Catalogna: il vento della secessione ha già bruciato 20 miliardi

Pubblicato il 07 ottobre 2017 da ansa

Catalogna: Barcellona, in piazza dimostranti per il dialogo. (ANSA/AP Photo/Emilio Morenatti)

MILANO. – L’indipendenza per ora solo minacciata da Barcellona è già costata in una sola settimana 20 miliardi di euro. E’ il conto pagato dalla Borsa di Madrid in 5 sedute dopo il referendum di domenica scorsa per la separazione della Catalogna dal resto del Paese.

Si aggiunge un rialzo dello spread dei Bonos sui Bund tedeschi di quasi 11 punti (dai 113 del 29 settembre ai 123,9 punti di ieri), con il rendimento dei titoli passato dall’1,59 all’1,69%. In 5 giorni l’indice Ibex 35, che aveva chiuso a 10.381 punti il venerdì prima del voto, ha perso, tra alti e bassi, l’1,88%, mentre l’intera capitalizzazione di ‘Plaza de la Lealtad’ è scesa da 1.050 a 1.030 miliardi.

Ma il conto della fuga in avanti di Barcellona non si ferma qui. Sono 9 infatti le imprese, attive nei diversi settori, dal credito alle biotecnologie, che hanno annunciato il loro addio alla Catalogna. Le prime sono state Banco Sabadell (-6,25% in Borsa dal 29 settembre) e CaixaBank (-3,77%), pronte a traslocare la sede centrale rispettivamente ad Alicante e a Valencia. Poi c’è Gas Natural (-2,29%), che ha deciso il trasferimento del quartier generale a Madrid, mentre la finanziaria Criteria Caixa è in procinto di stabilirsi a Palma di Maiorca.

Sul punto di lasciare anche la casa vinicola Codorniu, specializzata nelle ‘bollicine’, che ha riempito gli scatoloni ma spera ancora di non dover lasciare la Catalogna. Lo farà invece il produttore di cosmetici Naturhouse, che lo scorso 1 agosto aveva indicato “motivi operativi” per la decisione, mentre sono prossimi all’addio il tecnologico Service Point Solutions, che si istallerà a Madrid, così come il gruppo tessile Dogi International Fabrics ed il biotecnologico Oryzon Genomics, il cui presidente Carlos Buesa definisce come “fondamentale” una “appartenenza inequivocabile allo spazio comune europeo per mantenere il dialogo con i differenti organismi regolatori”.

Ha già deciso il trasferimento a Madrid anche il fornitore d’acqua della capitale catalana, la Sociedad General Aguas de Barcelona. Con la Catalogna, invece, sarebbe la Spagna a perdere un pezzo importante della propria industria automobilistica, seconda in Europa solo a quella tedesca. La Seat, un tempo controllata da Fiat e poi passata a Volkswagen, ha sede e stabilimenti a Martorell (Barcellona), poco distante dalla Nissan (Renault). Il resto della produzione è invece distribuito tra i Paesi Baschi, a Pamplona (Volkswagen) e Vitoria (Daimler), la Regione di Valencia (Ford), in provincia di Saragozza (Opel, ora gruppo Psa), la Galizia (Psa) e Palencia (Renault) in terra di Castiglia.

(di Paolo Verdura/ANSA)

Ultima ora

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

17:04Difesa: LeU, perché Pinotti parla con stampa e non a Camere?

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Il ministro Pinotti oggi conferma l'imminenza di un decreto legge per autorizzare una missione militare in Niger, molto consistente per numero e per finalità operative. È gravissimo che il Parlamento sappia dell'esistenza di questa futura missione da anticipazioni giornalistiche e che la ministra prima di venire in Parlamento a informare le Camere scelga di farsi intervistare da un quotidiano per parlarne all'opinione pubblica". Lo dichiarano il capogruppo alla Camera di Sinistra Italiana-Possibile, Giulio Marcon, e il segretario di Possibile, Giuseppe Civati, esponenti di "Liberi e Uguali", commentando le parole del ministro della Difesa Roberta Pinotti nella sua intervista di oggi a "La Repubblica".

17:02Di Maio, sindaco Pomezia? Si autoesclude da M5S

(ANSA) - MILANO, 17 DIC - "Noi abbiamo due, tre regole e tra queste c'è la regola dei due mandati che non è in discussione". Lo ha detto il candidato premier M5s Luigi Di Maio, commentando la decisione del sindaco di Pomezia, Fabio Fucci, di candidarsi per la terza volta con una lista civica. "Il sindaco di Pomezia non è in linea con il Movimento e quindi si autoesclude dal Movimento", ha concluso. "Di fatto sarò fuori dal M5s quando scadrà il mio mandato elettorale, cioè a primavera" replica il sindaco che tuttavia ribadisce: "Io credo sia un grosso errore impedire a un sindaco che ha fatto bene, nel Movimento, di ricandidarsi".

17:00Juve: Marotta “Dybala trovi equilibrio persona-personaggio”

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In questo momento è meglio Dybala in panchina? E' così, la situazione in questo momento è questa - spiega il dg della Juventus, Beppe Marotta a Premium, nel prepartita del Dall'Ara - Il calcio è un gioco di squadra che si basa sull'insieme dei giocatori, non sul singolo. Dybala è in un momento di difficoltà e come diceva Pirandello deve trovare la giusta conciliazione tra la persona e il personaggio e trovare la coscienza di sé stesso. Nel momento in cui la mente sarà libera potrà tornare a offrire quelle grandissime prestazioni che ci ha fatto vedere in passato". Sul mercato di gennaio, il dirigente bianconero spiega che Emre Can è un giocatore che abbiamo monitorato, tra un mese sarà sul mercato e molti club importanti lo cercheranno", quanto a Marchisio, "non esistono i presupposti per un suo trasferimento".

16:49Fiorentina-Genoa: ‘Bentornato Pepito’, cori per Rossi

(ANSA) - FIRENZE, 17 DIC - Applausi, cori affettuosi e lo striscione 'Bentornato Pepito' esposto in curva Fiesole. Così i tifosi della Fiorentina hanno salutato Giuseppe Rossi, presente oggi in tribuna al Franchi per assistere alla partita tra la sua ex squadra e quella nuova, il Genoa, che lo ha appena acquistato.

16:46Milan: Gattuso “Figuraccia, chiediamo scusa”

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Bisogna chiedere scusa e capire perché succedono queste cose: abbiamo fatto una figuraccia". Gennaro Gattuso esprime così l'amarezza dopo il ko di Verona. "Abbiamo fatto una figuraccia e bisogna guardare avanti", aggiunge il tecnico Milan che non imputa alle vicende societarie e al caso Donnarumma alcuna responsabilità": "Sarebbe facile dire sì ma non è vero - dice a Premium e Sky - I giocatori percepiscono lo stipendio ogni mese la società è molto presente e nello spogliatoio le problematiche non le tocchiamo con mano".

16:34Di Maio, sera voto faremo appello, vedremo chi risponde

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Il nostro obiettivo è arrivare al 40% e governare da soli. Se no, ci assumeremo la responsabilità di governare. La sera delle elezioni faremo un appello pubblico. Chi risponderà sarà incontrato per mettere in piedi le priorità di governo". Lo afferma il candidato premier M5S Luigi Di Maio a "Mezz'ora in più". Se incontreremo LeU o la Lega? "Io non so quale sarà la consistenza di questo o quel gruppo parlamentare", spiega Di Maio ribadendo: "Io sono certo che saremo la prima forza politica".

Archivio Ultima ora