Da Immobile tre punti preziosi, l’Italia a un passo dai playoff

Pubblicato il 05 settembre 2017 da ansa

Ciro Immobile festeggiato dai compagni di squadra dopo il gol..
ANSA/ELISABETTA BARACCHI

ROMA. – L’Italia fatica a rialzarsi dalla disfatta di Madrid, ma con un gol di Immobile batte 1-0 Israele e i fischi dei suoi tifosi dopo un primo tempo di grande difficoltà, a Reggio Emilia. E ora vede a un passo i play off per andare al Mondiale. Oltre ai tre punti preziosi regalati dal colpo di testa dell’attaccante azzurro, pesa il pareggio dell’Albania in Macedonia: ora il secondo posto dell’Italia è blindato da un +6 sulla nazionale di Tirana, che per inciso dovrà affrontare nelle ultime due giornate Spagna e proprio Italia, a Scutari. Basta un punto contro la Macedonia a Torino, agli azzurri, per la matematica certezza degli spareggi, e anche nella più apocalittica delle ipotesi (due eventuali sconfitte) c’è la differenza reti a protezione della nazionale: +12 quella dell’Italia, +1 quella albanese.

Numeri a parte, Ventura si dice contento della serata ma non può davvero considerare la prestazione di Reggio Emilia un passo avanti. Dopo la disfatta di Madrid, il commissario tecnico ribadisce la sua fiducia nel contestato 4-2-4. Astori prende il posto dello squalificato Bonucci, Darmian si sposta a sinistra della linea di difesa lasciando la destra a Conti per l’infortunato Spinazzola. Conferme per Verratti e Insigne, sotto i riflettori dopo le critiche ricevute per le prestazioni del Bernabeu.

Israele infoltisce il centrocampo con un 4-5-1 che metterà in difficoltà la manovra azzurra. Pronti via, i primi passi confortano ct e tifosi del Mapei Stadium di Reggio: combinazione Insigne-Darmian a sinistra, sull’assist del napoletano la battuta al volo di Belotti sfiora il palo. Ma dura solo quei 42”, perché incredibilmente l’Italia si affloscia subito, facendo salire minuto dopo minuto malumori e fischi del pubblico.

Belotti e Immobile sono statici, Verratti non trova mai corridoi di passaggio giusti, Insigne si muove molto ma senza idee. Al minuto numero 20 Astori e Buffon rischiano il pasticcio su Schechter che però fa fallo. Il campanello d’allarme non sveglia l’Italia, che rischia al 24′ sulla penetrazione di Kabah, fermato da Conti davanti a Buffon.

Ancora Schechter sotto rete batte su Buffon reattivo, il fuorigioco fischiato è un dettaglio a fronte della leggerezza difensiva degli azzurri. Così dopo un destro largo dal limite di De Rossi (31′), serve la paratona di Buffon al 42′ per togliere da sotto la traversa il destro dal limite di Cohen. Nel recupero, Insigne pescato davanti ad Harush da un lancio preciso batte di destro sui piedi del portiere.

Il rientro nello spogliatoio è tra i fischi. La pausa serve a Ventura a scuotere gli azzurri, che rientrano con altra verve e in quattro minuti creano tre occasioni. La battuta di De Rossi è respinta da Ben Haim, Immobile è protagonista prima sprecando di testa il cross di Darmian poi sfruttando l’assist di Candreva per la battuta sottoporta respinta dal portiere.

Entra Zappacosta per Conti al 5′, e il gioco si apre anche a destra. E’ infatti da quella parte che arriva il pallone buono di Candreva: cross dal fondo, sul palo opposto Immobile di testa schiaccia a rete per l’1-0, all’8′. L’Italia capisce il momento e preme – anche perché in Macedonia nel frattempo è andata in gol anche l’Albania – e Insigne ci prova al volo.

Al 15′ Verratti entra in area trova il muro di Israele, per l’angolo, ma sulla ripartenza israeliana il neoentrato Ben Chaim è lanciato a rete da solo e ci pensa Zappacosta a sbrogliare la situazione. Il terzino chiamato da Conte al Chelsea va anche vicino al gol al 18′, il suo destro è deviato in angolo. Subito dopo Harush salva sul tap in di testa di Belotti, che di testa ci riprova al 28′.

Ma è al 31′ che il centravanti azzurro ha l’occasione più nitida, una girata di destro in area su palla filtrante che Harush toglie dalla rete. Ventura in panchina non può stare tranquillo, nonostante dalla Macedonia arrivi la notizia del pareggio con l’Albania. Ben Chaim sfiora il pari anche a Reggio, ma Buffon blocca il pallonetto, pochi istanti prima che Immobile cada in area israeliana reclamando un rigore e rimediando il giallo per simulazione. Bernardeschi per Candreva e Montolivo per Verratti (fischiato) portano un po’ di freschezza nel finale. C’e’ da difendere l’1-0, non bello ma molto prezioso.

