Migranti: 18% in meno del 2016. Minniti cauto: “Ancora presto”

Pubblicato il 05 settembre 2017 da ansa

La nave Iuventa della ong tedesca Jugend Rettet, bloccata nel porto di Lampedusa (Agrigento), 02 agosto 2017.
ANSA/POLIZIA DI STATO

ROMA. – Il conto degli arrivi di migranti via mare nel 2017 è ancora fermo sotto quota 100mila: 99.847 per la precisione, il 18% in meno del 2016. Il crollo è iniziato a luglio (11.459 sbarchi contro i 23.552 dello stesso mese del 2016), si è accentuato ad agosto (3.914 contro i 21.295 dell’ agosto precedente) ed è proseguito in questi primi giorni di settembre (720 contro 16.975). Ma il ministro dell’Interno Marco Minniti non canta vittoria e sparge cautela: “stiamo assistendo – nota – ad una riduzione significativa, ma è un po’ presto per dire che il calo è strutturale”.

Intanto, Gino Strada lo attacca: “ha una storia da sbirro e va avanti su quella strada lì. Per lui ributtare in mare o riconsegnare bambini, donne incinte, poveracci, a quelli lì in Libia e farli finire nelle carceri ammazzati o torturati, è una cosa compatibile con i suoi valori. E si sente orgoglioso di quel che fa”.

Saranno le prossime settimane a dire se il trend tiene, se il piano messa in campo dopo i megasbarchi di inizio estate continuerà a pagare. Il risultato, considera il ministro, “non è frutto di un unico movimento, ma di una strategia complessa. Io sono qui da poco più di 8 mesi e fin dall’inizio ho cercato di trasmettere un messaggio: quella della migrazione è una partita epocale, ci accompagnerà nel futuro e non si può inseguirla o subirla, ma bisogna cercare di governarla”.

Il titolare del Viminale ha quindi ripercorso le diverse leve usate: l’Europa, che “deve fare con la Libia lo stesso accordo fatto con la Turchia e che ha permesso la chiusura della rotta balcanica”; la Libia, cui “vogliamo offrire un circuito economico alternativo all’unica industria che funziona, quella dannata dei trafficanti di uomini”; le ong, responsabili nei primi sei mesi dell’anno dell’arrivo del 41% dei migranti. Con il Codice di condotta e l’allargamento dell’area di ricerca e soccorso libica, le navi umanitarie hanno praticamente cessato di operare e diverse ong hanno sospeso l’attività.

“L’Italia – sottolinea Minniti – ha il diritto e il dovere di avere un rapporto con le Ong che concili umanità e sicurezza”. Oltre che sul versante del contrasto dei flussi migratori illegali, il ministero lavora anche ad un piano nazionale per l’integrazione dei richiedenti asilo: sarà presentato nel giro di due settimane.

“Una società più integrata – rileva – è anche una società più sicura. Se esaminiamo infatti gli attentati avvenuti nel nostro Continente, da Charlie Hebdo in poi, vediamo che sono stati commessi da figli dell’Europa, figli di un’ insufficiente integrazione”.

Tra i temi centrali del piano per l’integrazione ci sarà quello del rapporto uomo-donna, che “non è lo stesso in tutte le culture. Integrazione significa far capire che i valori della parità tra i sessi, frutto di battaglie dei movimenti delle donne, sono irrinunciabili”. Poi ci sono i casi come gli stupri di Rimini che mettono pesantemente in discussione il percorso di integrazione. “Ci sono sfide che si vincono – commenta – ed altre che si perdono, ma non bisogna disperdere le esperienze positive”.

Quanto all’aver temuto per la tenuta democratica del Paese in seguito ai massicci flussi – parole che avevano suscitato perplessità anche all’interno del suo partito – Minniti dice di essersi chiarito con il guardasigilli Andrea Orlando. “Non so – spiega – se ho esagerato nel mio timore, ma tra il sapere se ho esagerato o no preferisco non avere la controprova”.

Bisogna “tenere insieme il diritto di chi accoglie e quello di chi è accolto. Una democrazia ascolta entrambi i diritti. Se invece si dà l’impressione di ascoltare più un diritto rispetto all’altro si produce qualcosa che non funziona e crea tensione nel tessuto sociale”. E torna a spingere per lo ius soli. “Perché – chiede – a chi è nato qui da genitori regolarmente soggiornanti ed ha completato un ciclo di studi devi dire di aspettare il diciottesimo anno di età per diventare italiano?”.

