Alcune curiosità sulla Lingua Italiana

Pubblicato il 06 novembre 2017 da Angelo Di Lorenzo

 

italiano

Settimana della Lingua Italiana in Venezuela

 

Secondo le statistiche i madrelingua italiani sono solo 63 milioni, eppure la nostra è una delle lingue più studiate al mondo. Molte persone la parlano come seconda lingua, ad esempio i figli, i nipoti e discendenti di emigrati e gli italiani residenti all’estero, ma anche per motivi culturali (arte, musica, cucina, ecc,).

Come molti sanno l’italiano deriva dal latino, anche se non da quello classico, si avvicina di più al latino “volgare” ossia quello parlato dal popolo, dagli abitanti delle province romane. Il latino classico era utilizzato nella scrittura di documenti e opere letterarie, era alla portata degli studiosi e delle persone più ricche che avevano la possibilità economica di poter studiare.

Il “volgare” invece, nasce dalla fusione del latino con le lingue straniere degli invasori (longobardi, franchi, goti, ecc.). Uno dei primi scrittori che vide la necessità di sostituire il latino classico con il volgare, affinchè tutti potessero avere accesso alla lettura e conoscenza delle opere letterarie fu Dante Alighieri, con la sua prima opera “De vulgari eloquentia” (1303-1305).

Anche se il più antico documento in italiano risale al 960, ed è un atto notarile il “Placito Capuano” dove, sebbene il documento fosse quasi interamente in latino, si trovano alcune formule in volgare.

Ma ancora più antica è un’iscrizione nelle Catacombe di Commodilla che risale al VI-IX secolo, che è un invito a recitare le preghiere a voce bassa (in quel tempo i cristiani erano perseguitati).

Dopo la caduta dell’Impero Romano in Italia, dovuto alle invasioni di popoli stranieri, nascono innumerevoli dialetti che secondo l’Enciclopedia Treccani sarebbe molto difficile enumerarli. Da ciò deriva quello che i linguisti chiamano l’italiano popolare, che è un italiano “imperfetto” perchè influenzato dai vari dialetti.

I dialetti più importanti, definiti lingue territoriali sono: il napoletano con 5.7 milioni di parlanti, poi il siciliano (4.7 milioni), il veneto (3.8 milioni), il lombardo (3.6 milioni) e il piemontese (1.6 milioni).

Nel Seicento, venne pubblicato il primo grande Vocabolario della lingua italiana che già era diventata la lingua nazionale accettata da tutti, e cominciò ad essere usata anche nei testi scientifici, scritti fino ad allora in latino. Il grande scientifico Galileo Galilei, scrisse la sua opera più importante in lingua italiana “Dialogo sopra i due massimi sistemi” affinchè tutti potessero conoscere le sue teorie e ricerche.

Alla nascita del Regno d’Italia nel 1861, l’80% della popolazione era analfabeta e solo pochissimi avevano un’istruzione superiore alla scuola elementare. Con il passare degli anni la percentuale è mano a mano diminuita fino ad arrivare nel 2001, dove in base alle statistiche dell’Istat, gli analfabeti erano solo il 2%.

Secondo Tullio Di Mauro, rinomato linguista, a unire la lingua italiana, non è stata solo la scuola ma anche altri fattori, tra cui: la stampa, l’urbanizzazione, l’esercito (con il servizio militare obbligatorio) e la guerra (i soldati erano costretti a parlare in italiano per potersi capire). Poi sono arrivate la radio e la tv.

Oggigiorno la lingua italiana è in continua evoluzione, basta pensare ai neologismi (cioè le parole nuove) introdotti per far fronte alle nuove necessità comunicative e all’influenza di altre lingue e di parole straniere, che a mio parere, spesso sono inecessariamente troppo utilizzate a scapito della nostra tanto affascinante e amata lingua.

Angelo Di Lorenzo

https://twitter.com/angelodilorenz

https://www.facebook.com/Studenti-Ditaliano-SIGLO-XXI-1582050305376376/

 

  • Stefano Di Lorenzo

    Molto interessante le origini
    della lingua italiana.
    Congratulazioni caro cugino per questo interessante articolo

    • Angelo Di Lorenzo

      Grazie Stefano, sono contento che ti è piaciuto… un abbraccio

  • Maria Mauro

    interesantieeimo

  • Yaira Gómez

    Molto interessante l’articolo. La lingua italiana è veramente affascinante. Sono d’accordo sul fatto che, se da una parte l’influenza di parole straniere ne permette l’arricchimento, dall’altra bisogna fare attenzione all’uso esagerato di queste.

angelopiper
Angelo Di Lorenzo

Insegnante d'italiano
Liceo Scientifico Ippolito Nievo – Padova. Bachiller en ciencias Liceo Felix Adams.
Sono amante della lingua e cultura italiana, ho realizzato corsi nel Vice-Consolato di Valencia (volontario), in Fundaprofaces (Università Carabobo), nella Parrocchia di San Antonio (Valencia).
Il mio motto é: Imparare l´italiano non è solo conoscere un'altra lingua, è imparare ad amare la musica, la poesia, l'arte. Imparare ad amare la cucina, la moda, lo sport.
Semplicemente è... imparare ad amare.




Ultimi articoli


24 ottobre 2017

Qual è l’origine della pizza?