Cavenit, preparativi della quinta edizione di Chocco Venezuela

Pubblicato il 24 ottobre 2017 da redazione

La presidente di Cavenit Carabobo, Josefina Cannata.

 

CARACAS. – La Camera di Commercio Italo-Venezuelana (CAVENIT) si sta preparando per realizzare il ChoccoVenezuela 2017. L’ informazione è stata diffusa durante una conferenza stampa, dagli amministratori della Camera binazionale nell’Hesperia Hotel della città di Valencia.

Tale evento, che è considerato il più importante nel settore del cacao e del cioccolato del paese, quest’anno si svolgerà a Valencia, nel “Centro Internacional de Eventos Múltiples”, il 23, 24, 25 e 26 novembre.

Gli spazi di questo grande complesso della feria ospiteranno i principali imprenditori, sponsor e promotori del cacao e del cioccolato, prodotti che ogni giorno hanno sempre più importanza per l’esportazione nazionale.

Esperti e riconosciuti produttori di cioccolato venezuelani e italiani, parteciperanno a questa esposizione dove, durante quattro giorni, si svolgeranno diverse attività per il pubblico; sarà anche una eccellente opportunità d’affari per imprenditori del cioccolato ed altre aziende legate direttamente o indirettamente con la produzione e la commercializzazione di questo delizioso prodotto.

La direttrice degli eventi del Cavenit Veriozka Marcano.

 

La direttrice degli eventi del Cavenit Veriozka Marcano, afferma che il pubblico potrà usufruire di spazi per la degustazione di cioccolato e prodotti relativi, workshop di preparazione, colloqui, conferenze e un Museo del cioccolato, spazi ricreativi, intrattenimento dal vivo, altre aree per lo scambio commerciale e di networking e una galleria d’arte, dove la scultrice Dora Gabay e il pittore Daniel Tudares, presenteranno le loro opere ispirate al cacao.

 

 

Affari e divertimento alla portata di tutti

Durante la conferenza stampa, i portavoce della Camera di Commercio Venezuelana-Italiana, hanno spiegato che la quinta edizione del ChoccoVenezuela, potrà disporre di uno spazio fisico di circa 1.800 metri quadrati per l’esposizione, vendita dei prodotti, relazioni commerciali e attività per il pubblico.

Contemporaneamente, la grande feria del cioccolato, potrà usufruire di laboratori sulla lavorazione del cioccolato che si realizzeranno in camere climatizzate, in modo da poter imparare le tecniche e metodi destinati alla fabbricazione di barre, cioccolatini e cioccolata spalmabile, dalla mano di maestri ed esperti riconosciuti cioccolatieri italiani e venezuelani.

Negli incontri relativi ai temi specifici attinenti al cacao, gli assistenti potranno usufruire delle degustazioni del cioccolato, delle bevande e altri alimenti.

Ci sarà anche uno spazio moderno chiamato il “Chocco Lounge”, costruito appositamente per le riunioni di lavoro, per le interviste degli espositori, per usufruire di spettacoli musicali e culturali, tutto questo accompagnato da uno spazioso ristorante.

Per coloro che non si conformano con assaporare un delizioso cioccolato e vogliono sapere di più sulla lavorazione, ci sarà un laboratorio “Bean to Bar”, dove si potrá apprezzare il processo artigianale per la produzione del cioccolato, partendo dai semi di cacao, rispettando la sua origine, classificazione e osservazione di alcuni parametri e regole, con lo scopo di preservare ulteriormente l’aroma e l’identità.

cacao

Il presidente di Cavenit Alfredo D’Ambrosio

I portavoce hanno segnalato che per entrare all’affollata esposizione, i partecipanti dovranno camminare in una replica di piantagione di cacao, appositamente costruita in modo che si possano apprezzare i diversi processi necessari per la conversione di cacao al cioccolato.

Veriozka Marcano ha spiegato che in ogni evento della ChoccoVenezuela, Cavenit promuove la qualità riconosciuta del cacao venezuelano e riunisce tutti i settori coinvolti in questa attività affascinante, complessa e popolare.

