Legge elettorale: corsa per evitare ripensamenti, in Aula il 4 ottobre

Pubblicato il 22 settembre 2017 da ansa

Vitalizi, si vota

Tabellone elettronico della Camera. ANSA/GIUSEPPE LAMI

ROMA. – Si punta al 4 ottobre per portare in Aula la legge elettorale, così da approvarla in pochi giorni e inviarla in Senato. Il passo di carica imposto dopo mesi di stallo è motivato da ragioni politiche e tecniche, a partire dai tempi necessari per disegnare i collegi previsti dal Rosatellum 2.0. Se la corsa contro il tempo avrà esito favorevole si potrà andare alle urne ordinatamente a marzo 2018.

Giovedì in Commissione Affari costituzionali della Camera, dove il testo era stato appena depositato dal relatore Emanuele Fiano, Pd, Ap e Fi, hanno chiesto un ritmo accelerato all’iter della legge. Martedì prossimo, 26 settembre la Commissione voterà per l’adozione del testo base, ed entro il giorno dopo dovranno essere depositati gli emendamenti.

La capigruppo, che si terrà anch’essa il 26, dovrebbe indicare nel 4 ottobre il giorno di approdo in Aula del Rosatellum 2.0, come si sono accordati i gruppi che sostengono la Legge. Il timore di tutti i contraenti del patto è che possano accadere fatti che inducano i rispettivi partner a “ripensarci”: di qui il ritmo accelerato. La legge inoltre affida al Governo una delega per disegnare i collegi: prima viene approvata la legge e meglio è, anche se il Viminale è già al lavoro.

L’incognita è costituita dai voti segreti consentiti alla Camera. Se viene superato lo scoglio il Rosatellum arriverà in Senato a metà ottobre, qualche giorno prima della Legge di Bilancio. Entrambe i provvedimenti devono passare prima per le rispettive Commissioni e l’obiettivo è far sì che il Rosatellum 2.0 giunga in Aula prima della Manovra. In tal caso a metà novembre ci sarebbe il Sì di Palazzo Madama. E qui c’è chi ipotizza una fiducia “tecnica” per evitare l’ostruzionismo di M5s o Mdp a suon di milioni di emendamenti. In ogni caso si punta ad un accordo e a un testo blindato.

Se invece verrà modificato qualche elemento di dettaglio, il testo avrebbe un rapido passaggio in terza lettura alla Camera. A quel punto entro Natale il governo porterebbe il decreto legislativo con i nuovi collegi in Parlamento per il parere dovuto. In caso di flop è poco percorribile un decreto del governo che omogeneizzi Italicum e Consultellum (molti giuristi ritengono sia incostituzionale), mentre sarebbe possibile un “decretino” tecnico su aspetti di contorno ora mancanti (es.la scheda del Senato). Le urne sarebbero possibili anche in tal caso a marzo, ma Mattarella scioglierebbe le Camere in un clima politico completamente diverso.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

14:48Rajoy, destituzione Puigdemont e Govern

(ANSA) - MADRID, 21 OTT - Madrid ha commissariato la Catalogna proponendo al Senato la destituzione del presidente catalano Carles Puigdemont, del vicepresidente Oriol Junqueras e di tutti i membri del Govern. Lo ha detto il premier Mariano Rajoy aggiungendo che le competenze del presidente e dei membri del governo di Barcellona saranno assunte da autorità designate da Madrid sotto il controllo dei ministri del governo spagnolo. Con queste iniziative "non si sospende l'autonomia né l'autogoverno della Catalogna ma si sospendono le persone che hanno messo la Catalogna fuori dalla legge". Le misure decise dal governo spagnolo prevedono anche il divieto per il Parlament catalano di eleggere un sostituto di Puigdemont, ha aggiunto Rajoy precisando che assumerà le competenze del presidente catalano per convocare nuove elezioni. "La mia volontà è di andare al voto il prima possibile, non appena sarà ripristinata la normalità istituzionale", ha precisato parlando al massimo di sei mesi.

14:48Calcio: Fiorentina, Pioli “con Benevento gara-trappola”

(ANSA) - FIRENZE, 21 OTT - "Contro il Benevento è una partita-trappola, guai dare per scontato che abbiamo già vinto la gara, perché non è così: ci sono 1000 esempi nel calcio, l'ultimo è il successo del Crystal Palace contro il Chelsea". E' l'avvertimento lanciato dal tecnico viola Stefano Pioli alla propria squadra attesa domani in casa dell'ultima formazione in classifica ancora a zero punti. "Vogliamo e dobbiamo dare continuità alla buona prestazione e alla buona vittoria di domenica scorsa - ha continuato il tecnico viola - per noi questa è un'occasione da sfruttare, ma se non avessi avvisato i miei delle difficoltà che incontreremo domani, vorrebbe dire che ho fatto un cattivo lavoro in questa settimana. Invece dovremo dare più che mai il massimo, evitare certi errori e comandare noi il gioco". Sempre indisponibili Saponara e Gil Dias, anche se quest'ultimo potrebbe rientrare in gruppo da lunedì in vista della partita interna con il Torino.

