Ocariz: “Elecciones son un paso más para el cambio pero no el definitivo’’

Pubblicato il 11 settembre 2017 da redazione

El candidato para la gobernación de Miranda, Carlos Ocariz, aseguró que si el gobierno decide llevar a cabo las elecciones, sus candidatos serán ’’barridos’’

El candidato para la gobernación de Miranda, Carlos Ocariz, aseguró que si el gobierno decide llevar a cabo las elecciones, sus candidatos serán ’’barridos’’

CARACAS – Carlos Ocariz,  alcalde del municipio Sucre y candidato para la gobernación de Miranda, indicó que el Gobierno no tenía previsto que la oposición participara en los comicios regionales. Por esta razón aseguró que si el gobierno decide llevar a cabo las elecciones, sus candidatos serán ’’barridos’’.

Luego de una larga espera el candidato oficialista por la gobernación de Anzoátegui, Aristóbulo Istúriz se aseguró el pasado 7 de septiembre que las elecciones regionales serán realizadas el 15 de octubre. A pesar de esto, Ocariz señaló que desconoce si llevarán a cabo. El Consejo Nacional Electoral (CNE) aún no se ha pronunciado al respecto.

– El gobierno pensaba que no iriamos y fuimos, pensaba que no nos ibamos a poner de acuerdo y pensaba que la gente no votaría. Ahora no tiene ningún incentivo de hacer elecciones y tiene dos opciones: o las hacen y van a ser barridos o las posponen. Estamos a 11 de septiembre y no anuncian la fecha – indicó en una entrevista para Unión Radio.

Las elecciones primarias realizadas por la Mesa de la Unidad Democrática (MUD) se llevaron a cabo el día de ayer. En estos comicios se tenía previsto escoger el candidato unitario en 20 de los 23 estados del país. La oposición había logrado consenso en los estados Anzoátegui, Nueva Esparta y Vargas, Henrique Capriles, leader de la Oposición, invitó a todos los venezolanos a ejercer su voto. En su cuenta de Instagram expresó que ’’¿a los del Partido Socialista Unido de Venezuela (Psuv) quién los eligió? Maduro. ¿a los que queremos cambio quienes los elegimos? Los venezolanos. Tú decides, tú eliges quien te representa. Este es un proceso organizado por miles de voluntarios’’.

Tras la publicación del dirigente, los comentarios de los usuarios en Instagram fueron en su mayoría negativos. Se presume que el descontento sea debido al enfriamiento de los 4 meses de protestas en la calle aunado a la decisión de la oposición en acudir a los comicios. Respecto a estas reacciones Ocariz mencionó que “su criterio es respetable, nuestro deber no es criticarlos ni juzgarlos; nuestro deber es darles argumentos para que cambien de postura”.

El candidato a la gobernación de Miranda considera que las primarias fueron ’’un paso positivo’’. No obstante, advirtió que no se deben generar falsas espectativas con respecto a los proximas elecciones regionales.

– Estas elecciones son un paso más para cambiar al país, pero no el definitivo. Los candidatos del gobierno los puso Maduro con su dedo, a nosotros nos escogió la gente y esa es una diferencia – añadió Ocariz.

Regionales, los candidatos

Los candidatos de la alianza opositora que participarán en los comicios regionales son: Anzoátegui, Antonio Barreto Sira; Apure, José Montilla; Carabobo, Alejandro Feo La Cruz; Cojedes, Alberto Galindez; Delta Amacuro, Larissa Martínez; Falcón, Eliezer Sirit; Guárico, Pedro Loreto; Lara, Henri Falcón; Miranda, Carlos Ocariz; Monagas, Guillermo Call; Mérida, Ramón Guevara; Nueva Esparta, Alfredo Díaz; Portuguesa, María Beatriz Martínez; Sucre, Robert Alcalá; Táchira, Laidy Gómez; Trujillo, Carlos Andrés González y Vargas, José Manuel Olivares. Los estados Amazonas, Bolivar, Yaracuy y Zulia se encuentran sin porcentaje irreversible.

