Maria Callas, voce sempre “divina” 40 anni dopo

Pubblicato il 11 settembre 2017 da ansa

Maria Callas, voce sempre ‘divina’ 40 anni dopo

ROMA. – Maria Callas è l’unico personaggio del mondo della lirica che si è trasformato davvero in mito e a 40 anni dalla sua scomparsa, il 16 settembre 1977, i fans della sua voce non accennano a diminuire considerandola la più grande cantante del Novecento anche per le sue qualità di interprete e attrice forse legate a un’esistenza tormentata e passionale che ne fece anche un personaggio popolare e da rotocalco, specie negli anni del suo unico, grande, complicato amore per il mitico miliardario Aristotele Onassis e sino alla sua morte avvolta nel mistero di un ipotetico suicidio.

Registrazioni ormai di culto ci restituiscono in grandissima parte ancora il timbro personalissimo e vibrante, il colore, la potenza, la notevole estensione e agilità, l’intensità drammatica della sua voce che la fecero definire ‘divina’ sin dagli anni dei suoi esordi e successi in Grecia negli anni ’40, dove sua madre l’aveva riportata dopo la separazione dal padre, madre che le aveva fatto studiare musica e poi, accortasi del suo talento, canto.

”La sua voce non aveva limiti – ricorda Franco Zeffirelli con cui lavorò più volte – era insieme soprano, mezzosprano e contralto ed ebbe il genio di trasformare questo suo difetto in virtù, capace di sbalordire a sorpresa sempre come arrivasse da un altro pianeta”.

Cecila Sophia Anna Maria Kalogeropoulos, questo il suo vero nome, era infatti nata a New York il 2 dicembre 1923, dove la famiglia era emigrata. E lì torna e, per pagarsi gli studi, fa la baby sitter in casa di un amico di Toscanini, che la conosce e le farà avere la prima scrittura, all’Arena di Verona per ”La Gioconda’ di Ponchielli nel 1947, dove nasce il rapporto con l’industriale Battista Meneghini, che diverrà suo marito e manager mentre la sua carriera esplode a Firenze l’anno dopo con ‘Norma’ di Bellini, che poi interpreterà oltre 90 volte, mente l’aria ‘Casta diva’ sarà per sempre la ‘sua’ aria, grazie al saper coniugare agilità e virtuosismo del belcanto con la sua voce scura e corposa.

Nel ’49 ecco il trionfo nei ‘Puritani’ di Bellini a La Fenice, grazie a una improvvisa sostituzione, per arrivare acclamata a La Scala nel ’51 con ‘I vespri siciliani’ di Verdi e nel ’56 al Metropolitan con ‘Norma’, mettendo via via in repertorio anche ‘Lucia di Lamermoor’, ‘Tosca’, ‘Madama Butterfly’, ‘Anna Bolena’, ‘La Vestale’, ‘Macbeth’, ‘Medea’.

Proprio per il suo talento attoriale lavorerà, molto amata, oltre che con grandi direttori, da Serafin a Karajan, da Giulini a Pretre, con grandi registi, da Luchino Visconti in teatro a Pier Paolo Pasolini al cinema (per ‘Medea’), anche se la sua fama è quella di prima donna inquieta e imprevedibile sulla scena come nella vita.

In America conosce Onassis e questi la invita col marito a una crociera sul suo ‘Christina’ nel 1959, dove sono anche Churchill, il principe di Monaco e gli Agnelli e dove scoppia l’amore col ricchissimo armatore, tanto che dopo nemmeno un anno chiede la separazione da Meneghini, ma saranno dieci anni sì di passione ma ricchi di sofferenze, gelosie, clamorosi litigi, sino a quando lui la lascia per sposare la vedova Kennedy.

Fu facile quindi dire che tutto ciò favorì il suo declino. C’è una tournee, l’ultima, fallimentare nel 1973 con Giuseppe Di Stefano, poi il ritiro a Parigi, l’isolamento, pare la depressione sino a quella notte finale in cui non si sa se tutto fu naturale o ci fu un voluto eccesso di farmaci. Oggi quelle chiacchiere sono dimenticate e vivere si direbbe per sempre resta la sua ‘divina’, miracolosa voce ormai di vero culto.

Negli anni ci sono state esposizioni, libri, incontri su di lei e per questo quarantennale ecco che si annuncia una nuova mostra a Roma, esce un saggio di Italo Moscati, ‘Non solo voce: Maria Callas’ da Castelvecchi che ne racconta come fosse un romanzo le fragilità, le turbolente passioni e la carriera folgorante, e arriva in libreria, edita da Bao Publishing, anche una graphic novel biografica, ‘Sempre libera’, di una promettente disegnatrice italiana, Lorenza Natarella.

(di Paolo Petroni/ANSA)

Ultima ora

16:05Zimbabwe: Mugabe espulso dal partito di governo

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Il presidente dello Zimbabwe Robert Mugabe è stato espulso dal suo partito Zanu-PF ed è stato sostituito dal vicepresidente Emmerson Mnangagwa. Lo riporta la Bbc. Il partito ha intimato a Mugabe di dimettersi "entro domani a mezzogiorno, altrimenti si darà il via all'impeachment".