Ultima ora

01:30Azzurri:Bonucci,Ventura unico colpevole è brutto e riduttivo

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - ''Trovare un unico colpevole nel Ct Ventura è brutto e riduttivo, l'eliminazione arriva non per il Ct in panchina ma perché abbiamo tralasciato i segnali che arrivavano''. Dopo il match con il Napoli, il difensore del Milan e della Nazionale italiana torna sulla mancata qualificazione dell'Italia ai Mondiali. ''Gli altri - afferma Bonucci a Sky - crescono e noi ci affidiamo alla buona sorte. Ancelotti prossimo CT? Per lui parla la carriera, è un grandissimo allenatore, è un vincente ma ci sono altre cose che bisogna decidere prima del commissario tecnico"

01:16Azzurri:Sarri’nessuno ha difeso Ventura e non mi è piaciuto’

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - ''Nessuno ha preso le difese di Ventura. Qualcuno avrebbe dovuto farlo. Non ho sentito le parole dell'associazione allenatori e questo mi ha fatto male''. Il tecnico del Napoli Maurizio Sarri prende le difese dell'ex ct della nazionale Giampiero Ventura assediato dai media dopo la mancata qualificazione ai Mondiali. ''Nessuno l'ha difeso e non mi è piaciuta la gogna mediatica a cui è stato sottoposto''. ''Io ct? Più facile - aggiunge Sarri - che io faccia il politico''.

00:41Calcio: Liga, finisce a reti inviolate il derby di Madrid

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Finisce a reti inviolate il derby di Madrid. Nella 12/a giornata della Liga, l'Atletico, prossimo avversario della Roma in Champions League, non va oltre lo 0-0 in casa contro il Real di Cristiano Ronaldo. Ne approfitta il Barcellona che allunga sempre di più in classifica dopo la larga vittoria 3-0 sul campo del Leganes. Ora i blaugrana hanno 7 punti di vantaggio sul Valencia impegnato domani contro l'Espanyol e 10 sulle due squadre di Madrid.

00:40Calcio:Insigne’dispiace molto per Mondiale,ma no polemiche’

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - "E' stata una grande vittoria contro una grande come il Milan. Noi ci abbiamo messo grinta e cuore, poi i tifosi ci sono sempre vicino e noi li ringraziamo sempre e cercheremo di non deluderli''. A Premium Sport l'attaccante del Napoli Lorenzo Insigne torna sulla mancata qualificazione al Mondiale: Scudetto possibile? ''Sappiamo che possiamo fare grandi cose quest'anno, stiamo dando il massimo e speriamo che basterà. Il Napoli per dimenticare la panchina in Nazionale? A me è dispiaciuto di più non andare al Mondiale rispetto a non aver giocato. Non voglio fare polemica, ho accettato le scelte del mister. Per il CT quegli erano gli uomini giusti ma io sono stato orgoglioso di far parte di quel gruppo. Dispiace molto, ma ora devo pensare al Napoli".

00:24Basket: Serie A, Cremona-Reggio Emilia 68-71

(ANSA) - CREMONA, 18 NOV - Colpo grosso per Reggio Emilia che in emergenza totale passa al PalaRadi di Cremona contro una Vanoli troppo svagata (71-68). La squadra di Menetti si è affidata al suo giocatore più forte, Amedeo Della Valle, e alla fine ha ragione visto che il numero 8 realizza ben 24 punti. Reggio ha sfruttato una grande difesa, riuscendo a limitare per quasi tutti i 40' il giocatore più pericoloso della Vanoli: Johnson Odom. La gara, nonostante la supremazia di Reggio, si è decisa a pochi secondi dalla fine. Cremona era riuscita a passare in vantaggio ma ha sprecato troppo facendosi riprendere e superare da un canestro di Wright. Sul -1 la palla persa decisiva di Odom con contropiede decisivo di Reggio che ha di fatto chiuso il conto sul 71-68. Migliori marcatori da una parte Della Valle con 24 e dall'altra Sims con 15.

00:13Serie A: il Napoli batte il Milan 2-1

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Il Napoli ha battuto il Milan 2-1 (1-0) al San Paolo nel secondo dei due anticipi della 13/a giornata del campionato di Serie A. Apre le marcature Insigne (gol convalidato dalla Var al 33' pt) e chiude Zielinski al 28' st. Tardivo il gol nel finale di Romagnoli (47' st). Gli azzurri allungano in testa alla classifica a +4 punti dalla Juventus attesa domani a Genova dalla Sampdoria.

00:01Gerry Adams, ‘lascio la guida del Sinn Fein nel 2018’

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Gerry Adams ha annunciato che l'anno prossimo lascerà la guida del Sinn Fein, il partito di riferimento della causa repubblicana nella comunità cattolica dell'Irlanda del Nord, dopo 34 anni di leadership. Adams ha comunicato che non si presenterà alle prossime elezioni parlamentari irlandesi. "La leadership è sapere quando è il momento di cambiare e questo è il momento", ha detto alla riunione del partito a Dublino. La sua decisione era attesa.

Archivio Ultima ora