Il Governo s’impegna alla rivalutazione delle pensioni. Ape social, sconto per madri

Pubblicato il 07 settembre 2017 da ansa

Una lavoratrice della camiceria Italproduzioni di Noci (Bari). ANSA / Vincenzo Chiumarulo

ROMA. – Il Governo ha confermato la volontà di tornare, a partire dal 2019, al sistema di rivalutazione delle pensioni, per l’adeguamento degli assegni al costo della vita, antecedente alla stretta imposta con il Salva Italia, la cosiddetta riforma Fornero del 2012. Così si alzerebbero, diventerebbero più generose, le percentuali per l’aggancio ai prezzi. A prendere l’impegno, davanti ai sindacati, è il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti.

Al tavolo dedicato alla ‘fase due’ sulla previdenza è anche stata avanzata una proposta precisa per allargare la platea delle donne che possono accedere all’Anticipo pensionistico social: uno ‘sconto’ di sei mesi di contributi per figlio, per un massimo di due anni.

“Sull’Ape social c’è un numero di domande da parte delle donne significativamente più basso rispetto agli uomini” ha spiegato il ministro. Ma ai sindacati la soluzione non convince, perché limitata al bacino dell’Ape social, ovvero ad alcune categorie svantaggiate: disoccupate (che vedrebbero scendere da 30 a 28 l’anzianità necessaria) e quelle impiegate in attività gravose (da 36 a 34 anni). Tanto che Cgil, Cisl e Uil rilanciano, mettendo sul tavolo l’ipotesi di rivedere, allargandone le maglie, la legge Dini, che consente un anticipo sull’uscita di quattro mesi a figlio per un massimo di un anno a chi ricade interamente nel sistema contributivo.

La proposta sindacale, che il governo si è riservato di valutare (anche perché deve essere ancora ufficializzata), fa valere lo sconto per tutte, anche se nel sistema misto e per un totale di due anni. Per ora quindi si raccoglie l’apertura sull’indicizzazione: “è sostanzialmente confermato l’impegno”, ha detto Poletti. Si tratta di riportare in vigore il meccanismo Prodi, messo a punto nel 2000, che, rispetto all’inflazione, rivaluta al 100% le pensioni sotto i 1.500 euro (3 volte il minimo), al 90% quelle tra i 2.000 e i 2.500 (da 4 a 5 volte) e al 75% quelle che vanno oltre. Tutto ciò in base a un calcolo basato sugli “scaglioni”, come accade con le aliquote Irpef, per cui il ricalcolo avviene solo per la parte che eccede i vari scalini.

Oggi invece invece c’è un sistema basato su più “fasce”, erede della riforma Fornero anche se significativamente ammorbidito a confronto con il ‘modello puro’, che adeguava ai prezzi solo le pensioni sotto i 1.500 euro. Ora la rivalutazione è al 90% tra 3 volte e 4 volte il minimo e la percentuale scende al salire dell’importo fino ad attestarsi al 45% per gli assegni superiori a 6 volte il trattamento di base. Tornare al sistema che c’era prima del Salva Italia, introdotto da Prodi nel 2000, consente adeguamenti più pesanti, con una particolare convenienza per i redditi medio-alti.

C’è da ricordare che il blocco della manovra Monti-Fornero è stato giudicato incostituzionale dalla Consulta. Sentenza da cui è scaturito un primo cambiamento delle regole. Ma anche un rimborso, che però adesso è oggetto di appello alla Corte. Il tavolo al ministero si aggiornerà al 13 settembre ma per il momento “siamo ancora in un quadro di incertezza, abbiamo chiesto di esplicitare le risorse” da destinare al capitolo pensioni “ma non ci sono state dare risposte”, dice la leader della Cgil, Susanna Camusso, secondo cui l’intervento sulle donne non basta: “amplierebbe la platea solo di 4 mila unità” se l’obiettivo è passare dal 29% al 40% sul totale di domande per l’Ape social.

Sulla stessa linea la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan: “è una risposta parziale ai bisogni delle donne” e non affronterebbe l’aspetto più generale del lavoro di cura, legato non solo ai figli. La richiesta, infatti, è quella di una “contribuzione figurativa” da riconoscere a tutti coloro che assistono familiari.

Il numero uno della Uil, Carmelo Barbagallo, considera “minimale” l’intervento a favore delle lavoratrici ma giudica “positiva” la disponibilità a un incontro “prima che la legge di bilancio venga incardinata”. Resta, infatti da affrontare la questione più scottante: l’adeguamento dell’età pensionabile all’aspettativa di vita, con il rischio di salire a 67 anni dal 2019. Da quel che trapela, per adesso, l’apertura dell’esecutivo sarebbe circoscritta alle categorie di lavoratori che svolgono attività gravose (come macchinisti, facchini, operatori ecologici).

Molto dipenderà dalle risorse, che a loro volta saranno assegnate in base alle priorità. E, come noto, i capitoli urgenti da finanziare sono già almeno due: sgravi per i giovani e contratti della P.A. Nel frattempo si attiveranno gruppi di lavoro misti (governo, sindacati e le altre istituzioni coinvolte) per ragionare sulla governance dell’Inps, separare l’assistenza dalla previdenza e definire un ‘paniere’ ad hoc per la rivalutazione.

(di Marianna Berti/ANSA)

Ultima ora

19:30Merkel, volevamo esito migliore, ma noi al governo

(ANSA) - BERLINO, 24 SET - "Non ci gireremo attorno, avremmo voluto naturalmente un risultato migliore. Siamo però la forza maggiore del Paese, e contro di noi non può essere formato alcun governo". Lo ha detto Angela Merkel alla Adenauer Haus.

