Arriva la nuova Legge elettorale: si profila un’intesa a quattro

Pubblicato il 21 settembre 2017 da ansa

Legge elettorale

Il relatore di maggioranza Emanuele Fiano durante la discussione generale sulla riforma della legge elettorale nell’Aula della Camera, Roma, 6 giugno 2017. ANSA/ MAURIZIO BRAMBATTI

ROMA. – Si passa dalle parole ai fatti con il nuovo tentativo di legge elettorale: il relatore Emanuele Fiano, ha infatti depositato in Commissione Affari costituzionali della Camera il cosiddetto Rosatellum 2.0, oggetto di indiscrezioni prima e di un confronto informale tra i gruppi poi. La mossa avviene dopo l’apertura di FI e della Lega, che teoricamente assicurerebbero l’approvazione del testo sia alla Camera che al Senato. Questo al netto dell’incognita dei voti segreti nell’Aula di Montecitorio, il vero spauracchio, e del “niet” di Mdp.

Rabbia di M5s, che effettivamente potrebbe essere l’unico perdente, anche se nel Movimento si scommette in un nuovo flop. Il testo, rispetto al proporzionale del Fianum, naufragato in Aula l’8 giugno scorso, introduce una quota di seggi uninominali maggioritari (231 pari al 36%), che incentivano le coalizioni, come ha sottolineato il proponente. Un elemento che ricompatta il Pd e la fronda degli “orlandiani” (“sono fiducioso” ha detto Andrea Giorgis, l’esperto di legge elettorale della minoranza) ed anche quanti, in Campo Progressista e in Mdp, puntano a una coalizione con il Pd spostata più a sinistra.

L’auspicio a cui ha dato voce Michele Ragosta è però stato sovrastato dai giudizi negativi dei bersaniani, come Alfredo D’Attorre o Miguel Gotor. In effetti la soglia del 10% per una coalizione, rende rischioso a Mdp una corsa insieme a Sinistra Italiana di Nicola Fratoianni e quindi sarebbe indotto ad accordarsi con Renzi.

La soglia bassa al 3% per i partiti che corrono da soli o in coalizione ha riappacificato Ap con il Pd: e l’incoraggiamento ad andare avanti è giunto dal capogruppo Maurizio Lupi. Sempre più aperturista Forza Italia, mentre Matteo Salvini ha detto che la Lega è pronta a votare il Rosatellum 2.0 dalla prossima settimana.

Colpisce che i rappresentanti di Pd, Ap e Fi (Fiano, Lupi e Francesco Paolo Sisto) abbiano espresso lo stesso concetto: occorre una legge elettorale scritta dal Parlamento e non dalla Consulta, perché altrimenti la politica ne uscirebbe delegittimata. Una idea che da una settimana viene ripetuta dal Quirinale, ed è proprio a partire da essa che i leader dei tre partiti si sono decisi a trovare un compromesso su una legge “che scontenta un po’ tutti”, come l’ha definita Sisto.

Infatti, se Fi deve rinunciare al proporzionale, è pur vero che evita il listone unico con Lega e Fdi, a cui sarebbe stata costretta con l’Italicum. Ap rinuncia alle preferenze, ma incassa la soglia al 3%. Anche Fdi, oggi meno tranchant con Ignazio La Russa, deve cedere sulle preferenze, ma ottiene la coalizione, così come la Lega.

Chi ha un saldo solo negativo sembra M5s: “Fi e Pd hanno fatto un inciucio per fermarci” ha detto Luigi Di Maio, mentre Danilo Toninelli ha preannunciato un ricorso alla Corte costituzionale, che sarebbe comunque inefficace prima del voto. In effetti M5s, che non si coalizza con nessuno, con i collegi uninominali potrebbe prendere meno seggi rispetto a un proporzionale puro, specie in alcune Regioni, dove il centrodestra unito (soprattutto in Lombadia, Veneto, Puglia) o una alleanza di centrosinistra (regioni Rosse, la stessa Puglia) sono molto più competitivi.

Secondo i calcoli degli sherpa del Pd alle fine potrebbero esserci fino a 50 i seggi in meno per il Movimento. La rabbia in M5s è tanta, ma Toninelli ha dato voce a una speranza recondita, quella che il tentativo si concluda in un nuovo flop. “Alfano e Renzi non si metteranno d’accordo mai sui collegi” ha detto. Lo scenario potrebbe prendere corpo nei voti segreti, previsti dal regolamento della Camera.

E’ un timore diffuso: “partendo facciamo un atto di fede” ammette Pino Pisicchio, presidente del gruppo Misto. Il timore è che si congiungano i voti dei partiti contrari (M5s e Mdp) a quelli dei peones di Fi e Pd candidati nelle Regioni dove invece il Rosatellum 2.0 li sfavorisce. Ma intanto c’è la Commissione, dove il 27 settembre arrivano gli emendamenti.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

14:48Rajoy, destituzione Puigdemont e Govern

(ANSA) - MADRID, 21 OTT - Madrid ha commissariato la Catalogna proponendo al Senato la destituzione del presidente catalano Carles Puigdemont, del vicepresidente Oriol Junqueras e di tutti i membri del Govern. Lo ha detto il premier Mariano Rajoy aggiungendo che le competenze del presidente e dei membri del governo di Barcellona saranno assunte da autorità designate da Madrid sotto il controllo dei ministri del governo spagnolo. Con queste iniziative "non si sospende l'autonomia né l'autogoverno della Catalogna ma si sospendono le persone che hanno messo la Catalogna fuori dalla legge". Le misure decise dal governo spagnolo prevedono anche il divieto per il Parlament catalano di eleggere un sostituto di Puigdemont, ha aggiunto Rajoy precisando che assumerà le competenze del presidente catalano per convocare nuove elezioni. "La mia volontà è di andare al voto il prima possibile, non appena sarà ripristinata la normalità istituzionale", ha precisato parlando al massimo di sei mesi.

