Arrestato giornalista italiano

Pubblicato il 07 ottobre 2017 da redazione

Il giornalista Roberto Di Matteo è stato arrestato mentre cercava di entrare al carcere di Tocoròn

Il giornalista Roberto Di Matteo è stato arrestato mentre cercava di entrare al carcere di Tocoròn

 

 

CARACAS – Due giornalisti, Roberto Di Matteo, italiano, e Filippo Rossi, svizzero, sono stati arrestati dalla polizia penitenziaria del Carcere di Tocoròn. Di Matteo è collaboratore de Il Giornale mentre Rossi lo è de Il Fatto Quotidiano. Sono stati fermati mentre cercavano di entrare nel penitenziario per realizzavano alcune riprese senza il relativo permesso. I giornalisti, accompagnati da un collega di “Dolar Today”, Jesùs Medina, possedevano la tessera del “Colegio Nacional de Periodistas”, l’Ordine dei Giornalisti venezuelano. Di Matteo e Rossi pare abbiano cercato di entrare al carcere per condurre una inchiesta sui centri di reclusione in Venezuela.

I connazionali sono stati consegnati dalla polizia penitenziaria alla Guardia Nazionale ed ora, sarebbero agli arresti in una cella del “Distaccamento 421 dello Stato Aragua”. Domani saranno probabilmente presentati in Tribunale e accusati formalmente di aver introdotto nel carcere, senza il relativo permesso, le apparecchiature per la realizzazione di video-registrazioni.

 

La crisi nelle carceri venezuelane

La critica situazione dei detenuti in Venezuela è stata più volte denunciata da autorevoli Ong nazionali e internazionali. La violazione dei diritti umani, nei centri di detenzione, è purtroppo una costante. Inoltre, nonostante la presenza della Polizia e della Guardia Nazionale, in carcere il traffico di droga e di armi è assai comune. Addirittura, pare che dalle carceri si organizzino i sequestri di persona e si gestiscano reti di prostituzione e il traffico d’armi e di droga.

Stando a Humberto Prado, esponente del “Observatorio Venezolano de Prisiones”, nel 2016 il 30% dei detenuti deceduti nelle carceri soffrivano di tubercolosi, Sida e denutrizione. Si stima che i, detenuti lo scorso anno, erano circa 55mila. In realtà, visto l’ermetismo delle autorità competenti che si negano a offrire cifre e statistiche, si teme che possano essere molto di più. Di questi 55mila, quasi 500 sono prigionieri politici.

In questo contesto, le carceri venezuelane da anni sono territori “off-limit” per i giornalisti. Questi, per potervi entrare, devono ottenere i permessi dalle autorità del Ministerio de asuntos Penitenciarios. E a loro non è permesso entrare senza che ad accompagnarli ci siano agenti della Polizia e della Guardia Nazionale. Di Matteo e Rossi, forse sicuri di non ottenerli, non hanno chiesto i permessi per poter fotografare e filmare all’interno del centro di reclusione. Scoperti dalla polizia e dalla Guardia Nazionale sono stati arrestati.

La notizia è stata confermata dal Sindacato Nazionale della Stampa e dalla Farnesina che ha assicurato che il nostra Ambasciata a Caracas, in stretto raccordo con Roma, segue il caso. Il nostro Ambasciatore, Silvio Mignano, è in stretto contatto con le autoritàù locali. La Farnesina ha anche fatto sapere che la nostra rappresentanza diplomatica, saputa la notizia del giornalista arrestato, si è subito attivata per prestare al connazionale tutta l’assistenza necessaria.

Ultima ora

07:26Cina:Xi,Pcc deve mantenere assoluto controllo militari

PECHINO - Il Partito comunista cinese "deve mantenere l'assoluto controllo sulle forze armate". Lo ha detto il segretario generale del Pcc Xi Jinping, nel discorso d'apertura del 19/mo congresso assicurando che il Partito "si opporra' a ogni azione che metta a rischio la leadership".

07:23Cina:XI,rinnovamento nazione non ‘come passeggiata’ in parco

PECHINO - Raggiungere il rinnovamento della Cina non sara' "come una passeggiata nel parco". Nel suo intervento introduttivo al 19/mo congresso del Partito comunista, il segretario generale Xi Jinping ha rimarcato che il "sogno cinese" richiede una lotta decisa alle contraddizioni e forte impegno su progetti e cause.

07:19Cina: Xi, economia restera’ a passo medio-alto

PECHINO - La Cina manterra' il tasso di crescita della sua economia "a un passo medio-alto". Lo ha detto il segretario generale Xi Jinping nella relazione d'apertura del 19/mo congresso del Partito comunista cinese.

07:15Cina: Xi, prospettive luminose ma sfide impegnative

PECHINO - Le prospettive della Cina ''sono luminose ma restano sfide impegnative''. Lo ha affermato il segretario generale del Partito comunista cinese Xi Jinping, nella sua relazione d'apertura. Negli ultimi 5 anni, ha ricordato, il Pil E' aumentato da 54.000 miliardi di yuan a quota 80.000, pari a 12.100 miliardi di dollari circa.

07:10Cina: aperti lavori 19/mo congresso Partito comunista

PECHINO - Il premier cinese Li Keqiang ha aperto ufficialmente i lavori dEl 19/mo congresso del Partito comunista, chiamato a rinnovare gli organismi interni a partire dal Comitato centrale. Il segretario generale Xi Jinping ha iniziato la sua relazione dedicata ai cinque anni passati e alle prospettive del prossimo quinquennio e oltre. Xi, nelle attese, dovrebbe rafforzare i suoi poteri quale ''core leader'', nucleo del Partito.

07:01Amnesty,centinaia Rohingya uccisi da sicurezza birmana

BANGKOK - Le forze di sicurezza birmane hanno ucciso centinaia di persone nell'ambito di una campagna sistematica per espellere dal paese la minoranza musulmana dei Rohingya. La denuncia viene da Amnesty International. Per il suo rapporto, diffuso oggi, l'organizzazione umanitaria ha intervistato piu' di 120 Rohingya fuggiti alle violenze.

06:58Trump, non demolire storia Usa. E difende Colombo

WASHINGTON - Gli Usa dovrebbero celebrare e preservare la loro storia, ''non demolirla'': lo ha detto Donald Trump intervenendo davanti al think tank conservatore Heritage Foundation, dove ha criticato il movimento che mira ad abbattere le statue sudiste ed altri simboli del controverso passato americano. ''Ora stanno tentando anche di abbattere le statue di Cristoforo Colombo, cosa succedera' dopo?'', si e' chiesto il presidente, che nel proclamare il Columbus day aveva difeso in modo netto la figura dell'esploratore genovese.

Archivio Ultima ora