Padre in pensione a 57 anni, figlio aspetterà i 71

Pubblicato il 25 ottobre 2017 da redazione

Vignetta pensioni

 

ROMA. – L’età della pensione divide le generazioni: all’interno della stessa famiglia ci si troverà probabilmente con percorsi lavorativi molto distanti e con età di accesso che potrebbe essere diversa tra padre e figlio fino a quasi vent’anni.

Se gli incrementi della speranza di vita si confermeranno nei prossimi anni così come accaduto dal 2012 in poi, dando il via ad aumenti conseguenti per l’età di vecchiaia, un giovane nato nel 1990 che ha cominciato a lavorare nel 2015, magari proprio grazie al Jobs act e agli sgravi contributivi, dovrà aspettare prima di ritirarsi il 2061, quando avrà 71 anni di età e 46 di contributi.

Una situazione molto diversa rispetto a quella dei padri di questa generazione, una parte dei quali è probabilmente uscita prima del 2008, quando ancora bastavano 57 anni di età e 35 di contributi. Ma, se si guarda ancora indietro, un padre che ha adesso intorno ai 73 anni (nato quindi nel 1944) potrebbe essere uscito dal lavoro nel 1996 a 52 anni di età e 36 di contributi (come lavoratore precoce) ed avere un figlio nato nel 1980 che per andare in pensione dovrà aspettare di aver compiuto 70 anni, nel 2050.

Saranno quindi frequenti divari di accesso alla pensione tra padri e figli, in genere di 15-18 anni, ma potrebbero esserci casi ancora più eclatanti se si guarda a chi è uscito dal lavoro prima del 1992, magari grazie alle regole che nel pubblico consentivano agli uomini il pensionamento dopo solo 20 anni di contributi versati (14 anni sei mesi e un giorno per le donne sposate con figli).

Certo queste ultime pensioni non sono di importo molto alto, ma sono state comunque un enorme guadagno rispetto ai contributi versati per chi le ha ricevute dato che le ha percepite per moltissimo tempo, anche oltre 40 anni.

Secondo i dati dell’Inps riferiti all’inizio del 2017 le pensioni di vecchiaia e anzianità vigenti da oltre 35 anni (fino al 1982) sono nel complesso oltre 340.000 (276.000 circa nel settore privato e 64.000 in quello pubblico). Un dato che non considera le pensioni ai superstiti e quelle di inabilità perché erogate senza riferimenti all’età anagrafica e agli anni di contributi.

Se si guarda invece alle pensioni ai superstiti nel privato ci sono quasi 260.000 pensioni ancora vigenti con decorrenza anteriore al 1980 (40,44 anni l’età alla decorrenza). Le pensioni di invalidità con decorrenza precedente al 1980 e quindi erogate da oltre 37 anni, sempre nel settore privato sono 382.683.

Ultima ora

20:51Rifiuti:plastiche bruciate in ortaggi,sequestro ditta cinese

(ANSA) - FIRENZE, 17 GEN - Sequestrata dai carabinieri forestali un'area agricola di sei ettari e mezzo nel comune di Campi Bisenzio (Firenze), sede di un'azienda specializzata nella produzione di ortaggi di origine cinese. Il decreto di sequestro preventivo è scattato dopo accertamenti che hanno fatto emergere varie irregolarità, tra cui una gestione illecita dei rifiuti speciali, anche pericolosi che venivano bruciati sul posto invece di essere smaltiti. L'area risulta essere stata regolarmente affittata alla titolare dell'azienda agricola, una donna di nazionalità cinese. Le verifiche condotte lo scorso maggio hanno portato alla luce illeciti in materia di gestione di rifiuti speciali, e, tra l'altro, prodotti fitosanitari e diserbanti gestiti senza alcuna precauzione. I controlli sono scattati a seguito delle segnalazioni di alcuni cittadini, che lamentavano fumi maleodoranti provocate dai roghi dei rifiuti accesi negli stessi campi dove venivano coltivati gli ortaggi.

20:50Figc: incontro Tommasi-Gravina: “Tanti i punti in comune”

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Il presidente dell'Aic, Damiano Tommasi e quello della Lega Pro, Gabriele Gravina, entrambi candidati alla presidenza della Figc, si sono incontrati oggi a Roma e "si sono confrontati sui temi oggetto delle rispettive piattaforme programmatiche, sapendo che molti sono i punti in comune e consapevoli che la strada da fare è quella del dialogo. Si continuerà in tal senso a lavorare". Lo fanno sapere in una nota congiunta.

