Anci, il presidente Decaro lamenta i tagli ai Comuni e le modifiche al sistema dei tributario

Decaro all'Assemblea Anci: "Abbiamo perso 9 miliardi di euro in 7 anni"
Anci
Decaro all'Assemblea Anci: "Abbiamo perso 9 miliardi di euro in 7 anni"
Anci

VICENZA – Si è tenuta a Vicenza la trentaquattresima Assemblea Annuale dell’Anci, l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani, rappresentata da sindaci provenienti da ogni parte della penisola.

“Dal 2010 i Comuni hanno subito lo stress di continui cambi di regime tributario: passaggio da Ici a Imu a gennaio 2012; primi correttivi dell’Imu ad aprile 2012; quattro stime dell’Imu standard fra maggio 2012 e maggio 2013, con conseguente incertezza delle regolazioni finanziarie; cambio del riparto del gettito Imu a gennaio 2013 e conseguenti, ripetute stime dei nuovi gettiti standard; abolizione nel corso del 2013 dell’Imu sulla prima casa; introduzione della Tasi nel 2014; ripetuti cambi di regime sui terreni montani; abolizione della Tasi sulla prima casa”. Lo ha ricordato nel suo intervento all’Assemblea dell’Anci il presidente Antonio Decaro.

“Abbiamo fatto fronte – ha aggiunto incassando gli applausi dei sindaci presenti alla Fiera di Vicenza – a una situazione di incertezza aggravata ulteriormente da tagli imponenti: quasi nove miliardi di euro in sette anni. Ma a questi tagli noi non ci siamo sottratti. E nonostante tutto – ha tenuto a ricordare – siamo ancora in piedi e siamo pronti a fare la nostra parte”.