Mattarella: “Accoglienza sì ma ragionevole. Serve legalità”

Pubblicato il 13 settembre 2017 da ansa

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel corso dell’incontro con la stampa, al termine dei colloqui con il Presidente della Repubblica di Malta Marie Louise Coleiro Preca. (Ufficio Stampa Quirinale)

LA VALLETTA. – Accoglienza sì, ma “ragionevole” e non indiscriminata, cercando di garantire entrate attraverso “canali legali”. Senza alcuna “presunzione” di essere in perfetta sintonia con Papa Francesco Sergio Mattarella vidima la svolta impressa dal Governo Gentiloni – attraverso il ministro degli Interni Minniti – sui flussi e la collaborazione con la Libia. E lo fa da Malta, isola Mediterranea che – precisa – svolge il suo compito accogliendo le proprie quote di ricollocamenti (per la verità si tratta di numeri esigui seppur in rapporto alla popolazione).

Prima attraverso una serie di dichiarazioni ufficiali al termine dei colloqui con la presidente Marie Louise Coleiro Preco, poi con i giornalisti che lo avvicinano chiedendogli cosa ne pensasse delle recenti dichiarazioni di Bergoglio che di fatto hanno dato il placet Vaticano alla “linea Minniti”.

“E’ espressione di saggezza dire che ci vuole l’accoglienza e l’integrazione: ma al tempo stesso bisogna avere una ragionevole capacità di accoglienza”, replica il presidente riferendosi alle parole del Papa. Ma Mattarella va oltre e accoglie con soddisfazione le parole del presidente della Commissione Europea, Jean Claude Juncker, secondo il quale l’Italia merita il “tributo” generale per aver “salvato l’onore dell’Europa”.

Juncker ha capito che quello dei migranti è “un problema complessivo”, spiega. “Altri Paesi no”, aggiunge con una certa amarezza il capo dello Stato spiegando in serata che non bastano “avanguardie generose”. Ma il cuore delle conversazioni con le autorità maltesi non si ferma alle difficoltà palesi di un’Unione europea che “deve fare ancora molta strada per incrementare il suo tasso di solidarietà”.

Il presidente è molto chiaro nell’indicare il primo obiettivo da raggiungere, che è poi il cuore della svolta del Governo Gentiloni: “i nostri cittadini invocano sicurezza, prospettive di crescita e maggiore coesione sociale”, premette.

Per cui “si devono assicurare canali legali di ingresso e governare ordinatamente il fenomeno migratorio che non è certamente transitorio. Non possiamo consegnare le chiavi di ingresso all’Unione europea nelle mani dei trafficanti. Servono canali ordinati e impegnarsi nei Paesi di origine dei flussi”, scandisce Mattarella alla vigilia di un vertice di ben 13 capi di Stato europei che proprio nel contrasto dei flussi ha il piatto forte del menù.

Mai dimenticare però quelle che potrebbero essere – anzi per le Ong già sono – le conseguenze di una chiusura dei rubinetti, cioè le violenze inaccettabili nei campi profughi in Libia dove ora crescono le presenze di disperati in “stand by”.

“L’Italia – sottolinea più volte il capo dello Stato – è molto impegnata a stabilizzare la Libia, a rendere dignitosa ed accettabile la situazione nei campi profughi di quel Paese. Dobbiamo creare delle condizioni di vita accettabili e alleviare le terribili sofferenze”.

Compito non facile per il quale l’Italia chiede un maggior coinvolgimento dell’Unione europea. Già domani anche a Malta, al vertice del “gruppo Arraiolos”, si vedrà se questa visione “solidale e sociale” della Ue potrà risbocciare: a La Valletta sono presenti infatti anche i capi di Stato di alcuni dei Paesi del “gruppo di Videgrad”, tra cui la “cattivissima” Ungheria.

(dell’inviato Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

01:30Azzurri:Bonucci,Ventura unico colpevole è brutto e riduttivo

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - ''Trovare un unico colpevole nel Ct Ventura è brutto e riduttivo, l'eliminazione arriva non per il Ct in panchina ma perché abbiamo tralasciato i segnali che arrivavano''. Dopo il match con il Napoli, il difensore del Milan e della Nazionale italiana torna sulla mancata qualificazione dell'Italia ai Mondiali. ''Gli altri - afferma Bonucci a Sky - crescono e noi ci affidiamo alla buona sorte. Ancelotti prossimo CT? Per lui parla la carriera, è un grandissimo allenatore, è un vincente ma ci sono altre cose che bisogna decidere prima del commissario tecnico"

01:16Azzurri:Sarri’nessuno ha difeso Ventura e non mi è piaciuto’

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - ''Nessuno ha preso le difese di Ventura. Qualcuno avrebbe dovuto farlo. Non ho sentito le parole dell'associazione allenatori e questo mi ha fatto male''. Il tecnico del Napoli Maurizio Sarri prende le difese dell'ex ct della nazionale Giampiero Ventura assediato dai media dopo la mancata qualificazione ai Mondiali. ''Nessuno l'ha difeso e non mi è piaciuta la gogna mediatica a cui è stato sottoposto''. ''Io ct? Più facile - aggiunge Sarri - che io faccia il politico''.

00:41Calcio: Liga, finisce a reti inviolate il derby di Madrid

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Finisce a reti inviolate il derby di Madrid. Nella 12/a giornata della Liga, l'Atletico, prossimo avversario della Roma in Champions League, non va oltre lo 0-0 in casa contro il Real di Cristiano Ronaldo. Ne approfitta il Barcellona che allunga sempre di più in classifica dopo la larga vittoria 3-0 sul campo del Leganes. Ora i blaugrana hanno 7 punti di vantaggio sul Valencia impegnato domani contro l'Espanyol e 10 sulle due squadre di Madrid.

00:40Calcio:Insigne’dispiace molto per Mondiale,ma no polemiche’

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - "E' stata una grande vittoria contro una grande come il Milan. Noi ci abbiamo messo grinta e cuore, poi i tifosi ci sono sempre vicino e noi li ringraziamo sempre e cercheremo di non deluderli''. A Premium Sport l'attaccante del Napoli Lorenzo Insigne torna sulla mancata qualificazione al Mondiale: Scudetto possibile? ''Sappiamo che possiamo fare grandi cose quest'anno, stiamo dando il massimo e speriamo che basterà. Il Napoli per dimenticare la panchina in Nazionale? A me è dispiaciuto di più non andare al Mondiale rispetto a non aver giocato. Non voglio fare polemica, ho accettato le scelte del mister. Per il CT quegli erano gli uomini giusti ma io sono stato orgoglioso di far parte di quel gruppo. Dispiace molto, ma ora devo pensare al Napoli".

00:24Basket: Serie A, Cremona-Reggio Emilia 68-71

(ANSA) - CREMONA, 18 NOV - Colpo grosso per Reggio Emilia che in emergenza totale passa al PalaRadi di Cremona contro una Vanoli troppo svagata (71-68). La squadra di Menetti si è affidata al suo giocatore più forte, Amedeo Della Valle, e alla fine ha ragione visto che il numero 8 realizza ben 24 punti. Reggio ha sfruttato una grande difesa, riuscendo a limitare per quasi tutti i 40' il giocatore più pericoloso della Vanoli: Johnson Odom. La gara, nonostante la supremazia di Reggio, si è decisa a pochi secondi dalla fine. Cremona era riuscita a passare in vantaggio ma ha sprecato troppo facendosi riprendere e superare da un canestro di Wright. Sul -1 la palla persa decisiva di Odom con contropiede decisivo di Reggio che ha di fatto chiuso il conto sul 71-68. Migliori marcatori da una parte Della Valle con 24 e dall'altra Sims con 15.

00:13Serie A: il Napoli batte il Milan 2-1

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Il Napoli ha battuto il Milan 2-1 (1-0) al San Paolo nel secondo dei due anticipi della 13/a giornata del campionato di Serie A. Apre le marcature Insigne (gol convalidato dalla Var al 33' pt) e chiude Zielinski al 28' st. Tardivo il gol nel finale di Romagnoli (47' st). Gli azzurri allungano in testa alla classifica a +4 punti dalla Juventus attesa domani a Genova dalla Sampdoria.

00:01Gerry Adams, ‘lascio la guida del Sinn Fein nel 2018’

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Gerry Adams ha annunciato che l'anno prossimo lascerà la guida del Sinn Fein, il partito di riferimento della causa repubblicana nella comunità cattolica dell'Irlanda del Nord, dopo 34 anni di leadership. Adams ha comunicato che non si presenterà alle prossime elezioni parlamentari irlandesi. "La leadership è sapere quando è il momento di cambiare e questo è il momento", ha detto alla riunione del partito a Dublino. La sua decisione era attesa.

Archivio Ultima ora