Doping, Wada assolve 95 atleti russi: “Insufficienza di prove”

Pubblicato il 13 settembre 2017 da ansa

Doping, carenza prove

WASHINGTON. – “Insufficienza di prove”: con questa motivazione l’agenzia mondiale antidoping (Wada) ha concordato di assolvere 95 dei primi 96 casi di atleti riesaminati nell’indagine sul doping di stato russo. Uno scandalo che fu sportivo ma anche politico, con colpi bassi e toni da guerra fredda tra Washington e Mosca. E’ il Nyt a rivelare le prime conclusioni della Wada, destinate a suscitare nuove polemiche e nuovi interrogativi, in particolare se sia prevalsa l’efficacia del sistema russo nel distruggere le prove o l’approccio soft degli investigatori.

Senza dimenticare i possibili conflitti di interesse delle federazioni nazionali – cui sono demandati in prima istanza il controllo dei propri atleti e l’emissioni delle sanzioni – e dello stesso capo della Wada, Craig Reedie, che è anche membro del Cio, quindi interessato a promuovere il marchio olimpico mentre persegue le violazioni che lo danneggiano.

“Le prove disponibili sono insufficienti a sostenere l’accusa della violazione delle regole antidoping contro questi 95 atleti”, scrive il direttore generale della Wada Olivier Niggli, in un rapporto interno che non identifica nessuno degli atleti in questione. “Il sistema era molto ben organizzato ma, anni dopo i fatti, le prove rimaste sono spesso molto limitate”, ha ammesso Nigli al Nyt.

“Dobbiamo accettare il fatto che l’obiettivo di Richard McLaren – il professore canadese che ha indagato sullo scandalo, ndr – era dimostrare un sistema, non le violazioni individuali”. Anche lo stesso McLaren, che ha speso gli ultimi due anni ad analizzare gli schemi del sistema russo identificando circa mille atleti coinvolti, ha riconosciuto che molti casi saranno difficili da perseguire per la carenza di cooperazione da parte di Mosca nel fornire i dati di laboratorio e la sua prassi di distruggere i campioni di urine contaminate utili per l’incriminazione.

Ma i dirigenti della Wada incaricati di costruire le accuse contro i primi 95 atleti russi non sembrano aver seguito tutte le piste. Nessuno, tranne un investigatore olimpico, ha chiesto ad esempio di sentire la ‘gola profonda’ dell’inchiesta, il dottore Grigory Rodchenkov, l’ex direttore del laboratorio antidoping russo, che ora vive sotto protezione in Usa.

Dalle indagini era emersa l’esistenza in Russia sin dal 2011 di un doping di stato, controllato e diretto dal ministero dello sport con l’aiuto dei servizi segreti, riguardante 30 sport estivi, invernali e paraolimpici, con il coinvolgimento di cinque medagliati a Londra 2012 e quattro a Sochi 2014.

L’atletica russa fu poi esclusa dalle Olimpiadi di Rio. Mosca ha sempre respinto ogni addebito ed evocato un complotto americano, al quale hacker presumibilmente russi hanno risposto smascherando i campioni Usa che fanno uso di sostanze proibite ma protetti da appositi certificati medici. Ora il Cremlino assapora questa ulteriore, parziale vendetta.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

16:05Zimbabwe: Mugabe espulso dal partito di governo

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Il presidente dello Zimbabwe Robert Mugabe è stato espulso dal suo partito Zanu-PF ed è stato sostituito dal vicepresidente Emmerson Mnangagwa. Lo riporta la Bbc. Il partito ha intimato a Mugabe di dimettersi "entro domani a mezzogiorno, altrimenti si darà il via all'impeachment".

15:56Gb: 70 anni di matrimonio, foto celebra Elisabetta e Filippo

(ANSA) - LONDRA, 19 NOV - Un ritratto ufficiale e una serie di francobolli per celebrare 70 anni di matrimonio. Nozze di ferro per Elisabetta II e Filippo di Edimburgo, che domani segnano un altro traguardo record nella storia dei reali. Per la regina e il principe consorte - 91 anni lei, 96 lui - si tratta di un anniversario da festeggiare in privato, come già annunciato da Buckingham Palace. Ma la foto - in piedi e sorridenti, la regina in abito chiaro, Filippo con una giacca grigia e una cravatta bordeaux - campeggia comunque oggi su tutti i media britannici come atto di omaggio. L'omaggio a un'unione indistruttibile, suggellata dal solenne matrimonio celebrato il 20 novembre 1947 (26enne lui, 21enne lei), e poi - dal 1952, anno dell'ascesa al trono di Elisabetta - da oltre 6 decenni di regno. Ma anche l'omaggio a una coppia ancora sulla breccia, eppure incamminata verso un lento addio: segnato dal ritiro di Filippo dagli impegni ufficiali e dall'alleggerimento dei doveri della sovrana a beneficio dell'erede al trono Carlo.

