Champions: Napoli in Ucraina, Sarri medita il colpaccio

Pubblicato il 12 settembre 2017 da ansa

Champions League, tocca al Napoli

CHARKIV (UCRAINA). – Il Napoli ricomincia dall’Ucraina il cammino in Champions che la squadra di Sarri si è guadagnata ad agosto, strapazzando il Nizza nel duplice scontro dei Play-off. Lo Shakhtar Donetsk, pur facendo parte della prima fascia dei sorteggi, non è, almeno sulla carta, un avversario impossibile. Il Napoli, perciò, punta alla vittoria per cominciare con il passo giusto e tentare di replicare fra settimane con il Feyeenord al San Paolo, per arrivare ai due scontri consecutivi con il Manchester City in una posizione invidiabile.

Sarri, però, predica come sempre umiltà e prudenza. “Il nostro – dice il tecnico – è un girone difficile. Nel sorteggio abbiamo preso il Feyenoord, la squadra più forte della quarta fascia, poi c’è il Manchester City e lo Shakhtar che è una squadra poco conosciuta in Italia, ma con grandi doti tecniche. In ogni caso puntiamo a qualificarci. Lo Shakhtar è una squadra abituata a fare la partita, con giocatori offensivi con ottime caratteristiche tecniche e portata ad attaccare con continuità. Ci creerà grandi problemi, anche se inevitabilmente ci darà anche delle opportunità che dovremo essere bravi a sfruttare”.

Indiscrezioni sulla formazione che manderà in campo, non ce ne sono, tanto per cambiare, anche se una parola l’allenatore dei partenopei la spende per Marek Hamsik, sempre sostituito nella ripresa in occasione delle ultime partite. “Hamsik? E’ insostituibile… Perciò lo sostituisco sempre. Il nostro capitano ha delle caratteristiche uniche, che non ha nessun altro centrocampista del Napoli. L’unico modo per farlo riposare ed averlo così a disposizione in tutte le partite è sostituirlo. Anzi quando è poco brillante lo faccio giocare di più per fargli superare il momento difficile”.

Nelle ultime due sfide di campionato, il Napoli è parso leggermente appannato sul piano della condizione atletica. Sarri, però, non è d’accordo. “Non abbiamo problemi atletici – dice – perchè nei secondi tempi, come dicono i dati, corriamo più degli avversari e dominiamo la partita”.

L’allenatore azzurro, piuttosto, se la prende con il calendario che ritiene troppo fitto. “Le squadre che giocano in Europa – osserva Sarri – per tre mesi non possono allenarsi regolarmente. Questo calendario è una follia”.

Quella con lo Shakhtar per Sarri è una partita importantissima, forse la più importante di tutte. “In un girone di sei partite – spiega – è evidente che la prima è condizionante, anche perchè incide anche sulle successive”.

Il Napoli, nelle ultime uscite, è sembrato più pratico e cinico rispetto agli anni precedenti. “Noi giochiamo sempre alla stessa maniera – conclude il tecnico – Penso che nelle prima partite della stagione, nei momenti di sofferenza, abbiamo trovato maggiore solidità difensiva rispetto al passato. Se superiamo indenni quei momenti, poi riusciamo a fare risultato grazie al grande potenziale del nostro attacco”.

Milik non sa ancora se scenderà in campo o meno, ma si dice pronto a farlo. “Sono al cento per cento della condizione – dice il polacco – Domani posso giocare, ma deciderà l’allenatore. Sono in ottime condizioni, come ho dimostrato anche nella gara della mia Nazionale. Quel che è importante è ragionare come squadra, dobbiamo avere la mentalità giusta per raggiungere l’obiettivo”.

Ultima ora

05:05Curry, ‘giornata surreale, Trump non si comporta da leader’

NEW YORK - ''Una giornata surreale'': cosi' la stella della Nba Stephen Curry commenta l'affondo del presidente americano Donald Trump che gli ha ritirato l'invito alla Casa Bianca. ''Non so perche' sente la necessita' di prendere di mira certe persone piuttosto che altre. Io un'idea ce l'ho, ma questo non e' quello che fa un leader''.

