Battisti: “Non stavo fuggendo, illegale mandarmi in Italia”

Pubblicato il 10 ottobre 2017 da ansa

Battisti

Battisti è libero. Ma si lavora per estradizione

 

 

RIO DE JANEIRO. – “In Brasile sono protetto, posso uscirne come e quando voglio”. Cesare Battisti risponde così alle accuse di aver cercato di fuggire in Bolivia per evitare una possibile estradizione. E aggiunge: “Se pensano di potermi mandare in Italia lo faranno illegalmente”.

L’ex terrorista parla per la prima volta dall’arresto di mercoledì scorso a Corumbá, seguito tre giorni dopo dalla libertà provvisoria. L’intervista a Tv Tribuna, un’emittente affiliata alla brasiliana Rede Globo, viene concessa nella casa di un amico a Cananeia, sul lungomare di San Paolo. “E’ qui che vorrei costruire la mia casetta – rivela – nonostante alcune strane manovre per mandarmi in Italia”.

Dall’Italia reagisce indignato Alberto Torregiani, figlio del gioielliere ucciso da Battisti nel 1979 durante una rapina: “E’ la dimostrazione di quanto sia beffardo, menefreghista, assolutamente contro ogni morale”, commenta a La Vita in Diretta, guardando la foto che ritrae Battisti mentre alza il calice di birra verso i fotografi dopo la sua scarcerazione.

“Lui non è un ex terrorista, lui è un terrorista, è un criminale, ha due ergastoli ma si è fatto una vita accomodante”, aggiunge Torregiani dicendosi tuttavia “più fiducioso” che in passato.

Nell’intervista Battisti torna poi sulla vicenda della sua detenzione-lampo, con l’accusa di traffico di valuta e riciclaggio. “Perché avrei dovuto fuggire? Io sono protetto, il decreto Lula non può essere revocato: sono passati cinque anni”, sostiene l’ex membro dei Proletari armati per il comunismo (Pac). “Non sono un rifugiato politico – insiste – sono un immigrato con un visto permanente. Io posso uscire da questo paese come e quando voglio, senza nessuna restrizione, ho tutti i diritti brasiliani”. E poi “da cosa stavo fuggendo? L’unico paese in cui sono protetto è questo”, afferma perentorio.

Battisti è convinto di essere stato vittima di “un’imboscata” tesa dalla polizia. “Mi stavano aspettando, l’impressione è che fosse stato tutto ben organizzato”, sottolinea. Le autorità brasiliane – è la tesi di Battisti – lo avrebbero fermato con l'”intenzione di configurare un reato”. “E’ stato terribile. Sono rimasto chiuso in commissariato per tre giorni, in una cella con il pavimento sporco e maleodorante. Mi provocavano, c’era un clima di euforia. Poi, quando mi hanno liberato, sembrava un funerale, tutti con l’espressione accigliata”, racconta l’ex terrorista.

Intanto però la “decisione politica” di rimandarlo in Italia sarebbe già stata presa e ora ci sarebbero “solo degli intoppi giuridici da risolvere”, secondo quanto annunciato nell’aula della Camera dalla deputata eletta in Brasile, Renata Bueno. Un’eventualità che nemmeno i legali di Battisti si sentono di scartare, tanto da reiterare la richiesta di ‘habeas corpus’ alla Corte suprema per “il rischio concreto, imminente e irreversibile di espulsione” dal Brasile del loro assistito.

Tante le reazioni politiche a Roma. Battisti è un terrorista che “vuole prendersi gioco della giustizia”, dice la deputata di Forza Italia, Elvira Savino, mentre per il collega di partito, Luca Squeri, le parole dell’ex terrorista sono “un insulto a tutto il paese”. Chiede infine che governo e Quirinale intervengano “con più determinazione” il presidente di Unione Cristiana e senatore di Forza Italia, Domenico Scilipoti Isgrò.

(di Leonardo Cioni/ANSA)

Ultima ora

13:42Berlino: pm Milano, Amri non aveva rete in Lombardia

(ANSA) - MILANO, 18 DIC - Anis Amri, il soldato dell'Isis che un anno fa fece strage in un mercatino a Berlino e venne poi ucciso da due agenti a Sesto San Giovanni, nel milanese, non aveva una rete di contatti di terroristi in Lombardia, dove passò in pratica per caso, in quanto la sua intenzione era di andare a sud, in Sicilia. E' emerso dall'inchiesta per terrorismo internazionale e di cui il pm Alberto Nobili, capo del pool antiterrorismo, ha chiesto l'archiviazione. In particolare, i pm hanno chiesto al giudice di archiviare il fascicolo per terrorismo internazionale a carico di ignoti che era stato aperto dopo che Amri, che aveva compiuto la strage il 19 dicembre 2016 uccidendo 12 persone, era stato ucciso nella notte tra il 22 e il 23 dicembre da due agenti, dopo essere stato fermato a Sesto San Giovanni (Milano) mentre vagava in un piazzale in attesa di un bus. Anche il tir che Amri rubò in Germania, uccidendo un autista polacco, era partito da un'altra città del Milanese, Cinisello Balsamo.

13:40Di Maio, se sotto 40% faremo appello, governo con chi ci sta

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Se alle elezioni dovessimo ottenere il 40% potremmo governare da soli, se non dovessimo farcela la sera delle elezioni faremo un appello pubblico alle altre forze politiche che sono entrate in Parlamento presentando il nostro programma e la nostra squadra. E governeremo con chi ci sta". Lo afferma Luigi Di Maio, candidato premier M5S, ai microfoni di Circo Massimo, Radio Capital.

