Ira di Trump coi suoi: “Io più intelligente di Tillerson”

Pubblicato il 10 ottobre 2017 da ansa

 

Usa

Tillerson e Trump

 

NEW YORK. – “Una pentola a pressione”. Chi negli ultimi giorni ha frequentato Donald Trump lo descrive così, più che mai irrequieto mentre si aggira nei corridoi e nelle stanze della West Wing. Spesso furioso, con scatti d’ira che non risparmiano nessuno. Pochi dei suoi più stretti consiglieri si salvano, per non parlare delle crescenti tensioni con gran parte degli uomini della sua amministrazione.

Le situazioni più delicate sono quella con due big come Rex Tillerson, l’ex numero uno del colosso petrolifero Exxon Mobil che il tycoon ha voluto fortemente a capo della diplomazia Usa, e quella col numero uno del Pentagono James Mattis, che dall’Iran alla Corea del Nord si andrebbe sempre più distanziando dalla linea della Casa Bianca.

Non è un caso che il presidente abbia invitato tutti e due per una colazione di lavoro che sa tanto di ‘pranzo chiarificatore’, per dirsi una volta per tutte ogni cosa guardandosi negli occhi. Anche perché il rapporto tra Trump e Tillerson rischia di esplodere da un momento all’altro, al di là dei ripetuti e reciproci attestati di stima. In realtà il segretario di Stato in privato avrebbe definito il presidente “un idiota, un imbecille”.

E il tycoon se la sarebbe legata al dito, tanto che in un’intervista a Forbes spiega: “Penso sia una fake news. Ma se lo ha detto davvero dovremmo fare un test sul nostro quoziente intellettivo e confrontare i risultati. Posso già dirvi chi vincera’…”. Insomma, la tensione è alle stelle e – come spesso accade con Trump – la polemica rischia velocemente di scivolare sul personale.

Col presidente imbufalito anche per le imbarazzanti vicende sull’abuso dei voli di stato da parte del segretario al Tesoro Steven Mnuchin e del ministro della Sanità Tom Price, quest’ultimo costretto a dimettersi. Ma anche all’interno della Casa Bianca – raccontano i ben informati – il clima appare sempre più avvelenato, col presidente che si sente mal consigliato. E che non nasconderebbe la frustrazione sia per non aver avuto il ritorno di immagine sperato con i sopralluoghi nelle zone colpite dai recenti uragani, sia per la recente sconfitta elettorale in Alabama.

La paura di perdere appeal sullo zoccolo duro del suo elettorato lo tormenta. Così come non lo fa dormire il fatto che far avanzare la propria agenda in Congresso risulta sempre più difficile, isolato com’è da molti dei responsabili repubblicani.

C’è poi John Kelly, l’ex generale messo da Trump a fare il capo di gabinetto per riportare un po’ di ordine. In realtà potrebbe essere il prossimo a fare le valige: dopo il suo predecessore Michael Flynn, travolto dal Russiagate, dopo lo stratega Steve Bannon e dopo l’ex portavoce Sean Spicer.

Il tycoon sembra sia tentato dal sostituire Kelly – giudicato troppo rigido e severo – con l’amico di lunga data Tom Barrack, l’investitore di Wall Street che Trump sentirebbe al telefono ogni giorno. Del resto Barrack sarebbe oramai l’unico di cui il presidente si fida veramente, insieme al consigliere politico Stephen Miller. Tutto intorno sarebbe ormai terra bruciata.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

04:33Savoia: salma Vittorio Emanuele III in arrivo dall’ Egitto

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - La salma di Vittorio Emanuele III è partita da Alessandria d'Egitto dove era sepolta nella cattedrale di Santa Caterina, per rientrare in Italia a bordo di un volo militare atteso stamani attorno alle 11. Lo ha riferito il Gr1 di Radio Rai, precisando che alla partenza erano presenti familiari e l'ambasciatore italiano al Cairo Giampaolo Cantini. Le spoglie del sovrano, a quanto si è appreso, sarebbero state portate da Alessandria in un aeroporto militare nelle vicinanze del Cairo, punto di partenza per l'Italia a bordo di un aereo militare. Il velivolo dovrebbe atterrare in mattinata in uno scalo militare del Piemonte, e la bara dovrebbe essere poi traslata al Santuario di Vicoforte, accanto a quella della regina Elena, sebbene alcuni familiari premano ancora per la traslazione nel Pantheon.

