Formula 1, Gp Usa: Hamilton vince anche in Texas, Vettel secondo

Pubblicato il 22 ottobre 2017 da ansa

La Ferrari di Vettel, secondo in Texas.
. EPA/LARRY W. SMITH

 

ROMA. – Appuntamento rimandato per Lewis Hamilton ma non per la Mercedes. Il gran premio degli Usa è, come previsto, quasi un monologo del britannico iridato in carica, che sul circuito texano di Austin vince per la quinta volta negli ultimi sei anni. Il successo non gli vale la conquista di un nuovo titolo solo perché Sebastian Vettel, più lento del rivale, contiene comunque i danni e ottiene un ottimo secondo posto che mantiene ancora viva una flebile speranza.

In realtà per Hamilton l’appuntamento è solo rimandato, diventerà di nuovo campione del mondo al prossimo appuntamento, in Messico. Il titolo mondiale, quello dei costruttori, lo conquista invece la Mercedes, a cui bastava un primo posto di uno dei suoi due piloti, e così è stato.

Il via ad Austin, nella gara dei bolidi a quattro ruote, lo ha dato Usain Bolt, veloce come un lampo ma solo fra gli umani. Il pluricampione olimpico dello sprint ha anche trovato il tempo, prima delle gara, di fare un giro sul circuito con Hamilton, poi ha confessato di aver avuto “una dannata paura. La velocità era pazzesca, ho urlato”.

Fra i protagonisti di giornata va messo anche il solito ragazzo prodigio Max Verstappen, partito in sedicesima posizione ma che, forte della sua classe e di un passo impressionante, aveva trovato il modo di centrare il podio, con un sorpasso da brividi ai danni della Ferrari di Kimi Raikkonen nel corso dell’ultimo giro.

Ma i commissari di gara hanno giudicato la prodezza dell’olandese non del tutto pulita e lo hanno quindi penalizzato di cinque secondi, regalando il terzo posto all’ex campione del mondo finlandese. In precedenza Verstappen aveva regalato un altro sorpasso da cineteca, nei confronti di Bottas che poi era stato costretto a fermarsi per un pit stop.

Insomma, un susseguirsi di emozioni anche se alla fine ha vinto il grande favorito, rivelatosi ancora una volta, la nona in stagione, il più veloce di tutti. Adesso nella classifica del Mondiale piloti Hamilton è a +64 su Vettel e mancano solo tre gare al termine. Gli basterà quindi un terzo posto domenica prossima in Messico per confermarsi campione del mondo, e questo anche nel caso in cui Vettel dovesse vincere.

Proprio il tedesco in partenza era riuscito a ‘bruciare’ il rivale che stava in pole position ma già al settimo giro Hamilton, di prepotenza, aveva ristabilito le gerarchie, cominciando il proprio monologo visto che in due giri aveva già preso due secondi al ferrarista. Dopo poco più di venti giri si era già capito chi avrebbe vinto, a meno d’interventi della cattiva sorte.

A nulla è valso il gioco dei pit stop e dei cambi di gomma: Austin si è confermato un circuito particolarmente adatto ai mezzi del campione del mondo in carica, e a quelli della Mercedes, e a far divertire il pubblico sono stati soprattutto i duelli per le altre posizioni, compresi quelli a cui ha dato vita lo spagnolo Carlos Sainz jr. che alla sua prima corsa sulla Renault ha ottenuto un bel settimo posto.

Qualche emozione c’è stata al giro numero 49, quando Vettel, fermatosi alla 39/a tornata per la seconda sosta, centrava il record della pista e poi al n.51 quando superava Bottas (in quel momento terzo) all’esterno nella prima curva dopo il traguardo infilandosi tra la Mercedes e la McLaren di Vandoorne. Tutto bello, ma il risultato che conta alla fine non cambia.

“Lui era più veloce – spiega Vettel a fine gara rivolgendosi a Bolt che lo aveva premiato – e quindi onore a lui anche se in partenza ci eravamo mossi bene. Poi però ci siamo resi conto che non potevamo tenere questo passo, quindi complimenti a Hamilton è stato bravo. Tu, Usain, dovresti saperlo: chi è più veloce di solito vince”.

Ecco perché, viene da aggiungere, il migliore è sempre Hamilton, idem per la Mercedes, che in Messico completerà la propria doppietta mondiale.

Ultima ora

14:23Crollo Roma: gup, tre rinvii a giudizio e una assoluzione

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - Tre rinvii a giudizio e una assoluzione. E' quanto ha deciso il gup di Roma, Costantino De Robbio, in relazione al crollo parziale del palazzo di Lungotevere Flaminio 70 avvenuto la notte del 22 gennaio del 2016. Il giudice ha disposto il processo, che inizierà il prossimo 29 maggio, per coloro che si occuparono dei lavori di ristrutturazione dell'appartamento da cui partì il crollo: Massimo Canepa, legale rappresentante della Edilarch 88 srl, il progettista Roberto Mattei e il titolare della ditta esecutrice dei lavori Pasquale Fama'. I tre sono accusati di disastro colposo, stessa accusa contestata al proprietario dell'appartamento , Giuseppe Rigo De Righi, che è stato, invece, assolto in abbreviato con la formula "per non aver commesso il fatto". Nell'appartamento furono eliminati tutti i tramezzi compromettendo la stabilità del palazzo.

