Mdp avverte il governo sulla manovra: “Vedremo se votarla”

Pubblicato il 07 settembre 2017 da ansa

Mdp avverte governo su manovra

ROMA. – C’è un solo punto fermo nell’attività del governo da qui a fine anno, quando i più collocano anche la fine della legislatura: l’approvazione della legge di bilancio. Gli altri dossier, dallo ius soli al testamento biologico, per non parlare della legge elettorale, su cui il premier Paolo Gentiloni ha sempre alzato le mani, restano sullo sfondo. Ed è proprio sulla manovra dunque che si scaricano le tensioni dentro la maggioranza ed in particolare tra Pd e Mdp ormai ai ferri corti.

“La legge di stabilità è sub iudice, noi in questi mesi non siamo stati coinvolti in nessuna scelta, siamo quasi all’appoggio esterno”, avverte Alfredo D’Attorre oggi quando, secondo fonti di governo, la manovra è ancora in fase di impostazione. Sulla legge di stabilità il premier Paolo Gentiloni dovrà sfoggiare le migliori doti di mediazione perchè dovrà far quadrare le poche risorse con le esigenze dei partiti che useranno la manovra come biglietto da visita della campagna elettorale.

Matteo Renzi ha garantito, a quanto si apprende da fonti parlamentari, che non farà il disturbatore, negando l’intenzione di incalzare il governo per chiedere un intervento sulle pensioni. Ma sia Ap sia Mdp hanno intenzione di ottenere qualcosa.

“A Gentiloni – mette in chiaro il coordinatore di Art.1 Roberto Speranza – diciamo fin d’ora che se immagina di fare politiche sostanzialmente di destra basate su regalie e bonus fiscali, allora i voti vanno chiesti alla destra e non a noi. Faremo proposte, su quelle ci misureremo”.

Gli ex dem puntano a marcare il proprio profilo di sinistra rispetto al Pd e non aiuta lo scontro in vista della campagna elettorale in Sicilia, che entrerà nel vivo in parallelo alla definizione della manovra e all’approvazione entro il 15 ottobre in consiglio dei ministri.

E un altolà alla maggioranza arriva anche da Svp che conta almeno 4 senatori a Palazzo Madama, dove i numeri sono strettissimi. Gli autonomisti del Trentino Alto Adige mettono in chiaro che, se si tornerà a discutere del Fianum per la riforma elettorale e si riproporrà l’emendamento che elimina i collegi uninominali in Trentino Alto Adige, sarebbe “minata la base della nostra collaborazione con l’attuale maggioranza”.

Un avvertimento che rafforza la tesi di quanti, come ieri il renziano Roberto Giachetti, sono convinti che della riforma elettorale non se ne farà nulla e si andrà a votare con il Consultellum. “Siamo molto preoccupati – ammette il capogruppo Pd alla Camera Ettore Rosato – per la posizione di Svp con cui abbiamo un accordo di maggioranza e che pone un tema che va risolto”.

Se la maggioranza prende sul serio le minacce di Svp, gli aut aut di Mdp sembrano, ad ora, destare meno preoccupazione. “Voglio vedere – dicono fonti dem – chi si prende la responsabilità di mandare il paese all’esercizio provvisorio affossando la manovra. Poi ne risponderà ai cittadini…”.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

20:21Matera 2019:intesa Miur-enti locali per coinvolgere studenti

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Percorsi di Alternanza Scuola-Lavoro presso i comuni di Matera e Policoro e la Regione Basilicata. Progetti legati alla cultura, all'archeologia e all'enogastronomia del territorio,allo sport. Un decalogo sul turismo scolastico che favorisca il coinvolgimento degli studenti nel programma di Matera Capitale della Cultura 2019. Sono i contenuti dell'Accordo Quadro "Progetto culturale Basilicata-Matera 2019-Magna Grecia" siglato questa mattina presso la Sala Consiliare del Comune di Policoro (Mt), dal Sottosegretario al Ministero dell'Istruzione, Vito De Filippo, dal Presidente della Regione Basilicata Marcello Pittella, dal Sindaco di Matera Raffaello Giulio De Ruggeri e dal Sindaco di Policoro Enrico Mascia. L'Accordo mira a favorire gemellaggi e scambi scolastici e culturali a livello nazionale ed europeo; a organizzare convegni, seminari, corsi e manifestazioni che valorizzino il patrimonio dei territori coinvolti; a consentire a studentesse e studenti di effettuare percorsi di alternanza scuola-lavoro.

