4 novembre, festa delle Forze Armate in Italia e all’estero

 

CARACAS. – Il “Giorno delle Forze Armate”, una ricorrenza che si festeggia ogni anno in Italia e all’estero.
Si ricopriranno con il Tricolore tutti i Palazzi del Ministero della Difesa, delle Forze armate e dei Comandi Generali dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, insieme al Palazzo Venezia dove inoltre verranno esposti anche gli stemmi araldici delle Forze Armate e Guardia di Finanza, mentre al Palazzo delle Assicurazioni a Piazza Venezia si collocheranno due vessilli tricolore.

Una corona d’alloro al Sacello del Milite Ignoto all’Altare della Patria, verrà deposta dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, accompagnato dal Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, dal Ministro Roberta Pinotti, dalle più alte cariche dello Stato e dal Capo di Stato maggiore della Difesa Generale Claudio Graziano. Un momento solenne che sarà il centro della cerimonia e dove ci saranno molte novità rispetto agli anni precedenti.

Nel percorso dal Quirinale all’Altare della Patria, un grande numero di militari, circa 3000 di tutti i reparti, accompagneranno gli uomini e donne uniformate, ci saranno anche i reparti a cavallo e gli allievi delle differenti accademie e scuole militari.

Tra le novità, ci saranno anche 5 elicotteri che sorvoleranno la Piazza Venezia e le tradizionali Frecce Tricolori che solcheranno il cielo con i nostri colori: verde, bianco e rosso.

Il 6° Reggimento Bersaglieri ed il 7° Reggimento Aviazione dell’Esercito “Vega” verranno conferiti dal Presidente Mattarella con l’Ordine Militare d’Italia (OMI).

Grazie alla rete diplomatica-consolare si celebrerà questa giornata con differenti manifestazioni, anche in tutto il Paese e all’estero.

È stato scelto il 4 novembre, come data per ricordare, quando durante la Prima Guerra Mondiale, per la prima volta gli italiani si trovarono fianco a fianco uniti sotto una stessa bandiera a difendere l’unificazione nazionale.

Nell’anno 1921 sempre in questa stessa data, si instaurò la tumulazione del “Milite Ignoto” nel Sacello dell’Altare della Patria a Roma, per dare onore al sacrificio dei soldati caduti difendendo la Patria.

Angelo Di Lorenzo