Segnali di tregua tra Di Maio e Fico, mano tesa ai parlamentari

Pubblicato il 27 settembre 2017 da ansa

Roberto Fico, Beppe Grillo e Luigi Di Maio.
(Photo by Jacopo Landi/NurPhoto via Getty Images)

 

 

ROMA. – Il M5s con Luigi Di Maio candidato premier prova a mettere la parola fine ai dissidi interni e il giorno dopo l’atteso faccia a faccia con il gruppo parlamentare sembra siano finalmente arrivati segnali di tregua. La mano tesa dal candidato ai parlamentari, il richiamo alla coesione arrivato da lui e da Roberto Fico sembra aver ridato fiato al movimento dopo giorni di apnea.

Di Maio concede il primo ramoscello di ulivo al leader degli ‘ortodossi’ lodando pubblicamente il successo ottenuto dal deputato come presidente della Commissione di Vigilanza della Rai: “Traguardo storico, i miei complimenti a Roberto Fico. Avanti così!” dice commentando l’ok alla risoluzione che porrà fine ai conflitti d’interessi degli agenti di artisti Rai.

E dedica una rinnovata attenzione ai lavori dei colleghi deputati e senatori, lodando l’ok dato alla discussione della proposta sul whistleblowing e lamentando il nuovo rinvio sui vitalizi. “Ci aspettano mesi intensi, ma insieme ce la faremo” twitta commentando una foto dell’arena di Italia 5 Stelle stracolma di gente. Li invita a partecipare alla campagna elettorale in Sicilia con Cancelleri, la stessa che ha condotto prima con Alessandro Di Battista e poi in solitaria, suscitando il risentimento di molti parlamentari.

Anche loro, però, danno mostra di essere convinti dalla ritrovata unità, se non altro perché, come ricorda Danilo Toninelli,”sarà lui a presentare le liste, sarà lui a inserire il suo nome e cognome nei documenti, nei programmi e nelle liste che presenteremo. E’ il capitano di una squadra di Ministri che andrà a scegliere”. E poi, ripete il deputato: “Beppe Grillo rimane il garante dei principi e delle fondamenta di tutto quello che siamo”.

Per ora è una rassicurazione che sembra bastare. Anche per concedere a Di Maio la possibilità di programmare la sua lunga campagna elettorale che lo vedrà spesso in tour: in calendario, anche se al momento non pare confermata, c’era una missione in Giappone ma sarebbe allo studio anche un nuovo viaggio in Usa per dicembre.

C’è anche da girare la penisola per incontrare gli “stakeholder” con cui il M5s intende confrontarsi sul programma e che lo vedrà molto in Nord Italia. Sempre che non si scateni una nuova offensiva legale sulle primarie: la battaglia giudiziaria, dopo il ricorso il Sicilia, si sta spostando sul Lazio ma potrebbe arrivare anche a Di Maio.

Un gruppo di attivisti veneti che avrebbe anche fondato un comitato per la Difesa dei valori del Movimento sta affilando le armi. Nel mirino ci sono sempre i regolamenti che escludono alcune ‘categorie’ di candidati, violando il principio della parità di tutti gli “associati” al Movimento. E per fare ricorso, assicura l’avvocato Lorenzo Borrè, non serve essere stato escluso dalla lista, è sufficiente essere iscritto al Movimento.

(di Francesca Chiri/ANSA)

Ultima ora

16:43Calcio: Juve, Bernardeschi “corsa scudetto a due ma è lunga”

(ANSA) - TORINO, 18 GEN - Per lo scudetto 2018 "per adesso è una corsa a due, tra noi e il Napoli, ma il calcio è strano e il campionato è ancora lungo, vedremo più avanti". Così Federico Bernardeschi, l'autore del gol grazie al quale la Juventus ha vinto a Cagliari prima della sosta. L'ex Fiorentina ha visto un 'altro' Higuain: "L'anno scorso segnava tanto, ma corre e si sbatte, sta facendo un lavoro 'sporco' per aiutare i compagni. Quanto al gol (manca da 527', ndr) è serenissimo, è tranquillissimo e capitano aglio attaccanti periodi così".

16:38Kosovo: a Belgrado folla commossa a funerali Oliver Ivanovic

(ANSAmed) - BELGRADO, 18 GEN - Una folla commossa e silenziosa ha partecipato oggi al cimitero di Belgrado alla cerimonia funebre in memoria di Oliver Ivanovic, il noto esponente politico della comunità serba in Kosovo ucciso a colpi d'arma da fuoco in un agguato martedì scorso a Kosovska Mitrovica. A dare l'estremo saluto a Ivanovic vi erano esponenti politici, rappresentanti della società civile, della cultura, dello sport, dello spettacolo. Ma sopratutto centinaia di comuni cittadini che hanno deposto fiori e acceso candele per rendere omaggio a un uomo considerato uno strenuo difensore degli interessi dei serbi del Kosovo.

