Battisti: “Non stavo fuggendo, illegale mandarmi in Italia”

Pubblicato il 10 ottobre 2017 da ansa

Battisti

Battisti è libero. Ma si lavora per estradizione

 

 

RIO DE JANEIRO. – “In Brasile sono protetto, posso uscirne come e quando voglio”. Cesare Battisti risponde così alle accuse di aver cercato di fuggire in Bolivia per evitare una possibile estradizione. E aggiunge: “Se pensano di potermi mandare in Italia lo faranno illegalmente”.

L’ex terrorista parla per la prima volta dall’arresto di mercoledì scorso a Corumbá, seguito tre giorni dopo dalla libertà provvisoria. L’intervista a Tv Tribuna, un’emittente affiliata alla brasiliana Rede Globo, viene concessa nella casa di un amico a Cananeia, sul lungomare di San Paolo. “E’ qui che vorrei costruire la mia casetta – rivela – nonostante alcune strane manovre per mandarmi in Italia”.

Dall’Italia reagisce indignato Alberto Torregiani, figlio del gioielliere ucciso da Battisti nel 1979 durante una rapina: “E’ la dimostrazione di quanto sia beffardo, menefreghista, assolutamente contro ogni morale”, commenta a La Vita in Diretta, guardando la foto che ritrae Battisti mentre alza il calice di birra verso i fotografi dopo la sua scarcerazione.

“Lui non è un ex terrorista, lui è un terrorista, è un criminale, ha due ergastoli ma si è fatto una vita accomodante”, aggiunge Torregiani dicendosi tuttavia “più fiducioso” che in passato.

Nell’intervista Battisti torna poi sulla vicenda della sua detenzione-lampo, con l’accusa di traffico di valuta e riciclaggio. “Perché avrei dovuto fuggire? Io sono protetto, il decreto Lula non può essere revocato: sono passati cinque anni”, sostiene l’ex membro dei Proletari armati per il comunismo (Pac). “Non sono un rifugiato politico – insiste – sono un immigrato con un visto permanente. Io posso uscire da questo paese come e quando voglio, senza nessuna restrizione, ho tutti i diritti brasiliani”. E poi “da cosa stavo fuggendo? L’unico paese in cui sono protetto è questo”, afferma perentorio.

Battisti è convinto di essere stato vittima di “un’imboscata” tesa dalla polizia. “Mi stavano aspettando, l’impressione è che fosse stato tutto ben organizzato”, sottolinea. Le autorità brasiliane – è la tesi di Battisti – lo avrebbero fermato con l'”intenzione di configurare un reato”. “E’ stato terribile. Sono rimasto chiuso in commissariato per tre giorni, in una cella con il pavimento sporco e maleodorante. Mi provocavano, c’era un clima di euforia. Poi, quando mi hanno liberato, sembrava un funerale, tutti con l’espressione accigliata”, racconta l’ex terrorista.

Intanto però la “decisione politica” di rimandarlo in Italia sarebbe già stata presa e ora ci sarebbero “solo degli intoppi giuridici da risolvere”, secondo quanto annunciato nell’aula della Camera dalla deputata eletta in Brasile, Renata Bueno. Un’eventualità che nemmeno i legali di Battisti si sentono di scartare, tanto da reiterare la richiesta di ‘habeas corpus’ alla Corte suprema per “il rischio concreto, imminente e irreversibile di espulsione” dal Brasile del loro assistito.

Tante le reazioni politiche a Roma. Battisti è un terrorista che “vuole prendersi gioco della giustizia”, dice la deputata di Forza Italia, Elvira Savino, mentre per il collega di partito, Luca Squeri, le parole dell’ex terrorista sono “un insulto a tutto il paese”. Chiede infine che governo e Quirinale intervengano “con più determinazione” il presidente di Unione Cristiana e senatore di Forza Italia, Domenico Scilipoti Isgrò.

(di Leonardo Cioni/ANSA)

Ultima ora

07:26Cina:Xi,Pcc deve mantenere assoluto controllo militari

PECHINO - Il Partito comunista cinese "deve mantenere l'assoluto controllo sulle forze armate". Lo ha detto il segretario generale del Pcc Xi Jinping, nel discorso d'apertura del 19/mo congresso assicurando che il Partito "si opporra' a ogni azione che metta a rischio la leadership".

07:23Cina:XI,rinnovamento nazione non ‘come passeggiata’ in parco

PECHINO - Raggiungere il rinnovamento della Cina non sara' "come una passeggiata nel parco". Nel suo intervento introduttivo al 19/mo congresso del Partito comunista, il segretario generale Xi Jinping ha rimarcato che il "sogno cinese" richiede una lotta decisa alle contraddizioni e forte impegno su progetti e cause.

07:19Cina: Xi, economia restera’ a passo medio-alto

PECHINO - La Cina manterra' il tasso di crescita della sua economia "a un passo medio-alto". Lo ha detto il segretario generale Xi Jinping nella relazione d'apertura del 19/mo congresso del Partito comunista cinese.

07:15Cina: Xi, prospettive luminose ma sfide impegnative

PECHINO - Le prospettive della Cina ''sono luminose ma restano sfide impegnative''. Lo ha affermato il segretario generale del Partito comunista cinese Xi Jinping, nella sua relazione d'apertura. Negli ultimi 5 anni, ha ricordato, il Pil E' aumentato da 54.000 miliardi di yuan a quota 80.000, pari a 12.100 miliardi di dollari circa.

07:10Cina: aperti lavori 19/mo congresso Partito comunista

PECHINO - Il premier cinese Li Keqiang ha aperto ufficialmente i lavori dEl 19/mo congresso del Partito comunista, chiamato a rinnovare gli organismi interni a partire dal Comitato centrale. Il segretario generale Xi Jinping ha iniziato la sua relazione dedicata ai cinque anni passati e alle prospettive del prossimo quinquennio e oltre. Xi, nelle attese, dovrebbe rafforzare i suoi poteri quale ''core leader'', nucleo del Partito.

07:01Amnesty,centinaia Rohingya uccisi da sicurezza birmana

BANGKOK - Le forze di sicurezza birmane hanno ucciso centinaia di persone nell'ambito di una campagna sistematica per espellere dal paese la minoranza musulmana dei Rohingya. La denuncia viene da Amnesty International. Per il suo rapporto, diffuso oggi, l'organizzazione umanitaria ha intervistato piu' di 120 Rohingya fuggiti alle violenze.

06:58Trump, non demolire storia Usa. E difende Colombo

WASHINGTON - Gli Usa dovrebbero celebrare e preservare la loro storia, ''non demolirla'': lo ha detto Donald Trump intervenendo davanti al think tank conservatore Heritage Foundation, dove ha criticato il movimento che mira ad abbattere le statue sudiste ed altri simboli del controverso passato americano. ''Ora stanno tentando anche di abbattere le statue di Cristoforo Colombo, cosa succedera' dopo?'', si e' chiesto il presidente, che nel proclamare il Columbus day aveva difeso in modo netto la figura dell'esploratore genovese.

Archivio Ultima ora