15:56Gb: 70 anni di matrimonio, foto celebra Elisabetta e Filippo

(ANSA) - LONDRA, 19 NOV - Un ritratto ufficiale e una serie di francobolli per celebrare 70 anni di matrimonio. Nozze di ferro per Elisabetta II e Filippo di Edimburgo, che domani segnano un altro traguardo record nella storia dei reali. Per la regina e il principe consorte - 91 anni lei, 96 lui - si tratta di un anniversario da festeggiare in privato, come già annunciato da Buckingham Palace. Ma la foto - in piedi e sorridenti, la regina in abito chiaro, Filippo con una giacca grigia e una cravatta bordeaux - campeggia comunque oggi su tutti i media britannici come atto di omaggio. L'omaggio a un'unione indistruttibile, suggellata dal solenne matrimonio celebrato il 20 novembre 1947 (26enne lui, 21enne lei), e poi - dal 1952, anno dell'ascesa al trono di Elisabetta - da oltre 6 decenni di regno. Ma anche l'omaggio a una coppia ancora sulla breccia, eppure incamminata verso un lento addio: segnato dal ritiro di Filippo dagli impegni ufficiali e dall'alleggerimento dei doveri della sovrana a beneficio dell'erede al trono Carlo.

15:55Terremoti: scossa di magnitudo 4.4 nel Parmense

(ANSA) - PARMA, 19 NOV - Un terremoto di magnitudo 4.4 è stato registrato dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia alle 13.37 con epicentro nella zona di Fornovo di Taro, in provincia di Parma. La scossa, avvertita in tutto il territorio, ha provocato paura ma nessun danno. I Vigili del fuoco hanno riferito che non ci sono interventi in atto e, al momento, non ci sono segnalazioni di danni a persone o cose.

14:41Papa: Dio non è controllore bus, non basta non fare del male

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 19 NOV - "Non fare nulla di male non basta, perché Dio non è un controllore in cerca di biglietti non timbrati". Lo ha detto il Papa nell'omelia della messa nella basilica vaticana per la Prima Giornata Mondiale dei Poveri. L'omissione è "il grande peccato nei confronti dei poveri. Qui assume un nome preciso: indifferenza". "E' dire: 'Non mi riguarda, non è affar mio, è colpa della società'. È girarsi dall'altra parte quando il fratello è nel bisogno, è cambiare canale appena una questione seria ci infastidisce, è anche sdegnarsi di fronte al male senza far nulla. Dio, però, non ci chiederà se avremo avuto giusto sdegno, ma se avremo fatto del bene". E invece i poveri sono "il nostro passaporto per il paradiso". "Non cerchiamo allora il superfluo per noi ma il bene per gli altri" perché occorre "il coraggio di amare non a parole ma coi fatti". In basilica erano presenti 7mila poveri. Per 1500 di loro pranzo con il Papa nell'Aula Paolo VI. Gli altri sono ospitati in istituti ed enti caritativi di Roma.

14:31Terremoti: scossa magnitudo 6,4 in Nuova Caledonia

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Una scossa di terremoto di magnitudo 6,4 é stata registrata oggi al largo della Nuova Caledonia, 74 chilometri a est di Tandine, ad una profondità di 25,3 chilometri: lo rende noto l'Istituto geofisico americano (Usgs). Per ora non si hanno notizie di un rischio tsunami.

14:27Marzabotto: squadra 65 Futa visita sacrario vittime eccidi

(ANSA) - BOLOGNA, 19 NOV - I dirigenti, gli allenatori e i calciatori della 65 Futa di Loiano-Monghidoro, squadra che milita nella seconda categoria dilettanti bolognese si sono recati in visita al sacrario di Marzabotto per rendere omaggio alle vittime degli eccidi nazisti. Dopo che il presidente della società Fabrizio Santi ha deposto una composizione floreale sul monumento, tutta la squadra ha poi raggiunto la scuola di pace di Monte Sole per ascoltare la testimonianza di Anna Rosa Nannetti, sopravvissuta alla strage del '44. La visita, organizzata in accordo col sindaco di Marzabotto Romano Franchi, è stata la risposta al gesto di Eugenio Luppi, il calciatore della 65 Futa che domenica scorsa, proprio a Marzabotto, ha esultato dopo un gol con un braccio teso a ricordare il saluto romano e mostrando al pubblico una maglia nera con impressi il tricolore e l'aquila imperiale, simboli della Repubblica Sociale Italiana. Luppi, come era stato annunciato, non ha preso parte alla visita col resto dei compagni.(ANSA).

13:55Incendiata auto parroco in Calabria, s’indaga su motivi

(ANSA) - SCANDALE (CROTONE), 19 NOV - L'automobile del parroco della chiesa di San Giuseppe Operaio, della frazione "Corazzo" di Scandale, nel crotonese, é stata incendiata la scorsa notte da persone non identificate. La vettura, una Fiat Punto, malgrado il tempestivo intervento dei vigili del fuoco, é andata distrutta. Le fiamme si sono estese ad un'altra vettura parcheggiata accanto di proprietà anche questa di un altro sacerdote, parroco della Chiesa di San Giovanni Battista di Crotone, e ad una parete laterale della chiesa. Le indagini sull'episodio sono state avviate dai carabinieri della Compagnia di Crotone e del Comando provinciale. Il parroco proprietario dell'auto incendiata, di origini africane e da circa un mese a Scandale, ha riferito ai militari di non sapersi spiegare i motivi dell'intimidazione. Gli investigatori, comunque, escludono il movente razzista. (ANSA).

Archivio Ultima ora