Questa é la storia di uno di noi…

Pubblicato il 17 ottobre 2017 da redazione

pizza

L’insegna della Pizzeria.

 

VALENCIA. – Oggi sono andato a trovare Giovanni Patano o per meglio dire Gianni, come tutti lo conoscono qui a Valencia, grazie al suo locale “Gianni’s Pizzas”, dove si possono apprezzare le sue favolose pizze.

È la prima volta che ci siamo conosciuti e nell’andargli incontro per stringergli la mano, la prima cosa che mi ha colpito, è stato il grande ottimismo e l’entusiasmo che trasmette nello sguardo e nella sua forma di parlare.

Ottimismo che si riflette anche nella sua vita… Aprire un’attività e soprattutto ingrandirla nella Venezuela di oggi, con una forte recessione economica e un’inflazione che, se non la più alta, sicuramente è tra le più alte del mondo, ci vuole grande fiducia, volontà e un’altissima dose di ottimismo. Sono delle grandi doti, essenziali per affrontare un futuro non certo roseo, in un paese economicamente distrutto. Doti che fanno parte di noi italiani, del nostro DNA, che ci ha permesso risorgere da 2 guerre mondiali, con un paese distrutto e senza risorse. Doti che abbiamo trasmesso in tutti i paesi dove siamo emigrati e abbiamo formato famiglie e generazioni.

Anche se Gianni non si definisce un vero e proprio emigrante, perchè dice che è venuto per scelta e non per necessità, come successe con i primi emigranti scappati dalla guerra e dalla distruzione.

Pugliese di Valenzano (Prov. di Bari), dove era impiegato e viveva tranquillamente, a partire dal 1997 cominciò a venire quasi tutti gli anni in vacanza con amici. Grazie al fatto che quest’ultimi erano rappresentanti di scarpe e giravano per il Venezuela visitando i clienti, Gianni, accompagnadoli nei loro spostamenti, ha avuto l’opportunità di viaggiare, conoscere. Alla fine s’innamora del paese, del clima, dei paesaggi, della sua gente e torna ogni volta che può.

In Italia, nel 2006, si laurea in legge, e deluso anche dal fatto di non ottenere il meritato aumento nel suo impiego, decide trasferirsi l’anno seguente in Venezuela. Diventa socio di un amico che ha una pizzeria e dopo 9 mesi apre un’altra.

Ricorda che nella sua precedente esperienza di venditore di scarpe, molte volte durante gli spostamenti era costretto a mangiare fuori, e quando chiedeva la pizza, sempre gli servivano prodotti di bassa qualità, che spesso non riusciva nemmeno a mangiare, prodotti industriali senza il vero sapore della pizza italiana. Cosa che lui ha voluto far conoscere nel suo locale, la pizza sottile, i pomodori freschi fatti con la “macchinetta a mano “ tutti i giorni, prodotti di alta qualità, il trucco della “massa della nonna”…, grazie a tutto ciò la sua pizzeria è diventata tra le più frequentate della città.

pizza

L’interno della pizzeria.

Quindi Gianni trova l’amore della sua vita e si sposa, forma una famiglia e adesso si sente parte del Venezuela, un paese che gli ha dato molto di più. Alla domanda di cosa gli manca dell’ Italia, risponde: l’immediatezza , “il muoversi”, la passione per il lavoro che ha l’italiano, cosa che qui in Venezuela manca, anche se Gianni poco a poco è riuscito a trasmetterlo al suo personale che continua fedele anche dopo 9 anni. Per Gianni è importante la meritocrazia, dice: “Se vali, ti faccio stare bene. Non è importante prendersi tutto il guadagno, importante è creare una famiglia nel lavoro, quindi non solo offrirgli uno stipendio minimo, ma l’opportunità di avere una percentuale in base alla produzione”.

All’ultima domanda, forse la più difficile sul futuro del Venezuela, mi risponde con il suo ottimismo e dice che già siamo agli sgoccioli, siamo “alla frutta” come dicono in Italia, e arriverà molto presto il momento del cambio, di risalire, con l’importante differenza che mentre altri paesi come l’Italia non avevano risorse eppure ce l’hanno fatta, per il Venezuela ci vorrà meno tempo, perchè è un paese che nonostante tutto è ancora ricco di risorse…

Grazie Gianni per contagiarci con il tuo ottimismo, il tuo entusiasmo, e la voglia di progredire, nonostante le tante difficoltà, c’è bisogno di persone come te, per continuare ad avere fiducia in un paese che sembra non uscire da un incubo…

Angelo Di Lorenzo

Ultima ora

16:29Londra, la fuga di gas per rottura tubo

(ANSA) - LONDRA, 23 GEN - E' stata identificata la rottura di una tubatura che oggi ha provocato una fuga di gas a Londra con conseguente evacuazione di circa 1450 persone dalla zona attorno a Charing Cross, nel centro della capitale britannica. Lo riferiscono i vigili del fuoco, che sono in queste ore al lavoro con i tecnici per cercare di riparare il guasto "quanto prima possibile". Al momento non sono segnalati timori per la salute pubblica, al di là dell'odore e della presenza di gas nell'aria nella zona attualmente cordonata dalla polizia, che si estende fino quasi a Trafalgar Square. Mentre proseguono i disagi e il caos al traffico si ripercuote su diverse aeree della città. Le stazioni di Charing Cross e Waterloo East restano chiuse, i servizi della metropolitana sono dirottati su altre linee. Inoltre, deviazioni e intasamenti si registrano per la circolazione dei bus e delle automobili.

