Ministro Delrio: “Rinvio Ius soli grave atto di paura”. Scontro nel Pd

Pubblicato il 13 settembre 2017 da redazione

Ius soli

Il rinvio della legge sullo ius soli al Senato è “un atto di paura grave”.

ROMA. – Il rinvio della legge sullo ius soli al Senato è “un atto di paura grave”. Graziano Delrio rompe il fronte della maggioranza, incalza sulla legge sulla cittadinanza e tocca un nervo scoperto nel Pd. Con parole che fanno irritare non poco i senatori Dem e chi, nel governo, si sta adoperando per costruire una difficile maggioranza, superando le resistenze di Ap. Tanto che interviene Matteo Renzi, con una nota del Nazareno, per precisare che “la posizione del Pd è in piena sintonia” con quella del premier Paolo Gentiloni.

Dopo aver espresso il suo “rammarico”, Delrio torna a incalzare sullo ius soli in un’intervista all’emittente cattolica Tv2000. “Non dobbiamo farci dominare dalla paura, nessun male ci può venire dal riconoscere i diritti di ragazzi che sono già italiani”, dice il ministro, che in estate aveva espresso dubbi sulla linea dura di Minniti sui migranti. Delrio aggiunge che a dare “speranza” è il lavoro che sta facendo Luigi Zanda per “costruire le condizioni per i voti in Senato”.

Ma le sue parole irritano non poco i senatori Dem. Portare il testo, osteggiato dalle destre, “in Aula in questi giorni avrebbe significato affossarlo perché non c’erano i numeri”, scrivono in una nota i senatori renziani Andrea Marcucci e Franco Mirabelli. La via per approvare la legge è molto stretta: al netto della legge di bilancio, è il conteggio che si fa negli uffici Dem, restano una trentina di giorni di lavori d’Aula da qui a fine legislatura. E se è vero che la sinistra tutta, inclusi Mdp e SI, spinge per la legge, senza Ap non c’è maggioranza possibile.

E con l’avvicinarsi delle elezioni e i sondaggi che rivelano l’impopolarità della legge, le resistenze – emerse anche tra gli amministratori Dem – crescono. Renzi detta la linea dell’unità e schiera il Pd al fianco del tentativo che il premier Gentiloni sta portando avanti per varare la legge. Ma Mdp, con Federico Fornaro, accusa i Dem di fare solo “manfrine”. E Massimo D’Alema definisce lo stop al testo un “errore enorme” per la sicurezza.

Intanto alla Camera è in salita il cammino della legge elettorale. Il testo viene tenuto nel calendario d’Aula per il 30 settembre. Ma con la clausola “ove concluso” l’iter in commissione. Ed è qui il problema. Perché al netto della disponibilità dei partiti a votare il sistema tedesco, un’intesa politica per andare avanti non c’è. E bisogna ancora risolvere il nodo della norma sui collegi del Trentino Alto Adige votata prima dell’estate e immodificabile: se resta, l’Svp minaccia di togliere il sostegno al governo e farlo cadere.

Sul punto Renato Brunetta propone un “lodo” (la norma entri in vigore tra due legislature) e la presidente Laura Boldrini si riserva valutazioni (incluso, secondo qualcuno, l’ipotesi di ripartire da zero). Ma lo stallo è politico. Anche perché il M5s condiziona il suo ok alla legge sui vitalizi. E Renzi ribadisce che senza il sì di tutti, incluso M5s, non si va avanti.

Nel Pd continua il pressing della minoranza, che sabato in un’iniziativa con Pisapia e Calenda lancerà una proposta di legge con premio alla coalizione: Andrea Orlando salda sul tema un asse con Dario Franceschini. Ma in realtà, denuncia Pier Luigi Bersani, c’è un “accordo” tra Renzi e Alfano per non fare niente. E allora, se ius soli e legge elettorale saltano, i voti di Mdp – avverte Alfredo D’Attorre – “non saranno scontati su Def e legge di bilancio”. Ma la linea dura crea qualche attrito con gli uomini vicini a Giuliano Pisapia: l’ex sindaco ha un mandato a trattare, quindi niente no pregiudiziali sulla manovra.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

02:34CC Firenze, ragazze sentite per oltre 12 ore

(ANSA) - FIRENZE, 22 NOV - Dodici ore e mezzo la durata-record dell'incidente probatorio all'aula bunker di Firenze sul caso della denuncia di due carabinieri per violenza sessuale contro due studentesse americane il 7 settembre scorso in città. Sono state sentite le due ragazze dal Gip Mario Profeta in lunghe deposizioni durate rispettivamente circa 7 ore la prima e cinque ore e mezzo la seconda. All'uscita dell'aula gli avvocati hanno sottolineato che sono state fatte solo brevi pause per necessità personali. L'incidente probatorio è cominciato stamani alle 10 e si è concluso intorno alle 22.30. Al termine del fuoco di fila delle centinaia di domande fatte dal gip, comunque meno di quelle proposte della difesa, secondo gli avvocati delle due giovani statunitensi, 19 e 21 anni, si è rafforzata l'ipotesi di reato. La difesa ha insistito sulla tesi di un rapporto consenzienti, che le ragazze hanno negato decisamente per tutta la deposizione, tra pianti e malori.

