, Cesena-Bari 1-1

(ANSA) - CESENA, 20 GEN - Finisce in parità la sfida dell'"Orogel Stadium Manuzzi" tra Cesena e Bari, ultima sfida del sabato nella 22/a giornata di serie B. All'acuto di Laribi nel primo tempo risponde il Bari con un'autorete di Suagher. Pareggio alla fine giusto giunto al termine di una gara vivace in cui non sono mancate le occasioni da una parte e dall'altra, la più clamorosa la traversa colpita dal barese Cissè a 5' dal termine. Il Bari è sesto con 35 punti, il Cesena raggiunge l'Entella a quota 24.

22:33Calcio: Lipsia ko, raggiunto da Bayer e M.Gladbach

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Il Lipsia perde 2-1 a Friburgo e viene agganciato al secondo posto dal Bayer Leverkusen, vittorioso 4-1 sul campo dell'Hoffenheim, e dal Borussia Moenchengladbach, impostosi 2-0 sull'Augusta. Dopo 19 turni di Bundesliga, la capolista Bayern Monaco ha 13 punti di vantaggio con una partita in meno e domani riceve il Werder Brema. Molto affollata la zona Champions-Europa League. Alle spalle del terzetto a 31 punti, ci sono a quota 30 il Borussia Dortmund, oggi un pareggio 1-1 a Berlino in casa dell'Hertha, lo Schalke 04, che battendo domani l'Hannover scavalcherebbe tutti portandosi al secondo posto da solo, e l'Eintracht, vittorioso per 3-1 a Wolfsburg. In coda, il Magonza batte lo Stoccarda 3-2 e lo raggiunge al quart'ultimo posto. Nella sfida Amburgo-Colonia ha la meglio il fanalino di coda, che vince 2-0 in trasferta.

22:27Calcio: tripletta di Aguero, il City riprende a correre

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Niente cambia in vetta alla Premier League dopo il sabato di incontri della 24/a giornata. Vince 3-0 il Manchester City nell'impegno tardo pomeridiano col Newcastle e mantiene 12 punti di vantaggio sul Manchester United, che si impone 1-0 in casa del Burnley, e 15 sul Chelsea, vittorioso 4-0 a Brighton. Il Liverpool giocherà lunedì a Swansea per riagganciare, in caso di vittoria, la squadra di Conte al terzo posto. Il Tottenham gioca domani e nel frattempo l'Arsenal, con un liberatorio 4-1 al Crystal Palace dopo due pareggi e una sconfitta, gli si è avvicinato. All'Ethiad Stadium il primo gol dei Citizens è stato assegnato ad Aguero, che su cross di De Bruyne ha sfiorato di testa il pallone. Nella ripresa, El Kun ha segnato altre due reti, la prima su rigore. Ed il City riparte dopo il ko con il Liverpool. Lo United ha capitalizzato al massimo una rete di Martial al 9' della ripresa, mentre l'Arsenal ha dilagato sul Palace segnando con Monreal, Iwobi, Koscielny e Lacazette.

22:16Incidenti montagna: alpinista scivola e muore

(ANSA) - PANIA DELLA CROCE (LUCCA), 20 GEN - Un alpinista è morto a seguito delle ferite riportate per una caduta nel Vallone dell'Inferno sul versante occidente della Pania della Croce (Lucca). L'uomo, secondo quanto si appreso, sarebbe finito nella Buca della neve. A dare l'allarme al 118, intorno alle 17, gli altri componenti del gruppo che si trovavano con l'uomo. L'elicottero Pegaso 3 a causa delle condizioni atmosferiche e dell'approssimarsi del buio non ha potuto raggiungere l'alpinista ma è riuscito a trasportare gli uomini della stazione di Lucca, insieme con il medico, a circa 1 ora e 20 minuti di distanza, lungo il sentiero del pastore che sale al Rifugio Rossi. Sul posto si è diretta anche la squadra di Querceta(Lucca). L'uomo era in condizioni disperate. In corso le operazioni di recupero della salma. Il Sast (Soccorso alpino e speleologico Toscano) ricorda che in quota le condizioni della neve non sono buone: vento e pioggia hanno fatto affiorare strati di neve molto ghiacciata.

Archivio Ultima ora