Presidente Trump: “Recuperare la democrazia in Venezuela”

Pubblicato il 19 settembre 2017 da redazione

Quello di Trump era uno degli interventi più attesi nell’ambito della 72esima Assemblea Generale dell’Onu

Quello di Trump era uno degli interventi più attesi nell’ambito della 72esima Assemblea Generale dell’Onu

CARACAS – Primo discorso del presidente Donald Trump all’Onu, ed ennesima stoccata contro il Venezuela e il governo del presidente Maduro. Era uno degli interventi più attesi nell’ambito della 72esima Assemblea Generale dell’Onu, un Summit nel quale si ritrovano puntualmente tutti i leader del mondo. Khrushchev, Castro, Reagan e lo stesso Chávez sono solo alcuni dei leader che hanno approfittato dell’occasione per le loro arringhe ideologiche, politiche e filosofiche.

– Il regime del presidente Maduro – ha detto Trump – ha portato il Venezuela a una situazione del tutto inaccettabile. La sua dittatura socialista ha generato dolore e sofferenza al popolo di questo Paese che è sull’orlo del collasso totale. Bisogna fare qualcosa. Noi stiamo facendo passi seri, siamo pronti ad altre azioni se il governo non farà nulla. Chiedo a tutte le Nazioni di essere pronte a fare di più, chiediamo la democrazia e la libertà politica in Venezuela.

Quindi, sanzioni confermate. Anzi, se si legge tra le linee, minacciati provvedimenti anche più severi.

Donald Trump e la reazione del governo

Le reazioni alle dichiarazioni del presidente Trump non si sono fatte attendere. La presidentessa dell’Assemblea Nazionale Costituente, Delcy Rodríguez, ha immediatamente commentato che le dichiarazioni di Trump sono esempio per l’America Latina.

– Chi si è alleato agli Stati Uniti – ha commentato – sono i paesi con le maggiori disuguaglianze sociali. Il discorso di Trump è una avvertimento per tutte le nazioni. Si è rivolto all’Onu per minacciare con una guerra nucleare.

Dal canto suo, il ministro degli Esteri, Jorge Arreaza, ha affermato di non essere sorpreso per quanto dichiarato da Trump. E ha accusato il presidente nordamericano di violare il Diritto Internazionale con l’obiettivo di far soffrire i venezuelani.

– Noi – ha detto Arreaza – abbiamo tutto il diritto di costruire il nostro socialismo democratico. Con il nostro sistema saremo liberi. Il capitalismo sarà storia.

Ha quindi sottolineato che non scarta che gli Stati uniti possano approfittare di qualunque circostanza per intervenire militarmente in Venezuela.

L’esponente della Costituente, Diosdado Cabello, nel commentare il discorso del presidente Trump, ha detto che “si mantiene l’assedio al Paese”.

– Il Venezuela è stato trasformato nell’epicentro della battaglia mondiale – ha detto Cabello .

Trump, Macron, Santos e Temer

Il presidente Trump non è stato l’unico leader a manifestare preoccupazione per la vocazione autoritaria del governo del presidente Maduro. Il presidente francese, Emmanuel Macròn, ha commentato che il Venezuela non può soccombere alle “tendenze dittatoriali”.

– In questo paese – ha detto Macron – l’azione collettiva deve essere orientata al rispetto della democrazia e di tutte le forze politiche. Nessuno può arretrare di fronte alla tendenza dittatoriale che si manifesta oggi.
Anche Juan Manuel Santos, presidente della vicina Colombia, ha espresso preoccupazione per la particolare congiuntura politica ed economica del Paese.

– Ci duole il Venezuela, paese con il quale la Colombia condivide un’immensa frontiera e una storia comune – ha commentato -. Ci duole la distruzione della sua democrazia.

Il presidente Santos, quindi, ha fatto riferimento alla persecuzione dei leader politici. E assicurato che la Colombia è nella ricerca di soluzioni alla crisi in Venezuela.

Le parole di Juan Manuel Santos hanno fatto eco a quelle del presidente del Brasile, Michel Temer.

– Non c’è posto per alternative alla democrazia – ha detto categorico Temer, che con il suo discorso ha aperto la sessione di martedì all’Onu -. Purtroppo – ha aggiunto -, peggiora la situazione dei diritti umani in Venezuela.

Ultima ora

12:11Calcio: Borussia Dortmund, via Bosz e al suo posto Stoeger

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - La sconfitta subita in casa sabato scorso, nella 15/a giornata della Bundesliga (per 2-1 contro il Werder Brema), sommata all'ottavo posto in classifica (-13 punti dal Bayern Monaco capolista), è stata fatale a Peter Bosz. L'allenatore olandese, infatti, non è più alla guida del Borussia Dortmund, che ha chiamato l'austriaco Peter Stoeger, ex tecnico di Austria Vienna e Colonia. I gialloneri, che sono stati anche eliminati dalla Champions, non vincono dal 30 settembre scorso (2-1 in trasferta all'Augusta) e sono sprofondati in una profonda crisi. Bosz era arrivato in estate per sostituire in panchina Thomas Tuchel. La notizia del cambio di guida tecnica è stata ufficializzata sull'account ufficiale Twitter del club tedesco.