Por el bando oficialista los candidatos a las 23 gobernaciones son: Amazonas, Miguel Rodríguez; Anzoátegui, Aristóbulo Isturiz; Apure, Ramón Carrizales; Barinas, Argenis Chávez; Bolívar, Justo Noguera Pietri; Carabobo, Saúl Ortega; Cojedes, Margaud Godoy; Delta Amacuro, Lizeta Hernández; Falcón, Víctor Clark; Guárico, José Vásquez; Lara, Carmen Meléndez; Mérida, Mervin Maldonado; Miranda, Héctor Rodríguez; Monagas, Yelitza Santaella; Nueva Esparta, Carlos Mata Figueroa; en Portuguesa, Rafael Calles; Sucre, Edwin Rojas; Táchira, Por definir; Trujillo, Rangel Silva; Vargas, García Carneiro; Yaracuy, Néstor León Heredia; y Zulia, Francisco Arias Cárdenas. En el estado Aragua está por definir.

Es importante recordar que la tarjeta MUD no pudo postularse en los estados Zulia, Apure, Monagas, Bolívar, Trujillo, Aragua y Carabobo debido a procesos judiciales en esas entidades.

Ultima ora

21:15Forte terremoto nel Messico centrale

(ANSA) - CITTÀ DEL MESSICO, 19 set - Un forte terremoto di magnitudo 7.1 è stato registrato nel Messico centrale. Lo riferisce l'Usgs americano. L'epicentro è nella regione di Puebla, a 10 km di profondità. L'ente geofisico nazionale ha fissato la stima preliminare a 6.8. La scossa è stata avvertita anche a Città del Messico, dove molte persone sono scese in strada.

21:15Bus Catalogna: Orlando a collega spagnolo, chiarezza

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ha scritto al suo omologo spagnolo, il ministro Rafael Català Polo, esprimendo "il rammarico delle famiglie delle vittime dell'incidente stradale in cui hanno perso la vita le studentesse Erasmus italiane e auspicando che ci sia ancora la possibilità di chiarire quali siano state le cause e le circostanze dell'incidente".

20:42Consip: Musti, ‘in che pasticcio ci hanno messo?’

(ANSA) - ROMA, 19 SET - "Ma in che pasticcio ci sono andati a mettere?". Così il procuratore di Modena Lucia Musti - secondo quanto riporta il verbale della sua audizione al Csm dello scorso 17 luglio - si rivolge al procuratore di Roma, Giuseppe Pignatone, dopo che nel luglio del 2015 sul Fatto Quotidiano compare l'intercettazione della telefonata tra Matteo Renzi ed il generale della Gdf, Michele Adinolfi. L'intercettazione faceva parte dell'informativa dell'inchiesta Cpl Concordia che il pm di Napoli, Henry John Woodcock, aveva trasmesso alla collega di Modena.

20:39Calcio: a Prato l’ultimo saluto a Bersellini

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Parenti, amici, e tanti campioni del calcio si sono riuniti questo pomeriggio al Duomo di Prato per i funerali di Eugenio Bersellini, l'indimenticato allenatore morto domenica scorsa a 81 anni. Alla cerimonia hanno partecipato, tra gli altri, Giuseppe Bergomi, Evaristo Beccalossi, Alessandro Altobelli e Gabriele Oriali, giocatori dell'Inter con cui il tecnico tra il '77 e l'82 vinse uno scudetto e due Coppe Italia. Bersellini viveva da qualche anno a Prato insieme ad una delle figlie.