Spiega che sono più di 10 anni aiutando i piccoli produttori, stimolando i contatti tra gli enti pubblici e privati locali e le organizzazioni italiane che promuovono il commercio equo e solidale.

“Chocco Venezuela è stata molto utile per confermare l’esperienza tecnologica e gastronomica italiana nella lavorazione del cioccolato di altissima qualità, prodotta con l’eccellente materia prima venezuelana.”

La Camera del cioccolato

Cavenit ha più di 10 anni collaborando con il settore del cacao e cioccolato venezuelano, con la realizzazione dei Chocco Venezuela, diversi laboratori e networkings, la fondazione dell’ associazione “Somos Cacao Venezuela” e soprattutto per mezzo di un progetto di responsabilità sociale finanziato dall’Unione Europea, che ha beneficiato per tre anni a più di 3 mila persone delle zone di cacao dello Stato Miranda.

Nella conferenza stampa, il segretario della Camera Jean Pierto Cattabriga, ha informato che avrà inizio un secondo progetto che si estenderà in altri Stati.

In quest’ultima conferenza hanno partecipato il presidente de Cavenit, Alfredo D’Ambrosio, la presidente di Cavenit Carabobo, Josefina Cannata, il segretario generale, Jean Pietro Cattabriga, la direttrice degli eventi, Verioska Marcano, e il membro del consiglio direttivo e consulente di Fedeuropa, Giorgio Trevisi.

Claudia Franceschi, manager di marketing e proprietaria dell’azienda famigliare Chocolate Franceschi

Degustazione del cioccolato venezuelano con liquori italiani

Dopo la conferenza stampa, sia i mezzi di comunicazione che importanti personalità del settore impresariale dello Stato Carabobo, hanno avuto l’opportunità di apprezzare una degustazione dei liquori italiani con la guida di Claudia Franceschi, manager di marketing e proprietaria dell’azienda famigliare e centenaria che porta il suo nome: “Chocolate Franceschi” .

L’ esperta di cioccolato ha offerto la degustazione di “Sur del Lago”, “Río Caribe” y “Carenero”, tre eccellenti cioccolati di questa centenaria azienda familiare che ha vinto premi nazionali e internazionali di prestigio mondiale.

L’abbinamento perfetto è riuscito con il Limoncello e l’Orangello, liquori molto apprezzati della regione Campania e Sicilia rispettivamente, che sono importati dalla casa Dianpro.

La degustazione di entrambi liquori è stata condotta dall’ esperta somelier Patricia Parra.

Angelo Di Lorenzo

 

 

Ultima ora

16:29Londra, la fuga di gas per rottura tubo

(ANSA) - LONDRA, 23 GEN - E' stata identificata la rottura di una tubatura che oggi ha provocato una fuga di gas a Londra con conseguente evacuazione di circa 1450 persone dalla zona attorno a Charing Cross, nel centro della capitale britannica. Lo riferiscono i vigili del fuoco, che sono in queste ore al lavoro con i tecnici per cercare di riparare il guasto "quanto prima possibile". Al momento non sono segnalati timori per la salute pubblica, al di là dell'odore e della presenza di gas nell'aria nella zona attualmente cordonata dalla polizia, che si estende fino quasi a Trafalgar Square. Mentre proseguono i disagi e il caos al traffico si ripercuote su diverse aeree della città. Le stazioni di Charing Cross e Waterloo East restano chiuse, i servizi della metropolitana sono dirottati su altre linee. Inoltre, deviazioni e intasamenti si registrano per la circolazione dei bus e delle automobili.

16:21Pence visita Muro Pianto, poggia le mani e infila biglietto

(ANSAmed) - TEL AVIV, 23 GEN - Il vicepresidente Usa Mike Pence ha appena finito la sua visita al Muro del Pianto a Gerusalemme. Copricapo rituale nero in testa, Pence ha letto una breve preghiera dal Libro dei Salmi e poi ha infilato, come vuole la tradizione, un biglietto nelle fessure del Muro appoggiando in raccoglimento le mani alle pietre sacre. Nella visita Pence era accompagnato dal rabbino capo del Muro Shmuel Rabinovicz. Alla moglie di Pence è stata mostrata invece la parte del Muro riservata alle donne.

