Su Rosatellum fiducia al Senato. Renzi contro la piazza

Pubblicato il 11 ottobre 2017 da ansa

Un momento della manifestazione di protesta del M5S davanti Montecitorio contro la fiducia posta dal Governo alla Camera sulla legge elettorale Rosatellum, 11 ottobre 2017. ANSA/ANGELO CARCONI

ROMA. – I primi due voti di fiducia alla Camera sono filati lisci, come previsto, con una tensione più di riflesso dalle manifestazioni di piazza che per il pathos del voto. L’unico momento di cardiopalma si avrà, forse già domani sera o venerdì mattina sul voto finale, che sarà a scrutinio segreto. Anche se dalla maggioranza ostentano sicurezza, al momento si sospettano una settantina di franchi tiratori e si spera che il numero non cresca.

Ed è per accelerare e blindare l’iter del Rosatellum prima della legge di bilancio che si va verso la fiducia anche a Palazzo Madama. La stretta in Aula e la “battaglia” delle piazze contro il Rosatellum e la decisione del governo di mettere la fiducia coincide con il ritorno sulla scena pubblica, dopo alcune settimane, di Matteo Renzi.

Il leader dem, pur non esprimendo entusiasmo alle stelle per questa riforma, “è un po’ meglio del Consultellum”, difende la decisione del premier Paolo Gentiloni che anche lui fece per l’Italicum. E attacca direttamente la piazza grillina e, velatamente, anche quella della sinistra che ha allargato ancor più il suo solco dal Pd. “Stanno difendendo – sostiene – la legge elettorale contro la quale erano scesi in piazza due anni fa!”.

Ma prima di dare fuoco alle polveri della campagna elettorale, la maggioranza deve mettere in porto il Rosatellum. Sul voto finale si concentra il lavoro diplomatico per evitare che i malpancisti sia dentro il Pd sia dentro Fi si sommino nel voto segreto. “Difficile che con un colpo solo si riesca ad affossare la legge”, prevedono anche dall’opposizione.

Poi l’idea sarebbe di portare la legge in Aula al Senato prima dell’approdo in aula, verso il 25, della legge di bilancio. E di blindarla con la fiducia. “Non è vero che al Senato non ci possono essere voti segreti, basti pensare a emendamenti sulle minoranza linguistiche”, spiegano fonti di maggioranza. A Palazzo Madama, si ragiona, la fiducia passerebbe con il non voto di Forza Italia per bilanciare il voto contrario di Mdp.

A quel punto si alzerà di fatto il sipario sulla campagna elettorale. E le piazze di oggi sono per Renzi solo l’anticipo della battaglia contro il Pd che si consumerà nei prossimi mesi. L’ex premier ha già scelto le parole d’ordine: il Pd, che sarà “un rassemblement di forze” proprio grazie al Rosatellum, è “l’unica sinistra” e chi, dice colpendo gli ex dem, “continua a sparare contro il Pd indebolisce l’argine ai populismi, a M5S e Berlusconi-Salvini”. Parole che non seguono il percorso di quelle di apertura usate nell’ultima direzione Dem verso Mdp e che chiamano al voto utile.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

07:26Cina:Xi,Pcc deve mantenere assoluto controllo militari

PECHINO - Il Partito comunista cinese "deve mantenere l'assoluto controllo sulle forze armate". Lo ha detto il segretario generale del Pcc Xi Jinping, nel discorso d'apertura del 19/mo congresso assicurando che il Partito "si opporra' a ogni azione che metta a rischio la leadership".

07:23Cina:XI,rinnovamento nazione non ‘come passeggiata’ in parco

PECHINO - Raggiungere il rinnovamento della Cina non sara' "come una passeggiata nel parco". Nel suo intervento introduttivo al 19/mo congresso del Partito comunista, il segretario generale Xi Jinping ha rimarcato che il "sogno cinese" richiede una lotta decisa alle contraddizioni e forte impegno su progetti e cause.

07:19Cina: Xi, economia restera’ a passo medio-alto

PECHINO - La Cina manterra' il tasso di crescita della sua economia "a un passo medio-alto". Lo ha detto il segretario generale Xi Jinping nella relazione d'apertura del 19/mo congresso del Partito comunista cinese.

07:15Cina: Xi, prospettive luminose ma sfide impegnative

PECHINO - Le prospettive della Cina ''sono luminose ma restano sfide impegnative''. Lo ha affermato il segretario generale del Partito comunista cinese Xi Jinping, nella sua relazione d'apertura. Negli ultimi 5 anni, ha ricordato, il Pil E' aumentato da 54.000 miliardi di yuan a quota 80.000, pari a 12.100 miliardi di dollari circa.

07:10Cina: aperti lavori 19/mo congresso Partito comunista

PECHINO - Il premier cinese Li Keqiang ha aperto ufficialmente i lavori dEl 19/mo congresso del Partito comunista, chiamato a rinnovare gli organismi interni a partire dal Comitato centrale. Il segretario generale Xi Jinping ha iniziato la sua relazione dedicata ai cinque anni passati e alle prospettive del prossimo quinquennio e oltre. Xi, nelle attese, dovrebbe rafforzare i suoi poteri quale ''core leader'', nucleo del Partito.

07:01Amnesty,centinaia Rohingya uccisi da sicurezza birmana

BANGKOK - Le forze di sicurezza birmane hanno ucciso centinaia di persone nell'ambito di una campagna sistematica per espellere dal paese la minoranza musulmana dei Rohingya. La denuncia viene da Amnesty International. Per il suo rapporto, diffuso oggi, l'organizzazione umanitaria ha intervistato piu' di 120 Rohingya fuggiti alle violenze.

06:58Trump, non demolire storia Usa. E difende Colombo

WASHINGTON - Gli Usa dovrebbero celebrare e preservare la loro storia, ''non demolirla'': lo ha detto Donald Trump intervenendo davanti al think tank conservatore Heritage Foundation, dove ha criticato il movimento che mira ad abbattere le statue sudiste ed altri simboli del controverso passato americano. ''Ora stanno tentando anche di abbattere le statue di Cristoforo Colombo, cosa succedera' dopo?'', si e' chiesto il presidente, che nel proclamare il Columbus day aveva difeso in modo netto la figura dell'esploratore genovese.

Archivio Ultima ora