20:45Pd: Renzi, candideremo Paolo Siani e Carla Cantone

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "Ho scelto di iniziare con il primo nome per il Parlamento con un uomo che vive in una delle realtà in cui abbiamo fatto più fatica, in un'area culturale alla quale siamo orgogliosamente affini e che lavora in prima linea tutti i santi giorni: Paolo Siani è il nostro primo candidato. Già nelle prossime ore annunceremo altre personalità: abbiamo chiesto a una personalità della Cgil, Carla Cantone, e lei ha accettato". Lo annuncia Pd Matteo Renzi, a quanto si apprende, alla direzione Pd.

20:36Torino: p.za San Carlo, su reperti si cerca spray urticante

(ANSA) - TORINO, 17 GEN - Ventuno indagati e 346 persone offese, tra cui i familiari di Erika Pioletti. Sono i numeri della maxi inchiesta della procura di Torino sui fatti di piazza San Carlo, dove la sera del 3 giugno, durante la proiezione della finale di Champions League, ondate di panico tra la folla portarono a circa 1.500 feriti e alla morte della Pioletti. Domani, nei laboratori del Gabinetto di polizia scientifica interregionale della polizia a Torino, le parti sono state convocate in occasione di un accertamento tecnico "non ripetibile". La procura affiderà agli specialisti dei laboratori di chimica forense il compito di cercare, sui materiali recuperati nella piazza e messi sotto sequestro a scopi investigativi, eventuali residui di spray urticante. L'obiettivo è vagliare la tesi secondo cui a scatenare il panico furono i "cattivi odori" segnalati da alcuni fra i presenti. Tra gli indagati ci sono il prefetto Renato Saccone, l'ex questore Angelo Sanna, la sindaca Chiara Appendino.

20:33Triplice omicidio San Paolo, confermate condanne sicari

(ANSA) - BARI, 17 GEN - Sono diventate definitive le condanne inflitte con rito abbreviato nei confronti dei responsabili dell'omicidio del boss del quartiere San Pasquale di Bari Giacomo Caracciolese, ucciso il 5 aprile 2013, del triplice omicidio del quartiere San Paolo del 19 maggio 2013, in cui furono uccisi a colpi di Kalashnikov Vitantonio Fiore, Antonio Romito e Claudio Fanelli, e del tentato omicidio del pregiudicato Domenico Cantalice. La Cassazione ha rigettato i ricorsi di accusa e difese e ha confermato le condanne inflitte in secondo grado: 18 anni per il pregiudicato Donato Cassano, reo confesso dell'omicidio Caracciolese e 20 anni per Nicola Fumai, tra i sicari del triplice omicidio. Non è ancora definitiva, invece, la pena nei confronti di Antonio Moretti, reo confesso del triplice omicidio, condannato con rito ordinario a 30 anni di reclusione. Per il tentato omicidio Cantalice confermate le condanne a 10 anni per Vito De Tullio, a 8 anni per Luigi Milloni, a 7 anni e 4 mesi per Vito Milloni e Michele Lanave.

20:28Uefa: fairplay dà frutti, ricavi club +10%

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "Il fair play finanziario ha trasformato il calcio economicamente, creando una maggiore stabilità e sostenibilità fra i club delle massime divisioni europee": lo scrive l'Uefa nell'ultima relazione comparativa sulle licenze per club, in cui rileva come i ricavi, gli investimenti e i trend di redditività "sono in continuo aumento". "Per la prima volta, gli investimenti dei club in stadi e altre attività a lungo termine - scrive il presidente Uefa, Aleksander Čeferin, nella prefazione - hanno superato il miliardo nel 2016". I 700 club delle massime divisioni stanno registrando una crescita annuale dei ricavi di quasi il 10%. Per trovare un tasso di crescita maggiore occorre tornare al 2002. Nei primi 15 campionati europei, ben 40 club dal 2010 sono finiti in mano a investitori stranieri e la Cina è stato il Paese più attivo (70%) delle ultime due stagioni.

20:25Calcio: Handanovic, Inter è gruppo unito grazie a Spalletti

(ANSA) - MILANO, 17 GEN - ''Ora siamo un gruppo unito e il merito è molto di Spalletti ma anche dei ragazzi. Abbiamo ottimi calciatori, persone a posto e normali. Questo serve al gruppo per non uscire dalle righe''. E' il pensiero del portiere dell'Inter Samir Handanovic che si racconta a Inter Tv. Un passato all'Udinese in cui era stato allenato proprio da Spalletti ''con lui ero secondo portieri'' poi, con la maturità, l'arrivo in nerazzurro: ''Era un obiettivo. Il passo successivo era andare in un grande club. Se sono una bandiera? Qui sto bene e abbiamo tutto a disposizione per fare risultati e per riportare l'Inter dove merita. Se resto per sempre? Vediamo''. Handanovic è soddisfatto della Var anche se ''toglie un po' di emozione per colpa delle tempistiche''.

Archivio Ultima ora