16:19Hong Kong: nuovo arresto per Gui Minhai, uno dei ‘librai’

(ANSA) - PECHINO, 23 GEN - Gui Minhai, uno dei "librai" di Hong Kong rilasciato a ottobre dalle autorità cinesi dopo due anni di detenzione, è stato nuovamente fermato mentre era diretto sabato a Pechino per sottoporsi a importanti visite mediche, malgrado siano indefinite le ragioni della mossa. Lo ha riferito la figlia Angela parlando con Radio Sweden. Gui, in possesso di passaporto svedese, era tra i 5 "librai" dell'ex colonia britannica misteriosamente spariti a ottobre 2015 ed è stato arrestato mentre era in compagnia di due diplomatici di Stoccolma. L'uomo è affetto da una forma incurabile di sclerosi laterale amiotrofica, nota come morbo di Lou Gehrig. "Dato che è cittadino svedese, voleva trattamenti medici in Svezia o in altre parti d'Europa. Per questo ha coordinato con l'ambasciata svedese il viaggio in treno a Pechino per sabato al fine di poter incontrare un medico svedese fatto arrivare per poterlo visitare", ha aggiunto la figlia.

16:16Italia Team: Coni ufficializza primi 84 azzurri per i Giochi

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - La Giunta Nazionale del Coni, che si è riunita oggi a Firenze, ha ufficilaizzato i primi 84 azzurri - sui 121 previsti come numero finale in base alle qualificazioni ottenute - in vista dei Giochi Olimpici Invernali, in programma a PyeongChang dal 9 al 25 febbraio. In particolare è stata definita la rosa degli atleti degli sport del ghiaccio (Fisg), mentre nei prossimi giorni verrà completata la squadra degli invernali (Fisi).

16:15Dramma Cassino, ‘voleva dimostrare innocenza’

(ANSA) - CASSINO (FROSINONE), 23 GEN - "L'avevo sentito l'ultima volta pochi giorni fa, avevamo parlato della eventuale nomina di un consulente di parte in vista dell'imminente incidente probatorio. C'era tutta la volontà di collaborare con la magistratura e di dimostrare la sua innocenza". Lo ha detto l'avvocato Domenico Di Tano, che assisteva il poliziotto della penitenziaria suicidatosi ieri mattina a Roccasecca (Frosinone) dopo le accuse di presunti abusi sessuali nei confronti della figlia 14enne.

16:14Filippine: sale a 56 mila numero persone in fuga da vulcano

(ANSA) - LEGAZPI (FILIPPINE) 23 GEN - Sale ancora, a oltre 56.000 persone, il numero degli evacuati, fuggiti dai villaggi vicino al vulcano Mayon, il più attivo delle Filippine. Quarantasei i campi allestiti per ospitarli. Le ceneri dell'eruzione si sono elevate fino a un'altezza di tre chilometri. Le autorità filippine temono che potrebbe verificarsi una violenta eruzione 'esplosiva' entro breve tempo, poche ore, qualche giorno al massimo.

16:13Calcio:cori a Koulibaly,stop con condizionale curva Atalanta

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Il giudice sportivo ha stabilito una giornata di chiusura con la condizionale per la curva nord 'Pisani' dell'Atalanta, per i cori razzisti indirizzati al difensore del Napoli, Koulibaly, nella partita vinta dai partenopei domenica a pranzo. Il club orobico "disputerà una partita con il settore privo di spettatori - si legge nel comunicato ufficiale della Lega di Serie A -, disponendo che l'esecuzione di tale sanzione sia sospesa per un periodo di un anno con l'avvertenza che, se durante tale periodo sarà commessa analoga violazione, la sospensione sarà revocata e la sanzione sarà aggiunta a quella inflitta per la nuova violazione".

Archivio Ultima ora