Ultima ora

05:05Curry, ‘giornata surreale, Trump non si comporta da leader’

NEW YORK - ''Una giornata surreale'': cosi' la stella della Nba Stephen Curry commenta l'affondo del presidente americano Donald Trump che gli ha ritirato l'invito alla Casa Bianca. ''Non so perche' sente la necessita' di prendere di mira certe persone piuttosto che altre. Io un'idea ce l'ho, ma questo non e' quello che fa un leader''.

04:56James ancora contro Trump, usa sport per dividere Paese

NEW YORK - LeBron James torna ad attaccare Donald Trump, stavolta con un video: ''Mi sento frustrato, perche' questa persona che abbiamo messo al potere dopo quello che e' successo dopo Charlottesville sta tentando di usare lo sport per dividere ancor di piu' il popolo americano. E non e' una cosa che posso tollerare, non e' una cosa su cui posso tacere''. Oltre al caso del suo collega della Nba Stephen Curry, James critica Trump anche per aver chiesto di licenziare i giocatori di football americano che non cantano l'inno in segno di protesta.

04:41Londra: 6 feriti in attacchi con acido, no terrorismo

LONDRA - Sei persone sono state ferite ieri sera in diversi attacchi con acido in un centro commerciale a Stratford, nella zona orientale di Londra. La polizia ha arrestato un uomo, sospettato di lesioni personali gravi e ne sta cercando altri. Un portavoce ha dichiarato che la polizia esclude il movente terroristico e ha aggiunto che le persone ferite non sono in pericolo di vita.

04:36Trump, test dimostra accordo Iran non e’ un granche’

NEW YORK - "L'Iran ha appena testato un missile balistico capace di raggiungere Israele. E stanno anche lavorando con la Corea del Nord. Non e' un granche' di accordo quello che abbiamo": cosi' il presidente americano, Donald Trump, commenta il test su un nuovo missile balistico eseguito da Teheran.

23:38Calcio: Udinese in ritiro da lunedì

(ANSA) - UDINE, 23 SET - L'Udinese andrà in ritiro da lunedì. Lo ha deciso la società dopo la sconfitta di questo pomeriggio con la Roma, la quinta in sei gare da inizio campionato. Il ritiro, annunciato in serata dal club con una breve nota, è stato deciso "per preparare al meglio l'importante sfida di sabato prossimo con la Sampdoria". Una partita dal risultato che appare obbligato per i bianconeri, ancora fermi a 3 punti in classifica.

23:30Calcio: Baselli si scusa, ‘troppa voglia derby,ho sbagliato’

(ANSA) - TORINO, 23 SET - "Avevo troppo voglia di derby, tenevo troppo a questa partita. Ho sbagliato". Daniele Baselli commenta così, su Twitter, l'espulsione che ha condizionato la prestazione del Torino, battuto 4-0 dalla Juventus. "Chiedo scusa ai miei compagni, ai nostri tifosi, alla società", aggiunge il giocatore granata, che posta la foto in cui esce dal campo. "Superfluo aggiunge altro. Momento durissimo - scrive il centrocampista -. Mi assumo tutte le responsabilità. Sempre e comunque forza Toro".

23:18Serie A: Juve padrona, demolisce Toro 4-0 e fa suo il derby

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Una Juve padrona all'Allianz Stadium fa suo il derby della Mole, cancellando il Torino 4-0. Primo tempo sontuoso degli uomini di Allegri che prima a passano in vantaggio grazie al 9/o gol stagionale di Dybala e poi approfittano di uno sciagurato fallo di Baselli che costa al centrocampista granata il doppio giallo e l'inevitabile espulsione. Era il 25' e da lì la partita è corsa su un unico binario: il raddoppio di Pjanic al 40', il tris firmato da Alex Sandro al 12' st e il sigillo ancora del n.10 argentino allo scadere. Il punteggio sarebbe addirittura potuto essere ancora più severo per i granata, ma i pali, le parate di Sirigu e l'imprecisione degli attaccanti bianconeri hanno limitato i danni. Higuain ha iniziato in panchina per poi entrare negli ultimi dieci minuti. La squadra di Mihajlovic paga caro l'errore di Baselli ma già l'approccio alla gara non era stato dei migliori, sentendo forse troppo il match a cui per la prima volta dopo anni erano arrivata senza i panni dell'eterna sconfitta.

Archivio Ultima ora