Sda: caos pacchi, a Milano preoccupa la situazione sanitaria

Pubblicato il 04 ottobre 2017 da redazione

Sda: caos pacchi, a Milano preoccupa la situazione sanitaria

 

ROMA. – Lo sciopero al centro di smistamento di Milano della Sda (società del gruppo Poste che si occupa di distribuzione di pacchi e logistica) che si prolunga ormai da 20 giorni con 70.000 pacchi ancora fermi sta creando problemi anche sotto il profilo sanitario.

A causa dei pacchi bloccati, alcuni dei quali con all’interno materiale deperibile – ha spiegato in una audizione al Senato l’ad Sda, Paolo Rangoni – in un sito inaccessibile a causa dei picchetti, ci sono topi e cattivo odore. Situazione che potrebbe rendere necessario lo sgombero.

“Il diritto al lavoro è negato” – ha detto – e c’è “un diffuso senso di impunità” nei sindacati di base che hanno organizzato lo sciopero. Vengono commessi ogni giorno reati”.

L’azienda ha presentato in 21 giorni circa 15 esposti per riportare la situazione alla normalità. La situazione comunque è difficile a causa delle proteste messe in campo dai sindacati di base non solo a Milano ma anche a Roma e Bologna con un calo dei volumi nelle ultime settimane del 50%. La filiera occupa nel complesso 8.500 persone, 1.500 dei quali dipendenti diretti di Sda. Ci sono poi 4.500 corrieri e 2.500 facchini impegnati negli hub. Tra questi facchini gli iscritti alle due sigle dei sindacati di base sono circa 1.000.

La protesta è stata originata da un cambio di fornitore (alla scadenza del contratto) sostenuto da Sol-Cobas ma non accettato dal Si-Cobas. Al momento ci sarebbe disponibilità per l’interruzione dello sciopero ma i fornitori chiedono, a causa del calo dei volumi, di far lavorare le persone con una turnazione dato che non c’è lavoro per tutti. Su questo punto non sono d’accordo i sindacati che non hanno proclamato lo sciopero che non vogliono subire il taglio delle ore e dei salari.

“Perdere di botto il 50% dei volumi è devastante – ha spiegato Rangoni – si perde fatturato e i costi fissi non sono ripagati. Centinaia di fornitori e agenzie sono nella stessa situazione. C’è una situazione critica nel resto della rete. Alcuni stanno licenziando. Ci sono clienti che non stanno pagando fatture scadute per ritorsione”.

Il blocco dei pacchi peraltro, ha aggiunto Rangoni, ha portato problemi “anche di immagine”. “Ad oggi non risulta essere stata avviata alcuna procedura di licenziamento collettivo da parte di Sda – ha detto il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti – posso comunque assicurare che il ministero continuerà a monitorare la vicenda nei suoi futuri sviluppi”.

  • Fra Minniti

    La situazione puzza di marcio non solo per i pacchi, ma per tante altre cose che nessuno spiega. 4 facchini bloccano Sda di Carpiano, ma dicono di voler tornare a lavorare. Mentre Nessuno interviene per lo sgombero attendendo che le merci dentro l’HUB di Milano marciscano.

    E il senso di impunità si sente. Perchè per 70.000 italiani QUALCUNO E’ UN LADRO, e nessuno è capace di capire chi. Poi ci si chiede perchè l’Italia fa schifo.

Ultima ora

07:26Cina:Xi,Pcc deve mantenere assoluto controllo militari

PECHINO - Il Partito comunista cinese "deve mantenere l'assoluto controllo sulle forze armate". Lo ha detto il segretario generale del Pcc Xi Jinping, nel discorso d'apertura del 19/mo congresso assicurando che il Partito "si opporra' a ogni azione che metta a rischio la leadership".

07:23Cina:XI,rinnovamento nazione non ‘come passeggiata’ in parco

PECHINO - Raggiungere il rinnovamento della Cina non sara' "come una passeggiata nel parco". Nel suo intervento introduttivo al 19/mo congresso del Partito comunista, il segretario generale Xi Jinping ha rimarcato che il "sogno cinese" richiede una lotta decisa alle contraddizioni e forte impegno su progetti e cause.

07:19Cina: Xi, economia restera’ a passo medio-alto

PECHINO - La Cina manterra' il tasso di crescita della sua economia "a un passo medio-alto". Lo ha detto il segretario generale Xi Jinping nella relazione d'apertura del 19/mo congresso del Partito comunista cinese.

07:15Cina: Xi, prospettive luminose ma sfide impegnative

PECHINO - Le prospettive della Cina ''sono luminose ma restano sfide impegnative''. Lo ha affermato il segretario generale del Partito comunista cinese Xi Jinping, nella sua relazione d'apertura. Negli ultimi 5 anni, ha ricordato, il Pil E' aumentato da 54.000 miliardi di yuan a quota 80.000, pari a 12.100 miliardi di dollari circa.

07:10Cina: aperti lavori 19/mo congresso Partito comunista

PECHINO - Il premier cinese Li Keqiang ha aperto ufficialmente i lavori dEl 19/mo congresso del Partito comunista, chiamato a rinnovare gli organismi interni a partire dal Comitato centrale. Il segretario generale Xi Jinping ha iniziato la sua relazione dedicata ai cinque anni passati e alle prospettive del prossimo quinquennio e oltre. Xi, nelle attese, dovrebbe rafforzare i suoi poteri quale ''core leader'', nucleo del Partito.

07:01Amnesty,centinaia Rohingya uccisi da sicurezza birmana

BANGKOK - Le forze di sicurezza birmane hanno ucciso centinaia di persone nell'ambito di una campagna sistematica per espellere dal paese la minoranza musulmana dei Rohingya. La denuncia viene da Amnesty International. Per il suo rapporto, diffuso oggi, l'organizzazione umanitaria ha intervistato piu' di 120 Rohingya fuggiti alle violenze.

06:58Trump, non demolire storia Usa. E difende Colombo

WASHINGTON - Gli Usa dovrebbero celebrare e preservare la loro storia, ''non demolirla'': lo ha detto Donald Trump intervenendo davanti al think tank conservatore Heritage Foundation, dove ha criticato il movimento che mira ad abbattere le statue sudiste ed altri simboli del controverso passato americano. ''Ora stanno tentando anche di abbattere le statue di Cristoforo Colombo, cosa succedera' dopo?'', si e' chiesto il presidente, che nel proclamare il Columbus day aveva difeso in modo netto la figura dell'esploratore genovese.

Archivio Ultima ora