Corea del Nord: Trump invia bombardieri in volo al confine

Pubblicato il 23 settembre 2017 da ansa

Corea Nord: Trump invia bombardieri in volo al confine. EPA/JAPAN AIR SELF-DEFENSE FORCE

 

 

PECHINO. – Donald Trump mostra i muscoli a Pyongyang, col Pentagono che invia alcuni caccia bombardieri in volo sopra i cieli vicino al confine con la Corea del Nord. L’operazione – spiega il dipartimento alla difesa Usa – “è per dimostrare che il presidente Usa ha molte opzioni militari per sconfiggere ogni minaccia”.

Nelle stesse ore la Cina taglia l’export di greggio e azzera l’import di tessile dalla Corea del Nord, attuando le ultime sanzioni dell’Onu decise poco più di una settimana fa in risposta al potente test nucleare di Pyongyang del 3 settembre. Quasi una mossa a tenaglia per neutralizzare le minacce di Pyongyang.

La decisone di Pechino è stata accompagnata per diverse ore dal “giallo” del sisma di magnitudo 3,4 con epicentro vicinissimo al sito nucleare delle detonazioni di Punggye-ri: la China Earthquake Networks Center ha parlato di terremoto causato “da esplosione” correggendosi in tarda serata, mentre la Korea Meteorological Administration a Seul ha sposato la “causa naturale”.

Quanto basta per moltiplicare le ipotesi di un’azione del leader Kim Jong-un anche contro Pechino, a stretto giro dalla minaccia di esperimento di bomba all’idrogeno nel Pacifico. La Ctbto, organizzazione che monitora i test nucleari e promuove la ratifica del Trattato sullo smantellamento degli arsenali atomici, ha invece definito, dopo le relative verifiche, “improbabile che (le scosse) siano state causate dall’uomo”.

Il Ctbto ha individuato due scosse, di cui la più forte con similitudini tra sisma “da collasso” di magnitudo 4,1 seguito al test nucleare del 3/9 e quello di oggi di 3,4. L’ipotesi di detonazione atomica è tra le opzioni possibili nel durissimo scontro, sfociato negli insulti reciproci, tra Kim e il presidente Usa Donald Trump.

Parlando in Alabama, il tycoon ha rincarato la dose dicendo che il mondo non può “avere un piccolo pazzo che spara missili sugli altri. Qui stiamo parlando di armi di distruzione di massa e non possiamo permettere che qualcuno metta il nostro popolo in pericolo”. E dalle parole, il presidente è passato ai fatti: una flotta di bombardieri B-1B Lancer è stata scortata da alcuni caccia F-15C fino a ridosso del confine della Corea del Nord e il sorvolo è avvenuto sopra le acque internazionali.

“Quello inviato è un chiaro messaggio” a Pyongyang, ha dichiarato il Pentagono. Il portavoce del dipartimento alla difesa Usa ha sottolineato “la serietà con cui gli Stati Uniti prendono i comportamenti sconsiderati della Corea del Nord”. Non si tratta della prima dimostrazione di forza da parte degli Usa nelle ultime settimane, mentre al confine con la Corea del Nord sono in corso esercitazioni congiunte Usa-Seul.

“Le parole incoscienti e violente di uno chiamato presidente degli Usa hanno indignato il popolo nordcoreano”, ha ribadito il ministro degli esteri nordcoreano Ri Yong-ho all’assemblea generale dell’Onu a New York, rilevando che “anche Trump è in missione suicida: se dovesse succedere qualcosa al nostro popolo le conseguenze saranno oltre ogni aspettativa”.

E a Pyongyang circa 100mila persone, secondo i media ufficiali, si sono radunate in piazza Kim Il-sung, tra slogan e striscioni del tipo “tuoni nucleari contro gli Usa”. Quanto alle sanzioni, la mossa della Cina, se attuata fino in fondo, potrebbe essere salatissima per Pyongyang: l’export di prodotti raffinati saranno limitati a 2 milioni di barili annui e la vendita di gas liquefatto bandita con effetto immediato. Lo stop all’import di tessile, tra le voci principali dell’interscambio con Pechino, vale il 90% dei flussi totali di Pyongyang.

(di Antonio Fatiguso/ANSA)

Ultima ora

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

21:41Calcio: Fassone,no a strategie per ridurre valore Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - "Nessuno pensi di adottare strategie per far sì che Donnarumma possa essere ceduto a valori di mercato inferiori rispetto al suo reale valore. A gennaio non abbiamo intenzione di fare nuovi acquisti e non abbiamo necessità di cassa". Così l'ad del Milan Marco Fassone, in un video sul sito del club, commenta le voci sul futuro del portiere, dopo il botta e risposta tra il ds Mirabelli e Mino Raiola. "Donnarumma è un patrimonio umano, tecnico ed economico del club. Siamo qui per tutelarlo e non c'è nessuna volontà di cederlo - aggiunge il dirigente - Mi ha fatto piacere la sua dichiarazione distensiva, ha confermato che non c'è stata nessuna forzatura. Oggi l'ho visto più sereno. Se sarà lui a dirci che vorrà andar via, saremo aperti a valutare le offerte".

21:07Terremoti: sisma 6.5 su costa Java, in Indonesia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Un sisma di magnitudo 6.5 è stato registrato sulla costa di Java, in Indonesia e si sontano un numero imprecisato di vittime. Lo riferisce l'Usgs americano. Le autorità indonesiane hanno emesso un'allerta tsunami. L'epicentro del sisma è stato localizzato a 92 chilometri di profondità, 50 km a sudovest della città di Tasikmalaya. Il portavoce dell'agenzia locale per il contenimento dei disastri, Sutopo Purwo Nugroho, ha riferito di alcuni edifici danneggiati nell'area ovest dell'isola. Nugroho ha aggiunto che il sisma è stato sentito per 20 secondi nella capitale Giacarta ed in altre città e villaggi di Giava.

20:59Milan:Fassone, richieste Uefa impossibili per chiunque

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - ''La Uefa ci ha chiesto due cose impossibili, non solo per noi ma per qualunque club che si trova nelle condizioni del Milan''. Così l'ad Marco Fassone spiega, con un video sul sito del club, perché l'Uefa ha negato al Milan la richiesta di Voluntary Agreement. ''L'Uefa - aggiunge Fassone - ci ha chiesto di completare prima il rifinanziamento del debito con Elliott e di fornire garanzie per dimostrare la capacità della proprietà di sostenere le perdite del club con un deposito. La nostra documentazione era sufficiente''.

20:44Nuoto: Europei, bronzo di Dotto nei 50 stile libero

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Bronzo di Luca Dotto nei 50 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, con il tempo di 20"78. L'oro è andato al russo Vladimir Morozov (20"31), l'argento al britannico Benjamin Proud (20"66). Ottavo ed ultimo tempo della finale per Marco Orsi.

Archivio Ultima ora