Premio Fenice-Europa: a Salvatore Basile il “Romanzo Italiano per il Mondo”

Pubblicato il 06 settembre 2017 da redazione

Tutti gli autori vincitori

PESCINA (AQ) – La sala eventi del Centro Studi Ignazio Silone di Pescina (L’Aquila), gremita di pubblico, ha fatto da cornice alla cerimonia finale della XX edizione del Premio Letterario Fenice-Europa, ideato da Rizia Guarnieri e Adriano Cioci.

Supervincitore è risultato Salvatore Basile, autore di Lo strano viaggio di un oggetto smarrito (Garzanti), che ha totalizzato 158 preferenze; una bella storia di rapporti umani, un romanzo dal sapore di favola, due anime che riescono a colorarsi a vicenda per affrontare la vita senza arrendersi mai. L’Autore ci regala magia, emozione e speranza. In seconda posizione si è piazzato il romanzo di Widad Tamimi, Le rose del vento (Mondadori), 129 voti: due mondi contrapposti che si incontrano. Il risultato delle trame del destino oppure la grande forza dell’amore che supera ogni steccato? In terza posizione il libro di Alessandro Perissinotto, Quello che l’acqua nasconde (Piemme), 119 voti: una storia sullo sfondo della città di Torino, ma anche una storia vera, dove tra vincitori e vinti emerge la memoria.

I tre premi sono stati consegnati da Ester Cicchetti, assessore alla Cultura di Pescina e presidente del Centro Studi Ignazio Silone, Carlo Rosignoli, presidente dell’Associazione Culturale “Bastia Umbra: città d’Europa” e Stefano Iulianella, sindaco della Città di Pescina. Il premio al super-vincitore è stato consegnato dallo stesso Sindaco abruzzese al termine della serata.

Particolarmente significativo è stato il suo intervento, a sottolineare come la manifestazione letteraria abbia colto diversi obiettivi, tra cui lo sforzo di valorizzare la lingua italiana, il consolidamento dei rapporti con i nostri connazionali che vivono all’estero e la sensibilizzazioni delle giovani generazioni alla lettura.

“Con orgoglio – ha detto Iulianella – la città di Pescina, che ha dato i natali al cardinale Giulio Raimondo Mazzarino e allo scrittore Ignazio Silone, ha ospitato un appuntamento importante che intende testimoniare ancora una volta, e con più forza, la necessità di eventi culturali in una società sempre più stanca e distratta”.

Erano presenti i rappresentanti delle istituzioni locali e dei comuni limitrofi, ma anche un gran numero di sostenitori e lettori provenienti da ogni parte dell’Umbria. Forte e numerosa è stata anche la partecipazione dei rappresentanti delle giurie popolari all’estero: Rouen (Francia), Losanna (Svizzera) e Capodistria (Slovenia).

Le schede dei tre romanzi sono state come di consueto preparate dal critico letterario Claudio Toscani, componente della giuria tecnica, e lette questa volta da Paola Mariani.

La serata è stata vivace e piacevole, intervallata da un serrato dibattito tra pubblico e scrittori. Ricordiamo che la Giuria Popolare era quest’anno composta da 410 lettori, di cui 236 in Italia, in rappresentanza di 4 regioni e 174 all’estero in rappresentanza di ben 20 comunità: Antartide, Belgio, Bielorussia, Croazia, Francia, Germania, Grecia, Lussemburgo, Principato di Monaco, Slovenia, Stati Uniti, Svizzera e Venezuela.

Emozionante è stato il momento dedicato alla sezione “Claudia Malizia”, vinta da Sara Rattaro, con il romanzo Splendi più che puoi (Garzanti), e presentata da Lia Viola Catalano e Younis Tawfik che ha intrattenuto la scrittrice con una breve intervista. Una storia profonda in cui dal dolore di una donna/madre fiorisce la speranza, in cui l’amore fa male, ma la voglia di tornare a essere felici è più potente di tutto; perché con c’è ferita che non possa essere rimarginata. È seguita la consegna del premio da parte di Rizia Guarnieri, coordinatrice della sezione stessa.

Durante la serata sono state proposte alcune immagini relative alle serate conclusive del Premio, a partire dal 1998, e subito dopo sono stati assegnati riconoscimenti all’ARULEF (Associazione Regionale Umbra Lavoratori Emigrati e Famiglie) e al suo coordinatore Carlo Grullini per l’impegno speso in questi anni sul fronte della diffusione della lettura tra i nostri connazionali. Un riconoscimento è stato assegnato anche a Claudio Toscani quale membro della giuria tecnica sin dal primo anno di vita della manifestazione.

Questa XX edizione, svoltasi nel cuore dell’Abruzzo, ha rappresentato un degno coronamento dell’attività dei volontari dell’Associazione Culturale “Bastia Umbra: città d’Europa” presieduta da Carlo Rosignoli. “Un’edizione veramente straordinaria – ha commentato Adriano Cioci – che ha confermato la grande disponibilità e passione della comunità di Pescina, i cui componenti, ad iniziare dal sindaco Stefano Iulianella, hanno dimostrato che sostenere un percorso culturale che tenta di spingersi oltre i confini non è un obiettivo irraggiungibile”.

Ultima ora

16:05Zimbabwe: Mugabe espulso dal partito di governo

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Il presidente dello Zimbabwe Robert Mugabe è stato espulso dal suo partito Zanu-PF ed è stato sostituito dal vicepresidente Emmerson Mnangagwa. Lo riporta la Bbc. Il partito ha intimato a Mugabe di dimettersi "entro domani a mezzogiorno, altrimenti si darà il via all'impeachment".