16:20Sicurezza: Gabrielli, noi stufi fare ‘foglie fico’

(ANSA) - VERCELLI, 18 GEN - "Nel momento in cui avvengono fatti gravi, il magistrato va a cercare una posizione di garanzia, e molto spesso il questore è il soggetto a cui riferire le responsabilità. Torino docet. Quindi noi abbiamo detto basta, siamo stanchi di fare le foglie di fico rispetto a responsabilità che non sono le nostre". Così il capo della Polizia Franco Gabrielli a Torino rispondendo ad alcune domande sulla circolare per la gestione delle manifestazioni pubbliche che stabilisce precise responsabilità su safety e security. "Il fatto che oggi qualcuno non faccia gli eventi perché non ha i soldi, mi fa sorgere il fondato sospetto che prima si facevano le cose così, perché si è sempre fatto", aggiunge Gabrielli, ricordando che "più che la famigerata circolare Gabrielli esiste un secondo comma dell'articolo 40 del codice penale, secondo il quale chi ha l'obbligo giuridico di impedire che avvenga un tragico fatto, e non lo impedisce, equivale a cagionarlo: e quello è il fondamento del reato colposo".(ANSA).

16:16Calcio: Rosetti,al momento challenge allenatori non previsto

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Se è prevista in futuro la chiamata della Var da parte degli allenatori? Il Var è un protocollo internazionale Ifab ed è questo che determina la stesura delle regole. In questo momento il challenge non è previsto". Lo dice il responsabile Var in Italia, Roberto Rosetti, a margine di un convegno Ussi a Roma. "A fine stagione - ha specificato Rosetti - faremo una relazione e anche delle proposte. Ma in questo momento dobbiamo lavorare sulle regole. Se mi piace come idea? A me piacciono tante idee...". "Spiegare in diretta al pubblico le decisioni? State correndo troppo - conclude l'ex fischietto internazionale - Anche in questo caso non è previsto come non sono previste le immagini sul maxischermo".

16:15Cadavere uomo in giardino, droga tra ipotesi decesso

(ANSA) - CAMAIORE (LUCCA), 18 GEN - Non si esclude un malore dovuto all'assunzione di droga e al freddo della scorsa notte, come causa del decesso dell'uomo, identificato poi come un tunisino di 43 anni, rinvenuto privo di vita stamani nel cortile di una villa in ristrutturazione in Versilia, a Camaiore (Lucca). E' quanto emerge dagli investigatori. Le indagini sono seguite dai carabinieri. Sarà comunque l'autopsia, affidata al medico legale Stefano Pierotti, a chiarire le cause del decesso. Secondo quanto ricostruito, il nordafricano, già noto alle forze dell'ordine, viveva in una casa poco distante dalla villa, abitazione che aveva ricevuto in eredità da un italiano, deceduto anni fa. L'uomo è stato rinvenuto nudo nel giardino: gli abiti sono stati trovati, a terra, poco lontano.(ANSA). Ad accorgersi del corpo senza vita alcuni passanti che hanno immediatamente allertato i soccorsi.

16:13Obitorio ospedale troppo piccolo,bare con salme in corridoio

(ANSA) - SERRA SAN BRUNO (VIBO VALENTIA), 18 GEN - Lamentele e proteste nell'ospedale di Serra San Bruno per l'impossibilità di collocare le salme di persone decedute nell'obitorio del nosocomio per mancanza di spazi. La direzione dell'ospedale si é vista costretta a fare collocare in un corridoio due bare con le salme, suscitando le proteste dei parenti dei defunti. Nel corridoio in cui sono state collocate le salme, tra l'altro, si é determinato un sovraffollamento per la presenza dei parenti delle persone decedute. Una situazione difficile da gestire per i responsabili dell'ospedale, che già in passato avevano dovuto fare fronte a difficoltà dello stesso tipo. La Direzione sanitaria dell'ospedale ha reso noto, con un comunicato, di avere "ulteriormente sollecitato all'Azienda sanitaria provinciale di Vibo Valentia la soluzione del problema", chiedendo l'ampliamento della sala mortuaria. (ANSA).

16:04Catalogna: Puigdemont chiede voto delegato in Parlament

(ANSA) - MADRID, 18 GEN - Il presidente catalano uscente Carles Puigdemont, e gli altri neo deputati della lista JxCat in esilio a Bruxelles Clara Ponsati e Lluis Puig hanno chiesto oggi alla nuova presidenza del Parlament di poter delegare il voto. Nella seduta costitutiva ieri è stata accolta la richiesta di voto delegato dei tre deputati in carcere a Madrid Oriol Junuqeras, Jordi Sanchez e Joaquim Forn. Il governo di Madrid ha però annunciato che farà ricorso alla Corte costituzionale se a Puigdemont sarà consentito votare dall'esilio belga.

Archivio Ultima ora