20:38Terrorismo: processo Meriem, sentiti primi testimoni

(ANSA) - VENEZIA, 19 SET - E' un processo senza imputata ma soprattutto senza la certezza che sia ancora viva, quello nei confronti di Meriem Rehailly, la studentessa residente nel padovano e fuggita in Siria nel 2015 per combattere con il califfato, che ha registrato oggi al Tribunale a Venezia la seconda udienza. Tra problemi di traduzione e la certezza di familiari e difesa, rappresentata dall'avv. Andrea Niero, che la ragazza sia morta, come avrebbe riferito un'altra simpatizzante dell'Isis, si sono ricostruiti alcuni passaggi della sua fuga. Prima quello che la vede impreparata - come ha raccontato chi le ha venduto i biglietti - tanto da chiedere un tagliando di sola andata per la Turchia, senza sapere che serviva anche quello di ritorno. Dall'altra i militari dei Ros che, rispondendo anche alla Pm Francesca Crupi, hanno ricostruito come la ragazzini si fosse documentata con un 'manuale' del terrorista sul web. Poi è stata la volta del padre di origini marocchine il quale ha ribadito come la figlia sia stata plagiata.

20:38Calcio: Rastelli “Cagliari deve avere sempre fame”

(ANSA) - CAGLIARI, 19 SET - Cagliari a caccia della terza vittoria consecutiva contro il Sassuolo alla Sardegna Arena. Per i rossoblù di Rastelli l'intento è dichiarato: sfruttare il calendario, sulla carta, in discesa per portarsi avanti con il compito salvezza (domenica a Cagliari arriva il Chievo Verona). "Il salto di qualità c'è stato - ha detto Rastelli questa sera nella conferenza stampa della vigilia - vincere ancora sarebbe il massimo. Sta a noi: dobbiamo sempre avere fame". Il tecnico rossoblù invita a fare attenzione al Sassuolo: dopo gli ultimi ko non può sbagliare. E gioca in maniera diversa - questo il rilievo tecnico dell'allenatore - con qualità maggiore rispetto a Crotone e Spal". Tanti gli ex che si incrociano: su tutti Pavoletti, alla ricerca del primo gol con la maglia rossoblù. Emergenza portiere: qualche problema in settimana per Cragno. L'alternativa, considerando che Rafael è ancora out, è il giovane Crosta, una partita in A (e un rigore parato) lo scorso anno con il Milan, proprio la squadra nella quale è cresciuto. Cragno comunque è tra i convocati: stringendo i denti tra i pali dovrebbe esserci lui. Rastelli dovrebbe confermare al centro della difesa Ceppitelli per consentire ad Andreolli (ex Sassuolo, 28 presenze e un gol nel 2008-2009) il pieno recupero magari in vista della gara di domenica con un'altra sua vecchia squadra, il Chievo. Turnover a centrocampo e in attacco? Rastelli è combattuto tra la tentazione di confermare quello che ha funzionato e l'esigenza di tenere caldi i vari Farias, Dessena, Faragò (e magari anche Miangue) concedendo a qualcuno di loro l'ingresso in campo dal primo minuto.

20:31G7: Reggia Venaria sorvegliata speciale in vista vertice

(ANSA) - TORINO, 19 SET - La Reggia di Venaria chiude al pubblico e si prepara ad ospitare i ministri in arrivo a Torino per il G7 Industria e Ict, Scienza e Lavoro. Un appuntamento finito nel mirino dei centri sociali, che hanno annunciato manifestazioni e cortei. Attenzione alta dunque da parte delle forze dell'ordine, che controlleranno la residenza sabauda alle porte di Torino 24 ore su 24. Al momento nessuna 'zona rossa', né aree vietate o appuntamenti annullati. La Regione Piemonte ha predisposto il piano emergenza sanitaria. Preoccupati i negozianti di Venaria, che oggi hanno incontrato il prefetto Saccone. "Abbiamo scelto Torino, che è una grande città industriale d'Italia" per i G7 Ict e industria, scienza e lavoro, "se poi centri sociali torinesi si mettono a buttare manichini decapitati di Poletti e dell'ex premier Renzi vuol dire che qualcosa non funziona. Vorremmo rimanesse grande appuntamento di condivisione anche con uno spirito umanistico", dice Carlo Calenda, ministro dello Sviluppo economico.(ANSA).

Archivio Ultima ora