12:06Travolge passanti con auto: Procura, accusa è strage

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Michele Bordoni, il 27enne che sabato scorso in auto ha travolto e ferito alcuni visitatori del mercatino di Natale a Sondrio, è accusato di strage. Con questa ipotesi a cui si aggiungono resistenza e lesioni aggravate nei confronti di un agente, il procuratore di Sondrio Claudio Gittardi e il pm Stefano Latorre, chiederanno al gip la convalida dell'arresto del giovane e il carcere. L'ipotesi di strage è stata riformulata dopo la ricostruzione dell'accaduto da cui è emerso che il giovane avrebbe voluto uccidere "indifferentemente una pluralità di persone". "Ne dovevo ammazzare di più" sono infatti le parole che Michele Bordoni ha pronunciato sabato al momento del suo arresto.

11:51Maltempo:disagi circolazione e treni soppressi in V. d’Aosta

(ANSA) - AOSTA, 11 DIC - La forte nevicata delle ultime 24 ore ha concesso una tregua in Valle d'Aosta, dove tuttavia si registrano alcuni disagi alla circolazione. I treni della mattina sulla linea Aosta-Ivrea sono stati soppressi. Una slavina ha invaso la strada statale 26 a La Saxe (Courmayeur): nessuna auto è stata coinvolta, ma la circolazione è interrotta su quel tratto. La stessa strada statale 26 è chiusa nella parte che porta a La Thuile (località Balme) per la caduta di due piante. Stop alla circolazione per pericolo valanghe anche su alcune arterie regionali: a Rhemes-Saint-Georges, a Valsavarenche (tra Tsan d'Oula a Pont) e a Courmayeur (Val Ferret e Val Veny). Criticità anche ad Aosta sia agli accessi della città che nelle vie centrali ancora innevate.(ANSA).

11:47Maltempo: Veneto, in pianura piove,nevica ancora in montagna

(ANSA) - VENEZIA, 11 DIC - Dopo la nevicata di ieri che ha raggiunto anche le località di pianura, oggi in Veneto l'innalzarsi delle temperature ha portato la pioggia nelle principali città, mentre in montagna nelle ultime ore si è consolidato con nuove imbiancate il manto di neve fresca. Tra sabato e stamane si sono accumulati, secondo le rilevazioni dell'Arpav, 22 centimetri di neve a Malga Losch, a 1.735 metri di quota nelle Dolomiti meridionali, 9 a Cortina, 8 a Sappada, 12 ad Arabba e 16 ad Agordo. Immagine tipicamente invernale anche per l'Altopiano di Asiago, imbiancata da 17 centimetri di neve fresca, ed Enego (20).

11:47Fondi Piemonte: il processo d’appello slitta al 2018

(ANSA) - TORINO, 11 DIC - E' slittato ai primi mesi del 2018 il processo d'appello per la cosiddetta 'Rimborsopoli degli ex consiglieri regionali del Piemonte. Lo ha comunicato oggi la Corte agli avvocati nel corso dell'udienza di apertura. In primo grado c'erano state dieci condanne e quindici assoluzioni, tra cui quella dell'governatore Roberto Cota. La Regione rimane costituita parte civile per il gruppo di imputati che non hanno indennizzato l'ente. A sostenere l'accusa è il pg Giancarlo Avenati Bassi, che in queste settimane svolge incarichi di consulenza alla Commissione di inchiesta sul sistema bancario.(ANSA).

11:43Milan: Fassone, preoccupati da classifica non da Uefa

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Mi aspetto che dicembre sia un mese complicato. I cambi di allenatore non producono risultati a breve. A fine campionato sapremo se è stata fatta la scelta giusta". Così Marco Fassone, ad del Milan. "Siamo preoccupati dal ritardo in classifica - fa notare -. La situazione con l'Uefa? Stiamo facendo un tentativo per arrivare al patteggiamento volontario, per saldare le violazioni degli anni precedenti. Il nostro sarebbe il primo 'voluntary agreement', ma è difficile rispettare i parametri, perché un paio di richieste sono impossibili. Se il verdetto è basato sull'impossibilità di soddisfare queste richieste sarebbe inquietante". "La squadra - sottolinea Fassone - ha un bel rapporto con Gattuso e non credo che i cinesi abbiano intenzione di lasciare il Milan:ßhanno fatto un investimento mostruoso, di oltre un miliardo. Gli acquisti dell'estate? Li rifarei tutti, ma possiamo aver commesso un paio di errori". "La società ha un debito di 120 milioni, relativamente basso, lo possiamo restituire a ottobre", conclude.

11:39Maltempo: neve in tutto l’Alto Adige

(ANSA) - BOLZANO, 11 DIC - Dalla scorsa notte sta nevicando in tutto l'Alto Adige. In Bassa Atesina si registrano attualmente tra i 15 e i 20 centimetri di neve. Nel corso della giornata, comunque, il limite delle nevicate salirà a 1500-2000 metri. Gli apporti maggiori sono attesi nelle zone meridionali, come la zona dell'Ortles. Praticamente tutte le strade in Alto Adige sono innevate e nei centri urbani il traffico è molto intenso, non si registrano però grosse difficoltà alla viabilità.

Archivio Ultima ora