15:56Gb: 70 anni di matrimonio, foto celebra Elisabetta e Filippo

(ANSA) - LONDRA, 19 NOV - Un ritratto ufficiale e una serie di francobolli per celebrare 70 anni di matrimonio. Nozze di ferro per Elisabetta II e Filippo di Edimburgo, che domani segnano un altro traguardo record nella storia dei reali. Per la regina e il principe consorte - 91 anni lei, 96 lui - si tratta di un anniversario da festeggiare in privato, come già annunciato da Buckingham Palace. Ma la foto - in piedi e sorridenti, la regina in abito chiaro, Filippo con una giacca grigia e una cravatta bordeaux - campeggia comunque oggi su tutti i media britannici come atto di omaggio. L'omaggio a un'unione indistruttibile, suggellata dal solenne matrimonio celebrato il 20 novembre 1947 (26enne lui, 21enne lei), e poi - dal 1952, anno dell'ascesa al trono di Elisabetta - da oltre 6 decenni di regno. Ma anche l'omaggio a una coppia ancora sulla breccia, eppure incamminata verso un lento addio: segnato dal ritiro di Filippo dagli impegni ufficiali e dall'alleggerimento dei doveri della sovrana a beneficio dell'erede al trono Carlo.

15:55Terremoti: scossa di magnitudo 4.4 nel Parmense

(ANSA) - PARMA, 19 NOV - Un terremoto di magnitudo 4.4 è stato registrato dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia alle 13.37 con epicentro nella zona di Fornovo di Taro, in provincia di Parma. La scossa, avvertita in tutto il territorio, ha provocato paura ma nessun danno. I Vigili del fuoco hanno riferito che non ci sono interventi in atto e, al momento, non ci sono segnalazioni di danni a persone o cose.

14:41Papa: Dio non è controllore bus, non basta non fare del male

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 19 NOV - "Non fare nulla di male non basta, perché Dio non è un controllore in cerca di biglietti non timbrati". Lo ha detto il Papa nell'omelia della messa nella basilica vaticana per la Prima Giornata Mondiale dei Poveri. L'omissione è "il grande peccato nei confronti dei poveri. Qui assume un nome preciso: indifferenza". "E' dire: 'Non mi riguarda, non è affar mio, è colpa della società'. È girarsi dall'altra parte quando il fratello è nel bisogno, è cambiare canale appena una questione seria ci infastidisce, è anche sdegnarsi di fronte al male senza far nulla. Dio, però, non ci chiederà se avremo avuto giusto sdegno, ma se avremo fatto del bene". E invece i poveri sono "il nostro passaporto per il paradiso". "Non cerchiamo allora il superfluo per noi ma il bene per gli altri" perché occorre "il coraggio di amare non a parole ma coi fatti". In basilica erano presenti 7mila poveri. Per 1500 di loro pranzo con il Papa nell'Aula Paolo VI. Gli altri sono ospitati in istituti ed enti caritativi di Roma.

14:31Terremoti: scossa magnitudo 6,4 in Nuova Caledonia

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Una scossa di terremoto di magnitudo 6,4 é stata registrata oggi al largo della Nuova Caledonia, 74 chilometri a est di Tandine, ad una profondità di 25,3 chilometri: lo rende noto l'Istituto geofisico americano (Usgs). Per ora non si hanno notizie di un rischio tsunami.

14:27Marzabotto: squadra 65 Futa visita sacrario vittime eccidi

(ANSA) - BOLOGNA, 19 NOV - I dirigenti, gli allenatori e i calciatori della 65 Futa di Loiano-Monghidoro, squadra che milita nella seconda categoria dilettanti bolognese si sono recati in visita al sacrario di Marzabotto per rendere omaggio alle vittime degli eccidi nazisti. Dopo che il presidente della società Fabrizio Santi ha deposto una composizione floreale sul monumento, tutta la squadra ha poi raggiunto la scuola di pace di Monte Sole per ascoltare la testimonianza di Anna Rosa Nannetti, sopravvissuta alla strage del '44. La visita, organizzata in accordo col sindaco di Marzabotto Romano Franchi, è stata la risposta al gesto di Eugenio Luppi, il calciatore della 65 Futa che domenica scorsa, proprio a Marzabotto, ha esultato dopo un gol con un braccio teso a ricordare il saluto romano e mostrando al pubblico una maglia nera con impressi il tricolore e l'aquila imperiale, simboli della Repubblica Sociale Italiana. Luppi, come era stato annunciato, non ha preso parte alla visita col resto dei compagni.(ANSA).

13:55Incendiata auto parroco in Calabria, s’indaga su motivi

(ANSA) - SCANDALE (CROTONE), 19 NOV - L'automobile del parroco della chiesa di San Giuseppe Operaio, della frazione "Corazzo" di Scandale, nel crotonese, é stata incendiata la scorsa notte da persone non identificate. La vettura, una Fiat Punto, malgrado il tempestivo intervento dei vigili del fuoco, é andata distrutta. Le fiamme si sono estese ad un'altra vettura parcheggiata accanto di proprietà anche questa di un altro sacerdote, parroco della Chiesa di San Giovanni Battista di Crotone, e ad una parete laterale della chiesa. Le indagini sull'episodio sono state avviate dai carabinieri della Compagnia di Crotone e del Comando provinciale. Il parroco proprietario dell'auto incendiata, di origini africane e da circa un mese a Scandale, ha riferito ai militari di non sapersi spiegare i motivi dell'intimidazione. Gli investigatori, comunque, escludono il movente razzista. (ANSA).

Archivio Ultima ora