Experto de la ONU denunció violaciones a la libertad de expresión en Venezuela

Pubblicato il 25 ottobre 2017 da redazione

David Kaye: “en general, en Venezuela hemos visto violaciones muy serias de la libertad de opinión y de expresión”.

David Kaye: “en general, en Venezuela hemos visto violaciones muy serias de la libertad de opinión y de expresión”.

CARACAS – El relator especial para la protección de la libertad de opinión y expresión de la Organización de las Naciones Unidas (ONU), David Kaye, aseguró que Venezuela ha sido escenario de ‘‘violaciones muy serias’’  a las libertades.

En una conferencia especial, el relator especial hizo énfasis en las presiones aplicadas contra los medios de comunicación, manifestantes y políticos de oposición en Venezuela por parte del Gobierno Nacional.

Según Kaye, la crisis en Venezuela ha vuelto a demostrar que ‘‘la represión’’ no arregla los ‘‘problemas políticos para el Gobierno’’, sino que en cierto modo los empeora.

Además, subrayó que el país vive una crisis tanto económica como política y de derechos humanos, y recordó que él y otros de sus colegas han llamado al Estado a ‘‘cesar sus acciones represoras’’.

Los relatores especiales trabajan de manera voluntaria, no son personal de la ONU ni reciben un salario por su labor, son independientes de cualquier Gobierno u organización, actúan a título individual.

Kaye atendió a los medios de comunicación en la sede de las Naciones Unidas en Nueva York, tras presentar un informe a la Asamblea General donde aborda el estado de la libertad de expresión y opinión en diversos países.

Por otra parte, destacó su preocupación por lo que está pasando en Turquía, aseguró que se está atacando de forma ‘‘desproporcionada’’ e ‘‘incluso cruel’’ a individuos con potenciales vínculos con la red del predicador Islamista aunque éstos no estén nada claros.

Violaciones a la libertad en Venezuela

Recientemente, la Unión Interparlamentaria (UIP) publicó su informe anual, en el que reportó 459 casos de violación a los derechos humanos a parlamentarios de 42 países durante 2016. De ellos, 155 ocurrieron en el continente americano.

La diputada venezolana Delsa Solórzano, afirmó que de los casos expuestos 73 ocurrieron en Venezuela. A través de su cuenta en Twitter la también vicepresidenta de la Comisión de los Derechos Humanos de la UIP, expresó: ‘‘esa cantidad de casos convierten a Venezuela en el país donde más se violan los derechos humanos de los parlamentarios’’.

Además, Venezuela será foco de tres audiencias en el 165º período de sesiones de la Comisión Interamericana de los Derechos Humanos (CIDH) que se llevará a cabo en Montevideo, Uruguay.

La primera es acerca del derecho a la educación en Venezuela, solicitada por el gobierno de Maduro.  En ella participarán miembros de las universidades (UCAB, Metropolitana, LUZ, Los Andes, Carabobo), así como la Asociación Civil Asamblea de Educación, Aula Abierta Venezuela, Federación Nacional de Sociedades de Padres y Representantes, entre otros.

La segunda será sobre la institucionalidad democrática y la tercera abarcará los temas de seguridad ciudadana, violencia y libertad de expresión.

Ultima ora

16:45Soldi da abusivi case popolari,arrestato ispettore Ps Foggia

(ANSA) - FOGGIA, 18 GEN - Un ispettore della polizia di Stato, Domenico Tateo, di 47 anni, di Bari, in servizio presso la Squadra Volanti della questura di Foggia, è stato arrestato per concussione e posto ai 'domiciliari'. A quanto si è appreso, è accusato di aver chiesto somme di danaro a persone che alloggiano abusivamente in immobili del Comune in cambio di protezione. L'arresto è stato eseguito da agenti della Squadra mobile sulla base di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Foggia su richiesta della Procura della Repubblica. Le indagini sono state svolte dai militari della Guardia di Finanza di Lucera, con i quali ha collaborato la Squadra mobile di Foggia. (ANSA).

16:43Calcio: Juve, Bernardeschi “corsa scudetto a due ma è lunga”

(ANSA) - TORINO, 18 GEN - Per lo scudetto 2018 "per adesso è una corsa a due, tra noi e il Napoli, ma il calcio è strano e il campionato è ancora lungo, vedremo più avanti". Così Federico Bernardeschi, l'autore del gol grazie al quale la Juventus ha vinto a Cagliari prima della sosta. L'ex Fiorentina ha visto un 'altro' Higuain: "L'anno scorso segnava tanto, ma corre e si sbatte, sta facendo un lavoro 'sporco' per aiutare i compagni. Quanto al gol (manca da 527', ndr) è serenissimo, è tranquillissimo e capitano aglio attaccanti periodi così".

