Ocse: Italia maglia nera per la spesa della pubblica istruzione

Pubblicato il 12 settembre 2017 da ansa

Università

ROMA. – Pochi fondi pubblici destinati all’istruzione, pochi laureati e un alto numero di Neet. E’ un’Italia ancora in difficoltà quella che emerge dal report Ocse “Uno sguardo sull’istruzione 2017”. Nonostante il nostro Paese abbia il primato per laureati in discipline umanistiche (30%) e abbia messo a segno una media tra le più alte per partecipazione alla scuola dell’infanzia (“quasi universale”), nel 2016 non riesce a ottenere più di un penultimo posto per numero di laureati: sono il 18% dei 25-64enni, contro una media Ocse del 36%. Peggio di noi solo il Messico. Risultato negativo anche per numero di Neet: in Italia lo è un 15-29enne su 4 (26%).

“Incrementare il numero di laureati – afferma la ministra Valeria Fedeli – è uno degli obiettivi che ci siamo prefissati e verso il quale ci stiamo già muovendo. Il Governo sta mettendo in campo azioni mirate”: “aumentare il numero di coloro che si laureano, con un’attenzione specifica all’incremento nei settori scientifici, è un tema che guarda al futuro del Paese”.

NEL 2014 PER ISTRUZIONE SOLO 7,1% SPESA –
Contro una media Ocse dell’11,3%. Un calo del 9% rispetto al 2010. Sempre nel 2014, l’Italia ha dedicato il 4% del Pil a tutta l’istruzione (contro il 5,2% della media Ocse), con una riduzione del 7% sul 2010. Anche gli stipendi dei docenti rimangono inferiori alla media Ocse. Il divario della spesa – è stato spiegato durante un incontro alla Luiss, promosso da Trellle – è più ampio per l’università, rispetto a primaria e secondaria. Inoltre, riportando dati del 2014, il rapporto non tiene conto delle innovazioni introdotte dalla Buona scuola.

“L’Italia non investe in istruzione, per scelta e non per contrazione della spesa”, sottolinea il segretario della Uil scuola, Pino Turi. “Serve un investimento straordinario nella prossima legge di stabilità finalizzato a infrastrutture, diritto allo studio, salari, alla stabilizzazione dei precari e a nuove assunzioni”, aggiunge il segretario Flc-Cgil, Francesco Sinopoli.

ITALIA PENULTIMA PER LAUREATI, MANCANO PROSPETTIVE
Male anche il dato sulla prima laurea (35%): il quarto più basso dopo Ungheria, Lussemburgo e Messico. Queste cifre potrebbero essere dovute a “prospettive insufficienti di lavoro e a bassi ritorni finanziari in seguito al conseguimento di un titolo di studio terziario”. Nel 2016 solo il 64% dei laureati tra i 25 e i 34 anni aveva un lavoro, mentre il dato arrivava all’80% tra gli adulti 25-64enni. In Italia le prospettive di lavoro per i laureati sono inferiori rispetto a quelle dei diplomati.

PIÙ GIOVANI LAUREATI AL NORD
Il Centro (20%) ha una maggior percentuale di laureati tra i 25-64enni rispetto al Nord (18%) e al Sud e Isole (15%). I dati migliorano tra i 25-34enni e soprattutto al Nord. Trento ha il più alto tasso tra i giovani (30%); buoni risultati anche in Veneto. Sud e isole (21%) restano indietro rispetto al Centro (29%) e al Nord (27%).

NEET 1 RAGAZZO SU 4, PEGGIO SOLO TURCHIA
Il 26% non è occupato o non è iscritto a un percorso di formazione (Neet), contro una media Ocse del 14%. In Campania, Sicilia e Calabria la percentuale raggiunge rispettivamente quota 35%, 38% e 38%. In Sardegna e Puglia il 31%. Le aree con meno Neet sono Bolzano (10%), Veneto, Emilia Romagna e Trento (16%).

