Doping, Wada assolve 95 atleti russi: “Insufficienza di prove”

Pubblicato il 13 settembre 2017 da ansa

Doping, carenza prove

WASHINGTON. – “Insufficienza di prove”: con questa motivazione l’agenzia mondiale antidoping (Wada) ha concordato di assolvere 95 dei primi 96 casi di atleti riesaminati nell’indagine sul doping di stato russo. Uno scandalo che fu sportivo ma anche politico, con colpi bassi e toni da guerra fredda tra Washington e Mosca. E’ il Nyt a rivelare le prime conclusioni della Wada, destinate a suscitare nuove polemiche e nuovi interrogativi, in particolare se sia prevalsa l’efficacia del sistema russo nel distruggere le prove o l’approccio soft degli investigatori.

Senza dimenticare i possibili conflitti di interesse delle federazioni nazionali – cui sono demandati in prima istanza il controllo dei propri atleti e l’emissioni delle sanzioni – e dello stesso capo della Wada, Craig Reedie, che è anche membro del Cio, quindi interessato a promuovere il marchio olimpico mentre persegue le violazioni che lo danneggiano.

“Le prove disponibili sono insufficienti a sostenere l’accusa della violazione delle regole antidoping contro questi 95 atleti”, scrive il direttore generale della Wada Olivier Niggli, in un rapporto interno che non identifica nessuno degli atleti in questione. “Il sistema era molto ben organizzato ma, anni dopo i fatti, le prove rimaste sono spesso molto limitate”, ha ammesso Nigli al Nyt.

“Dobbiamo accettare il fatto che l’obiettivo di Richard McLaren – il professore canadese che ha indagato sullo scandalo, ndr – era dimostrare un sistema, non le violazioni individuali”. Anche lo stesso McLaren, che ha speso gli ultimi due anni ad analizzare gli schemi del sistema russo identificando circa mille atleti coinvolti, ha riconosciuto che molti casi saranno difficili da perseguire per la carenza di cooperazione da parte di Mosca nel fornire i dati di laboratorio e la sua prassi di distruggere i campioni di urine contaminate utili per l’incriminazione.

Ma i dirigenti della Wada incaricati di costruire le accuse contro i primi 95 atleti russi non sembrano aver seguito tutte le piste. Nessuno, tranne un investigatore olimpico, ha chiesto ad esempio di sentire la ‘gola profonda’ dell’inchiesta, il dottore Grigory Rodchenkov, l’ex direttore del laboratorio antidoping russo, che ora vive sotto protezione in Usa.

Dalle indagini era emersa l’esistenza in Russia sin dal 2011 di un doping di stato, controllato e diretto dal ministero dello sport con l’aiuto dei servizi segreti, riguardante 30 sport estivi, invernali e paraolimpici, con il coinvolgimento di cinque medagliati a Londra 2012 e quattro a Sochi 2014.

L’atletica russa fu poi esclusa dalle Olimpiadi di Rio. Mosca ha sempre respinto ogni addebito ed evocato un complotto americano, al quale hacker presumibilmente russi hanno risposto smascherando i campioni Usa che fanno uso di sostanze proibite ma protetti da appositi certificati medici. Ora il Cremlino assapora questa ulteriore, parziale vendetta.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

17:07Clochard progettano centro accoglienza in ex hotel a Genova

(ANSA) - GENOVA, 23 SET - L'ex hotel Zolesi a Genova Prà potrebbe diventare un luogo di riscatto per i clochard. Qui potranno non solo trovare un letto e un tetto, ma anche opportunità per ripartire e inserirsi di nuovo nel mondo del lavoro. L'idea viene proprio da due senzatetto, Corrado Quey e Livio Leoncini, rispettivamente presidente e vicepresidente dell'associazione Andeli della Strada Onlus che hanno presentato nei giorni scorsi la loro iniziativa. Il progetto prevede l'acquisizione della struttura, chiusa ormai da diversi anni, che diventerà un centro aperto 24 ore su 24 per accogliere, in camere singole e quindi nel rispetto della privacy, senza fissa dimora. Nel giardino della struttura potranno trovare alloggio anche gli animali da compagnia, spesso veri compagni di vita dei clochard. Ciascun ospite collaborerà nella gestione e nel mantenimento del centro, dove troverà oltre all'accoglienza anche corsi di formazione qualificati per il reinserimento lavorativo. L'associazione ha ricevuto già una proposta concreta da parte del vescovo ausiliare Nicolò Anselmi, per l' impiego di una decina di persone per lavori di pulizia e manutenzione nelle vie di Genova. Entro fine anno è in programma anche l'avvio di una cooperativa sociale, Area 11, per costruire vere opportunità di lavoro per chi oggi è ai margini della società. Le iniziative sono state presentate alla Commenda di Pré. "Adesso aspettiamo di poter presentare queste iniziative al sindaco Bucci" hanno detto gli organizzatori. (ANSA).

16:57Moto3: Aragon pole Martin poi Bastianini

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Lo spagnolo Jorge Martin domani in pole position nella gara delle Moto3 del Gp di Aragon. Lo spagnolo, che guida una Honda del team Gresini ha fatto segnare il tempo di 1'58"067 precedendo Enea Bastianini e lo spagnolo Aron Canet (entrambi su Honda Estella Galicia), staccati rispettivamente di 358 e 449 millesimi di secondo. Seguono Nicolò Bulega e Dennis Foggia -entrambi dello Sky Racing Team VR 46 - mentre il leader del Mondiale, lo spagnolo Joan Mir, è sesto. Undicesimo crono per Romano Fenati (Honda). In Moto2 sarà il portoghese Manuel Oliveira a partire dalla pole position. Il pilota della Ktm ha girato in 1'53"736 precedendo di soli 21 millesimi Mattia Pasini e di 71 lo spagnolo Alex Marquez, entrambi su Kalex. Quarto tempo con un ritardo di 105 millesimi per Franco Morbidelli, leader del Mondiale.

