Stipendi “portaborse”, i gruppi parlamentari frenano la riforma

Pubblicato il 11 ottobre 2017 da redazione

portaborse

Flashmob organizzato dall’Associazione collaboratori parlamentari a Roma (Ansa)

 

 

ROMA. – La riforma strutturale degli stipendi dei collaboratori dei deputati (portaborse) per portare in capo all’amministrazione della Camera l’erogazione delle spettanze togliendola al controllo dei singoli parlamentari non sembra avere avuto molti proseliti tra i rappresentanti dei partiti in ufficio di presidenza. E e’ quanto emerge da più fonti dei partiti interpellate al riguardo dopo la riunione, a Montecitorio, dell’Ufficio di Presidenza che ha ascoltato una relazione dei Questori sul tema. Per questo motivo la proposta sarebbe ora in stand by in attesa di ulteriori sviluppi.

Di fatto i componenti dell’Ufficio di Presidenza, secondo quanto riferito, avrebbero avanzato la proposta che siano i gruppi parlamentari, direttamente, ad erogare lo stipendio e controllare sulla correttezza del rapporto tra deputato e collaboratore sostenendo che l’altra soluzione sarebbe troppo onerosa per la Camera e potrebbe aprire la strada a tutta una serie di controversie e contenziosi.

La Presidente Boldrini aveva tuttavia caldeggiato la soluzione istituzionale per allineare l’Italia alle regole già in vigore in altri assemblee legislative in Europa in materia di trattamento economico degli assistenti parlamentari a cominciare dal Parlamento Europeo.

“Al termine – ha detto la presidente della Camera – è stato deciso che i questori avanzeranno proposte dettagliate di nuova regolamentazione: sia per l’accesso alla Camera dei collaboratori dei gruppi, sia per la documentazione da presentare a rimborso delle spese sostenute per i collaboratori”.

Tuttavia su queste proposte pesa la freddezza dei gruppi e la possibilità, concreta, che tutto sia rinviato alla prossima legislatura. Intanto il deputato Mario Caruso, chiamato in causa dalle Jene ha spiegato in una lettera che la sua collaboratrice ha svolto uno stage con regolare contratto nella sua segreteria. Caruso ha chiesto di essere ascoltato dai Questori della Camera.

(di Paolo Cucchiarelli/ANSA)

Ultima ora

07:26Cina:Xi,Pcc deve mantenere assoluto controllo militari

PECHINO - Il Partito comunista cinese "deve mantenere l'assoluto controllo sulle forze armate". Lo ha detto il segretario generale del Pcc Xi Jinping, nel discorso d'apertura del 19/mo congresso assicurando che il Partito "si opporra' a ogni azione che metta a rischio la leadership".

07:23Cina:XI,rinnovamento nazione non ‘come passeggiata’ in parco

PECHINO - Raggiungere il rinnovamento della Cina non sara' "come una passeggiata nel parco". Nel suo intervento introduttivo al 19/mo congresso del Partito comunista, il segretario generale Xi Jinping ha rimarcato che il "sogno cinese" richiede una lotta decisa alle contraddizioni e forte impegno su progetti e cause.

07:19Cina: Xi, economia restera’ a passo medio-alto

PECHINO - La Cina manterra' il tasso di crescita della sua economia "a un passo medio-alto". Lo ha detto il segretario generale Xi Jinping nella relazione d'apertura del 19/mo congresso del Partito comunista cinese.

07:15Cina: Xi, prospettive luminose ma sfide impegnative

PECHINO - Le prospettive della Cina ''sono luminose ma restano sfide impegnative''. Lo ha affermato il segretario generale del Partito comunista cinese Xi Jinping, nella sua relazione d'apertura. Negli ultimi 5 anni, ha ricordato, il Pil E' aumentato da 54.000 miliardi di yuan a quota 80.000, pari a 12.100 miliardi di dollari circa.

07:10Cina: aperti lavori 19/mo congresso Partito comunista

PECHINO - Il premier cinese Li Keqiang ha aperto ufficialmente i lavori dEl 19/mo congresso del Partito comunista, chiamato a rinnovare gli organismi interni a partire dal Comitato centrale. Il segretario generale Xi Jinping ha iniziato la sua relazione dedicata ai cinque anni passati e alle prospettive del prossimo quinquennio e oltre. Xi, nelle attese, dovrebbe rafforzare i suoi poteri quale ''core leader'', nucleo del Partito.

07:01Amnesty,centinaia Rohingya uccisi da sicurezza birmana

BANGKOK - Le forze di sicurezza birmane hanno ucciso centinaia di persone nell'ambito di una campagna sistematica per espellere dal paese la minoranza musulmana dei Rohingya. La denuncia viene da Amnesty International. Per il suo rapporto, diffuso oggi, l'organizzazione umanitaria ha intervistato piu' di 120 Rohingya fuggiti alle violenze.

06:58Trump, non demolire storia Usa. E difende Colombo

WASHINGTON - Gli Usa dovrebbero celebrare e preservare la loro storia, ''non demolirla'': lo ha detto Donald Trump intervenendo davanti al think tank conservatore Heritage Foundation, dove ha criticato il movimento che mira ad abbattere le statue sudiste ed altri simboli del controverso passato americano. ''Ora stanno tentando anche di abbattere le statue di Cristoforo Colombo, cosa succedera' dopo?'', si e' chiesto il presidente, che nel proclamare il Columbus day aveva difeso in modo netto la figura dell'esploratore genovese.

Archivio Ultima ora