MA C’E’ BOOM DI LAUREE UMANISTICHE
L’ha ottenuta il 30% dei laureati (dati 2016), il numero più importante nell’area Ocse. Bene anche le discipline scientifiche (24%). Ma molti laureati hanno difficoltà a trovare un impiego che corrisponde al titolo di studio. “Va rafforzato l’orientamento con più consapevolezza sui bisogni emergenti”, ha osservato Francesco Avvisati, analista Ocse. Attualmente è poco legato ai bisogni emergenti dell’economia (il 39% dei neolaureati di primo livello del 2015 è in campo umanistico), con conseguenze negative per il tasso di occupazione.

“Il futuro di Industria 4.0 chiede sempre più laureati STEM, ossia in Scienze, Tecnologia, Ingegneria e Matematica. Più giovani laureati in queste discipline sono una necessità per l’economia del futuro”, avverte il Vice Presidente di Confindustria per il Capitale Umano, Giovanni Brugnoli.

53% ITALIANI AVRANNO DIPLOMA PROFESSIONALE
Al momento della scelta della scuola superiore, il 42% degli studenti preferisce un programma tecnico-professionale. E il sistema di istruzione professionale in Italia prevede che il 53% otterrà un diploma secondario superiore a indirizzo professionale. Ma la partecipazione degli adulti a percorsi di formazione resta tra le più basse tra i paesi Ocse (1 su 4).

PARTECIPAZIONE QUASI UNIVERSALE A MATERNA
Nel 2015 la media italiana è tra le più alte. “I tassi d’iscrizione sono del 92% per i bambini di 3 anni, del 94% per quelli di 4 e del 97% per i quelli di 5”. L’84% della spesa per la scuola dell’infanzia proviene dal settore pubblico, il 16% dalle famiglie.

Ultima ora

11:29Violenze fisiche e sessuali a convivente segregata,arrestato

(ANSA) - GIZZERIA (CATANZARO), 22 NOV - Ha segregato per dieci anni, prima in varie case e poi in una baracca fatiscente senza luce e servizi igienici, la convivente romena sottoponendola ad ogni forma di violenza, fisica e sessuale, dalla quale sono nati due figli, di 9 e 3 anni. I carabinieri della Compagnia di Lamezia Terme hanno eseguito un fermo disposto dalla Procura nei confronti di un italiano di 52 anni, per maltrattamenti in famiglia, riduzione in schiavitù e violenza sessuale pluriaggravata. Dalle indagini è emerso che alcune gravi lesioni provocate alla donna - anche alle parti intime e anche durante la gravidanza - erano state suturate con una lenza da pesca direttamente dall'uomo. Alla donna, inoltre, quasi sempre rinchiusa dentro la baracca e costretta per ore a subire inaudite violenze immobilizzata e legata al letto, non è stato mai consentito di avere relazioni sociali e di ricevere cure mediche neanche durante le gravidanze. L'uomo ha più volte minacciato i figli perché voleva partecipassero alle violenze.

11:22Calcio: Griezmann, felice nell’Atletico ma non escludo nulla

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - L'attaccante dell'Atletico Madrid, Antoine Griezmann, nel proprio libro biografico, parla del rapporto con l'Atletico Madrid, suo club di appartenenza, sottolineando di "essere felice di indossare la maglia dei 'colchoneros'". L'attaccante francese, inoltre, a proposito del rapporto con l'allenatore Diego Simeone, ammette che "è un apprendimento quotidiano e vorrei continuare a lavorare con lui". Tuttavia, Griezmann, che ha un contratto con l'Atletico Madrid fino al 2022, "non esclude nulla per il futuro". E questa sua frase potrebbe alimentare le voci di un possibile passaggio, nel mercato estivo dell'anno prossimo, al Barcellona, disposto a pagare la clausola rescissoria del francesino, attualmente fissata a 200 milioni, ma nel 2018 scenderà a 100 milioni.

