‘Ndrangheta: preso Rocco Morabito, coca dal Sudamerica

Il boss della 'Ndrangheta Rocco Morabito, ricercato in vari paesi del sud America dove aveva interessi, dopo mesi di intense attivita' di cooperazione internazionale ed intelligence, fotografato dalla polizia dopo il suo arresto in Uruguay, 4 settembre 2017. ANSA/POLIZIA EDITORIAL USE ONLY .
Il boss della ‘Ndrangheta Rocco Morabito, ricercato in vari paesi del sud America dove aveva interessi, dopo mesi di intense attivita’ di cooperazione internazionale ed intelligence, fotografato dalla polizia dopo il suo arresto in Uruguay, 4 settembre 2017.
ANSA/POLIZIA EDITORIAL USE ONLY
.

MONTEVIDEO. – Inserito da tempo nell’elenco dei latitanti di massima pericolosità, insieme tra gli altri a Matteo Messina Denaro, il 51/enne ‘boss’ della ‘ndrangheta Rocco Morabito è stato preso a Montevideo, la capitale dell’Uruguay, paese dove viveva da anni. Tramite un provvedimento di cattura ‘rosso’ dell’Interpol, Morabito è accusato di aver fatto parte tra il 1988 e il 1994 di un gruppo del narcotraffico, nella quale organizzava il trasporto della droga in Italia e la distribuzione a Milano.

Il ministero degli Interni del paese uruguaiano cita inoltre i casi del traffico “nel 1993 di 32 kg di cocaina in Italia, operazione fallita a causa della cattura in Francia di un trafficante, e di 592 kg nel 1992 dal Brasile all’Italia, droga confiscata in quest’ultimo paese”.

Da ultimo, si ricorda un’ operazione l’anno successivo con 630 kg di cocaina. “Dopo sei mesi di intense attività d’informazione e intelligence è stato accertato” che Morabito aveva ottenuto “documenti uruguaiani presentando documenti brasiliani con il nome di ‘Francisco Capeletto'”, ha precisato il ministero degli interni, sottolineando che l’arresto è avvenuto “in un hotel del centro di Montevideo”.

Condividi: