Coppa Venezuela: continua il sogno della favola Margarita

La festa nello spogliatoio del Margarita FC.
La festa nello spogliatoio del Margarita FC.

CARACAS – Questa edizione della Coppa Venezuela sta regalando diversi colpi di scena, basti pensare che nei quarti di finale ci sono tre formazioni della Segunda División: Estudiantes de Caracas, Margarita ed Ureña. Ma la squadra sensazione è quella isolana che si sta guadagnando il soprannome di ‘ammazza giganti’, né sanno qualcosa Deportivo Anzoátegui e Monagas.

Il cammino della formazione gialloblú non è iniziato nella maniera più bella, nel primo incontro ha affrontato il Deportivo Nueva Esparta superandolo solo dopo i calci di rigore. Ma da lí in poi, la formazione nata a Pampatar nel 2011 ha deciso di iniziare a ritagliarsi un posto tra i big.

Nei 16esimi di finale ha affrontato il più quotato Deportivo Azoátegui. Nella gara disputata a Pampatar, gli isolani hanno battuto il DANZ per 2-0 grazie ad una doppietta dell’attaccante Iván Sandoval. Poi nel ritorno disputato a Puerto La Cruz, il Margarita ha ottenuto il pass per accedere tra le migliori sedici dopo aver pareggiato 1-1 con il Deportivo Anzoátegui. Padroni di casa in vantaggio con Starling Yendis (44’), ma al 67’ arriva il pari degl’isolani con Orlando Cordero per mandare in fumo i sogni di rimonta dei giallorossi. Il Margarita si qualifica alla fase successiva grazie ad un globale di 3-1.

Negli ottavi, sul cammino dei gialloblú, c’era nientemeno che il Monagas (campioni del Torneo Apertura 2017). Nell’andata disputata nell’isola di Margarita i padroni di casa hanno pareggiato 0-0 disputando un’ottima gara. Poi, nel ritorno hanno disputato un match ‘Monumental’ battendo in rimonta per 2-3 il Monagas.

I padroni di casa si erano portati sul 2-0 grazie ai gol di Vicente Rodríguez (1’) e Luis Guerra (44’), poi quando tutti pensavano che la favola Margarita stava finendo sono saliti in cattedra Elieser Mina (45’+1 e 47’) ed Orlando Cordero (90’+5). In questo modo il Margarita continua a sognare nella Coppa Venezuela, il prossimo ostacolo è il Mineros che ha avuto la meglio sul Caracas (globale 4-4, neroazzurri passano per i gol segnati fuori casa).

L’Aragua dell’italo-venezuelano Antonio Franco si è qualificato dopo aver superato ai calci di rigore il Deportivo La Guaira. Nei tempi regolamentari l’incontro si è chiuso sull’1-0 per la squadra di Maracay, stesso risultato con cui gli arancioni si erano imposti all’andata, e così per decidere la vincente si è dovuto ricorrere ai tiri dal dischetto.

Tra le squadre della Segunda División, l’Estudiantes de Caracas ha pareggiato 0-0 con l’Atlético Venezuela (accademici qualificati grazie al 2-2 dell’andata). Mentre l’Ureña ha battuto per 3-1 l’Estudiantes de Mérida (all’andata era finita 1-1).

I campioni in carica, lo Zulia, hanno battuto in trasferta per 0-2, il Trujillanos (globale 4-1 per i lagunari). A Barinas, lo Zamora ha superato per 2-1 il Llaneros (globale 5-2 per i bianconeri). Infine il Carabobo ha battuto ai rigori il Deportivo Lara.

(Fioravante De Simone)