Premio Fenice-Europa: a Salvatore Basile il “Romanzo Italiano per il Mondo”

Pubblicato il 06 settembre 2017 da redazione

Tutti gli autori vincitori

PESCINA (AQ) – La sala eventi del Centro Studi Ignazio Silone di Pescina (L’Aquila), gremita di pubblico, ha fatto da cornice alla cerimonia finale della XX edizione del Premio Letterario Fenice-Europa, ideato da Rizia Guarnieri e Adriano Cioci.

Supervincitore è risultato Salvatore Basile, autore di Lo strano viaggio di un oggetto smarrito (Garzanti), che ha totalizzato 158 preferenze; una bella storia di rapporti umani, un romanzo dal sapore di favola, due anime che riescono a colorarsi a vicenda per affrontare la vita senza arrendersi mai. L’Autore ci regala magia, emozione e speranza. In seconda posizione si è piazzato il romanzo di Widad Tamimi, Le rose del vento (Mondadori), 129 voti: due mondi contrapposti che si incontrano. Il risultato delle trame del destino oppure la grande forza dell’amore che supera ogni steccato? In terza posizione il libro di Alessandro Perissinotto, Quello che l’acqua nasconde (Piemme), 119 voti: una storia sullo sfondo della città di Torino, ma anche una storia vera, dove tra vincitori e vinti emerge la memoria.

I tre premi sono stati consegnati da Ester Cicchetti, assessore alla Cultura di Pescina e presidente del Centro Studi Ignazio Silone, Carlo Rosignoli, presidente dell’Associazione Culturale “Bastia Umbra: città d’Europa” e Stefano Iulianella, sindaco della Città di Pescina. Il premio al super-vincitore è stato consegnato dallo stesso Sindaco abruzzese al termine della serata.

Particolarmente significativo è stato il suo intervento, a sottolineare come la manifestazione letteraria abbia colto diversi obiettivi, tra cui lo sforzo di valorizzare la lingua italiana, il consolidamento dei rapporti con i nostri connazionali che vivono all’estero e la sensibilizzazioni delle giovani generazioni alla lettura.

“Con orgoglio – ha detto Iulianella – la città di Pescina, che ha dato i natali al cardinale Giulio Raimondo Mazzarino e allo scrittore Ignazio Silone, ha ospitato un appuntamento importante che intende testimoniare ancora una volta, e con più forza, la necessità di eventi culturali in una società sempre più stanca e distratta”.

Erano presenti i rappresentanti delle istituzioni locali e dei comuni limitrofi, ma anche un gran numero di sostenitori e lettori provenienti da ogni parte dell’Umbria. Forte e numerosa è stata anche la partecipazione dei rappresentanti delle giurie popolari all’estero: Rouen (Francia), Losanna (Svizzera) e Capodistria (Slovenia).

Le schede dei tre romanzi sono state come di consueto preparate dal critico letterario Claudio Toscani, componente della giuria tecnica, e lette questa volta da Paola Mariani.

La serata è stata vivace e piacevole, intervallata da un serrato dibattito tra pubblico e scrittori. Ricordiamo che la Giuria Popolare era quest’anno composta da 410 lettori, di cui 236 in Italia, in rappresentanza di 4 regioni e 174 all’estero in rappresentanza di ben 20 comunità: Antartide, Belgio, Bielorussia, Croazia, Francia, Germania, Grecia, Lussemburgo, Principato di Monaco, Slovenia, Stati Uniti, Svizzera e Venezuela.

Emozionante è stato il momento dedicato alla sezione “Claudia Malizia”, vinta da Sara Rattaro, con il romanzo Splendi più che puoi (Garzanti), e presentata da Lia Viola Catalano e Younis Tawfik che ha intrattenuto la scrittrice con una breve intervista. Una storia profonda in cui dal dolore di una donna/madre fiorisce la speranza, in cui l’amore fa male, ma la voglia di tornare a essere felici è più potente di tutto; perché con c’è ferita che non possa essere rimarginata. È seguita la consegna del premio da parte di Rizia Guarnieri, coordinatrice della sezione stessa.

Durante la serata sono state proposte alcune immagini relative alle serate conclusive del Premio, a partire dal 1998, e subito dopo sono stati assegnati riconoscimenti all’ARULEF (Associazione Regionale Umbra Lavoratori Emigrati e Famiglie) e al suo coordinatore Carlo Grullini per l’impegno speso in questi anni sul fronte della diffusione della lettura tra i nostri connazionali. Un riconoscimento è stato assegnato anche a Claudio Toscani quale membro della giuria tecnica sin dal primo anno di vita della manifestazione.

