Maria Callas, voce sempre “divina” 40 anni dopo

Pubblicato il 11 settembre 2017 da ansa

Maria Callas, voce sempre ‘divina’ 40 anni dopo

ROMA. – Maria Callas è l’unico personaggio del mondo della lirica che si è trasformato davvero in mito e a 40 anni dalla sua scomparsa, il 16 settembre 1977, i fans della sua voce non accennano a diminuire considerandola la più grande cantante del Novecento anche per le sue qualità di interprete e attrice forse legate a un’esistenza tormentata e passionale che ne fece anche un personaggio popolare e da rotocalco, specie negli anni del suo unico, grande, complicato amore per il mitico miliardario Aristotele Onassis e sino alla sua morte avvolta nel mistero di un ipotetico suicidio.

Registrazioni ormai di culto ci restituiscono in grandissima parte ancora il timbro personalissimo e vibrante, il colore, la potenza, la notevole estensione e agilità, l’intensità drammatica della sua voce che la fecero definire ‘divina’ sin dagli anni dei suoi esordi e successi in Grecia negli anni ’40, dove sua madre l’aveva riportata dopo la separazione dal padre, madre che le aveva fatto studiare musica e poi, accortasi del suo talento, canto.

”La sua voce non aveva limiti – ricorda Franco Zeffirelli con cui lavorò più volte – era insieme soprano, mezzosprano e contralto ed ebbe il genio di trasformare questo suo difetto in virtù, capace di sbalordire a sorpresa sempre come arrivasse da un altro pianeta”.

Cecila Sophia Anna Maria Kalogeropoulos, questo il suo vero nome, era infatti nata a New York il 2 dicembre 1923, dove la famiglia era emigrata. E lì torna e, per pagarsi gli studi, fa la baby sitter in casa di un amico di Toscanini, che la conosce e le farà avere la prima scrittura, all’Arena di Verona per ”La Gioconda’ di Ponchielli nel 1947, dove nasce il rapporto con l’industriale Battista Meneghini, che diverrà suo marito e manager mentre la sua carriera esplode a Firenze l’anno dopo con ‘Norma’ di Bellini, che poi interpreterà oltre 90 volte, mente l’aria ‘Casta diva’ sarà per sempre la ‘sua’ aria, grazie al saper coniugare agilità e virtuosismo del belcanto con la sua voce scura e corposa.

Nel ’49 ecco il trionfo nei ‘Puritani’ di Bellini a La Fenice, grazie a una improvvisa sostituzione, per arrivare acclamata a La Scala nel ’51 con ‘I vespri siciliani’ di Verdi e nel ’56 al Metropolitan con ‘Norma’, mettendo via via in repertorio anche ‘Lucia di Lamermoor’, ‘Tosca’, ‘Madama Butterfly’, ‘Anna Bolena’, ‘La Vestale’, ‘Macbeth’, ‘Medea’.

Proprio per il suo talento attoriale lavorerà, molto amata, oltre che con grandi direttori, da Serafin a Karajan, da Giulini a Pretre, con grandi registi, da Luchino Visconti in teatro a Pier Paolo Pasolini al cinema (per ‘Medea’), anche se la sua fama è quella di prima donna inquieta e imprevedibile sulla scena come nella vita.

In America conosce Onassis e questi la invita col marito a una crociera sul suo ‘Christina’ nel 1959, dove sono anche Churchill, il principe di Monaco e gli Agnelli e dove scoppia l’amore col ricchissimo armatore, tanto che dopo nemmeno un anno chiede la separazione da Meneghini, ma saranno dieci anni sì di passione ma ricchi di sofferenze, gelosie, clamorosi litigi, sino a quando lui la lascia per sposare la vedova Kennedy.