14:19Taxi: adesione massiccia a Milano, garantiti servizi sociali

(ANSA) - MILANO, 21 NOV - Sta registrando una "adesione massiccia", secondo quanto riferito dalla Unica-Filt Cgil, lo sciopero dei taxi a Milano. Nei diversi punti della città abitualmente riservati ai taxi vi sono presidi per informare i cittadini sulle ragioni dello sciopero. Nello stesso tempo sono garantiti i cosiddetti "servizi sociali" sia alla Stazione Centrale, sia agli aeroporti di Linate e di Malpensa, così come nel resto della città: persone in difficoltà (malati, anziani, altro) che hanno bisogno del taxi vengono comunque serviti nonostante l'agitazione. Non sono segnalati episodi di criticità. A Milano la protesta ha il suo fulcro in un presidio organizzato dai sindacati in Stazione Centrale. Le auto bianche, una cinquantina, posteggiate in piazza Luigi di Savoia non caricano passeggeri.

14:18Ucraina: commando blocca accesso sede governo Lugansk

(ANSA) - MOSCA, 21 NOV - Il centro di Lugansk, la capitale dell'autoproclamata repubblica omonima, è stato bloccato da un commando in divisa militare, senza segni di riconoscimento. Gli uomini sono armati con mortai e mitragliatori. E' stato anche sbarrato l'ingresso del palazzo del governo e del 'parlamento'. Lo riporta Novaya Gazeta citando due fonti sul posto. Secondo l'agenzia ucraina Unian, dietro il commando potrebbe esserci l'ex ministro dell'Interno, Igor Kornet, licenziato ieri dal leader della repubblica Igor Plotnitskiy.

14:14Figc: Deodato, commissario atto invasivo

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - "Il commissariamento è un atto grave che incide sulla vita di un ente che ha una sua autonomia e soggettività giuridica. Io suggerisco di esaminare il caso con estremo scrupolo". Così Carlo Deodato, presidente del Gruppo di Lavoro tecnico Statuti e Regolamenti del Coni e membro del Consiglio di Stato. Deodato ha ricordato le linee guida che nel merito prefigurano il commissariamento: "Posso dire che lo statuto del Coni prevede tre presupposti. L'unico astrattamente configurabile in questa fattispecie è quello relativo alla constatata impossibilità di funzionamento degli organi federali. Io non sono in grado di comprendere se l'esito del consiglio federale e le dimissioni di Tavecchio implichino l'effetto che si verifichi questo presupposto. Questo va valutato dal Coni. Il commissariamento è un atto grave che incide sulla vita di un ente che ha una sua autonomia e soggettività giuridica. Ha l'effetto di sciogliere gli organi e sostituirli con un altro organo fino a nuove elezioni. E' molto invasivo".

14:02Giappone: la principessa Mako si fidanzerà a marzo

(ANSA) - TOKYO, 21 NOV - La principessa giapponese Mako, nipote primogenita dell'imperatore Akihito, annuncerà il suo fidanzamento ufficiale il prossimo marzo nel corso di una cerimonia di corte ufficiale. Lo ha annunciato l'agenzia Kyodo, citando una fonte dell'Agenzia imperiale, spiegando che il rito tradizionale chiamato 'Nosai no Gi' si terrà con molta probabilità il 4 marzo, mentre il matrimonio sarà celebrato in autunno. Lo scorso settembre la principessa 26enne aveva reso pubblici i progetti di nozze col coetaneo Kei Komuro, fidanzato di lunga data, già dai tempi dell'università. Come conseguenza delle nozze con un 'cittadino comune', la principessa Mako dovrà rinunciare al titolo imperiale, una prerogativa del trono del Crisantemo - che è la più antica monarchia ereditaria esistente al mondo senza aver subito interruzioni. a partire dal 660 a.C, e che dal XIX secolo non consente alle donne l'ascesa al trono.

13:54Calcio: Zamparini, a gennaio ci sarà qualcun altro

(ANSA) - PALERMO, 21 NOV - "A gennaio non ci sarò più, ci penserà qualcun altro". Lo ha detto il proprietario del Palermo, Maurizio Zamparini. Ieri i rosanero sono stati sconfitti in casa dal Cittadella per 3-0 e nei giorni scorsi la Procura ha presentato un'istanza di fallimento della società. "Non so se le vicende giudiziarie - ha aggiunto - abbiano influito sul rendimento della squadra, certo sono cose che si ripercuotono nella testa di tutto lo staff e dei giocatori. Io sono in una situazione paradossale dopo tutto quello che ho fatto a Palermo, non so cosa c'è dietro. Gli avvocati stanno lavorando ma sono esterrefatto, non penso che rimarrò a Palermo, mi dispiace solo per voi ragazzi, c'è gente che vuole che io me ne vada".

13:50Strage Erba: Olindo e Rosa Romano in aula a Brescia

(ANSA) - BRESCIA, 21 NOV - Olindo Romano e Rosa Bazzi, condannati in via definitiva per la strage di Erba, sono tornati oggi in un'aula di tribunale. I coniugi Romano sono giunti al palazzo di Giustizia di Brescia per l'udienza per la richiesta di incidente probatorio su alcuni reperti mai utilizzati. Sperano che si apra la strada per una richiesta di revisione del processo. Secondo uno dei loro legali, Fabio Schembri, sono "moderatamente fiduciosi" nel fatto che i giudici della Corte d'appello di Brescia dispongano l'incidente probatorio. La strage di Erba fu compiuta l'11 dicembre 2006 e costò la vita a 4 persone (tra cui un bambino di due anni) e il ferimento grave di una quinta. "Sulla scena del delitto non furono trovate tracce dei coniugi Romano - ha ricordato Schembri -, mentre ne furono trovate di altre persone". Olindo Romano e Rosa Bazzi sono strati condannati all'ergastolo e a tre anni di isolamento diurno. L'incidente probatorio riguarda, tra l'altro, formazioni pilifere, un accendino e altri reperti mai analizzati.

Archivio Ultima ora