11:00Siviglia: Berizzo ha il cancro e sarà operato

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Il grande entusiasmo del Siviglia per la formidabile rimonta con il Liverpool in Champions, da 0-3 a 3-3, è stata gelata dalla notizia che l'allenatore Eduardo Berizzo è gravemente malato. Al tecnico, come informa sul sito ufficiale il club, "è stato diagnosticato un adenocarcinoma (un tumore maligno) della prostata". "Gli esami - comunica il club - permetteranno di decidere i passi da seguire per il trattamento". "Il Siviglia - conclude la nota - vuole mostrare pieno supporto al tecnico in questo momento e gli augura una pronta guarigione". Già il quotidiano Marca aveva rivelato la notizia della grave malattia, riportando le parole del presidente José Castro, dopo l'appassionante sfida con il Liverpool. Il massimo dirigente degli andalusi, però, aveva detto di voler "aspettare fino a domani per la comunicazione ufficiale". L'allenatore argentino, che l'estate scorsa ha preso il posto di Jorge Sampaoli, verrà operato, ma ancora non si sa quando. Di certo, l'intervento chirurgico avverrà in tempi molto brevi.

10:52Donna uccisa nel Bolognese, fermato il marito

(ANSA) - BOLOGNA, 22 NOV - Svolta nelle indagini nell'omicidio di Anna Lisa Cacciari, la pensionata ex fioraia 65enne trovata morta lunedì nella sua casa di Armarolo di Budrio. Nella tarda serata di ieri la Procura di Bologna ha sottoposto a fermo il marito, Athos Vitali: il provvedimento sarà sottoposto a convalida del Gip. Il fermo è stato emesso dal procuratore Giuseppe Amato e dai Pm Enrico Cieri e Stefano Orsi, che hanno coordinato le indagini dei Carabinieri. L'uomo, 69 anni, ha confessato, fornendo un quadro che gli investigatori definiscono "coerente" con gli indizi raccolti nei suoi confronti. Non è riuscito a spiegare movimenti e contatti che aveva detto di avere avuto tra le 7.30 e le 10 di lunedì, l'arco temporale del delitto. Ha ammesso in sostanza di aver avuto una discussione con la moglie, per motivi da poco. Quindi ha colpito la donna due volte con un coltello da cucina, arma trovata e sottoposta a sequestro. Vitali è stato quindi portato in carcere, mentre proseguono ulteriori accertamenti. (ANSA).

10:37Aereo militare Usa precipita nel Pacifico, 11 a bordo

(ANSA) - TOKYO, 22 NOV - Un aereo della marina militare americana con a bordo 11 persone è precipitato nell'oceano Pacifico mentre stava rientrando verso la portaerei Uss Ronald Reagan. Lo riferisce un comunicato della stessa Marina Usa. L'incidente, le cui cause sono ancora sconosciute, è avvenuto a largo della costa giapponese, a sud-est di Okinawa. La settima flotta della Marina Usa, basata in Giappone, ha reso noto in un comunicato che le operazioni di soccorso sono partite proprio dalla portaerei Ronald Reagan, che stava operando nel Mar delle Filippine quando il velivolo si è schiantato in mare, alle 14.45 ora giapponese.

10:10Libano: Hariri alla parata per la festa di indipendenza

(ANSAmed) - BEIRUT, 22 NOV - Il primo ministro libanese Saad Hariri è arrivato vicino alla Piazza dei Martiri, nel centro di Beirut, per assistere alla parata militare per il 74/o anniversario dell'indipendenza, dopo essere rientrato nella notte a Beirut. Il premier, tornato 17 giorni dopo avere rassegnato le sue dimissioni da Riad, ha in programma oggi incontri con il presidente della Repubblica Michel Aoun e con quello del Parlamento Nabih Berri.

10:00Ucraina: Kiev, leader ribelli Lugansk fuggito in Russia

(ANSA) - MOSCA, 22 NOV - Il presidente dell'autoproclamata repubblica popolare di Lugansk, Igor Plotnitski, si è rifugiato in Russia dopo che ieri la città del Donbass è stata occupata da un misterioso commando senza insegne di riconoscimento, probabilmente legato al suo rivale Igor Kornet: lo sostiene il ministero dell'Interno ucraino. "Secondo le mie fonti - ha scritto su Facebook il capo del dipartimento comunicazione del ministero dell'Interno di Kiev, Artiom Shevchenko - il capobanda dei terroristi di Lugansk, Igor 'Plotva' Plotnitski è fuggito in Russia. I ragni nel barattolo continuano a divorarsi l'un l'altro".

Archivio Ultima ora