Consegnata “nota di protesta” al nostro Ambasciatore

Jorge Arreaza considera obsesiva las reiteradas declaraciones del presidente colombiano sobre la crisis política en Venezuela
Jorge Arreaza considera obsesiva las reiteradas declaraciones del presidente colombiano sobre la crisis política en Venezuela
Lilian Tintori accompagnata dall'Ambasciatore d'Italia, Silvio Mignano, e i capi delle missioni diplomatiche di Spagna e Germania in Venezuela
Lilian Tintori accompagnata dall’Ambasciatore d’Italia, Silvio Mignano, e i capi delle missioni diplomatiche di Spagna e Germania in Venezuela

CARACAS – Consegnata la “nota di protesta” al nostro Ambasciatore, Silvio Mignano. Così il governo del presidente della Repubblica, Nicolas Maduro, è passato dalle minacce ai fatti. Il ministro degli Esteri, Jorge Arreaza, ha informato che i rappresentanti diplomatici dell’Italia, della Germania, della Spagna e dell’Inghilterra, sono stati chiamati alla “Casa Amarilla”. A loro è stata consegnata una “nota di protesta” formale contro i rispettivi governi. Il ministro Arreaza ha criticato gli Ambasciatori per aver accompagnato all’aeroporto l’attivista per i Diritti Umani, Lilian Tintori.

– Gli ambasciatori dell’Italia, della Spagna, della Germania e dell’Inghilterra – ha precisato il ministro Arreaza – sono stati utilizzati da Lilian Tintori nel suo tentativo di abbandonare il Paese. Abbiamo convocato questi ambasciatori e consegnato una nota di protesta per la loro ingerenza negli affari interni del Paese.

Borges e Guevara in Europa

Lilian Tintori si sarebbe dovuta recare in Europa. In programma aveva incontri con il presidente del governo spagnolo, Mariano Rajoy; la premier inglese, Theresa Mai, e il Cancelliere tedesco, Angela Merkel. Giacché gli è stato proibito di abbandonare il Paese, sarà rappresenta dal vicepresidente del Parlamento, Freddy Guevara, attualmente in Europa. Il deputato Guevara accompagna il presidente dell’Assemblea Nazionale, Julio Borges, in un missione parlamentare in alcuni paesi del Vecchio Continente. Lilian Tintori, moglie del leader di Vp in carcere dal 2014, si sarebbe recata in Europa per denunciare la crisi politica ed economica del Paese.

Non la prima volta per il nostro Ambasciatore

Il ministro degli Esteri, Jorge Arreaza, ha chiesto al presidente del Governo spagnolo, Mariano Rajoy e al presidente francese, Emmanuel Macròn, rispetto verso le istituzioni venezolane.
“Il presidente del Governo spagnolo, nella sua ossessione contro Venezuela, difende gravi delitti di corruzione e mette in dubbio il nostro sistema di giustizia”. Così ha scritto il ministro Arreaza nel suo account in Twitter. Inoltre, il capo della diplomazia venezuelana ha rispedito al mittente alcune dichiarazioni della Gran Bretagna e dell’Irlanda, considerandole poco “amichevoli”.

Per quel che riguarda l’Italia, poi, questa non è la prima nota di protesta che riceve il governo del premier Paolo Gentiloni. Già in precedenza, alcuni mesi fa, il nostro Ambasciatore, Silvio Mignano, era stato chiamato alla “Casa Amarilla”, sede della diplomazia venezolana. E aveva ricevuto dal sottosegretario per l’Europa, Yvan Gil, una “nota di protesta verbale” per alcune dichiarazioni particolarmente severe  del ministro Alfano.