Maria Callas, voce sempre “divina” 40 anni dopo

Pubblicato il 11 settembre 2017 da ansa

Maria Callas, voce sempre ‘divina’ 40 anni dopo

ROMA. – Maria Callas è l’unico personaggio del mondo della lirica che si è trasformato davvero in mito e a 40 anni dalla sua scomparsa, il 16 settembre 1977, i fans della sua voce non accennano a diminuire considerandola la più grande cantante del Novecento anche per le sue qualità di interprete e attrice forse legate a un’esistenza tormentata e passionale che ne fece anche un personaggio popolare e da rotocalco, specie negli anni del suo unico, grande, complicato amore per il mitico miliardario Aristotele Onassis e sino alla sua morte avvolta nel mistero di un ipotetico suicidio.

Registrazioni ormai di culto ci restituiscono in grandissima parte ancora il timbro personalissimo e vibrante, il colore, la potenza, la notevole estensione e agilità, l’intensità drammatica della sua voce che la fecero definire ‘divina’ sin dagli anni dei suoi esordi e successi in Grecia negli anni ’40, dove sua madre l’aveva riportata dopo la separazione dal padre, madre che le aveva fatto studiare musica e poi, accortasi del suo talento, canto.

”La sua voce non aveva limiti – ricorda Franco Zeffirelli con cui lavorò più volte – era insieme soprano, mezzosprano e contralto ed ebbe il genio di trasformare questo suo difetto in virtù, capace di sbalordire a sorpresa sempre come arrivasse da un altro pianeta”.

Cecila Sophia Anna Maria Kalogeropoulos, questo il suo vero nome, era infatti nata a New York il 2 dicembre 1923, dove la famiglia era emigrata. E lì torna e, per pagarsi gli studi, fa la baby sitter in casa di un amico di Toscanini, che la conosce e le farà avere la prima scrittura, all’Arena di Verona per ”La Gioconda’ di Ponchielli nel 1947, dove nasce il rapporto con l’industriale Battista Meneghini, che diverrà suo marito e manager mentre la sua carriera esplode a Firenze l’anno dopo con ‘Norma’ di Bellini, che poi interpreterà oltre 90 volte, mente l’aria ‘Casta diva’ sarà per sempre la ‘sua’ aria, grazie al saper coniugare agilità e virtuosismo del belcanto con la sua voce scura e corposa.

Nel ’49 ecco il trionfo nei ‘Puritani’ di Bellini a La Fenice, grazie a una improvvisa sostituzione, per arrivare acclamata a La Scala nel ’51 con ‘I vespri siciliani’ di Verdi e nel ’56 al Metropolitan con ‘Norma’, mettendo via via in repertorio anche ‘Lucia di Lamermoor’, ‘Tosca’, ‘Madama Butterfly’, ‘Anna Bolena’, ‘La Vestale’, ‘Macbeth’, ‘Medea’.

Proprio per il suo talento attoriale lavorerà, molto amata, oltre che con grandi direttori, da Serafin a Karajan, da Giulini a Pretre, con grandi registi, da Luchino Visconti in teatro a Pier Paolo Pasolini al cinema (per ‘Medea’), anche se la sua fama è quella di prima donna inquieta e imprevedibile sulla scena come nella vita.

In America conosce Onassis e questi la invita col marito a una crociera sul suo ‘Christina’ nel 1959, dove sono anche Churchill, il principe di Monaco e gli Agnelli e dove scoppia l’amore col ricchissimo armatore, tanto che dopo nemmeno un anno chiede la separazione da Meneghini, ma saranno dieci anni sì di passione ma ricchi di sofferenze, gelosie, clamorosi litigi, sino a quando lui la lascia per sposare la vedova Kennedy.

Fu facile quindi dire che tutto ciò favorì il suo declino. C’è una tournee, l’ultima, fallimentare nel 1973 con Giuseppe Di Stefano, poi il ritiro a Parigi, l’isolamento, pare la depressione sino a quella notte finale in cui non si sa se tutto fu naturale o ci fu un voluto eccesso di farmaci. Oggi quelle chiacchiere sono dimenticate e vivere si direbbe per sempre resta la sua ‘divina’, miracolosa voce ormai di vero culto.

Negli anni ci sono state esposizioni, libri, incontri su di lei e per questo quarantennale ecco che si annuncia una nuova mostra a Roma, esce un saggio di Italo Moscati, ‘Non solo voce: Maria Callas’ da Castelvecchi che ne racconta come fosse un romanzo le fragilità, le turbolente passioni e la carriera folgorante, e arriva in libreria, edita da Bao Publishing, anche una graphic novel biografica, ‘Sempre libera’, di una promettente disegnatrice italiana, Lorenza Natarella.