04:56James ancora contro Trump, usa sport per dividere Paese

NEW YORK - LeBron James torna ad attaccare Donald Trump, stavolta con un video: ''Mi sento frustrato, perche' questa persona che abbiamo messo al potere dopo quello che e' successo dopo Charlottesville sta tentando di usare lo sport per dividere ancor di piu' il popolo americano. E non e' una cosa che posso tollerare, non e' una cosa su cui posso tacere''. Oltre al caso del suo collega della Nba Stephen Curry, James critica Trump anche per aver chiesto di licenziare i giocatori di football americano che non cantano l'inno in segno di protesta.

04:41Londra: 6 feriti in attacchi con acido, no terrorismo

LONDRA - Sei persone sono state ferite ieri sera in diversi attacchi con acido in un centro commerciale a Stratford, nella zona orientale di Londra. La polizia ha arrestato un uomo, sospettato di lesioni personali gravi e ne sta cercando altri. Un portavoce ha dichiarato che la polizia esclude il movente terroristico e ha aggiunto che le persone ferite non sono in pericolo di vita.

04:36Trump, test dimostra accordo Iran non e’ un granche’

NEW YORK - "L'Iran ha appena testato un missile balistico capace di raggiungere Israele. E stanno anche lavorando con la Corea del Nord. Non e' un granche' di accordo quello che abbiamo": cosi' il presidente americano, Donald Trump, commenta il test su un nuovo missile balistico eseguito da Teheran.

23:38Calcio: Udinese in ritiro da lunedì

(ANSA) - UDINE, 23 SET - L'Udinese andrà in ritiro da lunedì. Lo ha deciso la società dopo la sconfitta di questo pomeriggio con la Roma, la quinta in sei gare da inizio campionato. Il ritiro, annunciato in serata dal club con una breve nota, è stato deciso "per preparare al meglio l'importante sfida di sabato prossimo con la Sampdoria". Una partita dal risultato che appare obbligato per i bianconeri, ancora fermi a 3 punti in classifica.

23:30Calcio: Baselli si scusa, ‘troppa voglia derby,ho sbagliato’

(ANSA) - TORINO, 23 SET - "Avevo troppo voglia di derby, tenevo troppo a questa partita. Ho sbagliato". Daniele Baselli commenta così, su Twitter, l'espulsione che ha condizionato la prestazione del Torino, battuto 4-0 dalla Juventus. "Chiedo scusa ai miei compagni, ai nostri tifosi, alla società", aggiunge il giocatore granata, che posta la foto in cui esce dal campo. "Superfluo aggiunge altro. Momento durissimo - scrive il centrocampista -. Mi assumo tutte le responsabilità. Sempre e comunque forza Toro".

23:18Serie A: Juve padrona, demolisce Toro 4-0 e fa suo il derby

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Una Juve padrona all'Allianz Stadium fa suo il derby della Mole, cancellando il Torino 4-0. Primo tempo sontuoso degli uomini di Allegri che prima a passano in vantaggio grazie al 9/o gol stagionale di Dybala e poi approfittano di uno sciagurato fallo di Baselli che costa al centrocampista granata il doppio giallo e l'inevitabile espulsione. Era il 25' e da lì la partita è corsa su un unico binario: il raddoppio di Pjanic al 40', il tris firmato da Alex Sandro al 12' st e il sigillo ancora del n.10 argentino allo scadere. Il punteggio sarebbe addirittura potuto essere ancora più severo per i granata, ma i pali, le parate di Sirigu e l'imprecisione degli attaccanti bianconeri hanno limitato i danni. Higuain ha iniziato in panchina per poi entrare negli ultimi dieci minuti. La squadra di Mihajlovic paga caro l'errore di Baselli ma già l'approccio alla gara non era stato dei migliori, sentendo forse troppo il match a cui per la prima volta dopo anni erano arrivata senza i panni dell'eterna sconfitta.

Archivio Ultima ora