01:35Calcio: Francia, Psg a valanga e il Monaco resta a -9

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Il Paris Saint Germain risponde alla vittoria di ieri del Monaco infliggendo una dura lezione al Rennes, battuto 4-1 in trasferta con una doppietta di Neymar e gol di Cavani e Mbappè. I parigini, dopo 18 giornate, mantengono il +9 di vantaggio sui monegaschi. Fari puntati domani sulla sfida Lione-Marsiglia, match clou che mette di fronte due squadre in corsa per la Champions ed è una grande occasione per gli ospiti, guidati da Rudi Garcia sono in corsa per il secondo posto. Nonostante i gol di Balotelli, il Nizza annaspa al settimo posto e domenica ospita il Bordeaux. Tra le altre partite di oggi, il Digione ha battuto 3-0 il Lille e sale al settimo posto a quota 24, dove si trovano anche lo Strasburgo, che ha battuto 2-1 il Tolosa, e il Caen, che invece non è andato oltre lo 0-0 in casa col Guingamp. Seconda vittoria stagionale per il fanalino di coda Metz, che è riuscito a imporsi 3-1 a Montpellier.

01:05Calcio: Roma, Di Francesco “vittoria sofferta ma importante”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Questa gara era importante, avevo dato un segnale, e l'abbiamo vinta soffrendo. Si parla sempre degli episodi, che sono importantissimi, ma noi avremmo potuto fare gol prima. Abbiamo subito il primo tiro contro dopo 83', abbiamo sempre fatto la gara contro un Cagliari molto organizzato ma noi abbiamo voluto fortemente la vittoria. Ci teniamo stretti questi 3 punti". Lo ha detto l'allenatore della Roma, Eusebio Di Francesco, dopo la vittoria al 94' sui sardi. "Abbiamo concesso pochissimo in difesa, il Cagliari non ci ha permesso di essere aggressivi ma abbiamo avuto una grande supremazia territoriale - ha proseguito -. Dovevamo essere più cinici e cattivi, dobbiamo lavorare ancora di più. Ma io non sono d'accordo sulla prestazione negativa, abbiamo fatto la partita. Abbiamo tirato in porta 20 volte, dovevamo essere più precisi".

01:03Cile: frana per piogge torrenziali, 3 morti e 15 dispersi

(ANSA) - SANTIAGO, 16 DIC - Piogge torrenziali nel sud del Cile hanno causato una frana che ha sommerso un villaggio: almeno tre persone sono morte e altre 15 risultano disperse. Lo riferisce il viceministro dell'Interno Madmud Aleuy, aggiungendo che le vittime sono due donne e un turista non ancora identificato. Le piogge hanno causato l'esondazione di un fiume vicino a una collina franata su 20 delle 200 case del villaggio di Villa Santa Lucia, nella regione meridionale di Los Lagos. La presidente Michelle Bachelet ha riferito su Twitter che i servizi di emergenza stanno lavorando dell'area "per soccorrere le persone colpite". Alcuni feriti sono stati evacuati in elicottero. (ANSA)

01:01Omicidio cestista Nba Lorenzen Wright, arrestata moglie

(ANSA) - WASHINGTON, 16 DIC - Per l'uccisione nel 2010 dell'ex giocatore di basket Nba Lorenzen Wright, la polizia di Memphis ha arrestato l'ex moglie Sherra, 46 anni, e un suo coetaneo, Bill Turner, accusati ora di concorso nell'omicidio. Le forze dell'ordine non hanno reso noto cosa le abbia portate ai due e il movente del delitto, ma la svolta sarebbe stata impressa dal ritrovamento dell'arma usata nell'aggressione, in un lago vicino a Walnut, Mississippi, 75 miglia a est di Memphis. Il corpo di Wright, che allora aveva 34 anni, fu trovato alla periferia della città in stato di decomposizione dieci giorni dopo la sua scomparsa. Aveva diverse ferite d'arma da fuoco. Il cestista aveva giocato nell'Nba per 13 anni in 5 squadre, tra cui quella di Memphis.

00:50Basket: serie A, Sassari-Pistoia 88-81

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - La Dinamo Sassari infila la settima vittoria consecutiva fra Lega A e Champions sconfiggendo 88-81 sul parquet del PalaSerradimigni la The Flexx Pistoia in un anticipo dell'11/a giornata di serie A di basket. Mattatore della serata è la guardia biancoblu' Scott Bamforth che chiude la partita con 26 punti e 6 assist guidando i padroni di casa verso una vittoria per nulla scontata. Sassari sale a 14 punti, Pistoia resta ad 8.

00:49Incendi California, ancora evacuazioni contea S.Barbara

(ANSA) - SANTA BARBARA, 16 DIC - Brucia senza sosta la California, nella contea di Santa Barbara, dove sono state ordinate nuove evacuazioni nella zona di Montecito. Il forte vento spinge le fiamme verso le case dove risiedono alcuni vip, fra i quali la star della tv Oprah Winfrey. Finora Thomas Fire (questo il nome dato all'incendio) ha distrutto oltre 1.000 edifici e oltre 700 case e, secondo le autorità, potrebbe colpire altre 18.000 strutture. Ieri è costato la vita a un vigile del fuoco, morto soffocato dal fumo.

Archivio Ultima ora