(di Paolo Petroni/ANSA)

Ultima ora

05:05Curry, ‘giornata surreale, Trump non si comporta da leader’

NEW YORK - ''Una giornata surreale'': cosi' la stella della Nba Stephen Curry commenta l'affondo del presidente americano Donald Trump che gli ha ritirato l'invito alla Casa Bianca. ''Non so perche' sente la necessita' di prendere di mira certe persone piuttosto che altre. Io un'idea ce l'ho, ma questo non e' quello che fa un leader''.

04:56James ancora contro Trump, usa sport per dividere Paese

NEW YORK - LeBron James torna ad attaccare Donald Trump, stavolta con un video: ''Mi sento frustrato, perche' questa persona che abbiamo messo al potere dopo quello che e' successo dopo Charlottesville sta tentando di usare lo sport per dividere ancor di piu' il popolo americano. E non e' una cosa che posso tollerare, non e' una cosa su cui posso tacere''. Oltre al caso del suo collega della Nba Stephen Curry, James critica Trump anche per aver chiesto di licenziare i giocatori di football americano che non cantano l'inno in segno di protesta.

04:41Londra: 6 feriti in attacchi con acido, no terrorismo

LONDRA - Sei persone sono state ferite ieri sera in diversi attacchi con acido in un centro commerciale a Stratford, nella zona orientale di Londra. La polizia ha arrestato un uomo, sospettato di lesioni personali gravi e ne sta cercando altri. Un portavoce ha dichiarato che la polizia esclude il movente terroristico e ha aggiunto che le persone ferite non sono in pericolo di vita.

04:36Trump, test dimostra accordo Iran non e’ un granche’

NEW YORK - "L'Iran ha appena testato un missile balistico capace di raggiungere Israele. E stanno anche lavorando con la Corea del Nord. Non e' un granche' di accordo quello che abbiamo": cosi' il presidente americano, Donald Trump, commenta il test su un nuovo missile balistico eseguito da Teheran.

23:38Calcio: Udinese in ritiro da lunedì

(ANSA) - UDINE, 23 SET - L'Udinese andrà in ritiro da lunedì. Lo ha deciso la società dopo la sconfitta di questo pomeriggio con la Roma, la quinta in sei gare da inizio campionato. Il ritiro, annunciato in serata dal club con una breve nota, è stato deciso "per preparare al meglio l'importante sfida di sabato prossimo con la Sampdoria". Una partita dal risultato che appare obbligato per i bianconeri, ancora fermi a 3 punti in classifica.

23:30Calcio: Baselli si scusa, ‘troppa voglia derby,ho sbagliato’

(ANSA) - TORINO, 23 SET - "Avevo troppo voglia di derby, tenevo troppo a questa partita. Ho sbagliato". Daniele Baselli commenta così, su Twitter, l'espulsione che ha condizionato la prestazione del Torino, battuto 4-0 dalla Juventus. "Chiedo scusa ai miei compagni, ai nostri tifosi, alla società", aggiunge il giocatore granata, che posta la foto in cui esce dal campo. "Superfluo aggiunge altro. Momento durissimo - scrive il centrocampista -. Mi assumo tutte le responsabilità. Sempre e comunque forza Toro".

23:18Serie A: Juve padrona, demolisce Toro 4-0 e fa suo il derby

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Una Juve padrona all'Allianz Stadium fa suo il derby della Mole, cancellando il Torino 4-0. Primo tempo sontuoso degli uomini di Allegri che prima a passano in vantaggio grazie al 9/o gol stagionale di Dybala e poi approfittano di uno sciagurato fallo di Baselli che costa al centrocampista granata il doppio giallo e l'inevitabile espulsione. Era il 25' e da lì la partita è corsa su un unico binario: il raddoppio di Pjanic al 40', il tris firmato da Alex Sandro al 12' st e il sigillo ancora del n.10 argentino allo scadere. Il punteggio sarebbe addirittura potuto essere ancora più severo per i granata, ma i pali, le parate di Sirigu e l'imprecisione degli attaccanti bianconeri hanno limitato i danni. Higuain ha iniziato in panchina per poi entrare negli ultimi dieci minuti. La squadra di Mihajlovic paga caro l'errore di Baselli ma già l'approccio alla gara non era stato dei migliori, sentendo forse troppo il match a cui per la prima volta dopo anni erano arrivata senza i panni dell'eterna sconfitta.

Archivio Ultima ora