01:25Champions:Nainggolan,dopo loro gol ci siamo un po’ sfasciati

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - "Di Francesco ha detto che non dobbiamo pensare di essere diventati tutti bravi? Se il mister ha detto così avrà avuto i suoi motivi. Io penso che abbiamo fatto un buon primo tempo. Potevamo sfruttare meglio l'ultimo passaggio e poi dopo il loro gol ci siamo un po' sfasciati''. Nonostante il ko con l'Atletico, ai microfoni di "Premium Champions", il centrocampista della Roma Radja Nainggolan vede il bicchiere mezzo pieno: ''Però all'inizio del girone nessuno avrebbe detto che ci saremmo giocati la qualificazione contro il Qarabag all'ultima giornata. Rispetto all'andata ci siamo difesi molto, avevamo più paura di sbagliare, ora abbiamo la possibilità di passare e abbiamo giocato con più personalità''. ''Simeone ha detto che sarei un giocatore straordinario per l'Atletico Madrid? Sono sempre belle parole ma io sono qui, sono felice di rappresentare questa squadra. Ho fatto una scelta chiara due anni fa e l'anno scorso e non vedo perché dovrei cambiare squadra''.

01:20Champions: Allegri, molto importante non aver subito gol

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - "Le critiche servono a migliorare a riflettere sugli errori. E' stata un partita bella tatticamente, abbiamo subito pochissimo e avevamo davanti un Barcellona che quest'anno difende molto meglio''. Ai microfoni di 'Premium Champions', l'allenatore della Juventus Massimiliano Allegri analizza lo 0-0 contro il Barcellona: ''Nel primo tempo abbiamo avuto delle situazioni favorevoli, mentre nella ripresa ci hanno concesso meno anche se qualcosa abbiamo creato. Non dimentichiamoci che giocavamo contro il Barcellona. L'atteggiamento mi è piaciuto, in queste partite bisogna difendere tutti, abbiamo giocato a tre dietro ma in sostanza i giocatori erano gli stessi delle ultime gare però stasera tutti hanno difeso. Non mi interessava il risultato, mi interessava l'atteggiamento, dovevamo metterci il cuore: se la Juve difende come sa non prende gol''. ''Ora - aggiunge Allegri - da qui fino al 6 gennaio avremo dei giorni per allenarci con continuità per poter migliorare il gioco''

00:45Champions: qualificate agli ottavi Chelsea e Barcellona

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Dopo i match di questa sera della quinta giornata della fase a gironi della Champions League passano agli ottavi di finale con un turno d'anticipo il Chelsea e il Barcellona, le formazioni dei gironi di Roma e Juventus.

00:43Champions: Valverde’Messi in panchina? Anche lui riposa’

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - ''Ci sono momenti in cui nonostante l'enorme qualità Messi ha bisogno di riposare in una partita dura come quella contro la Juve''. Il tecnico del Barcellona Ernesto Valverde spiega così la sua decisione di lasciare Leo Messi inizialmente in panchina nel match di Champions a Torino contro la Juventus. ''Siamo felici per la qualificazione - aggiunge Valverde ai microfoni di Mediaset Premium - abbiamo cercato di dominare il gioco anche se abbiamo sofferto, giocare con la Juve non è mai semplice''.

00:37Champions: Di Francesco, vinto chi aveva più rabbia

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - "E' stata una partita equilibrata, fino al loro gol: ha vinto alla fine chi aveva piu' rabbia". E' la disamina della partita con l'Atletico Madrid da parte di Eusebio Di Francesco. "Nel primo tempo abbiamo recuperato tanti palloni, ma per la squadra che siamo abbiamo fatto troppi errori - le parole del tecnico della Roma, a Mediaset Premium - Ci vuole più cattiveria, non solo in fase difensiva ma anche nell'ultimo passaggio". Di Francesco ha negato che la Roma abbia 'mollato' dopo il derby. "Euforia da derby? L'euforia fa bene, la presunzione no: dobbiamo essere più cattivi, questa è la lezione di stasera".

00:34Champions: Psg a valanga con il Celtic

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Paris Saint Germain-Celtic 7-1 in un match della quinta giornata del gruppo B di Champions League. In gol Dembelè (2' pt), Neymar (9' e 22' pt), Cavani (28' pt e 34' st), Mbappè (35' pt), Verratti (30' st) e Dani Alves (35' st). Nello stesso gruppo Anderlecht-Bayern Monaco 1-2: in gol Lewandowski (6' st), Hanni (18' st) e Tolisso (32' st). Nel gruppo A Basilea-Manchester United 1-0, in gol Lang al 44' st.

Archivio Ultima ora