16:56Montenegro: a Podgorica Gay Pride senza incidenti

(ANSAmed) - BELGRADO, 23 SET - A Podgorica, capitale del Montenegro, si è svolto oggi pacificamente e senza incidenti la quinta edizione del Gay Pride. Secondo la polizia locale al corteo che ha attraversato il centro della città hanno partecipato circa 300 persone con cartelli e striscioni contro ogni forma di violenza e intolleranza. Ai manifestanti, riferiscono i media locali, si sono uniti il capo della rappresentanza Ue e gli ambasciatori di Stati Uniti e Gran Bretagna. Nelle edizioni passate il Gay Pride in Montenegro era stato segnato da violenze scatenate da gruppi di estremisti e nazionalisti omofobi.

16:56Calcio: Juric, a San Siro daremo battaglia

(ANSA) - GENOVA, 23 SET - "Sono tranquillo e sereno, col Chievo ad esempio per molti tratti abbiamo fatto bene, peccato per il gol subito che era evitabile. Domani a San Siro daremo battaglia". Lo ha detto Ivan Juric, tecnico del Genoa, alla vigilia della difficile trasferta contro l'Inter. "E' un momento delicato ma ne usciremo con carattere - ha proseguito Juric - e non rinunceremo a giocare. Di fronte troveremo una squadra molto solida in particolare in casa. L' Inter è micidiale soprattutto in attacco. Icardi fa gol in tutti i modi, sarà importante soprattutto non lasciargli la possibilità di giocare 1 contro 1 per questo servirà raddoppiarlo" Dopo aver cambiato molto nelle ultime partite, per domani Juric ha ancora "molti dubbi" di formazione. "Alla terza partita in una settimana e con una rosa non ancora al meglio fisicamente devo valutare quanto e quanti hanno recuperato dopo la sfida con il Chievo" dice.

16:52Catalogna: Madrid coordinerà polizia, anche i Mossos

(ANSA) - ROMA, 23 SET - I vertici della polizia nazionale spagnola, la Guardia Civil e i Mossos d'Esquadra, la polizia catalana, che hanno il compito di garantire la sicurezza e l'ordine in Catalogna in vista del proclamato referendum sull'indipendenza il prossimo primo ottobre, saranno coordinati da un alto ufficiale del ministero degli Interni di Madrid. Lo riferisce El Mundo. Ma la mossa non è piaciuta al governo di Barcellona che ha già avvertito Madrid che "non accetterà" che tale decisione. Secondo El Pais, il coordinamento è stato affidato a Diego Pérez de los Cobos, già colonnello della Guardia Civil e direttore dell'Ufficio di Coordinamento del Segretario di Stato per la Sicurezza. Los Cobos è stato nominato dal Procuratore come "direttore tecnico".

16:48Abusi minore senza colpevoli, reati prescritti dopo 16 anni

(ANSA) - TORINO, 23 SET - Sono emerse "alcune anomalie", a Torino, nell'iter del processo per abusi sessuali su una minorenne terminato giovedì sera in Cassazione con l'annullamento senza rinvio della sentenza per la prescrizione dei reati. E' quanto rivela Arturo Soprano, presidente della Corte d'appello di Torino, che oggi, a Palazzo di Giustizia, ha cominciato ad acquisire informazioni e a svolgere accertamenti. "Se dovessero ravvisarsi delle responsabilità - aggiunge il magistrato - prenderemo dei provvedimenti". La storia inizia nel 2001 quando una ragazza, allora sedicenne, abusata del padre viene affidata a una comunità, a Torino, dove la giovane è a sua volta vittima di abusi da parte di un'operatrice che la costringe anche a partecipare a orge. "Per ora - osserva Soprano - abbiamo avuto un pubblico ministero solerte, che ha chiuso in fretta le indagini preliminari, un processo di primo grado con tempistiche da lumaca, un periodo di vuoto fra il 2007 e il 2013, tre anni per fissare l'udienza. Accerteremo il motivo".

16:44Ucraina: Saakashvili solo multato per ingresso illegale

(ANSA) - MOSCA, 23 SET - Una multa di 130 dollari: è questa la condanna inflitta ieri da un tribunale di Leopoli all'ex governatore georgiano ed ex governatore della regione di Odessa, Mikheil Saakashvili, per essere entrato illegalmente in Ucraina dalla Polonia con decine di sostenitori che gli hanno aperto la strada scontrandosi con le guardie di frontiera. Secondo la procura generale ucraina, Saakashvili non sarà né arrestato né estradato in Georgia, dove è accusato di malversazione e appropriazione indebita, crimini che lui nega e ritiene gli siano contestati per motivi politici. Il presidente ucraino Petro Poroshenko a fine luglio ha revocato la cittadinanza ucraina all'ex leader della Rivoluzione delle Rose mentre questi si trovava all'estero vietandogli di rimettere piede nel paese e minacciando di estradarlo in Georgia.

Archivio Ultima ora