Il Governo s’impegna alla rivalutazione delle pensioni. Ape social, sconto per madri

Pubblicato il 07 settembre 2017 da ansa

Una lavoratrice della camiceria Italproduzioni di Noci (Bari). ANSA / Vincenzo Chiumarulo

ROMA. – Il Governo ha confermato la volontà di tornare, a partire dal 2019, al sistema di rivalutazione delle pensioni, per l’adeguamento degli assegni al costo della vita, antecedente alla stretta imposta con il Salva Italia, la cosiddetta riforma Fornero del 2012. Così si alzerebbero, diventerebbero più generose, le percentuali per l’aggancio ai prezzi. A prendere l’impegno, davanti ai sindacati, è il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti.

Al tavolo dedicato alla ‘fase due’ sulla previdenza è anche stata avanzata una proposta precisa per allargare la platea delle donne che possono accedere all’Anticipo pensionistico social: uno ‘sconto’ di sei mesi di contributi per figlio, per un massimo di due anni.

“Sull’Ape social c’è un numero di domande da parte delle donne significativamente più basso rispetto agli uomini” ha spiegato il ministro. Ma ai sindacati la soluzione non convince, perché limitata al bacino dell’Ape social, ovvero ad alcune categorie svantaggiate: disoccupate (che vedrebbero scendere da 30 a 28 l’anzianità necessaria) e quelle impiegate in attività gravose (da 36 a 34 anni). Tanto che Cgil, Cisl e Uil rilanciano, mettendo sul tavolo l’ipotesi di rivedere, allargandone le maglie, la legge Dini, che consente un anticipo sull’uscita di quattro mesi a figlio per un massimo di un anno a chi ricade interamente nel sistema contributivo.

La proposta sindacale, che il governo si è riservato di valutare (anche perché deve essere ancora ufficializzata), fa valere lo sconto per tutte, anche se nel sistema misto e per un totale di due anni. Per ora quindi si raccoglie l’apertura sull’indicizzazione: “è sostanzialmente confermato l’impegno”, ha detto Poletti. Si tratta di riportare in vigore il meccanismo Prodi, messo a punto nel 2000, che, rispetto all’inflazione, rivaluta al 100% le pensioni sotto i 1.500 euro (3 volte il minimo), al 90% quelle tra i 2.000 e i 2.500 (da 4 a 5 volte) e al 75% quelle che vanno oltre. Tutto ciò in base a un calcolo basato sugli “scaglioni”, come accade con le aliquote Irpef, per cui il ricalcolo avviene solo per la parte che eccede i vari scalini.

Oggi invece invece c’è un sistema basato su più “fasce”, erede della riforma Fornero anche se significativamente ammorbidito a confronto con il ‘modello puro’, che adeguava ai prezzi solo le pensioni sotto i 1.500 euro. Ora la rivalutazione è al 90% tra 3 volte e 4 volte il minimo e la percentuale scende al salire dell’importo fino ad attestarsi al 45% per gli assegni superiori a 6 volte il trattamento di base. Tornare al sistema che c’era prima del Salva Italia, introdotto da Prodi nel 2000, consente adeguamenti più pesanti, con una particolare convenienza per i redditi medio-alti.

C’è da ricordare che il blocco della manovra Monti-Fornero è stato giudicato incostituzionale dalla Consulta. Sentenza da cui è scaturito un primo cambiamento delle regole. Ma anche un rimborso, che però adesso è oggetto di appello alla Corte. Il tavolo al ministero si aggiornerà al 13 settembre ma per il momento “siamo ancora in un quadro di incertezza, abbiamo chiesto di esplicitare le risorse” da destinare al capitolo pensioni “ma non ci sono state dare risposte”, dice la leader della Cgil, Susanna Camusso, secondo cui l’intervento sulle donne non basta: “amplierebbe la platea solo di 4 mila unità” se l’obiettivo è passare dal 29% al 40% sul totale di domande per l’Ape social.

Sulla stessa linea la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan: “è una risposta parziale ai bisogni delle donne” e non affronterebbe l’aspetto più generale del lavoro di cura, legato non solo ai figli. La richiesta, infatti, è quella di una “contribuzione figurativa” da riconoscere a tutti coloro che assistono familiari.

Il numero uno della Uil, Carmelo Barbagallo, considera “minimale” l’intervento a favore delle lavoratrici ma giudica “positiva” la disponibilità a un incontro “prima che la legge di bilancio venga incardinata”. Resta, infatti da affrontare la questione più scottante: l’adeguamento dell’età pensionabile all’aspettativa di vita, con il rischio di salire a 67 anni dal 2019. Da quel che trapela, per adesso, l’apertura dell’esecutivo sarebbe circoscritta alle categorie di lavoratori che svolgono attività gravose (come macchinisti, facchini, operatori ecologici).

Molto dipenderà dalle risorse, che a loro volta saranno assegnate in base alle priorità. E, come noto, i capitoli urgenti da finanziare sono già almeno due: sgravi per i giovani e contratti della P.A. Nel frattempo si attiveranno gruppi di lavoro misti (governo, sindacati e le altre istituzioni coinvolte) per ragionare sulla governance dell’Inps, separare l’assistenza dalla previdenza e definire un ‘paniere’ ad hoc per la rivalutazione.