13:40‘Ndrangheta: Minniti,firma per cittadinanza attiva è impegno

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 18 DIC - Il ministro dell'Interno Marco Minniti ha apposto stamani, in Prefettura a Reggio Calabria, la firma sul Registro della cittadinanza attiva una firma contro la 'ndrangheta". "La firma su questo 'Registro' - ha detto Minniti non è questione che si assume a cuor leggero, ma un obbligo di impegno. Voglio qui ringraziare il prefetto Miche Di Bari e con lui, coloro che hanno avuto l'idea di questa iniziativa che è uno spartiacque di valori e di impegno contro le mafie, non solo qui a Reggio e in Calabria, ma in tutto il resto del Paese. Qui oggi si sta dando forza ad una alleanza strategica tra tutte le istituzioni e i cittadini, un orientamento chiaro su quale parte della sponda stare". Minniti ha poi sottolineato il "duro lavoro - ha detto - della magistratura e delle forze dell'ordine che qui hanno assestato colpi durissimi alla mafia perché essa rappresenta comunque una costante minaccia per il libero esercizio del voto che è il cuore della democrazia".(ANSA).

13:39Calcio: serie B, domani assemblea Lega

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Si terrà domani a Milano nella sede di Via Rosellini con inizio alle ore 13 l'Assemblea di Lega B. All'ordine del giorno - informa un comunicato della stessa Lega - dopo le comunicazioni del presidente Mauro Balata e le informative del direttore generale Paolo Bedin, l'approvazione del Bilancio di esercizio 2016/2017 dell'associazione, la costituzione e la nomina dei componenti del Comitato esecutivo, la composizione e le deleghe delle Commissioni e le determinazioni inerenti alla governance di B Futura. Si provvederà quindi ad aggiornare le società sul processo di cessione dei diritti audiovisivi per il triennio 2018-2021. L'Assemblea- conclude il comunicato - verrà preceduta in mattinata dal Consiglio direttivo.

13:37Basket: Nba, LeBron James ‘no ordini da Trump’

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Una scarpa bianca e una nera indossate per un tempo, entrambe con la scritta 'Equality', uguaglianza. E' il nuovo messaggio che LeBron James ha voluto mandare alla Nba, dove continua a regnare con prestazioni da record, come quella che ha portato al successo a Washington contro i Wizards, ma soprattutto fuori dal campo. Dalla stella dei Cleveland Cavs arriva infatti un attacco anche al presidente Trump, già nel suo mirino negli scorsi mesi. "So benissimo dove siamo - ha detto, riferendosi alla Capitale che ha ospitato la sua partita e ospita la Casa Bianca - e chi è al timone qui". "Noi americani, non importa il colore della pelle o la razza, dobbiamo capire che abbiamo tutti uguali diritti e siamo tutti in grado di sostenere una causa e di parlarne. Ho già fatto sentire altre volte la mia voce. Non voglio lasciare che sia una sola persona a darci ordini su quanto meravigliosi e potenti siamo", ha aggiunto James.

13:11Austria: il nuovo governo giura tra le proteste

(ANSA) - TRIESTE, 18 DIC - Centinaia di persone si sono radunate a Vienna per protestare contro l'insediamento del nuovo governo di destra. Antifascisti, femministe e gruppi di studenti di sinistra hanno manifestato contro la coalizione tra il Partito popolare austriaco conservatore e il Partito nazionalista Fpoe che si sono impegnati a irrigidire le norme sull'asilo nel Paese e sull'immigrazione, mantenendo nel contempo un fermo impegno a favore dell'Unione Europea. Il leader del Partito popolare Sebastian Kurz, 31 anni, diventerà il più giovane capo di governo in Europa. Gli oppositori politici hanno espresso particolare preoccupazione per il fatto che l'Fpoe, che ha legami con gli estremisti di estrema destra, avrà il controllo degli importanti ministeri dell'Interno, della Difesa e degli Esteri. Il suo leader, Heinz-Christian Strache, diventerà vice cancelliere.

13:11Falsi: oltre 6 mln prodotti sequestrati da gdf Prato

(ANSA) - PRATO, 18 DIC - Sono circa sei milioni i prodotti contraffatti e potenzialmente dannosi, per un valore di 30 milioni di euro, sequestrati dalla guardia di finanza del comando di Prato nel corso dell'operazione "Passo passo" in cui 12 persone sono state denunciate. I finanzieri hanno avviato una complessa attività investigativa che ha portato ad operare nelle regioni della Toscana e del Lazio, sotto la costante direzione del sostituto procuratore della Repubblica di Prato, dottoressa Valentina Cosci. Le perquisizioni operate sul territorio nazionale, su delega dell'autorità giudiziaria, hanno consentito di sottoporre a sequestro circa sei milioni di capi di abbigliamento ed articoli di bigiotteria potenzialmente dannosi per la salute del consumatore finale e più di 1.000 bracciali contraffatti, per un valore stimato di mercato di circa 30 milioni di euro identificando e denunciando 12 imprenditori, tutti di nazionalità cinese, titolari e/o amministratori di altrettante ditte ubicate tra Prato, Roma e Viterbo. L'operazione, si legge in una nota della gdf, ha portato gli operatori delle fiamme gialle a seguire la filiera dei prodotti potenzialmente dannosi, e in molti casi contraffatti, partendo da alcune perquisizioni operate all'interno del centro espositivo "Euroingro" di Prato dove alcuni imprenditori commercializzavano tali prodotti, fino ad arrivare a individuare i vari fornitori/importatori, tutti dislocati principalmente nella capitale.(ANSA).

Archivio Ultima ora