15:55Terremoti: scossa di magnitudo 4.4 nel Parmense

(ANSA) - PARMA, 19 NOV - Un terremoto di magnitudo 4.4 è stato registrato dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia alle 13.37 con epicentro nella zona di Fornovo di Taro, in provincia di Parma. La scossa, avvertita in tutto il territorio, ha provocato paura ma nessun danno. I Vigili del fuoco hanno riferito che non ci sono interventi in atto e, al momento, non ci sono segnalazioni di danni a persone o cose.

14:41Papa: Dio non è controllore bus, non basta non fare del male

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 19 NOV - "Non fare nulla di male non basta, perché Dio non è un controllore in cerca di biglietti non timbrati". Lo ha detto il Papa nell'omelia della messa nella basilica vaticana per la Prima Giornata Mondiale dei Poveri. L'omissione è "il grande peccato nei confronti dei poveri. Qui assume un nome preciso: indifferenza". "E' dire: 'Non mi riguarda, non è affar mio, è colpa della società'. È girarsi dall'altra parte quando il fratello è nel bisogno, è cambiare canale appena una questione seria ci infastidisce, è anche sdegnarsi di fronte al male senza far nulla. Dio, però, non ci chiederà se avremo avuto giusto sdegno, ma se avremo fatto del bene". E invece i poveri sono "il nostro passaporto per il paradiso". "Non cerchiamo allora il superfluo per noi ma il bene per gli altri" perché occorre "il coraggio di amare non a parole ma coi fatti". In basilica erano presenti 7mila poveri. Per 1500 di loro pranzo con il Papa nell'Aula Paolo VI. Gli altri sono ospitati in istituti ed enti caritativi di Roma.

14:31Terremoti: scossa magnitudo 6,4 in Nuova Caledonia

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Una scossa di terremoto di magnitudo 6,4 é stata registrata oggi al largo della Nuova Caledonia, 74 chilometri a est di Tandine, ad una profondità di 25,3 chilometri: lo rende noto l'Istituto geofisico americano (Usgs). Per ora non si hanno notizie di un rischio tsunami.

14:27Marzabotto: squadra 65 Futa visita sacrario vittime eccidi

(ANSA) - BOLOGNA, 19 NOV - I dirigenti, gli allenatori e i calciatori della 65 Futa di Loiano-Monghidoro, squadra che milita nella seconda categoria dilettanti bolognese si sono recati in visita al sacrario di Marzabotto per rendere omaggio alle vittime degli eccidi nazisti. Dopo che il presidente della società Fabrizio Santi ha deposto una composizione floreale sul monumento, tutta la squadra ha poi raggiunto la scuola di pace di Monte Sole per ascoltare la testimonianza di Anna Rosa Nannetti, sopravvissuta alla strage del '44. La visita, organizzata in accordo col sindaco di Marzabotto Romano Franchi, è stata la risposta al gesto di Eugenio Luppi, il calciatore della 65 Futa che domenica scorsa, proprio a Marzabotto, ha esultato dopo un gol con un braccio teso a ricordare il saluto romano e mostrando al pubblico una maglia nera con impressi il tricolore e l'aquila imperiale, simboli della Repubblica Sociale Italiana. Luppi, come era stato annunciato, non ha preso parte alla visita col resto dei compagni.(ANSA).

13:55Incendiata auto parroco in Calabria, s’indaga su motivi

(ANSA) - SCANDALE (CROTONE), 19 NOV - L'automobile del parroco della chiesa di San Giuseppe Operaio, della frazione "Corazzo" di Scandale, nel crotonese, é stata incendiata la scorsa notte da persone non identificate. La vettura, una Fiat Punto, malgrado il tempestivo intervento dei vigili del fuoco, é andata distrutta. Le fiamme si sono estese ad un'altra vettura parcheggiata accanto di proprietà anche questa di un altro sacerdote, parroco della Chiesa di San Giovanni Battista di Crotone, e ad una parete laterale della chiesa. Le indagini sull'episodio sono state avviate dai carabinieri della Compagnia di Crotone e del Comando provinciale. Il parroco proprietario dell'auto incendiata, di origini africane e da circa un mese a Scandale, ha riferito ai militari di non sapersi spiegare i motivi dell'intimidazione. Gli investigatori, comunque, escludono il movente razzista. (ANSA).

Archivio Ultima ora