Ue, adeguare il codice Schengen di fronte alla minaccia del terrorismo

Pubblicato il 07 settembre 2017 da ansa

Adeguare il codice delle frontiere Schengen

BRUXELLES. – Adeguare il codice delle frontiere Schengen “alla luce dell’evoluzione del quadro delle minacce”, in particolare quella legata al “terrorismo”: è il senso della riflessione in seno alla Commissione europea, sulla spinta delle cancellerie di Berlino e Parigi. La proposta di Bruxelles è prevista “a breve”, e anche se il punto non è ufficialmente indicato all’ordine del giorno del consiglio Interni Ue di giovedì 14 settembre, in molti sono pronti a scommettere che l’argomento sarà sul tavolo, probabilmente introdotto il giorno prima, da un passaggio del discorso sullo stato dell’Unione, che il presidente dell’esecutivo Ue Jean Claude Juncker, pronuncerà al Parlamento europeo.

“Vogliamo essere sicuri che l’attuale quadro legale sia sufficiente ad affrontare le sfide che ci troviamo di fronte, inclusa quella del terrorismo”, ha spiegato il commissario alla Sicurezza dell’Unione Julian King, aggiungendo un dettaglio alla conferma sul ‘ragionamento’ in corso, arrivata già ieri dal responsabile Affari interni Dimitris Avramopoulos.

Bocche cucite sui dettagli per il momento. Ma quello che è facile immaginare, è che, tra le varie opzioni, si lavori ad un meccanismo che permetta di introdurre controlli di lunga durata alle frontiere interne, nel caso un Paese si trovi di fronte ad una persistente minaccia terroristica. Di fatto un fenomeno recente per l’Europa, iniziato due anni fa con gli attentati dell’Isis a Parigi e Bruxelles.

Potrebbe trattarsi di uno strumento concettualmente simile all’articolo 29 del codice Schengen, disegnato per far fronte a flussi migratori irregolari straordinari, attivato in occasione dell’ondata eccezionale sulla rotta dei Balcani occidentali, del 2015. Un sistema che ha consentito a cinque Paesi – Germania, Austria, Svezia, Danimarca e Norvegia – di reintrodurre per quasi due anni (è previsto il rinnovo quattro volte, fino a sei mesi, per un massimo di due anni), i controlli ad alcuni dei propri confini nazionali, e la cui ultima improrogabile scadenza è prevista per l’11 novembre.

Nelle settimane scorse, il capo dell’Eliseo, Emmanuel Macron, era stato piuttosto esplicito nell’evocare la necessità della nuova misura. E anche la cancelliera Angela Merkel, che si avvia verso la sfida elettorale del 24 settembre, ha battuto sul punto, politicamente sensibile.

L’esigenza, del resto, era già stata sollevata a fine febbraio, quando l’allora ministro dell’Interno francese Bruno Le Roux ed il suo omologo tedesco Thomas de Maiziere avevano inviato una lettera alla Commissione europea, spingendo per una “revisione del codice Schengen” (articolo 25) per l’introduzione di “controlli temporanei alle frontiere interne, in caso di minacce gravi per l’ordine e la sicurezza interna, per durate superiori rispetto a quelle attualmente previste”, nel quadro di una cooperazione più approfondita tra Stati per la lotta al terrorismo.

E’ dal novembre 2015 che la Francia, il Paese dell’Unione più colpito dagli attacchi di Daesh, ha in vigore controlli a tutti i suoi confini. Avviati in occasione del vertice Onu sul clima (Cop-21) a Parigi, per un mese, erano stati prorogati per la prima volta il 14 dicembre 2015, a seguito degli attacchi di Parigi, quando il governo aveva decretato il piano Alpha Rouge, un livello di allerta mai toccato prima, quello legato agli “attacchi multipli”.

(di Patrizia Antonini/ANSA)

Ultima ora

23:37Francia: en Marche vota Castaner presidente

(ANSA) - PARIGI, 18 NOV - Nessuna sorpresa a Chassieu, vicino a Lione, per il primo congresso de "La Republique en Marche", il movimento creato da Emmanuel Macron per arrivare all'Eliseo. Non più un semplice movimento, non ancora un partito, la creatura del presidente è preda di forti tensioni: "non permetteremo che la politica ci cambi, siamo noi che cambieremo la politica", ha detto dal palco Christophe Castaner, l'uomo di Macron che - come previsto - ha preso all'unanimità le leve di comando. Le polemiche, i "100 democratici" che minacciano di andarsene, le accuse di "mancanza di democrazia" e di trasparenza sul numero di iscritti: il congresso è andato in scena secondo copione, ma le polemiche sono apparse reali, soprattutto quando, sul palco, è salito il premier Edouard Philippe, determinato a "saldare i conti". I delegati e gli iscritti avevano tirato fuori dal baule le t-shirt e le spillette con la faccia di Macron della primavera vittoriosa, ma l'entusiasmo di quella cavalcata è apparso un ricordo.