(di Marianna Berti/ANSA)

Ultima ora

18:25Hillary difende Bill, nel suo caso si indagò su molestie

(ANSA) - WASHINGTON, 19 NOV - Hillary Clinton torna a difendere il marito Bill dopo che la senatrice di New York Kirsten Gillibrand, potenziale candidata dem per la Casa Bianca nel 2020, ha detto che l'allora presidente degli Stati Uniti - assolto al processo di impeachment - avrebbe dovuto dimettersi dopo lo scandalo Lewinski. "Quello fu un periodo doloroso, non solo nel nostro matrimonio ma nel nostro Paese, ma fu pienamente investigato, fu affrontato all'epoca e gli fu chiesto conto", ha dichiarato in una intervista alla radio Wabc. "Non so cosa Gillibrand volesse dire perché il suo commento intero era in qualche modo contraddittorio, ma lascerò che lei parli per sé stessa", ha aggiunto. Le dichiarazioni di Gillibrand hanno riaperto una ferita nel partito, come le accuse di molestie al senatore Al Franken, nonostante le sue scuse.

18:22Cc fa strage in famiglia: militare in coma farmacologico

(ANSA) - TARANTO, 19 NOV - E' tenuto in coma farmacologico al Policlinico di Bari, dove è ricoverato nel reparto maxillofacciale, l'appuntato dei carabinieri di 53 anni, Raffaele Pesare, di Sava, in servizio al Nucleo radiomobile di Manduria, che ieri mattina ha ucciso con la pistola d'ordinanza suo padre Damiano, di 85 anni, sua sorella Pasana (detta Nella), di 50, e suo cognato Salvatore Bisci, di 69, prima di tentare il suicidio sparandosi al mento con la pistola d'ordinanza. Il proiettile ha bucato il palato ed uscito dalla parte sinistra del setto nasale, senza ledere gli organi vitali. Il militare ora è piantonato in stato di arresto per omicidio plurimo. L'interrogatorio di garanzia si terrà solo quando le sue condizioni di salute lo permetteranno. Secondo una prima ipotesi investigativa, Pesare avrebbe compiuto la strage per dissidi con il cognato sui proventi della raccolta di olive di un terreno di proprietà del padre che gestiva assieme a Bisci. Pesare è sposato e ha due figli di 18 e 24 anni.

18:12Ex generale suicida: Rigopiano in lettera ritrovata

(ANSA) - SULMONA (L'AQUILA), 19 NOV - La vicenda dell'hotel Rigopiano compare sullo sfondo del suicidio del generale dei Carabinieri Forestali, Guido Conti, nelle campagne di Pacentro (L'Aquila) due giorni fa. "Da quando è accaduta la tragedia di Rigopiano la mia vita è cambiata. Quelle vittime mi pesano come un macigno. Perché tra i tanti atti ci sono anche prescrizioni a mia firma. Non per l'albergo, di cui non so nulla, me per l'edificazione del centro benessere. Vivo con cruccio", aveva scritto Conti in una delle due lettere ai familiari il cui testo è stato pubblicato su diversi organi di stampa. "Stupisce che questa correlazione sia stata da taluno ipotizzata in assenza di qualsiasi collegamento diretto e indiretto. Tutto ciò aggiunge dolore al dolore", dice un familiare di Conti. Camera ardente aperta nella sala d'udienze del tribunale di Sulmona. Lunedì 20 novembre i funerali alla presenza dei vertici dei Carabinieri che lo hanno ricordato con commozione nella Virgo Fidelis Abruzzo e Molise.

18:00Renzi, combattiamo lo schifo della svastica a Pesaro

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - "Siamo tutti insieme a fianco del sindaco Matteo Ricci, della sua comunità, dei nostri fratelli ebrei. Questo gesto contro la scuola elementare Anna Frank ha un nome tecnico: si chiama schifo. E noi combatteremo lo schifo senza tregua a Pesaro come ovunque, tutti insieme". Lo scrive su Facebook il segretario del Pd Matteo Renzi, commentando la svastica comparsa sul cartello della scuola Anna Frank di Pesaro.

17:59C.sinistra: Bersani, non si va anti con accrocchi e teatrini

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - "Per dirla con Catalano: l'unità è meglio... ma le cose sono un po' più complicate. A Walter e agli altri che come lui fanno appelli, ricordo che non ho sentito nessuno segnalare problemi nonostante le sconfitte degli ultimi 3 anni..mi si vuol riconoscere di avere uno straccio di idea di come battere la destra? Che avevo avvertito che c'era la mucca nel corridoio? Se restiamo in superficie con accrocchi e teatrini, la gente che ha ci ha mollati penserà: 'eccoli qua, portano acqua al solito mulino e il giorno dopo ricominciano..". Lo ha detto Pierluigi Bersani, a "1/2 ora in più" su Rai 3 dove ripete: "proporre aggregazioni senza contenuti, senza mettere una riga, senza rimettere in discussione politiche e metodi di governo, quella gente che vota altrove continuerà a votare altrove". Insomma, la gente "che è andata nel bosco, resterà nel bosco".

17:59Speranza, è Pisapia che ha cambiato idea

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - "Noi stiamo sempre dalla stessa parte, lavoriamo a costruire un progetto alternativo alle politiche sbagliate degli ultimi anni. Più che cambiare idea noi non vorrei che sia Pisapia ad aver cambiato idea, spero proprio di no". Lo dice Roberto Speranza all'assemblea di Mdp in corso a Roma, rispondendo a chi gli chiede di Giuliano Pisapia a "ripensarci".

17:58C.Sinistra: Pisapia, Mdp e SI ci ripensino

(ANSA) - BOLOGNA, 19 NOV - Mdp e altri "ci ripensino. Trovino o troviamo insieme il modo di non regalare il nostro Paese a chi l'ha rovinato tante volte". L'ha detto il leader di Campo Progressista, Giuliano Pisapia, a Bologna. Pisapia ha rivolto un "richiamo affettuoso di amicizia, gentile e non polemico e senza entrare nelle scelte degli altri. Perché in questo momento storico, si trovi il modo di fare, magari non tutta la marcia, ma almeno un pezzo di strada insieme".

Archivio Ultima ora