16:21Pence visita Muro Pianto, poggia le mani e infila biglietto

(ANSAmed) - TEL AVIV, 23 GEN - Il vicepresidente Usa Mike Pence ha appena finito la sua visita al Muro del Pianto a Gerusalemme. Copricapo rituale nero in testa, Pence ha letto una breve preghiera dal Libro dei Salmi e poi ha infilato, come vuole la tradizione, un biglietto nelle fessure del Muro appoggiando in raccoglimento le mani alle pietre sacre. Nella visita Pence era accompagnato dal rabbino capo del Muro Shmuel Rabinovicz. Alla moglie di Pence è stata mostrata invece la parte del Muro riservata alle donne.

16:19Hong Kong: nuovo arresto per Gui Minhai, uno dei ‘librai’

(ANSA) - PECHINO, 23 GEN - Gui Minhai, uno dei "librai" di Hong Kong rilasciato a ottobre dalle autorità cinesi dopo due anni di detenzione, è stato nuovamente fermato mentre era diretto sabato a Pechino per sottoporsi a importanti visite mediche, malgrado siano indefinite le ragioni della mossa. Lo ha riferito la figlia Angela parlando con Radio Sweden. Gui, in possesso di passaporto svedese, era tra i 5 "librai" dell'ex colonia britannica misteriosamente spariti a ottobre 2015 ed è stato arrestato mentre era in compagnia di due diplomatici di Stoccolma. L'uomo è affetto da una forma incurabile di sclerosi laterale amiotrofica, nota come morbo di Lou Gehrig. "Dato che è cittadino svedese, voleva trattamenti medici in Svezia o in altre parti d'Europa. Per questo ha coordinato con l'ambasciata svedese il viaggio in treno a Pechino per sabato al fine di poter incontrare un medico svedese fatto arrivare per poterlo visitare", ha aggiunto la figlia.

16:16Italia Team: Coni ufficializza primi 84 azzurri per i Giochi

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - La Giunta Nazionale del Coni, che si è riunita oggi a Firenze, ha ufficilaizzato i primi 84 azzurri - sui 121 previsti come numero finale in base alle qualificazioni ottenute - in vista dei Giochi Olimpici Invernali, in programma a PyeongChang dal 9 al 25 febbraio. In particolare è stata definita la rosa degli atleti degli sport del ghiaccio (Fisg), mentre nei prossimi giorni verrà completata la squadra degli invernali (Fisi).

16:15Dramma Cassino, ‘voleva dimostrare innocenza’

(ANSA) - CASSINO (FROSINONE), 23 GEN - "L'avevo sentito l'ultima volta pochi giorni fa, avevamo parlato della eventuale nomina di un consulente di parte in vista dell'imminente incidente probatorio. C'era tutta la volontà di collaborare con la magistratura e di dimostrare la sua innocenza". Lo ha detto l'avvocato Domenico Di Tano, che assisteva il poliziotto della penitenziaria suicidatosi ieri mattina a Roccasecca (Frosinone) dopo le accuse di presunti abusi sessuali nei confronti della figlia 14enne.

16:14Filippine: sale a 56 mila numero persone in fuga da vulcano

(ANSA) - LEGAZPI (FILIPPINE) 23 GEN - Sale ancora, a oltre 56.000 persone, il numero degli evacuati, fuggiti dai villaggi vicino al vulcano Mayon, il più attivo delle Filippine. Quarantasei i campi allestiti per ospitarli. Le ceneri dell'eruzione si sono elevate fino a un'altezza di tre chilometri. Le autorità filippine temono che potrebbe verificarsi una violenta eruzione 'esplosiva' entro breve tempo, poche ore, qualche giorno al massimo.

16:13Calcio:cori a Koulibaly,stop con condizionale curva Atalanta

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Il giudice sportivo ha stabilito una giornata di chiusura con la condizionale per la curva nord 'Pisani' dell'Atalanta, per i cori razzisti indirizzati al difensore del Napoli, Koulibaly, nella partita vinta dai partenopei domenica a pranzo. Il club orobico "disputerà una partita con il settore privo di spettatori - si legge nel comunicato ufficiale della Lega di Serie A -, disponendo che l'esecuzione di tale sanzione sia sospesa per un periodo di un anno con l'avvertenza che, se durante tale periodo sarà commessa analoga violazione, la sospensione sarà revocata e la sanzione sarà aggiunta a quella inflitta per la nuova violazione".

Archivio Ultima ora