Qual è l’origine della pizza?

Pubblicato il 24 ottobre 2017 da Angelo Di Lorenzo

Pizza Margherita.

 

La parola pizza è una storpiatura di ciò che a Napoli chiamavano “pitta”, le cui origini risalgono al sedicesimo secolo e si riferisce a un pane schiacciato molto conosciuto in quell’epoca.

Molte erano le focacce popolari, dalla genovese nel nord alla barese nel sud, anche se poi è diventata un prodotto differente e indipendente da quest’ultime.

Comunque l’origine più famosa della pizza si attribuisce a Raffaele Esposito, che nel 1880, aprì una pizzeria a Napoli chiamata “Pietro… e basta” che ancora oggi esiste con il nome di “Pizzeria Brandi”.

 

 

Successe che nel 1889, fece tre diverse pizze per la Regina Margherita di Savoia, moglie di Re Umberto I, la quale scelse per sé quella che le ricordava i colori della bandiera italiana: il rosso del pomodoro, il bianco della mozzarella e il verde del basilico. Ecco l’origine della famosissima pizza della regina Margherita o più semplicemente la pizza margherita.

 

 

Le scuole sui condimenti della pizza si sono diffuse seguendo in parte i gusti della popolazione, in parte l’utilizzo di prodotti tipici o comunemente degustati nelle cucine tradizionali: perciò la pizza divenne un piatto appetibile anche alle famiglie più povere e si diffuse diventando famosa rapidamente; visto che per infornarla solamente c’era bisogno di un po’ di acqua, farina, lievito e condimento.

Alcune pizzerie sono rimaste fedeli alle prime pizze prodotte sul mercato: la marinara e la margherita di cui già conosciamo i condimenti. La marinara invece presenta un condimento molto semplice: origano, aglio, olio extra vergine di oliva, pomodoro e basilico: il suo nome non è dovuto alla presenza di pesce nel condimento, piuttosto al fatto di essere stata uno dei pasti preferiti e  consumati dai marinai al ritorno dalla pesca nel golfo di Napoli.

Sebbene con la migrazione la pizza sia stata esportata in tutti i cinque continenti, la pizza napoletana mantiene il marchio di qualità e gusto che le appartiene da secoli.

Oggigiorno ci sono tante tipologie e metodologie di produzione, e sono sempre più diffuse le vendite di pizze precotte o surgelate che rendono più semplice il mangiare in fretta senza perdere tempo dietro ai fornelli, nascono così anche le catene di pizze d’asporto, trovando nel nostro secolo un forte sviluppo, in tutto il mondo dall’America alla Cina, dalla Russia all’Australia.

Tuttavia il vero successo della pizza è la sua tradizionale ricetta, cucinata nel forno a legna.

È una delle invenzioni culinarie più famose grazie alla sua versatilità, il gusto e la preparazione veloce.

Anche se mangiare una pizza sulla costiera Amalfitana con la vista su Napoli, ha quel ingrediente in più che la rende unica.

Angelo Di Lorenzo

https://twitter.com/angelodilorenz

https://www.facebook.com/Studenti-Ditaliano-SIGLO-XXI-1582050305376376/

  • Giancarla Marchi

    La pizza! quanto mi piace…
    l’altro giorno ho sentito in tivvù (che il pane “pita”, cioè il pane arabo è il vero “nonno” della nostra pizza! Mah…

angelopiper
Angelo Di Lorenzo

Insegnante d'italiano
Liceo Scientifico Ippolito Nievo – Padova. Bachiller en ciencias Liceo Felix Adams.
Sono amante della lingua e cultura italiana, ho realizzato corsi nel Vice-Consolato di Valencia (volontario), in Fundaprofaces (Università Carabobo), nella Parrocchia di San Antonio (Valencia).
Il mio motto é: Imparare l´italiano non è solo conoscere un'altra lingua, è imparare ad amare la musica, la poesia, l'arte. Imparare ad amare la cucina, la moda, lo sport.
Semplicemente è... imparare ad amare.




Ultimi articoli


05 dicembre 2017

La storia della pasta in Italia