Fu facile quindi dire che tutto ciò favorì il suo declino. C’è una tournee, l’ultima, fallimentare nel 1973 con Giuseppe Di Stefano, poi il ritiro a Parigi, l’isolamento, pare la depressione sino a quella notte finale in cui non si sa se tutto fu naturale o ci fu un voluto eccesso di farmaci. Oggi quelle chiacchiere sono dimenticate e vivere si direbbe per sempre resta la sua ‘divina’, miracolosa voce ormai di vero culto.

Negli anni ci sono state esposizioni, libri, incontri su di lei e per questo quarantennale ecco che si annuncia una nuova mostra a Roma, esce un saggio di Italo Moscati, ‘Non solo voce: Maria Callas’ da Castelvecchi che ne racconta come fosse un romanzo le fragilità, le turbolente passioni e la carriera folgorante, e arriva in libreria, edita da Bao Publishing, anche una graphic novel biografica, ‘Sempre libera’, di una promettente disegnatrice italiana, Lorenza Natarella.

(di Paolo Petroni/ANSA)

Ultima ora

11:42Grillo-Di Maio, nessuna frattura, convergenze sui temi

(ANSA) - PESCARA, 20 GEN - "Abbiamo un unico programma presentato ieri assieme al simbolo e un unico candidato premier. Come sempre abbiamo detto, la sera delle elezioni, se non dovessimo aver raggiunto la maggioranza assoluta, faremo un appello pubblico a tutti i gruppi e chiederemo di dare un Governo a questo Paese sui temi. No spartizioni di poltrone o di potere, ma soluzioni concrete ai problemi del Paese". Lo affermano, in un post su facebook, Beppe Grillo e Luigi Di Maio che attaccano: oggi i media "si sono inventati una frattura tra noi due che non c'è e non c'è mai stata".

11:37Tragedia in istituto disabili: paziente muore carbonizzato

(ANSA) - GENOVA, 20 GEN - Tragedia la scorsa notte all'istituto per disabili e anziani Don Orione di via Berghini, sulle alture di San Fruttuoso, a Genova. Un ospite 49enne, disabile psichiatrico che si muoveva su una sedia a rotelle, è morto carbonizzato nel bagno del reparto dove era ricoverato. La causa potrebbe essere stata una sigaretta caduta sulla tuta acrilica che indossava che si è incendiata. L'uomo, come tutte le sere, era andato in bagno per fumare una sigaretta prima di addormentarsi. L'uomo potrebbe aver avuto un malore che gli ha fatto cadere dalla mano la sigaretta che ha innescato il rogo. La prima ad accorgersi di quanto stava accadendo è stata l'infermiera di turno del reparto che con un estintore ha spento le fiamme, ma il paziente era già morto. L'infermiera è stata ricoverata in ospedale per intossicazione. Per il fumo sprigionatosi, un'ala della struttura che ospita una decina di persone è stata evacuata dai vigili del fuoco. Sul posto con i medici del 118 e gli agenti di polizia delle volanti.

11:33Calcio: sfumato Mourinho, il PSG adesso punta su Guardiola

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Dopo il raggiunto accordo fra Josè Mourinho e il Manchester United, per prolungare il rapporto di collaborazione, il Paris Saint-Germain ha cambiato obiettivo per il futuro della propria panchina, attualmente occupata da Unai Emery, virando con decisione su Pep Guardiola, ora al Manchester City. Lo scrive il Mirror, che parla di un contatto già avvenuto fra i dirigenti del club francese e l'allenatore catalano, il cui contratto con i 'Citizens' scadrà il 30 giugno dell'anno prossimo. (ANSA).

