Giochi: slot e vlt, un settore che vale 10 miliardi

Giochi: slot e vlt, un settore che 'vale' 10 miliardi
Giochi: slot e vlt, un settore che ‘vale’ 10 miliardi

ROMA. – La raccolta del settore delle slot di nuova generazione, in particolare le awp e delle videolottery o vlt, è stata lo scorso anno di 49,4 miliardi di euro, un valore in aumento del +2,5% rispetto ai 48,2 miliardi del 2017: si tratta di uno dei settori di maggiore interesse ed introito nel panorama dei giorni pubblici, oggetto dell’accordo raggiunto tra lo Stato, le regioni e i comuni.

Secondo i dati elaborati dall’agenzia specializzata Agimeg, anche la spesa (la differenza tra quanto giocato realmente e quanto è stato vinto) è aumentata per un valore ancor maggiore, pari al 9,6%: in termini assoluti nel 2016 è stata di 10,2 miliardi di euro contro i 9,3 miliardi “spesi” dai giocatori nell’anno precedente.

Cifre importanti si registrano anche per le entrate erariali, passate da poco meno di 4,5 miliardi di euro a ben 5,9 miliardi, con in incremento molto forte, pari al +31%. Sul fronte delle vincite, le slot di nuova generazione nel 2016 hanno distribuito premi per 18,8 miliardi di euro (con una flessione del 2%) mentre le vlt per 19,5 miliardi (con un incremento del 4%).

Sul podio delle regioni dove si è giocato di più con le new slot e vlt, si posiziona la Lombardia, con una spesa di 2,1 miliardi di euro, seguita dal Lazio, con poco più di un miliardo di euro ed il Veneto, dove la spesa ha toccato i 960 milioni. Seguono poi l’Emilia Romagna, con 923 milioni, la Campania (844 milioni) e la Toscana (691).

La classifica delle vincite rispecchia quella della spesa, con la Lombardia dove lo scorso anno sono stati vinti 8,3 miliardi di euro, il Lazio, con circa 4,1 miliardi ed il Veneto con 3,6 miliardi. Unica regione dove la raccolta non ha raggiunto i 100 milioni di euro è stata invece la Valle d’Aosta.