Questa XX edizione, svoltasi nel cuore dell’Abruzzo, ha rappresentato un degno coronamento dell’attività dei volontari dell’Associazione Culturale “Bastia Umbra: città d’Europa” presieduta da Carlo Rosignoli. “Un’edizione veramente straordinaria – ha commentato Adriano Cioci – che ha confermato la grande disponibilità e passione della comunità di Pescina, i cui componenti, ad iniziare dal sindaco Stefano Iulianella, hanno dimostrato che sostenere un percorso culturale che tenta di spingersi oltre i confini non è un obiettivo irraggiungibile”.

Ultima ora

05:05Curry, ‘giornata surreale, Trump non si comporta da leader’

NEW YORK - ''Una giornata surreale'': cosi' la stella della Nba Stephen Curry commenta l'affondo del presidente americano Donald Trump che gli ha ritirato l'invito alla Casa Bianca. ''Non so perche' sente la necessita' di prendere di mira certe persone piuttosto che altre. Io un'idea ce l'ho, ma questo non e' quello che fa un leader''.

04:56James ancora contro Trump, usa sport per dividere Paese

NEW YORK - LeBron James torna ad attaccare Donald Trump, stavolta con un video: ''Mi sento frustrato, perche' questa persona che abbiamo messo al potere dopo quello che e' successo dopo Charlottesville sta tentando di usare lo sport per dividere ancor di piu' il popolo americano. E non e' una cosa che posso tollerare, non e' una cosa su cui posso tacere''. Oltre al caso del suo collega della Nba Stephen Curry, James critica Trump anche per aver chiesto di licenziare i giocatori di football americano che non cantano l'inno in segno di protesta.

04:41Londra: 6 feriti in attacchi con acido, no terrorismo

LONDRA - Sei persone sono state ferite ieri sera in diversi attacchi con acido in un centro commerciale a Stratford, nella zona orientale di Londra. La polizia ha arrestato un uomo, sospettato di lesioni personali gravi e ne sta cercando altri. Un portavoce ha dichiarato che la polizia esclude il movente terroristico e ha aggiunto che le persone ferite non sono in pericolo di vita.

04:36Trump, test dimostra accordo Iran non e’ un granche’

NEW YORK - "L'Iran ha appena testato un missile balistico capace di raggiungere Israele. E stanno anche lavorando con la Corea del Nord. Non e' un granche' di accordo quello che abbiamo": cosi' il presidente americano, Donald Trump, commenta il test su un nuovo missile balistico eseguito da Teheran.

23:38Calcio: Udinese in ritiro da lunedì

(ANSA) - UDINE, 23 SET - L'Udinese andrà in ritiro da lunedì. Lo ha deciso la società dopo la sconfitta di questo pomeriggio con la Roma, la quinta in sei gare da inizio campionato. Il ritiro, annunciato in serata dal club con una breve nota, è stato deciso "per preparare al meglio l'importante sfida di sabato prossimo con la Sampdoria". Una partita dal risultato che appare obbligato per i bianconeri, ancora fermi a 3 punti in classifica.

23:30Calcio: Baselli si scusa, ‘troppa voglia derby,ho sbagliato’

(ANSA) - TORINO, 23 SET - "Avevo troppo voglia di derby, tenevo troppo a questa partita. Ho sbagliato". Daniele Baselli commenta così, su Twitter, l'espulsione che ha condizionato la prestazione del Torino, battuto 4-0 dalla Juventus. "Chiedo scusa ai miei compagni, ai nostri tifosi, alla società", aggiunge il giocatore granata, che posta la foto in cui esce dal campo. "Superfluo aggiunge altro. Momento durissimo - scrive il centrocampista -. Mi assumo tutte le responsabilità. Sempre e comunque forza Toro".

23:18Serie A: Juve padrona, demolisce Toro 4-0 e fa suo il derby

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Una Juve padrona all'Allianz Stadium fa suo il derby della Mole, cancellando il Torino 4-0. Primo tempo sontuoso degli uomini di Allegri che prima a passano in vantaggio grazie al 9/o gol stagionale di Dybala e poi approfittano di uno sciagurato fallo di Baselli che costa al centrocampista granata il doppio giallo e l'inevitabile espulsione. Era il 25' e da lì la partita è corsa su un unico binario: il raddoppio di Pjanic al 40', il tris firmato da Alex Sandro al 12' st e il sigillo ancora del n.10 argentino allo scadere. Il punteggio sarebbe addirittura potuto essere ancora più severo per i granata, ma i pali, le parate di Sirigu e l'imprecisione degli attaccanti bianconeri hanno limitato i danni. Higuain ha iniziato in panchina per poi entrare negli ultimi dieci minuti. La squadra di Mihajlovic paga caro l'errore di Baselli ma già l'approccio alla gara non era stato dei migliori, sentendo forse troppo il match a cui per la prima volta dopo anni erano arrivata senza i panni dell'eterna sconfitta.

Archivio Ultima ora