11:31Cardiologa Modena assolta completamente in Cassazione

(ANSA) - MODENA, 20 GEN - Maria Grazia Modena, ex primario di Cardiologia del Policlinico di Modena, è stata assolta in Cassazione da tutte le accuse dell'inchiesta 'camici sporchi', che nel novembre 2012 la portò ai domiciliari (misure cautelari anche per altri 8 medici) per presunte sperimentazioni abusive sui pazienti inconsapevoli che l'accusa, il pm è Marco Niccolini, sosteneva avvenissero nel reparto. I giudici, chiusa la camera di consiglio all'una di notte, hanno assolto la prof dall'ultima accusa rimasta, quella di falso, "perché il fatto non sussiste". Dichiarati inammissibili i ricorsi delle parti civili: Regione, Policlinico, procura generale e associazione 'Amici del cuore'. Condannata in primo grado a 4 anni nel febbraio 2015 per associazione a delinquere, truffa al sistema sanitario, corruzione, abuso d'ufficio e falso, vide ribaltata la sentenza in Appello: condanna ridotta a 8 mesi per falso. A novembre in tribunale erano arrivate condanne per 36 anni per i 12 imputati che avevano scelto il rito ordinario. (ANSA).

11:28India: delitto d’onore, 6 condanne morte

(ANSA) - NEW DELHI, 20 GEN - Un tribunale indiano ha condannato oggi a morte sei persone a Nashik, nello Stato di Maharashtra, riconoscendole colpevoli di aver brutalmente ucciso nel 2013 nel villaggio di Sonai tre giovani 'dalit' (senza casta) nell'ambito di una vicenda presentata come 'delitto d'onore'. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. Le indagini avevano provato che uno dei tre giovani 'dalit' uccisi aveva stretto una relazione con una delle studentesse appartenente ad una casta superiore. I famigliari della ragazza, assolutamente contrari alla continuazione del rapporto, attirarono l'1 gennaio 2013 in casa loro il giovane insieme a due amici con il pretesto di un lavoro di pulitura di una fossa settica. Ma il giorno dopo la polizia, allertata dai parenti dei tre giovani di cui non avevano più notizie, ne ha rivenuto i cadaveri orrendamente martoriati vicino alla casa. Dei sette imputati, uno è stato assolto mentre gli altri, fra cui il padre e il fratello sono stati condannati alla pena capitale.

11:12Thailandia: arrestato trafficante avorio

(ANSA) - BANGKOK, 20 GEN - La polizia thailandese ha arrestato uno dei più grossi trafficanti di animali selvatici, sospettato di aver gestito la maggior parte del contrabbando in Asia negli ultimi dieci anni. Boonchai Bach, 40enne thailandese di origini vietnamite, è stato preso in custodia ieri nel nord-est del paese, in relazione al contrabbando di zanne di rinoceronti provenienti dall'Africa, per un valore di oltre un milione di dollari, con il coinvolgimento di un funzionario locale e di un cittadino cinese. L'uomo - che ha respinto le accuse - avrebbe giocato un ruolo chiave insieme con la sua famiglia nel traffico di avorio, tigri, leoni ed altre specie a rischio di estinzione. La Thailandia è un paese di transito per il traffico di animali esotici, soprattutto verso la Cina, ed era considerata il più grande mercato illegale di avorio del mondo, prima dell'introduzione nel 2015 di un legge che punisce questi traffici.

11:09Ciclismo: Tour down under, Porte vince la penultima tappa

(ANSA) - ADELAIDE (AUSTRALIA), 20 GEN - Richie Porte ha vinto la 5/a e penultima tappa del Tour down under, gara d'apertura della stagione ciclistica internazionale, che si concluderà domani. L'australiano, vero e proprio beniamino di casa, con il tempo di 3h42'22", si è aggiudicato la McLaren Vale-Willunga Hill, lunga 151,5 chilometri, precedendo nell'ordine il sudafricano Daryl Impey di 8" e l'olandese Tom-Jelte Slagter di 10". Quest'ultimo guidava un gruppetto di corridori giunti sul traguardo con lo stesso tempo e del quale faceva parte anche l'italiano Diego Ulissi, che si è piazzato al settimo posto. In classifica generale al comando c'è sempre Impey, in 18h02'15", davanti a Porte (stesso tempo) e Slagter (a 16"), mentre Ulissi è quarto, con 20" di ritardo. Domani gran finale con la Adelaide-Adelaide (king William street) lunga 90 chilometri. (ANSA).

Archivio Ultima ora