Vaccini obbligatori, ancora polemiche. Per i 5Stelle sbagliato escludere bambini dalle scuole, la deputata Pd Fregolent “Vita e salute sono beni da tutelare”

Vaccini obbligatori, ancora polemiche tra Pd e Cinque Stelle
Vaccinazioni obbligatorie
Vaccini obbligatori, ancora polemiche tra Pd e Cinque Stelle
Vaccinazioni obbligatorie

ROMA – “La vita e la salute dei bambini sono beni da tutelare”. Lo afferma Silvia Fregolent, deputata del Partito Democratico. “Le parole della consigliera Frediani sono gravi e pericolose. Di fronte al caso di una bambina che potrebbe aver contratto il tetano, il Movimento Cinque Stelle si preoccupa solo di rilanciare le insostenibili argomentazioni contrarie ai vaccini”.

La Fregolent ha aggiunto: “E’ vergognoso provare a coinvolgere la famiglia su una questione che riguarda tutti, i più deboli in particolare. Anziché preoccuparsi del bene comune, i Cinque Stelle cercano di difendere i loro errori anche a scapito della salute delle persone”.

Proprio nella serata di ieri si era svolto al Salone dei Cavalieri di Pinerolo l’incontro organizzato dal Movimento Cinque Stelle sul tema: “Vaccini: obbligo o raccomandazione?». Al tavolo degli oratori si erano succeduti il portavoce del Movimento, Davide Bono, il sindaco di Pinerolo Luca Salvai, la consigliera regionale Francesca Frediani.

I Cinque Stelle avevano spiegato la loro posizione contraria alla legge varata dal governo: «In linea generale non siamo contro i vaccini, ma non siamo d’accordo sull’imposizione fatta ai genitori attraverso l’esclusione dei figli dai nidi e dalle materne». Consigliando poi di seguire le indicazioni di legge per quanto riguarda le dichiarazioni e autocertificazioni richieste dall’Asl.

«Chi non ha ricevuto alcuna comunicazione da parte dell’Asl, stia attento però ad autocertificare di essere in regola se non si ha la certezza» aveva sottolineato la consigliera regionale Francesca Frediani, rivelando poi che intende far vaccinare regolarmente i propri figli .