23:32Azzurri: Ranieri ‘se arriva chiamata Nazionale ci penserò’

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - ''Ho letto c'e' Allegri c'e' Conte c'e' Carletto Ancelotti, io dico che ora devono pensare bene a come devono fare e poi chi prendono prendono sono tutti bravi''. Dopo la sconfitta subita 4-1 a Parigi dal suo Nantes, Claudio Ranieri, parla anche di Nazionale e della possibilità di diventare il Ct azzurro. Se arriva la chiamata? ''Ci penserò, non dipende solo da me - aggiunge il tecnico campione d'Inghilterra con il Leicester - c'e' un presidente e devono parlare al limite con il mio presidente''. ''Credo che in Italia la questione allenatore sia ormai in secondo piano - spiega Ranieri - bisogna fare bene le cose perchè abbiamo toccato il fondo. C'e' gente preposta a pensare per far si che le cose cambino. Poi dalle ceneri si può sempre fare bene, ci sono giovani interessanti e ci risolleveremo. Erano 60 anni che l'Italia non era fuori dal Mondiale, ma a volte serve sprofondare per poi risollevarsi''.

23:17Cile: Pinera (centrodestra) favorito a presidenziali

(ANSA) - SANTIAGO DEL CILE, 18 NOV - I cileni vanno domani alle urne per il primo turno delle elezioni presidenziali che vedono in corsa otto candidati, tra cui Sebastian Pinera (centrodestra) e Alejandro Guiller (centrosinistra, 'erede' della presidente uscente Michelle Bachelet). Nei sondaggi Pinera è decisamente avanti rispetto a Guiller ma secondo gli analisti non riuscirà a superare il 50% dei voti e sarà costretto al ballottaggio. Nessuna chances avrebbero, sempre secondo gli esperti, gli altri candidati. Pinera è giù stato presidente dal 2010 al 2014 e la sua posizione durante la presidenza Bachelet si è rafforzata, secondo gli osservatori, proprio a causa dei problemi emersi all'interno della maggioranza uscente e al forte calo di popolarità della stessa presidente in scadenza. Bachelet - anche lei già presidente dal 2006 al 2010 - era stata trionfalmente eletta nel 2013 per il secondo mandato ora in scadenza. Aveva ottenuto il 62% dei voti, ma oggi l'indice di gradimento attribuitole da sondaggi non arriva al 30%.

22:58Mo: Olp,se Trump chiude ufficio interrompiamo contatti

(ANSA) - WASHINGTON, 18 NOV - Le autorità palestinesi hanno minacciato di interrompere ogni comunicazione con l'amministrazione Trump se gli americani chiederanno l'ufficio dell'Olp a Washington, in una lettera ufficiale. Lo ha reso noto il segretario generale dell'organismo palestinese Saeb Erekat, affermando che la decisione degli Usa è "inaccettabile". Erekat ha accusato gli Usa di piegarsi alle pressioni del governo israeliano.

22:48Ema: Sala, Milano migliore dossier e migliore destinazione

(ANSA) - MILANO, 18 NOV - Lunedì i membri della Ue decideranno quale sarà la prossima città ad impostare Ema, l'Agenzia europea del farmaco che lascerà Londra dopo la Brexit. "Sono veramente tesissimo, lo confesso, perché è un momento importante della nostra città - ha detto il sindaco di Milano Giuseppe Sala intervenendo alla presentazione del libro del ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina, 'Dalla terra all'Italia' -. Il sistema di voto è veramente bizzarro ma il vero punto, ed è il mio timore, è che non siamo certi che questo sistema premierà la candidatura migliore". "Ve lo dico con grande onestà - ha continuato - il dossier Milano è decisamente il migliore e Milano è anche la destinazione migliore delle persone che lavorano in Ema". Il rischio, secondo il sindaco, "è che ci siano raggruppamenti geografici come quelli dei Paesi baltici, dell'Europa dell'est, poi ci dovrebbe essere il Mediterraneo - ha concluso -, ma è un po' un'idea perché qualcuno voterà noi, qualcuno la Spagna".

22:40Calcio: Roma-Lazio, lancio sassi contro forze ordine

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Tensione a Ponte Milvio dopo il derby Roma-Lazio allo stadio Olimpico. Secondo quanto si è appreso, durante il deflusso di tifosi laziali c'è stato un lancio di sassi e bottiglie contro le forze dell'ordine. La situazione sarebbe poi tornata alla normalità.

22:32Sesso a scuola in un video, esplode “caso Virgilio”

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Dopo i petardi esplosi nel cortile il Virgilio, storico liceo classico nel cuore di Roma, torna sotto i riflettori per un video che ritrae due studenti che fanno sesso a scuola. Riprese fatta all'insaputa dei due protagonisti. Alcuni studenti e genitori sostengono che ci sia "un attacco a questa scuola", altri, tra cui i rappresentanti in Consiglio di istituto, auspicano provvedimenti disciplinari criticando le "esagerazioni" di certa stampa. "Questo video nessuno lo ha visto e, prima che uscisse sui giornali - assicura il rappresentante degli studenti Emanuele Tirello - non ne avevamo nemmeno sentito parlare. Riteniamo in ogni caso che sia un fatto gravissimo e lo condanniamo". A mettere in discussione che il video davvero esista è il presidente uscente del comitato genitori Marco Luzzatto, che parla di "attacco mediatico". Il fronte dei genitori, comunque, è tutt'altro che monolitico, e sono sempre di più le famiglie che chiedono un ritorno alla normalità, preoccupati dei recenti episodi.

Archivio Ultima ora