14:45Calcio: Roma, Di Francesco “dura a Torino, vorrà farci male”

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - "Col Torino mi aspetto una partita difficilissima, giocheremo su un campo non facile e troveremo una squadra vogliosa di farci male, che lo scorso anno ha già battuto la Roma 3-1. Sarà complicatissima, senza contare poi che ha perso solo una partita in questo campionato". Così Eusebio Di Francesco alla vigilia della trasferta in casa granata in programma domani. Il tecnico della Roma sottolinea poi che "a livello mentale questa col Torino è una gara nettamente più difficile da preparare rispetto a quella di Londra col Chelsea. Per questo dobbiamo stare molto attenti e avere il migliore approccio possibile". Verso la convocazione Schick: "Non è ancora al top, valuterò, ma è probabile che lo porti con la squadra. Moreno? Può giocare titolare domani o col Crotone".

14:43Terrorismo: espulso pachistano, sospettato far parte rete

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Con un provvedimento firmato dal ministro dell'interno, Marco Minniti, è stata eseguita l'espulsione di un cittadino pachistano, per motivi di sicurezza dello Stato. Si tratta di un 27enne, residente a Napoli, segnalato a seguito di indagini investigative in ambito di collaborazione internazionale perché ritenuto membro di una rete di suoi connazionali impegnata in "attività ricognitive" finalizzate a "possibili azioni controindicate nel nostro Paese". A seguito degli approfondimenti informativi che ne hanno confermato l'opera di monitoraggio svolta su potenziali obiettivi, il ministro dell'Interno ha emesso un provvedimento di espulsione. L'uomo è stato quindi rimpatriato con un volo decollato dalla frontiera aerea di Roma Fiumicino. Con quella di oggi sono 87 le espulsioni eseguite con accompagnamento nel proprio Paese, nel corso del 2017 e 219 quelle eseguite dal 1° gennaio 2015 ad oggi, riguardanti soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso.

14:39Migranti tentano espatrio attraverso fogne, salvati

(ANSA) - VENTIMIGLIA (IMPERIA), 21 OTT - Due migranti sono stati soccorsi a Mentone dopo essere rimasti intrappolati nell'impianto fognario nel tentativo di espatriare abusivamente in Francia passando da un tombino. E' accaduto, ieri sera, vicino alla frontiera franco-italiana di Ponte San Ludovico, a Menton. Secondo quanto anticipato sul quotidiano francese Nice Matin, sono stati i sapeurs pompiers a estrarre i due migranti, ormai in crisi ipotermica. Una volta visitati e identificati sono stati riammessi alla polizia di frontiera italiana. Si tratterebbe della prima volta che viene utilizzato un sottoservizio per espatriare in modo clandestino. Molti i metodi utilizzati finora - il tetto dei treni, le cabine degli impianti elettrici, lungo ferrovia e autostrada e attraverso i passeur - ma mai in questo modo. (ANSA).

14:02Bankitalia: Alfano, autonomia istituto ma non è enclave

(ANSA) - CAPRI (NAPOLI), 21 OTT - Su Bankitalia "adesso c'è solo da attendere la proposta del presidente del Consiglio e del ministro dell'Economia. Non alimenterei ulteriori polemiche, perché il punto essenziale adesso è la decisione del governo, su cui occorrerà concentrasi per fare la scelta più giusta". Così il ministro degli Esteri, Angelino Alfano: c'è "l'autonomia della Banca d'Italia e al tempo stesso la possibilità, il diritto delle forze politiche di dire la propria opinione. Non è una enclave la Banca d'Italia, della quale e sulla quale non si può discutere".

13:58L.elettorale: Di Maio, faremo di tutto per fermarla

(ANSA) - SCIACCA (AGRIGENTO), 21 OTT - "Faremo di tutto per fermare questa legge, e chiediamo a tutti gli italiani di scendere in piazza con noi mercoledì 25 al Senato. Circonderemo pacificamente il Senato per far sentire la nostra voce su una legge che non è contro il M5S ma contro gli italiani e la democrazia". Così Luigi Di Maio, a Sciacca per la campagna elettorale a sostegno del candidato M5s a Governatore della Sicilia Giancarlo Cancelleri. "Una legge elettorale - ha aggiunto il leader grillino - che favorisce le ammucchiate e i piccoli partiti. Non a caso Mastella intende rifare l'Udeur".

Archivio Ultima ora