20:21Ebrei Roma, dedicare vie a prof colpiti da leggi razza

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Prendiamo atto con soddisfazione della scelta della sindaca Virginia Raggi di modificare le vie di Roma intitolate a chi firmò il Manifesto in Difesa della Razza. Sarebbe più giusto dedicare alcune vie ai professori universitari che persero il proprio posto a causa di quell'infamia". Così la presidente della comunità ebraica di Roma Ruth Dureghello.

20:11Diritti tv: Lega A, obiettivo trattative resta 1,05 mld

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - Nelle trattative private con i broadcaster per i diritti tv, la Lega Serie A punta a "ottenere non meno del prezzo minimo complessivo già previsto dal bando, ossia 1 miliardo e 50 milioni di euro", altrimenti "si riserverà di valutare l'offerta presentata dall'intermediario indipendente" che ha partecipato al bando subordinato. Lo ha chiarito il commissario della Lega, Carlo Tavecchio, dopo l'assemblea dei club, che "all'unanimità ha deliberato di non accettare alcuna offerta e dar corso alla trattativa privata". Per il bando erano state presentate cinque buste - da Sky, Mediaset, Italia Way, Tim e Perform - con offerte totali inferiori a 800 milioni a stagione. Cifre che hanno indotto i club a avviare trattative private con i broadcaster.

20:09Raggi: cambieremo nome di vie intitolate a studiosi razzisti

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Il Campidoglio ha avviato le procedure per cambiare nome alle strade della Capitale intitolate agli scienziati che sottoscrissero il Manifesto della Razza del 1938, premessa alla deportazione fascista e allo sterminio degli ebrei italiani. Al dossier hanno lavorato sia la sindaca di Roma Virginia Raggi che il vicesindaco con delega alla Cultura Luca Bergamo. Obiettivo è procedere al cambio entro il 2018, anno in cui ricorre l'ottantesimo anniversario delle leggi razziali. Ad anticipare la scelta del Campidoglio la stessa Raggi in una intervista rilasciata per il documentario dell'inviato Mediaset Pietro Suber, '1938. Quando scoprimmo di non essere più italiani'. Raggi spera che la sua decisione, quando si concretizzerà, possa essere di esempio per altre città. "Roma é antifascista", sottolinea la sindaca.

20:02Usa: dem, votiamo per fine shutdown

(ANSA) - WASHINGTON, 22 GEN - "Votiamo oggi per la riapertura del governo". Lo ha detto il leader della minoranza democratica al Senato Usa Chuck Schumer prendendo la parola in aula prima del voto sul testo per il finanziamento del governo.

19:59Davos: Forum sotto la neve

(ANSA) - GINEVRA, 22 GEN - Edizione bianca per il World economic forum 2018: le copiose nevicate su tutta la fascia alpina svizzera hanno ricoperto di un manto nevoso di circa tre metri la stazione sciistica di Davos che si appresta ad accogliere da domani i prestigiosi ospiti del Forum: capi di stato e di governo, ministri e leader politici, imprenditori e accademici di tutto il mondo. Le forti nevicate rischiano di rappresentare un problema per la viabilità e i trasporti, anche se la situazione sul fronte della neve si è lievemente allentata nel pomeriggio e le strade di accesso alla località sono ora aperte, ha riferito l'agenzia di stampa elvetica Ats. Per maggiore sicurezza su diversi pendii sono state provocate valanghe artificiali, ha annunciato il comune, e circa due dozzine di persone sono state sfollate. Stasera sono attese nuove precipitazioni nevose di 20-30 centimetri: grazie all'aumento delle temperatura la coesione del manto nevoso è però destinata ad aumentare e il pericolo di slavine non dovrebbe aggravarsi

19:55Furto in azienda Brunello, portate via 500 bottiglie

(ANSA) - MONTALCINO (SIENA), 22 GEN - Furto di Brunello nella notte tra il 20 e il 21 gennaio a Montalcino (Siena). Ad essere colpita è stata l'azienda Col d'Orcia, di proprietà del conte Francesco Marone Cinzano: ignoti, secondo quanto si apprende, sono riusciti a portare via dal wine shop circa 500 bottiglie del pregiato vino, valore 20mila euro. Rubato anche un furgone dell'azienda, usato per portare via il vino. Ad accorgersi del furto un dipendente quando ieri mattina è andato ad aprire il wine shop. Le indagini sono seguite dai carabinieri che stanno visionando i filmati delle telecamere di videosorveglianza della zona per verificare se abbiano ripreso il tragitto del furgone. "Le bottiglie portate via sono tutte di Brunello e Brunello Riserva Poggio al Vento, tutte nel formato da 0,75 litri; comprese le vecchie annate, in maniera molto precisa" racconta a WineNews il conte Cinzano specificando come tra le bottiglie rubate ci sia anche "il Brunello 2013, il primo biologico, in uscita in questi giorni".

Archivio Ultima ora