14:48Calcio: Fiorentina, Pioli “con Benevento gara-trappola”

(ANSA) - FIRENZE, 21 OTT - "Contro il Benevento è una partita-trappola, guai dare per scontato che abbiamo già vinto la gara, perché non è così: ci sono 1000 esempi nel calcio, l'ultimo è il successo del Crystal Palace contro il Chelsea". E' l'avvertimento lanciato dal tecnico viola Stefano Pioli alla propria squadra attesa domani in casa dell'ultima formazione in classifica ancora a zero punti. "Vogliamo e dobbiamo dare continuità alla buona prestazione e alla buona vittoria di domenica scorsa - ha continuato il tecnico viola - per noi questa è un'occasione da sfruttare, ma se non avessi avvisato i miei delle difficoltà che incontreremo domani, vorrebbe dire che ho fatto un cattivo lavoro in questa settimana. Invece dovremo dare più che mai il massimo, evitare certi errori e comandare noi il gioco". Sempre indisponibili Saponara e Gil Dias, anche se quest'ultimo potrebbe rientrare in gruppo da lunedì in vista della partita interna con il Torino.

14:45Calcio: Roma, Di Francesco “dura a Torino, vorrà farci male”

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - "Col Torino mi aspetto una partita difficilissima, giocheremo su un campo non facile e troveremo una squadra vogliosa di farci male, che lo scorso anno ha già battuto la Roma 3-1. Sarà complicatissima, senza contare poi che ha perso solo una partita in questo campionato". Così Eusebio Di Francesco alla vigilia della trasferta in casa granata in programma domani. Il tecnico della Roma sottolinea poi che "a livello mentale questa col Torino è una gara nettamente più difficile da preparare rispetto a quella di Londra col Chelsea. Per questo dobbiamo stare molto attenti e avere il migliore approccio possibile". Verso la convocazione Schick: "Non è ancora al top, valuterò, ma è probabile che lo porti con la squadra. Moreno? Può giocare titolare domani o col Crotone".

14:43Terrorismo: espulso pachistano, sospettato far parte rete

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Con un provvedimento firmato dal ministro dell'interno, Marco Minniti, è stata eseguita l'espulsione di un cittadino pachistano, per motivi di sicurezza dello Stato. Si tratta di un 27enne, residente a Napoli, segnalato a seguito di indagini investigative in ambito di collaborazione internazionale perché ritenuto membro di una rete di suoi connazionali impegnata in "attività ricognitive" finalizzate a "possibili azioni controindicate nel nostro Paese". A seguito degli approfondimenti informativi che ne hanno confermato l'opera di monitoraggio svolta su potenziali obiettivi, il ministro dell'Interno ha emesso un provvedimento di espulsione. L'uomo è stato quindi rimpatriato con un volo decollato dalla frontiera aerea di Roma Fiumicino. Con quella di oggi sono 87 le espulsioni eseguite con accompagnamento nel proprio Paese, nel corso del 2017 e 219 quelle eseguite dal 1° gennaio 2015 ad oggi, riguardanti soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso.

14:39Migranti tentano espatrio attraverso fogne, salvati

(ANSA) - VENTIMIGLIA (IMPERIA), 21 OTT - Due migranti sono stati soccorsi a Mentone dopo essere rimasti intrappolati nell'impianto fognario nel tentativo di espatriare abusivamente in Francia passando da un tombino. E' accaduto, ieri sera, vicino alla frontiera franco-italiana di Ponte San Ludovico, a Menton. Secondo quanto anticipato sul quotidiano francese Nice Matin, sono stati i sapeurs pompiers a estrarre i due migranti, ormai in crisi ipotermica. Una volta visitati e identificati sono stati riammessi alla polizia di frontiera italiana. Si tratterebbe della prima volta che viene utilizzato un sottoservizio per espatriare in modo clandestino. Molti i metodi utilizzati finora - il tetto dei treni, le cabine degli impianti elettrici, lungo ferrovia e autostrada e attraverso i passeur - ma mai in questo modo. (ANSA).

14:02Bankitalia: Alfano, autonomia istituto ma non è enclave

(ANSA) - CAPRI (NAPOLI), 21 OTT - Su Bankitalia "adesso c'è solo da attendere la proposta del presidente del Consiglio e del ministro dell'Economia. Non alimenterei ulteriori polemiche, perché il punto essenziale adesso è la decisione del governo, su cui occorrerà concentrasi per fare la scelta più giusta". Così il ministro degli Esteri, Angelino Alfano: c'è "l'autonomia della Banca d'Italia e al tempo stesso la possibilità, il diritto delle forze politiche di dire la propria opinione. Non è una enclave la Banca d'Italia, della quale e sulla quale non si può discutere".

13:58L.elettorale: Di Maio, faremo di tutto per fermarla

(ANSA) - SCIACCA (AGRIGENTO), 21 OTT - "Faremo di tutto per fermare questa legge, e chiediamo a tutti gli italiani di scendere in piazza con noi mercoledì 25 al Senato. Circonderemo pacificamente il Senato per far sentire la nostra voce su una legge che non è contro il M5S ma contro gli italiani e la democrazia". Così Luigi Di Maio, a Sciacca per la campagna elettorale a sostegno del candidato M5s a Governatore della Sicilia Giancarlo Cancelleri. "Una legge elettorale - ha aggiunto il leader grillino - che favorisce le ammucchiate e i piccoli partiti. Non a caso Mastella intende rifare l'Udeur".

Archivio Ultima ora