16:38Kosovo: a Belgrado folla commossa a funerali Oliver Ivanovic

(ANSAmed) - BELGRADO, 18 GEN - Una folla commossa e silenziosa ha partecipato oggi al cimitero di Belgrado alla cerimonia funebre in memoria di Oliver Ivanovic, il noto esponente politico della comunità serba in Kosovo ucciso a colpi d'arma da fuoco in un agguato martedì scorso a Kosovska Mitrovica. A dare l'estremo saluto a Ivanovic vi erano esponenti politici, rappresentanti della società civile, della cultura, dello sport, dello spettacolo. Ma sopratutto centinaia di comuni cittadini che hanno deposto fiori e acceso candele per rendere omaggio a un uomo considerato uno strenuo difensore degli interessi dei serbi del Kosovo.

16:20Sicurezza: Gabrielli, noi stufi fare ‘foglie fico’

(ANSA) - VERCELLI, 18 GEN - "Nel momento in cui avvengono fatti gravi, il magistrato va a cercare una posizione di garanzia, e molto spesso il questore è il soggetto a cui riferire le responsabilità. Torino docet. Quindi noi abbiamo detto basta, siamo stanchi di fare le foglie di fico rispetto a responsabilità che non sono le nostre". Così il capo della Polizia Franco Gabrielli a Torino rispondendo ad alcune domande sulla circolare per la gestione delle manifestazioni pubbliche che stabilisce precise responsabilità su safety e security. "Il fatto che oggi qualcuno non faccia gli eventi perché non ha i soldi, mi fa sorgere il fondato sospetto che prima si facevano le cose così, perché si è sempre fatto", aggiunge Gabrielli, ricordando che "più che la famigerata circolare Gabrielli esiste un secondo comma dell'articolo 40 del codice penale, secondo il quale chi ha l'obbligo giuridico di impedire che avvenga un tragico fatto, e non lo impedisce, equivale a cagionarlo: e quello è il fondamento del reato colposo".(ANSA).

16:16Calcio: Rosetti,al momento challenge allenatori non previsto

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Se è prevista in futuro la chiamata della Var da parte degli allenatori? Il Var è un protocollo internazionale Ifab ed è questo che determina la stesura delle regole. In questo momento il challenge non è previsto". Lo dice il responsabile Var in Italia, Roberto Rosetti, a margine di un convegno Ussi a Roma. "A fine stagione - ha specificato Rosetti - faremo una relazione e anche delle proposte. Ma in questo momento dobbiamo lavorare sulle regole. Se mi piace come idea? A me piacciono tante idee...". "Spiegare in diretta al pubblico le decisioni? State correndo troppo - conclude l'ex fischietto internazionale - Anche in questo caso non è previsto come non sono previste le immagini sul maxischermo".

16:15Cadavere uomo in giardino, droga tra ipotesi decesso

(ANSA) - CAMAIORE (LUCCA), 18 GEN - Non si esclude un malore dovuto all'assunzione di droga e al freddo della scorsa notte, come causa del decesso dell'uomo, identificato poi come un tunisino di 43 anni, rinvenuto privo di vita stamani nel cortile di una villa in ristrutturazione in Versilia, a Camaiore (Lucca). E' quanto emerge dagli investigatori. Le indagini sono seguite dai carabinieri. Sarà comunque l'autopsia, affidata al medico legale Stefano Pierotti, a chiarire le cause del decesso. Secondo quanto ricostruito, il nordafricano, già noto alle forze dell'ordine, viveva in una casa poco distante dalla villa, abitazione che aveva ricevuto in eredità da un italiano, deceduto anni fa. L'uomo è stato rinvenuto nudo nel giardino: gli abiti sono stati trovati, a terra, poco lontano.(ANSA). Ad accorgersi del corpo senza vita alcuni passanti che hanno immediatamente allertato i soccorsi.

16:13Obitorio ospedale troppo piccolo,bare con salme in corridoio

(ANSA) - SERRA SAN BRUNO (VIBO VALENTIA), 18 GEN - Lamentele e proteste nell'ospedale di Serra San Bruno per l'impossibilità di collocare le salme di persone decedute nell'obitorio del nosocomio per mancanza di spazi. La direzione dell'ospedale si é vista costretta a fare collocare in un corridoio due bare con le salme, suscitando le proteste dei parenti dei defunti. Nel corridoio in cui sono state collocate le salme, tra l'altro, si é determinato un sovraffollamento per la presenza dei parenti delle persone decedute. Una situazione difficile da gestire per i responsabili dell'ospedale, che già in passato avevano dovuto fare fronte a difficoltà dello stesso tipo. La Direzione sanitaria dell'ospedale ha reso noto, con un comunicato, di avere "ulteriormente sollecitato all'Azienda sanitaria provinciale di Vibo Valentia la soluzione del problema", chiedendo l'ampliamento della sala mortuaria. (ANSA).

Archivio Ultima ora