19:26Tav: No Tav in corteo in Val Susa, 250 per ribadire no opera

(ANSA) - TORINO, 24 SET - Corteo No Tav, oggi in Valle di Susa, per ribadire "il no determinato e incondizionato ad un'opera insensata e sciagurata". Circa 250 attivisti del movimento che si oppone alla realizzazione della Torino-Lione hanno raggiunto il varco 1 del cantiere di Chiomonte scandendo slogan contro la nuova linea ferroviaria ad Alta Velocità. La manifestazione, partita dalla stazione di Chiomonte, dopo la recente pubblicazione della variante di progetto che ha confermato lo scavo della parte italiana del tunnel proprio a partire da Chiomonte. "Per i prossimi 15 anni la vita dei valusini - sostengono i No Tav - sarà ostaggio di camion, polveri, esercito e polizia. Una grande mangiatoia di denaro pubblico". Il corteo ha concluso la WallSusa, iniziativa che nei giorni scorsi ha visto i No Tav impegnati nella realizzazione di graffiti contro il treno ad Alta Velocità. (ANSA).

19:23Calcio: Cagliari, Rastelli ammette “sconfitta meritata”

(ANSA) - CAGLIARI, 24 SET - L'allenatore del Cagliari, Massimo Rastelli, non cerca attenuanti. "Sconfitta meritata, il Chievo si è portato via la partita con il minimo sforzo. Solo i primi 20' sono discreti, poi le energie ci hanno lasciato. È stata una settimana molto intensa: i ragazzi hanno dato tutto, ma questo tutto non è servito. Sul primo gol del Chievo è stato bravo Inglese, ma Cacciatore non doveva fare quel cross così comodo". Barella regista? "Dovevo far rifiatare Cigarini - ha detto il tecnico - ma Barella evidentemente era stanco, scarico dopo aver dato tanto". Il futuro? "Dobbiamo essere bravi ad avere equilibrio, dobbiamo trovare le indicazioni giuste anche da queste sconfitte". La rosa? "È un gruppo che ha giocatori importanti, ci sono giovani che devono crescere, cerchiamo di ottenere il massimo, non dobbiamo scoraggiarci". "Cossu? È entrato molto bene in partita - ha detto Rastelli - ma poi, rimanendo in 10, ogni progetto è andato a farsi benedire".

19:19Calcio: Chievo, Maran “bravi a stare sempre sul pezzo”

(ANSA) - CAGLIARI, 24 SET - "Siamo stati bravi a stare sul pezzo. Arrivare alla terza partita in una settimana in questi condizioni ci ha permesso di avere una marcia in più". così l'allenatore del Chievo, Rolando Maran, commenta il successo dei veneti sul campo del Cagliari. E adesso i tifosi aspettano gol e vittorie anche in casa. "I nostri obiettivi sono chiari: noi contiamo di salvarci magari con un certo anticipo. Da quel momento in poi cercheremo di toglierci le nostre soddisfazioni", ha concluso Maran.

19:14Schulz, Afd in Bundestag è un dolore e una minaccia

(ANSA) - ROMA, 24 SET - L'ingresso dell'Afd nel Bundestag "per alcuni è doloroso" ed "è una cosa che può essere minacciosa, può rappresentare un pericolo". "Nessun democratico può guardare altrove di fronte a una cosa del genere nel nostro Paese". Lo ha detto Martin Schulz commentando i risultati elettorali in Germania.

19:12Calcio: Baroni, numeri Benevento terrificanti

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Per Marco Baroni, allenatore del Benevento, il momento è difficile. Dopo la sesta sconfitta di fila non resta che guardare il bicchiere mezzo pieno. "Se uno guarda i numeri - spiega - sono terrificanti. Noi dobbiamo partire dalla prestazione, dalla compattezza, dal recuperare calciatori che sono importanti. Abbiamo pagato a caro prezzo lo scotto della categoria. Credo che la squadra abbia risorse per lottare. Se facevamo il rigore in un momento in cui il Crotone era in difficoltà, forse si poteva anche sperare di recuperare il risultato. Dobbiamo crederci di più". Baroni non nega anche di essere a rischio: "Non c'è un allenatore che difende la panchina, ma voglio tirare fuori dalle sabbie mobili questi ragazzi. La mia attenzione è rivolta a non far mollare la tenuta mentale perché so che la squadra può fare di più. C'è da trovare un risultato che ci dia fiducia".

19:11Precipita caccia:ritrovato corpo pilota

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Il corpo del pilota dell'Eurofighter precipitato a Terracina è stato ritrovato da pochi minuti. Lo si apprende dall'Aeronautica militare. Sono "ancora sconosciute" le cause dell'incidente aereo per l'Aeronautica militare. Il caccia Eurofighter del Reparto Sperimentale di Volo é precipitato in mare "nella fase finale del suo programma di volo". L'Aeronautica Militare ha "attivato le procedure per accertare le cause", sottolinea la Forza armata, aggiungendo che "le operazioni di soccorso sono iniziate immediatamente dopo l'impatto grazie ai mezzi presenti sul posto". Il ministro della Difesa, Roberta Pinotti e il capo di Stato Maggiore della Difesa, Claudio Graziano "si uniscono al capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica Militare, Enzo Vecciarelli nell'esprimere vicinanza e cordoglio alla famiglia ed alle persone più care e vicine al giovane pilota".

Archivio Ultima ora